Addestrare una cagna III

di | 10 de Dicembre, 2022

Ultima parte del racconto del Maestro

Come ho raccontato nella storia precedente, il mio Maestro mi ordinò di fornirgli fermagli di metallo, una cintura e una pagaia. E ieri sera è stata una giornata di disciplina con loro… Dato che è sposato e la mia famiglia è molto severa, non sempre possiamo incontrarci di persona, quindi mi ha detto che il nostro incontro sarebbe stato online, in questo modo mi ha dato le coordinate di come incontrarsi, darei, è stato un incontro virtuale, ma molto bello.

Mi ha inviato una serie di immagini che ha catturato da un xvideo. Per trovare il video, basta inserire “posizioni slave” nella ricerca xvideo. È un video che mostra una ragazza inginocchiata con le mani dietro la schiena sopra la testa.

– Buonanotte, piccola. Non dimenticare che voglio foto prima e dopo di tette, culo e figa.

Indossa la collana e il braccialetto (un braccialetto d’oro molto grazioso e discreto, che indosso come simbolo di appartenenza al mio Signore e Padrone. In questo modo posso mostrare sottomissione ovunque, senza destare sospetti. Sono molto orgoglioso di lei), prendi fuori tutti i vestiti, cagna in ginocchio, con le gambe aperte.

Di’: “Io Adriana, sottomessa a mastro Adriano, prometto di essere fedele e obbediente. Soggetto ai tuoi desideri e desideri. Sii il suo cane se vuole essere il suo cane se vuole essere la sua ragazza se vuole.

Prometto anche di essere felice se sceglierai di disciplinarmi o punirmi. O per i miei errori, o per il tuo piacere.

Se la tentazione di soccombere alla paura, alla vergogna o alla timidezza mi impedisce di mantenere queste promesse, hai il mio permesso, anzi, l’obbligo di disciplinarmi ed educarmi come ritieni opportuno.

Niente di ciò che chiedi, vuoi o ordini è umiliante o degradante, e se è così, non importa, io sono il tuo servitore e lo farò con orgoglio e piacere. Leccherò il pavimento, mostrerò il mio cazzo, bacerò i tuoi piedi, non importa. Se è per il piacere del mio padrone, sarò felice di accontentarti.

Ho prestato giuramento e mi sono sentito un po’ arrabbiato per il contenuto. Perché non volevo leccare il pavimento. Ma il mio Padrone mi ha rimproverato, dicendo che la mia rabbia non lo toccava, che era mio dovere di servo obbedire e servire, nessuna puttana viziata! E così continuiamo…

-Adesso utilizzerai le foto che ti ho inviato e ti posizionerai perfettamente come mostrato nelle foto. (20 secondi per ogni posizione). Queste sono posizioni di schiavitù, alcune sono molto pacifiche, altre sono molto dolorose e umilianti. C’è chi mi lascia ben esposto, con la figa e il culo a disposizione di Mestre e di chi vuole. Ma sono tutti abbastanza eccitanti.

Posizione uno.

Posta due.

Posta tre.

Posizione quattro.

Posizione cinque.

Posta sei.

Posizione sette.

Posizione otto.

Posizione nove.

Posizione dieci.

– Molto giovane. Ha reso orgoglioso il suo proprietario. Ora seguiamo una diversa sequenza di posizioni nell’angolo dell’obbedienza (è un posto nella mia camera da letto dove vengo punito quando mi comporto male e disciplinato dal mio padrone).

Posizione cinque.

_So che ti piace questo post, quindi dedichiamoci più tempo. Metti il ​​culo al cane. Alzati, alza quel culo. Ora, con entrambe le mani, apri il sedere, mostra il sedere al tuo Maestro. Mostra il tuo culo, mostra il tuo culo, fai rotolare il tuo culo, mostralo, mia cagna. Fallo bene, cagna, lascia quel culo spalancato.

Fa un po’ male farlo, è scomodo, ma il mio Padrone non permette lussi da puttane viziate.

_Molto bene molto bene. Ora prendi la pantofola, cinque pantofole su ciascun lato del fondo. È buono.

L’ho reso molto gustoso e mi ha lasciato il culo in fiamme!

– Posizione nove. Vai a leccare il pavimento adesso. Bambino viziato, troia stupida, puttana disobbediente. Obbedire.

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Molto bene molto bene. Mi piace così. Cucciolo obbediente. Se non ti è piaciuto, puttana, peggio per te. Mostra che marmocchio viziato, bambino turbolento, negligente, maleducata puttana sei. Se hai intenzione di fare il burlone, ti mando a comprare un ciuccio e ad usarlo nell'”angolo dell’obbedienza”. Il bimbo birichino usa il ciuccio per calmarsi.

Mi sono arrapato, facendo quello che ha detto, non voglio assolutamente usare un ciuccio! Spero di non averne mai bisogno.

-Posizione tre. Reggiseni comuni sul seno e metallo in bocca. Adesso!! Se riesci a conservare le clip per tre minuti, quando hai finito avrai 10 fili in coda. Se dura due minuti, 20 pile in coda, se dura 01 minuti, 30 pile. Se duri meno di un minuto, non userai nulla. Vai all’angolo dell’obbedienza nella posizione di cinque mani sul culo per tre minuti. Spalancati, mostra che sei una puttana, una puttana, con un bel culo, che non puoi eseguire gli ordini del tuo padrone, puttana!

Non potevo portare un fermaglio per capelli in bocca, quindi ho dovuto passare 3 minuti eterni con il culo e la figa spalancati per mostrare quanto fossi debole.

-Posizione dieci. I passanti nella figa, le giunture, quelli di metallo sui seni. Un minuto e mezzo. Vediamo se regge.

Mi sono messo nella posizione sbagliata e ho dovuto ripetere l’esercizio. Quindi sono stati 3 minuti con i pareggi.

-Puoi toccarti se vuoi. Rendilo delizioso! Era molto gustoso per il mio padrone e mi ha detto di smetterla!

– Posizione nove. Imparerai ad obbedire. Fai quello che ti dico, se obbedisci tutto diventa più facile.

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

_Leccata!

Guarda, non è un piacere obbedire al tuo Maestro? Sta diventando più facile, te lo prometto. Delizioso!!!

Hai ragione, diventa più facile. Sono molto felice quando posso fare quello che vuoi senza lamentarti. Fa schifo leccare il pavimento, ma mentre lo faccio, immagino che mi tocchi la figa con la punta del piede mentre io lecco il pavimento. Poi mi arrapo e lo faccio bene.

-In piedi. Gambe divaricate, in punta di piedi

Cintura. Cinque su ciascun lato della coda.

Non riuscivo a stare in punta di piedi, ma abbiamo continuato. Ho pensato che fosse bello. Ma…

-Posizione quattro cagna, tre minuti.

Ancora una volta non potevo! E ha seguito di nuovo la sequenza.

-Ora nella posizione che desideri, sul pavimento o sul letto, a te la scelta. Mettiamo quel culo rosso.

Ho scelto la terra perché il mio padrone mi ha già insegnato che il posto di una cagna è ai piedi del Padrone.

-Posizionare le clip sul seno. I Comuni. Discipliniamo quel culo.

Cintura, dieci volte su ciascun lato della coda.

Riposo.

Cuscinetti, cinque su ciascun lato della coda.

Riposo.

Caporale, cinque su ciascun lato della coda.

Riposo.

Nella figa Usa la porcellana. Tre volte.

Riposo.

Ora realizziamo il tuo sogno, puttana, ma solo se sei riuscita a fare tutto bene. Capisci cagna?

– Nessun Maestro! scuse.

-Non accetto scuse, devi pagare per quello che hai fatto. 20 stretti su ciascun lato della coda.

– Insegnante! Fa molto male, possono essere 5?

– Potrebbero essere 8, puttana, ma il resto me lo devi e te lo darò presto!

– Sì Maestro, grazie. Ho applicato i colpi e mi sono riscaldato il culo.

– Ti ricordi di quale sogno sto parlando, puttana?

– Nessun insegnante. scuse.

Incolla nella chat un messaggio che gli aveva mandato e che non ricordava più:

“La prossima volta, mettimi a quattro zampe con l’apparecchio per favore!!! È il mio sogno trasferirmi con lui.”

– Quel sogno, puttana! Stupida ragazza, porcellino sporco e depravato! Legami sul seno e sulla figa. Scegli quali e dove.

– Confesso che ero già dolorante e non volevo più usare le cravatte, ma non volevo smettere di realizzare questo dolce sogno e non volevo nemmeno contraddire il mio Maestro.

“Ora a quattro zampe, piccola puttana, attraversa la stanza, cammina puttana, vai avanti e scuoti quella coda di puttana mentre cammini.” Scuoti quel culo, scuotilo, scuotilo. Se lo offri ai cani di strada, fallo.

– Strisciare e dimenarsi, strisciare e dimenarsi quel culo di puttana, strisciare e dimenarsi, strisciare e dimenarsi, strisciare e dimenarsi, proprio così, mia cagna felice.

– Adesso siediti, puttana! Sdraiati e cavalca! Abbaia per il tuo padrone. Non rimuovere i dispositivi di fissaggio! Allarga le gambe per il tocco finale! Fissa il metallo alla griglia, ora! Senza fronzoli!!!

-Maestro, temo, non voglio usarlo.

– Il cane vuole? Il cane obbedisce!

E così ho inserito la clip, prima l’ho pizzicata, poi l’ho rilasciata! Stavo rotolando nel dolore e nel piacere.

-Ora puoi toglierti i lacci, puoi toccarti come vuoi. Ma a terra, invece!

E mi sono toccato e sono diventato molto ricco per il mio padrone.

Mi ha permesso di sdraiarmi per riposare, ma senza potermi vestire. Potevo vestirmi solo al mattino, dopo un’ottima doccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *