Ancora Tambaba, deliziose avventure

di | 9 de Dicembre, 2022

Ogni anno andiamo a Tambaba, ParaÃÂba, questa bellissima e bellissima spiaggia. Ci andiamo sempre solo io e mia moglie. Mi chiamo Ramón e lei si chiama Raïssa.

Eravamo tornati nel nostro paradiso annuale. Questa volta rimarremmo per 15 giorni godendoci questa fantasia abbagliante.

Questa volta abbiamo riservato due giorni per goderci la Pousada de Tambaba, che si trova sulla stessa spiaggia, proprio sulla sabbia. L’intenzione era quella di vivere il tramonto e il crepuscolo sulla spiaggia e potersi sentire a proprio agio.

Siamo stati 7 giorni in un hotel a João Pessoa, ma tutti i giorni siamo andati a Tambaba. Il cielo merita questo “sacrificio”.

L’ottavo giorno ci siamo “trasferiti” a Tambaba. Abbiamo soggiornato presso la Pousada situata sulla spiaggia.

Ogni volta che andiamo su questa spiaggia, siamo sempre stati discreti per fare amicizia. Raramente interagiamo con qualcuno. Questa volta non era molto diverso. L’eccezione era un giovane che, ogni volta che passava, ci salutava. Aveva un accento europeo che non abbiamo riconosciuto immediatamente. Mi è sembrato molto simpatico, oltre che bello e soprattutto aveva un PAU grande e molto bello. Mia moglie è stata la prima a notare il bellissimo strumento gringa. Mi ha detto che la prima volta che l’ha visto accadere.

Ho notato che ogni volta che ci passava accanto, non riusciva a staccare gli occhi dal suo cazzo. Mi ha fatto eccitare da morire. Ha commentato e commentato:

– Ti piace vedermi ammirare, vero?

risposi guardando il mio cazzo duro e palpitante. Lei ricambia il favore con una carezza e un delizioso pompino che mi fa venirle in bocca.

Il giorno del nostro soggiorno, appena arrivati, il gringo fece colazione alla locanda. Fu allora che scoprimmo che anche lui era lì.

Ammetto che quando l’ho visto ho avuto la sensazione che in quei due giorni sarebbe successo qualcosa. Il sospetto è stato ancora più grande quando ho visto la felicità scritta sul volto di Raissa.

Ho sognato il giorno in cui ha accettato di donarsi a un altro ragazzo. Era quello che desideravo di più: vedere la mia bella moglie scopata da un altro PICA e preferibilmente uno molto più grosso del mio.

Era un desiderio che nutriva da tempo, ma non lo accettò.

All’inizio, quando ha scoperto il mio difetto, si è arrabbiata, accusandomi che non l’amavo più e che era solo un pretesto per incontrare un’altra donna.

Nel corso del tempo, si è resa conto che avevo solo questa fantasia, vederla con un altro ragazzo. L’ha persino accettato con piacere. Scherziamo e parliamo un sacco di sciocchezze quando facciamo sesso. Le dico sempre che c’è un altro bel ragazzo nella sua figa, nel suo culo, che le viene in bocca. Ci siamo divertiti molto con questa puttana, ma lei non l’ha mai veramente accettato.

Quando il gringo ci vide arrivare per soggiornare alla Pousada, mostrò grande sorpresa e gioia.

Ha parlato in un portoghese un po’ contorto:

– Nostro! Che sorpresa vederti qui alla Pousada!

Dall’accento si capiva che era italiano.

Abbiamo anche restituito la stessa sorpresa dicendo che non sapevamo che alloggiava alla Pousada.

Ci siamo presentati e ha detto che si chiamava Enzo ed era di Milano in Italia.

Molto gentile e disponibile, ci ha invitato a prendere un caffè con lui.

Gli dissi che ci saremmo preparati nella nostra stanza e che saremmo venuti presto a fargli compagnia.

Siamo entrati nella stanza e Raissa mi ha detto, mostrando sorpresa.

– Che coincidenza che resti qui anche lui.

Questa sorpresa ed eccitazione hanno ulteriormente accresciuto la mia intuizione, ma non volevo mostrare alcun entusiasmo su dove fosse diretta questa situazione.

ho appena risposto:

– È vero, vero? E sembra davvero un bravo ragazzo.

Ha rapidamente accettato.

– Davvero è. Molto bello.

Lo disse e mi fece un sorriso.

Abbiamo fatto le valigie e siamo andati a fare colazione con Enzo.

Abbiamo parlato molto in una conversazione molto vivace, Enzo è stato davvero simpatico e simpatico.

Raïssa era felicissima della nostra amica italiana e ancora di più del suo bellissimo ed enorme PAU.

Dopo un po’, Enzo notò gli occhi di Raissa sul suo CAZZO e iniziò ad accarezzarlo intenzionalmente, rendendolo duro e ancora più grosso.

Potevo vedere che Raissa stava iniziando ad essere molto eccitata. Si passò la mano sulla fica, allargò le gambe e fece scorrere il dito nella fessura.

Da queste scene a cui ho assistito, ho capito che era giunto il momento di realizzare la mia fantasia.

Il tempo quel giorno era un po’ nuvoloso e la spiaggia era praticamente nostra.

Nessuno ha guardato quelle scene oscene di mia moglie con il nostro amico italiano.

All’improvviso mia moglie ci invitò a fare una passeggiata sulla spiaggia. Accettiamo l’invito e ci dirigiamo verso le rocce dove è abbagliato uno dei luoghi più belli della natura.

Stavamo parlando e divertendoci in questo paradiso.

Ho chiesto a Enzo di farmi delle foto con Raïssa e lui ha accettato subito.

Disse che la fotografia era il suo hobby preferito e che amava scattare foto, soprattutto perché era una coppia così bella e amichevole come noi.

Ha iniziato a mostrarci pose per migliorare l’aspetto delle foto. In realtà, era molto bravo nell’arte della fotografia.

Dopo averci scattato molte foto, ci ha chiesto di baciarci per una foto. Gli abbiamo dato un timido bacio che ha subito ringhiato.

– Ho detto un bacio e non solo un bacio.

Ho guardato Raissa con molta passione e lussuria e ci siamo persi in un bacio gustoso e lussurioso. Ci siamo persino dimenticati del nostro fotografo italiano. Quando siamo tornati insieme, il mio PAU è stato molto duro contro la figa di Raissa, che era già bagnata e arrapata.

Con nostra sorpresa, anche il PAU di Enzo è stato molto duro ed enorme. Ci guardiamo in questo stato e scoppiamo a ridere.

– Penso che ora dobbiamo entrare in acqua, disse Enzo senza tante cerimonie.

Noi tre siamo andati al mare ed eravamo molto felici.

Raissa era bellissima e già molto amica di Enzo. Stavano giocando a schizzarsi l’un l’altro e ad un certo punto lui l’ha afferrata e non si vedeva dove fossero le sue mani, ma si stavano decisamente divertendo sul corpo di Raissa. Era evidente dalla sua felicità.

Enzo disse che sarebbe tornato in ostello a farsi una doccia. Era tardi e presto sarebbe stata servita la cena.

Gli ho detto che saremmo rimasti ancora un po’ e poi avremmo cenato insieme.

Colpiamo la sabbia, stendiamo un asciugamano e ci baciamo in questo paradiso afrodisiaco.

Raissa era così eccitata che moriva dalla voglia che me lo mettessi nella figa, ma l’ho lasciata andare.

L’intuizione stava crescendo. Non pensavo fosse il momento di spendere l’energia di Raissa. promesso stasera

Ci è voluto un po’ per tornare in camera e quando siamo arrivati ​​la cena era già servita. Ordinammo dei panini e mangiammo, bevendo qualche birra.

Abbiamo discusso del fatto che Enzo avrebbe dormito ormai e ho visto che Raissa era un po’ frustrata dal commento.

Improvvisamente qualcuno ha bussato alla porta e sono andato ad aprirla. Con nostra sorpresa, era Enzo con un secchiello di ghiaccio e due bottiglie di vino.

Eccitato come sempre, chiede se ci piace il nostro vino.

Raissa era felice per la “sorpresa” e ha detto con entusiasmo.

– Adoriamo il vino. Cosa ci hai portato da provare?

Enzo è arrivato con la più grande sorpresa.

– Ho portato un Brunello da Montalcino. Lo sapevate?

– Certo che lo sappiamo. Questo vino è delizioso. Ho risposto.

– Quindi apriamolo e divertiamoci.

Abbiamo cominciato a bere questo delizioso vino e, già un po’ ubriachi, ci siamo avvicinati.

Enzo fece un complimento sfacciato a Raissa.

Ramón, hai una moglie meravigliosa sotto ogni aspetto.

Raissa rise e insistette.

– Dettagliare questi aspetti in modo più dettagliato.

Enzo capì la provocazione e dichiarò esplicitamente:

– Sei bellissima e molto sexy.

Lei, già commossa dal vino e dal complimento, ricambiò il favore.

– E tu sei molto bella e hai un CAZZO molto gustoso.

Non sopportavo il caldo in quel momento e ho cominciato a baciarla sulla bocca, ad accarezzare quelle tette deliziosamente naturali e lei gemeva, apriva le gambe e con lo sguardo invitavo Enzo.

Enzo allungò la mano e iniziò a succhiare la figa di Raissa. Sembra che la sua lingua fosse un PAU, per quanto fosse eccitante.

Era la nostra prima volta ed era così delizioso. Due bocche che divorano questo corpo bollente. Mentre la baciavo e leccavo le sue tette, passando la mia mano sul suo corpo caldo, Enzo fece scorrere la lingua sulla fessura della sua figa fino a raggiungere il punto caldo gonfio e fradicio.

Poi cominciò a borbottare quasi impercettibilmente.

– Voglio! Voglio! Voglio!

Ho guardato Enzo e ha capito il messaggio.

Raggiunse Raissa, con l’enorme cazzo duro iniziò a strofinarle la figa.

Lei gemette e implorò di prendere quel cazzo palpitante dentro la sua figa.

Enzo affondò lentamente e la figa di Raissa si allargò per prendere tutta questa asta.

Si contorceva dal piacere e gemeva.

– Aaiii benedizioni! Va bene! Pennacchio! Metti il!

Enzo ha fottuto con desiderio e ho appena ammirato questa travolgente erezione che ha dominato mia moglie.

Ha preso il mio UAP e l’ha afferrato con gusto. Volevo sentire due CLUB per la prima volta.

Involontariamente si voltò e si mise a quattro zampe. Enzo puntò la testa di quel cazzo enorme verso la porta della sua fica e giocò, facendo impazzire Raissa che voleva succhiargli tutto quel cazzo dentro.

Mi sono posizionato in modo che lei mi succhiasse il cazzo mentre lui le mangiava la figa a quattro zampe.

Succhiava, gemeva, si contorceva, finché non ce la faceva più e veniva molto gustoso sul PICK di Enzo, che poco dopo venne anche a spruzzare un getto di sperma sul culo di Raïssa, che era tutto fradicio.

Durante questo periodo le vengo anche gustoso in bocca, che ha fatto un bel bagno di sperma.

Dopo essere stati esausti, abbiamo bevuto un’altra bottiglia di vino e ci siamo addormentati pacificamente.

Ci siamo svegliati il ​​giorno dopo completamente esausti, soddisfatti e felici. Sembrava un sogno, ma era successo, ho visto mia moglie godersi un altro Pica.

Andammo a prendere il caffè e poco dopo arrivò Enzo dalla spiaggia.

– Sono andato a nuotare stamattina. L’acqua è molto gustosa. Quando disse la parola caldo, lanciò un sorriso a Raissa, che lo ricambiò con uno sguardo lascivo.

Noi tre ci stavamo godendo questa bellissima spiaggia e non ci siamo nemmeno accorti del passare del tempo. Il sole stava già tramontando e Raissa mi ha chiesto di andare a prendere una caipirinha e qualche birra al bar della Pousada.

Ho obbedito alla richiesta della mia dea e li ho lasciati soli su questa spiaggia quasi deserta.

Quando stavo tornando, ho visto loro due da lontano, che non potevano vedermi. Si baciarono deliziosamente, baciandosi e accarezzandosi su quei corpi nudi.

Quando si sono accorti della mia presenza, hanno smesso di toccarsi e, senza alcuna cerimonia, abbiamo ripreso la nostra conversazione e abbiamo bevuto la deliziosa caipirinha che avevo portato loro.

Già un po’ allegra, Raissa guardò Enzo e disse che voleva fare una passeggiata sugli scogli.

Enzo mi ha guardato per vedere la mia reazione e gli ho detto di andarsene e di andare al bar a prendere da bere. Voleva rassicurarli e vedere fino a che punto si sarebbe spinta Raissa in questa avventura.

I due si diressero verso le rocce e io verso il bar. Sono tornato velocemente e per curiosità sono andato alle pietre per verificare cosa già provavo.

I due rimasero in piedi vicino alle pietre in un bacio caldo e stretto con il cazzo di Enzo che sfiorava la fica di Raissa. Strofina questo cazzo duro dando a questo italiano un’enorme erezione.

Lui le volta le spalle e inizia a strofinare il suo cazzo in quel culo delizioso. Si appoggia alla pietra e si china un po’, invitando quel cazzo ad entrare nella sua figa.

Enzo si stava divertendo in questo corpo assetato e fece scorrere la lingua sulla schiena di Raissa, che iniziò a scuoterle il sedere per stuzzicarla ancora di più.

Enzo infilò la lingua nella fessura del suo culo e iniziò a godere con la bocca sulla fica di Raissa. Allargò di più le gambe, concedendosi completamente a quella lingua calda che riposava nella fica fradicia di Raissa.

Non ce la fece a lungo e le venne in bocca su gambe tremanti, dovendo essere sostenuta da Enzo.

Poi si è girata, ha afferrato il cazzo di Enzo e gli ha fatto un magnifico pompino bavoso, cosa che solo lei sa fare.

Dopo aver quasi fatto venire Enzo, si fermò, allargò le gambe e disse:

– Voglio sentire quel delizioso Pica nella mia figa. Prendi il mio caldo italiano caldo.

Enzo ha picchiato forte e non è durato a lungo, riempiendo la sua figa di sperma che è gocciolato anche sulle gambe di Raissa.

Ha approfittato di nuovo dello sperma e ha succhiato la lussuriosa Rola, godendosi la lussuria.

Potrei dire che erano felicissimi e sono tornato velocemente dove eravamo in modo che non si rendessero conto che stavo guardando tutto questo scopare mia moglie con il suo italiano.

Sono tornati e non hanno commentato l’accaduto.

Ho chiesto se il viaggio è andato bene. Raissa ha detto che è stato meraviglioso.

Poi Enzo ha detto che se ne sarebbe andato, che gli era piaciuto molto conoscerci e che non vedeva l’ora di rivederci.

Ci siamo salutati e Raissa era così grata per il divertimento che aveva avuto in quei giorni con Enzo. l’ho completato:

– È stato un grande piacere per noi tre.

L’anno prossimo torneremo a Tambaba e speriamo di rivedere Enzo per continuare le nostre deliziose avventure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *