Adoro i baci sulla bocca!

di | 9 de Dicembre, 2022

Questa settimana stavo scambiando email con Edu, un lettore delle mie storie qui sul sito, e durante una conversazione mi ha confessato di avere una relazione extraconiugale e che amava baciarla in pubblico, che fosse in metropolitana, in al parco o in spiaggia. la strada. È stato allora che ho capito quanto mi piace baciare sulla bocca e soprattutto nei luoghi pubblici. Per me, se baciare è proibito e con il rischio di essere beccato, mi eccita quanto una bella scopata.

Quindi, penso che valga la pena riportare baci che mi fanno bagnare solo per ricordare. Edu questo è per te che hai rallegrato i miei pensieri birichini ahahah

Era un mercoledì sera, decidemmo di ordinare la pizza per cena e c’era Rodrigo estasiato da quella benedetta partita del Santos, ma non ricordo chi. Dopo un bagno rilassante, ho indossato una camicia da notte nera, comodissima, oltre a una corta ahahah e sono andata in salotto.

Ma non appena mi sono seduto sul divano, è arrivato il fattorino.

– Rodrigo, è arrivata la pizza… – dissi, già un po’ arrabbiata, perché mi aspettavo che me la chiedesse. E la sua attrazione per questi 22 uomini che correvano dietro a un ballo era tale che non mi ha prestato la minima attenzione, mi ha solo risposto – Wow, è già pagato.

– Va tutto bene, dopo non lamentarti… – dissi pensando che mi avrebbe guardato. E all’improvviso, vedendo sua moglie andare a ricevere il fattorino in quella camicia da notte, cambiò idea. Ma niente, non mi ha nemmeno guardato.

Ho aperto la porta della camera da letto e sono uscito. Era un fattorino che partoriva a casa mia e quando mi vedeva urlava come un coyote affamato. Mi ha augurato la buonanotte e appena ho aperto la porta mi ha detto – Che ragazza, perdona tuo marito, ma sei deliziosa vestita così.

Ho sorriso e ho riconosciuto il complimento con una faccia molto sfacciata. Ho notato che stava dividendo la sua attenzione tra me e la porta della camera da letto, che era socchiusa, quindi gli ho detto – Non preoccuparti giovanotto, non distoglierai lo sguardo da questo gioco – e ho fatto una risata molto maliziosa mordendosi il labbro.

– Puttana cattiva… – disse, prendendomi già per la vita. Tenendomi il viso, mi ha baciato con un’impronta proprio lì sul mio vialetto! Ho sentito la sua mano tirarmi su la camicia da notte e stringermi il culo con desiderio e quel dannato bacio è stato buono, sai, molto gustoso.

Finché “GOOOOLLL” ci lasciamo andare velocemente, sorpresi dall’urlo di Rodrigo e da una distanza di sicurezza, ci limitiamo a scambiarci sguardi e ridere della situazione.

– Non posso tentare la fortuna giovanotto, devo entrare – dissi sorridendo.

– Hai una bocca molto calda, possiamo darci un ultimo bacio? – chiese e guardandolo non risposi, ma tanto gli bastò per farsi avanti e rubarmi un altro bacio.

Questa volta la sua mano si è spostata tra le mie cosce e, spingendomi da parte le mutandine, ha cominciato a spingere un dito dentro la mia fica già bagnata. Ho iniziato a gemere piano nel suo orecchio e mi sono sentito come se stessi per venire. In quel momento è passata una macchina per strada, spaventata che le dicessi di fermarsi, ma il bastardo non si è fermato e non ho avuto la forza di mollare la presa.

L’auto rallentò e si fermò in mezzo alla strada e davanti alla casa. Ho abbassato il viso nascondendomi. Come se fosse buono e…

“Ahh… sono venuto,” sussurrai, aggrappandomi a lui. Dopo avermi liberato molto dolcemente, l’ho visto dirigersi verso la macchina, prendendosi soddisfazione. L’auto che teneva i finestrini chiusi è appena partita. La pellicola oscurata sui finestrini non lasciava indizi su chi ci fosse all’interno. Non ho riconosciuto l’auto e nemmeno il fattorino.

Ho provato a prendere la pizza e il ragazzo che, solo dopo avermi fatto ridere sapendo che si chiamava Maurício, ha scritto il mio numero di telefono. Accettiamo di parlare di più uno di questi giorni kkk. Ecco, ecco, vedi. Entrai in casa e c’era Rodrigo ancora dedito a questo gioco.

Ancora un episodio…

Era il giorno dello spettacolo di Henrique e Juliano, un duo che adoro! Siamo andati in coppia, io e Rodrigo e Juliana e Caio. Lo spettacolo si è tenuto in una famosa casa di Barra Funda. Indossavo un tubino nero e sandali con il tacco alto, e Ju, anche se più riservato, indossava jeans attillati, un top senza spalline e tacchi alti.

Quella notte sono scoppiata a ridere guardando Ju pizzicare Caio tutto il tempo, la poveretta continuava a guardare le gambe delle ragazze, compresa la mia. Rodrigo era molto affettuoso e affettuoso quel giorno, sempre vicino a me, credo sapesse che il territorio era ostile ahahah.

Ricordo che non eravamo molto vicini al palco, la sala era piena, decidemmo di stare vicino al bar, da lì potevamo guardare e bere e ballare ancora in pace. Rodrigo e Caio non hanno ballato, ma io e Ju abbiamo ballato con alcuni che hanno avuto il coraggio di chiamarci. E i ragazzi stavano bene, nessuna collera gelosa.

Solo allora il mio sguardo incontrò il suo. Era un ragazzo molto, molto sexy! Assomiglia a quell’attore che interpreta Thor nei film Marvel. Aveva una barba ben curata e un bel viso! Ma nonostante l’evidente interesse per la melodia, sfortunatamente non è venuto a chiedermi di ballare. Il che mi ha lasciato un po’ deluso.

Ho chiamato Ju per venire in bagno con me. Per strada gli ho raccontato del ragazzo e lui mi ha detto che aveva notato gli sguardi. Ridiamo insieme della situazione e poi usciamo dal bagno.

Appena me ne sono andato l’ho trovato, era in agguato. Si è avvicinato a me e senza dire niente mi ha rubato un bacio. Ben presto le nostre lingue si intrecciarono in un bacio molto malizioso e allo stesso tempo sentii la sua mano stringermi la vita e l’altra salire sulla nuca.

“Dov’è Giu? ». Smisi di baciarla e le voltai le spalle, che poi accomodò il suo corpo al mio facendomi sentire il suo cazzo duro e mi sussurrò all’orecchio – La tua amica è lì sul muro, parla con la mia amica… – quando ho guardato e ha visto un ragazzo inchiodarla contro il muro e cercare di baciarla, ma lei è scappata. Ci siamo persino scambiati delle risate in quel momento, mi sentivo a mio agio perché sembrava che le piacesse, era semplicemente adorabile.

E lì, annidato in questo dio nordico, ho sentito la sua mole leccarmi il culo e così ci siamo baciati di nuovo. E che dolce bacio! Ho sentito il mio vestito sollevarsi e poi il mio segreto è stato svelato, quella notte ero senza mutandine. Oh le mutandine segnano il vestito, non è bello

Mentre ci baciavamo, immaginavo occhi curiosi che ci guardavano, e quel pensiero mi eccitava ancora di più. Ho sentito le sue dita salire sulla mia coscia fino a raggiungere la mia figa – Usciamo di qui? – mi sussurrò all’orecchio, massaggiandomi il collo – Non posso, sono con mio marito – risposi gemendo al suo orecchio e lui – Piccola puttana, muoio per te, accidenti… – Solo sorrise guardandolo di traverso e lui rispose – Dannazione…

E non sai nemmeno, quando ho guardato Ju, quello cattivo stava baciando due, due ragazzi! Pantaloni aperti, ha ricevuto l’affetto dell’uno e dell’altro. Safadinha… kkk Il mio dio nordico, di cui non conoscevo nemmeno il nome, mi ha portato proprio su questo muro, era sul lato più buio della casa, di solito ci stavano le coppie più spinte.

Siamo dalla tua parte! Ju era irriconoscibile Kkk Continuavo ad appoggiarmi al mio nordico che mi sollevava il vestito abbastanza da aggiustarsi la coda ed entrarmi volentieri. Wow che emozione! Era ancora molto caldo e mi baciava, i suoi movimenti erano brevi ma molto forti. Forse nel tentativo di non attirare così tanta attenzione, ma inutilmente.

Le guardie di sicurezza della casa si sono avvicinate e ci hanno detto che dovevamo andarcene per aver violato le regole di condotta del luogo. Pietà! Ci siamo sistemati velocemente. Ju e io abbiamo implorato molto che ci lasciassero, fortunatamente hanno finito per lasciare me e lei soli. I bambini sembravano essere recidivi ed erano noti per infrangere le cosiddette regole della casa, per le quali venivano buttati fuori.

Guarda, questo era vicino. E il mio povero nordico, né vino. Alla fine dello spettacolo erano fuori, abbiamo evitato di vederli e sicuramente abbiamo pregato che non creassero problemi, alla fine è andato tutto bene.

Bene per oggi questi due episodi. Certo, ce ne sono molti altri, ma li sto contando solo a poco a poco. Non mi piace quando il testo è troppo lungo.

Io spero tu ti sia divertito.

C’è un episodio che ricordo adesso, è accaduto nella mia adolescenza quando facevo la cresima nella parrocchia vicino alla casa dei miei genitori. Non trattenerti per nessuno, ma ho baciato il prete! Kkk Ma questa è una storia per un altro giorno Kkk

Baci a tutti. Oh, e smettila di mandarmi foto di cazzi, non ce la faccio più, non guardo né rispondo a nessuno di questi messaggi. Essere più creativi, una buona conversazione, una buona fantasia, questo è ciò che attira la mia attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *