Anche la matrigna non è scappata

di | 12 de Dicembre, 2022

Ciao, mi chiamo Pedro ma puoi chiamarmi Pedrão, sono di San Paolo, questa storia risale a quando avevo 18 anni e da quando avevo 18 anni esco anche con Carla. Mi descrivo, Sono alto 1,80, bianco, un po’ muscoloso nelle braccia ma magro, capelli neri e occhi verdi, il mio cazzo misura 23 cm. Beh, per chi non avesse letto l’altra mia storia, consiglio di leggerla prima di questa, si intitola “Cognata birichina, non ho resistito”.

Bene, da quel giorno ho fatto varie cose con Letácia ogni volta che posso, questa storia si svolge quando siamo arrivati ​​a luglio, le vacanze in cui la famiglia della mia ragazza aveva una casa a Guarujá e mi hanno chiamato per passare la settimana con loro lì, di corso che ho fatto.

Venne il giorno e andammo in due macchine, Rosa la madre, io, Carla e Letácia e nell’altra Otávio il padre, Matheus il figlio maggiore e Larissa la minore. Ci siamo preparati e siamo usciti, ho camminato con Rosa e le ragazze dietro, stavamo tutti parlando bene quando Letácia ha iniziato a disturbarla dicendo che sentiva i rumori che facevamo io e Carla quando eravamo chiusi nella stanza. Tutti ridono in quel momento con Carla che dice che era una bugia ma mi si è indurito il cazzo, ho cercato di nasconderlo ma ho notato gli sguardi un po’ di traverso di Rosa. Finalmente siamo tornati a casa.

Erano le 8:30 e il signor Otávio ci disse di mettere via le nostre cose che alle 9 saremmo andati in spiaggia, io avrei dovuto dividere la stanza con Matheus, Larissa sarebbe rimasta con i suoi genitori, Carla e Letacia sarebbero rimaste insieme, ho finito velocemente di fare le valigie e sono andato al bagno delle ragazze.

Io: – Sei già pronto?

Carla: – Non mi sono ancora messa nemmeno il bikini.

Io: – Se vuoi, ti aiuto.

Carla: – Non giocare, accetto.

Io: – E chi ha detto che stavo scherzando?

Letácia: – Allora ragazzi, ci sono anch’io.

Avevamo ancora circa 10 minuti, la mia ragazza mi ha trascinato nel bagno che era una suite e Letácia ha appena detto: – Davvero?

A quel punto, la mia ragazza gli ha semplicemente fatto cenno di stare zitto e ha chiuso la porta. J’ai enlevé les vêtements de ma copine, je l’ai descendue par les épaules et je l’ai mise pour me sucer, j’étais là à m’amuser quan mon beau-père crie : – Tout le monde descend dans 5 minuti.

Avevo bisogno di venire presto, mi sono ricordato di quando ho scopato la bocca di Lecia in bagno e ho fatto lo stesso con Carla, tirandole la testa e venendole in bocca, quando si è tolta la bocca si stava già lamentando:

– Sai che non mi piace quando mi tiri la testa così, non sono un gatto.

Si è vestita ed è uscita dal bagno arrabbiata, io sono scesa e tutti erano pronti, in macchina questa volta Carla è andata avanti e io sono rimasta con Letícia che mi ha chiesto di alzarmi e in tutta innocenza ho accettato, per strada ha iniziato a disturbare me strofinando i suoi piedi sul mio cazzo e a quel punto ho ringraziato Carla per essersi arrabbiata con me e nemmeno guardarmi in faccia era troppo bello ma ci siamo arrivati ​​tutti sono scesi dalla macchina e io sono rimasta perché era dura mia madre suocero mi ha chiamato per venire in aiuto con le sedie dove sono io sono sceso dalla macchina e velocemente ho afferrato le sedie e le ho gettate davanti al cadavere, l’ho lasciato con il signor Otávio che aveva già scelto il sedile ed è corso verso il mare per vedere se poteva abbassare il volume. Arriva Lecia che mi chiede:

– È ancora difficile?

Io: – Certo, continua a giocare con lui.

Lecia: – Lascia che ci pensi io.

Si è avvicinato e mi ha tirato fuori il cazzo e mi ha fatto una deliziosa sega Sono venuto in 5 minuti l’ho ringraziato e sono uscito dall’acqua sono andato ad applicare la crema solare e quando mi è arrivata alla schiena stavo per chiedere alla mia ragazza ma lei ha ignorato me. .. Rosa si è offerta di passarmi così ho sentito quelle mani morbide e ho iniziato a immaginare sciocchezze ma poi è finita ed è stato così per il giorno in cui ci siamo goduti la spiaggia e ho chiesto scusa a Carla lei ha detto ok ma per punizione . Quel giorno non avrei fatto sesso.

Arrivati ​​di notte siamo andati a vedere un film insieme, la prima a cadere è stata Larissa che è stata poi portata dai suoi genitori che si sono ritirati in camera da letto, lasciando soli me, Carla, Letácia e Matheus. Finito il film ne viene messo un altro ma presto Carla dice che ha sonno e sale in camera sua, gli ha dato più tempo e Matheus dice che il film è noioso e sale anche lui.

Era la nostra gioia, Lecia già veniva verso di me e iniziavamo a baciarci ma avevamo paura che qualcuno scendesse o facesse rumore. Siamo usciti di casa, abbiamo iniziato a baciarci e lei mi stava strofinando il cazzo e io le stavo già mettendo la mano nei pantaloncini, sembravamo due animali, ho tirato fuori il cazzo e ho iniziato a succhiarlo, Letácia lo sapeva fare meglio di lei sorella, l’ho presa in braccio e le ho voltato le spalle, togliendole i pantaloncini, mi sono chinata e le ho leccato la figa, mi sono alzata e le ho messo il cazzo dentro e abbiamo iniziato a scopare forte, letà cia gemeva di desiderio, circa 10 passarono i minuti e la luce della cucina si accese e ci bloccammo. Ho preso il cazzo di Letcia e sono andato alla finestra per vedere chi fosse, era Matheus solo in mutande che beveva un po’ d’acqua e saliva le scale, siamo riusciti a farcelo recapitare e quando stavo per venire gli ho chiesto di chinati e le vengo su tutta la faccia. Siamo entrati, ci siamo ripuliti e siamo andati nelle nostre stanze.

Il giorno dopo mi sono svegliata molto presto, erano circa le 6 del mattino, sono scesa a fare il caffè e quando sono arrivata in cucina Lecia si era già svegliata e stava bevendo un succo, le ho detto:

– Mi sono svegliato per fare il caffè ma sembra che sia pronto.

Poi l’ho afferrata da dietro e ho iniziato a masturbarla, quando ho capito che era bagnata ho appena tirato fuori le mie e ho iniziato a mettere le mani sul bancone, facendo movimenti leggeri e gemiti bassi nel caso qualcuno se ne accorgesse. Scherzi a parte, non c’è niente di meglio che alzarsi presto e mangiare mia cognata in cucina, quando stavo per arrivare le ho chiesto dove lo voglio e lei mi ha detto che dentro perché stavo per fare il bagno, così ho lasciato tutto il mio seme nelle viscere di mia cognata. Ci sistemammo, lei andò di sopra a fare la doccia e io rimasi in cucina.

Passarono circa 10 minuti, mia suocera Rosa entrò in cucina e io la salutai.

rosa: ciao, è così? Andava bene fare sesso con mia figlia?

Sono rimasto sorpreso dal suo modo di parlare e ho solo risposto:

– Sente?

Rosa: – Mi sono svegliata presto e ti ho visto, sei uscito con Carla e sei andato a letto con Lecia, lei ha ancora 16 anni.

Io: – È stata lei a venire da me.

Rosa: – Ma non è vero, hai tradito mia figlia con sua sorella.

In questo ho visto quanto fosse calda la mia matrigna, Rosa aveva tette medie, culo grosso, né grassa né magra, era il corpo caldo che puoi ottenere, occhi azzurri, bionda con i capelli lunghi fino alle spalle non male per i 44 anni che era era indossava pantaloncini di maglia neri con una maglietta rosa baby e ho notato che non indossava un reggiseno poiché i suoi capezzoli erano duri quasi perforando la maglietta.

Io: – Non hai cercato di fermarci, forse ti è piaciuto quello che hai visto…

Rose: – No, non ho reagito.

Così sono andato da lei e le ho detto:

– Allora perché hai dei becchi così duri?

Rosa: – È perché mi ha preso un vento freddo.

Io: – Ma qui fa caldo.

Ho afferrato Rosa abbracciandola, sono sceso sul suo sedere dove l’ho afferrata forte, il mio cazzo è diventato di nuovo duro e in quello lei lo ha sentito crescere mentre l’ho abbracciata, Rosa ha cercato di spingermi dicendo di no, non volevo farlo che ma a malincuore ho girato il suo corpo e ora l’ho abbracciata da dietro, strofinando il mio cazzo in mezzo a quel culo grosso, ho passato la mano sotto quella maglietta e ho cominciato ad accarezzarle il petto, con la bocca ho cominciato a morderle leggermente l’orecchio . Rose era ancora un po’ riluttante.

Rosa: – No, non possiamo.

Io: – Perché no?

Ho messo una mano dentro i suoi pantaloncini, ho notato che anche lei era senza mutandine e ho trovato la sua figa tutta bagnata.

Io – Sei già tutta bagnata, immagino che me lo chiedessi visto che ci stavi spiando la mattina.

Rosa: – Non è vero.

Le ho tirato giù i pantaloncini, le ho messo il cazzo tra le gambe, strofinando la sua fica gocciolante sul mio cazzo, una mano sul suo petto e l’altra sulla sua bocca in modo che potesse sentire il suo sapore. Non avevo mai visto la mia matrigna così, in modo birichino ma ancora titubante, come se volesse ma pensasse che non avrebbe dovuto, quindi le ho infilato il cazzo dentro, era stretta e le ho chiesto se il signor Otavio non mangiava lei bene. .

Rosa: – Facciamo l’amore solo ogni tanto, credo abbia perso interesse.

Io: ecco perché sei tutto bagnato e stretto.

Quando sono riuscito a mettere la testa dentro abbiamo sentito il rumore di qualcuno che scendeva, ci siamo subito preparati ed era il signor Otávio con Larissa, che dava il buongiorno e andava a preparare la colazione. Dissi che sarei tornato in camera da letto, quando passai accanto a Rosa parlai solo a bassa voce accanto a lei:

– Quale ragazza dovrei mangiare ora che il mio la suocera non mi ha sollevato.

Salii le scale e vidi Lecia che scendeva, le dissi che andavo a letto perché avevo sonno ma andai nel bagno delle ragazze, Carla dormiva, arrivai sdraiato prendendola da dietro, presi lei fuori dei suoi pantaloncini e mutandine, ho iniziato a mettere il mio cazzo in lei lentamente, quando si sveglia:

– Mi piace, cosa stai facendo?

Io: -Oggi non è più ieri, quindi la punizione è finita.

Carla: – Ma fammi svegliare prima.

Io: – No, ora voglio venirti addosso.

Ho iniziato ad arraparmi e ho annunciato che stavo per venire, ho finito per venire dentro di lei perché sapevo che stava usando contraccettivi, ho girato il suo viso per baciarla e ho notato che c’era qualcosa di strano sul suo viso, ho pensato che ieri ero calvo dal sole, ho baciato -ahi sono andato a farmi una doccia e ho dormito di nuovo.

Quando tutti si sono svegliati erano circa le 10 siamo andati in spiaggia, abbiamo scelto un posto e siamo rimasti, io ho deciso di stare sotto l’ombrellone, la mia ragazza mi ha chiesto di andare in acqua, cosa che ho rifiutato, ho guardato da lontano e un coppia hanno iniziato da ragazzi. Cominciarono a parlarle, io pensavo già di andare lì per vedere di cosa si trattava, ma mia suocera chiese se qualcuno volesse fare una passeggiata, alla quale tutti si rifiutarono, anche il signor Otavio. Ero come andare a vedere la mia ragazza o uscire con la mia matrigna, sono andato a fare una passeggiata con la mia matrigna.

Lungo la strada, iniziò a parlare:

– Dobbiamo smetterla di farlo con Letía, è ancora giovane, ha 16 anni.

Io: – È venuta da me, ho appena fatto quello che dovrebbe fare un uomo.

Rosa: – Tradisce la sua ragazza?

Io: – Dai alla donna il piacere che le manca.

Rosa: – Che ne dici di fare un accordo?

Io: – Che tipo di accordo?

Rosa: – Se smetti di andare a letto con Letácia, te lo lascerò fare con me.

Io: – Non credo che vincerò.

Rosa: – Com’è?

Io: – Letía è giovane e molto calda, sa come darmi piacere, chi garantisce che sarai in grado di fare lo stesso?

Rosa: – Non credi che io sappia come accontentare un uomo?

Io: – Guarda tuo marito, non ti cerca più.

Rosa: – Allora vediamo.

Rosa mi tirò il braccio e andammo in acqua, quando fu all’altezza giusta e senza nessuno vicino, si avvicinò, mi tirò fuori il cazzo e iniziò a masturbarsi, mi baciò la bocca con la lingua bagnata e si tuffò mettendomi il cazzo nella sua bocca, in quel momento non ci credevo, sentivo solo quella bocca attorno al mio cazzo e Rosa era senza fiato. Alors elle est revenue à la surface, s’est recroquevillée avec ses jambes autour de mon corps, a levé le bikini et a poussé sa chatte contre ma bite, gémissant très agréablement dans mon oreille, jusqu’à ce que je gémisse avec cette chatte impliquant ma bite, quando lei è entrée dans tout ella per iniziare à me donner des coups de chatte, à una vitesse che ritengo impossibile nell’acqua, moi-même je ne pouvais pas le supporter et j’ai joui sans annunciatore en lei .

Rosa: – Mi sei venuto dentro? Cosa succede se rimango incinta?

Io: – Non ho potuto farne a meno.

Rose: – Ti è piaciuto? Pensi che la corona qui non sia abbastanza?

Io: – E come funziona.

Rosa: – Ma ora cosa facciamo se rimango incinta?

Io: – Appena posso comprerò una pillola del giorno dopo.

Siamo usciti dall’acqua e siamo tornati dove erano tutti.

Lungo la strada, mi ha chiesto se avrei smesso di fare sesso con Letía e io ho semplicemente detto: – Non ho promesso niente.

Alla fine della giornata, siamo andati tutti a casa.

Mais la nuit est venue vers l’heure du dîner, Otávio s’est évanoui dans la chambre, les jeunes du salon regardaienta la télé, Rosa est arrivée en suing ce que nous allions manger car elle ne voulait pas cuisiner, alors Matheus a proposé una pizza. rosa ha detto:

– Allora, lo cercheremo con me?

Matheus: – Ho dato l’idea.

Carla: – L’amore va con lei, è pericoloso andare da soli anche in macchina.

Sto bene.

Mi sono messo la pantofola al piede e ho seguito Rosa fino alla macchina, vedendo solo che il cazzo davanti a me mi faceva indurire il cazzo, siamo saliti in macchina e lei ha detto:

– Non eri nemmeno un po’ triste a venire con me, vero?

Le ho preso la mano e l’ho messa sul mio cazzo:

Cosa ne pensi?

Rosa: Chi ha detto che ci sarebbe stato qualcos’altro? Non hai ancora promesso di porre fine a Letía.

Io: non ti prometto niente, ma se ti manca ti verrà voglia, dobbiamo anche comprare la pillola.

Siamo andati in farmacia dove abbiamo comprato la pillola, in macchina ho detto:

– Ora che hai la pillola, potremmo venire di nuovo dentro prima che tu la prenda, non vuoi il latte caldo dentro di te ora fuori dall’acqua?

Infilo la mano nei suoi pantaloncini.

Rose: – Non prendermi in giro.

Tiro fuori il mio cazzo e metto una delle sue mani sul mio cazzo che inizia a masturbarsi. Ha fermato la macchina in una strada buia e non ce l’ha fatta, è caduto sulla bocca. Accidenti, la mia matrigna succhiava alla grande, le ho chiesto di metterselo tutto in bocca.

Rosa: – Impossibile, è troppo grande.

Io: – Più grande di quello di tuo marito?

Rosa: – Decisamente e molto più carina.

Io: – Peccato che oggi non abbiamo molto tempo.

Scesi dal seggiolino e mi misi sopra Rose che iniziò a prendere a calci quella figa, non ci vollero nemmeno 5 minuti e salii.

Rose: – Voglio di più, dammi di più!

Mi stava rendendo così duro che il mio cazzo non scendeva nemmeno e lei continuava a muoversi e io sentivo il mio cazzo sensibile ma non riuscivo a liberarmi di quella ninfa.

Rosa: -AAAAHH SONO QUI!!! CHE CAZZO DELIZIOSO!!! MANGIAMI!!!

Dopo che Rosa è arrivata l’ho messa a quattro zampe e ho cominciato a scaldarla in un’altalena selvaggia come se la mia matrigna fosse eccitata per vedere quel culo, le ho persino aperto le natiche per vedere il suo culo che un giorno avrebbe voluto provare.

Rosa: – MANGIAMI RAGAZZI NAUGHTY!!! NON FELICE DI MIA FIGLIA E HO DOVUTO MANGIARE ANCHE LA SUOCERTA.

Non riconoscevo nemmeno più Rosa, l’ho spinta tanto, le ho sculacciato il culo e sono tornata dentro di lei. Rosa si fece di lato, un dito infilato nella fica. Prese il mio seme e lo assaggiò dicendo:

– Mi è mancato.

Ci siamo preparati, abbiamo comprato la pizza e siamo tornati a casa, il personale si è lamentato del ritardo e abbiamo detto che c’era molta gente ad aspettare la pizza.

Era la storia di come ho mangiato la mia matrigna e la storia continua…

Email di contatto: pedrocardoso032@outlook. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *