Bambina – Presentazione

di | 8 de Dicembre, 2022

Questo contenuto non è una storia, ma un libro… Se sei paziente, non te ne pentirai

Erano già le undici passate di sera, a quell’ora avrei dovuto prepararmi a dormire per domani per andare a lavorare un’ora prima, visto che ero incaricato di aprire la clinica veterinaria. Ma invece, sono seduta sul letto di fronte alla mia migliore amica, fissando due vestiti assurdamente corti che lei mi porge davanti a me, in un altro tentativo di trovare qualcosa da indossare stasera. – Erano orribili, vero? me o il mio stile, e sicuramente non li avrei indossati. Alzo gli occhi al cielo e dico disperatamente di no a entrambe le cose.

“Non so se voglio andare.” dissi alzando le spalle. “Ho avuto una giornata faticosa, sono stanca. E non sopporto di andare in posti affollati, lo sai, Alison.”

“Dai…” disse con un lungo sospiro.

“Le mie recensioni su questi posti non sono buone, non dovrei essere così insistente per andarci.” Continuo con le mie lamentele.

“Non cominciare, Skye. Domani è il nostro ultimo giorno di scuola, abbiamo già superato gli esami del primo anno, e finora non hai fatto altro che studiare. Dovresti almeno divertirti,” disse voltandosi. la tua attenzione al guardaroba.

“Non vedo alcun problema solo con lo studio.” rispondo con un grugnito.

“No? Dove hai mai visto una ragazza di 18 anni, andare all’università, chiusa in casa? Non esci con gli amici a bere o ballare, non apprezzi mai niente, eppure è vergine! Lei !” L’anno prossimo andrà al secondo anno e non ha ancora perso quella merda.” spara Potevo vedere attraverso i suoi occhi azzurri la sua irritazione per il fatto che trovavo costantemente scuse per restare a casa.

“Non devo essere come gli altri.” Alzo le spalle, senza curarmi della sua opinione.

«No, ma non devi comportarti come un santo. Studiare va bene, ma tutto ha dei limiti, compreso questo. Ora vai a farti una doccia. Disse sollevandomi dal materasso prima di spingermi verso il bagno. “Ti sarei grato se non facessi tardi, sai che il mio capo non sopporta i ritardi.” Concluse con un sorriso. Alison, non per mancanza di opportunità, lavora in una discoteca divisa in discoteca e bordello. È una ballerina erotica e ama quello che fa perché guadagna più di quanto farebbe con qualsiasi altro lavoro. Per quanto io non lo sopporti, lei si sente bene, quindi anche se sono contraria, non vedo motivo di lamentarmi.

Alzo gli occhi al cielo e apro la doccia prima di spogliarmi ed entrare nell’acqua calda. Faccio una doccia veloce e, prima di finire, lascio che l’acqua scorra lungo il mio corpo per alcuni minuti prima di applicare il mio olio di mela e cannella, che purtroppo si stava esaurendo. Ero molto stanco e non volevo fare festa, ma sapevo che restare a casa e dormire non era un’opzione.

“Andiamo!” urla Alison, bussando due volte alla porta, cosa che mi fa trasalire.

“Ho finito!” rispondo correndo a chiudere la cassa. Afferro l’asciugamano, mi asciugo il viso e lo avvolgo attorno al mio corpo bagnato ed esco dal bagno.

Il nostro appartamento era semplice, con una stanza dove condividevamo un armadio e un letto matrimoniale. Un soggiorno, una cucina e il bagno che era nella camera da letto. Il papà di Alison le aveva dato l’appartamento dopo il diploma di scuola superiore, era in centro e vicino alla nostra università, ma per paura di rimanere solo, mi ha chiesto di andare con lui. È abbastanza per entrambi da quando io e Alison ci conosciamo da quando eravamo bambini e ci dà un po’ di privacy. Dividendo le bollette, i soldi rimanenti ci hanno permesso di spendere quello che volevamo, e dopo aver raccolto a lungo quel che restava del mio stipendio, sono riuscito a comprare la mia auto. E appena finita l’università avrei affittato un appartamento, ci sarebbero voluti solo pochi anni ma era già programmato, così come il mio futuro.

“Ho controllato i tuoi vestiti. So che non sopporti i miei vestiti, quindi ho preso dei pantaloni neri attillati, un top grigio che, se non è troppo immodesto per te, lascia scoperto il tuo ombelico. Il mio cappotto scozzese rosso e quelle dannate scarpe da ginnastica .” . Annuncia con una faccia disgustata che indica il mio All-Star tutto nero.

“Come ci sei riuscito? Pensavo avessi solo vestiti volgari. Parlo guardandola con un sorriso beffardo sul viso.

“Vai all’inferno.” Lei ride e mi lancia un cuscino.

“Non so perché devo andare.” rivendico di nuovo.

“Te l’ho detto diverse volte perché, O’brien.” disse con la sua attenzione sul suo telefono, senza preoccuparsi del mio piagnucolio senza fine. ci ero abituato.

“Voglio qualcosa che mi convinca perché devo obbedirti ogni volta che vuoi portarmi in posti come questo.”

“Non essere drammatico, la tua prima abbuffata è stata divertente e ti porto ancora nello stesso club.” Lei risponde con una leggera risata ricordando la vergogna che ho provato per lei.

“Non ero convinto.” Sono di cattivo umore.

“Non importa se sei convinto o no.” disse, ancora concentrata sul cellulare. Mi fa venire in fretta e poi mostra i vestiti accanto a lui.

Rinuncio a stare più a casa e comincio a prepararmi. Mi tolgo l’asciugamano, mi asciugo il resto del corpo e mentre comincio a mettermi le mutandine, Alison mi guarda.

“Non ti sei fatto la barba?” chiede, guardando la mia parte inferiore, che rapidamente copro con le mie mutandine.

“Non è ancora il momento”. rispondo togliendomi i pantaloni dal letto.

“Si scopre che devi ancora camminare senza problemi senza capelli in quella zona, almeno non ne ho tanti come te adesso.”

“Non iniziare.” lamentarsi.

“Va bene, ma il ragazzo che vede questo fallirà.” Questo significa.

“Nessuno lo vedrà. E non reagire in modo eccessivo.” Alzo gli occhi al cielo e finisco di vestirmi.

“Va bene, Foresta Atlantica. Adesso siediti qui e lasciami truccare.” disse tra due risate. Lei, più di chiunque altro, sapeva come mettermi in imbarazzo o infastidirmi. Decido di non continuare con questo argomento, quindi mi sdraio sul letto e appoggio la testa sulle sue ginocchia in modo da potermi truccare meglio.

“È una ragazza carina, O’brien, ma deve essere meno noiosa.”

“Sono noioso solo perché non mi piacciono le tue stesse cose?” chiedo seccamente.

“Quasi. Tutta la tua ‘santità’ è fastidiosa, sei troppo serio e innocente per uno della tua età. Hai mai voluto scopare?” Il suo tono era calmo e per quanto parlasse, la maggior parte della sua concentrazione era sul trucco che si stava mettendo.

“Sì. Ma non credo sia una priorità.” Rispondo. Alison interrompe quello che sta facendo e mi guarda incredula.

“Cosa hai fatto con i tuoi ex fidanzati?” Hai giocato con le bambole? chiede con evidente ironia nella voce.

“Per avere una buona relazione, non abbiamo bisogno di fare sesso, Ali. Non tutti la pensano come te.” Sapeva che lei non avrebbe capito, usciva con un ragazzo esattamente come lei, infatti, usciva solo con persone come lei, che fossero amici o amanti. Ero l’eccezione, ma questo spesso mi faceva ascoltare le sue sciocchezze.

“Ora so perché tutte le loro relazioni sono finite entro il primo mese di appuntamenti. Agli uomini piace fare sesso e non giocare a casa. Pensano più a testa in giù che a testa in su”.

Potevo sentire passi, conversazioni e brutte battute. Ero abbastanza sicuro di avere gli occhi aperti, ma non riuscivo a vedere altro che oscurità. Sapevo di essere su un materasso duro e le mie mani e le mie gambe erano ammanettate, ma non sapevo perché stesse accadendo. Quando ero bambino, mi è stato detto che le cose brutte accadono alle persone cattive come punizione per i loro peccati. Non sono una persona cattiva, quindi perché stava succedendo a me?

Mi muovo per cercare di uscire da lì, ma l’oggetto mi tende solo i polsi, facendomi male.

“Dov’è la ragazza? La stessa voce di ieri sera riecheggia in un’altra stanza.

“In camera da letto, signore.” qualcuno lo dice con voce piena di rispetto.

“È sveglia?” chiede impaziente l’uomo.

“Non lo sappiamo, signore.”

“Apri, io entro”. comanda. La porta della stanza in cui mi trovavo si apre e il suono dei suoi stivali riecheggia nella stanza, facendomi subito venire i brividi lungo la schiena. Sento il cuore che mi batte forte nel petto, la disperazione di non poter vedere o sapere cosa sta succedendo invade il mio corpo e la paura mi paralizza. Ero vicino, l’uomo che aveva ucciso la mia migliore amica era a pochi centimetri da me e non potevo reagire in alcun modo.

“Vediamo…” disse togliendomi il panno nero dagli occhi. “Pelle chiara, lunghi capelli castani, occhi verde chiaro, bel naso, labbra carnose…” Mi fa scorrere il pollice sulla bocca. “Vediamo questo corpo. Le sue mani vanno al collo del vestito bianco ampio che mi copre. Il che era strano, perché non ero indossare quei vestiti ieri sera e sapere che mi hanno cambiato i vestiti mi spaventa ancora di più.

“Non toccarmi,” dico, spingendo via le sue mani, ma questo lo scuote, la sua espressione diventa addirittura più divertita. Mi prende per i capelli e mi fa alzare in piedi.

“Si scopre che le cose qui funzionano come dico.” Mi sussurra all’orecchio e mi scaraventa contro il muro. Guardo la sua mano che tiene un rasoio e mi fermo all’istante. “E io, tesoro, voglio vedere il corpo della mia nuova figlia.” le sue labbra si incurvano in un sorriso malizioso. La lama scivola dalla mia guancia al collo, dove lascia un piccolo taglio prima di scivolare sul mio petto e strappare il tessuto leggero della mia veste. I suoi occhi castano chiaro mi scrutano, il labbro inferiore tra i denti e la lama del suo coltello mi trafigge il corpo. Le lacrime scendono di nuovo sul mio viso non appena comincio a piangere. Improvvisamente mi giro di fronte al muro e ricevo uno schiaffo sulla natica destra.

“Ho fatto bene a scegliere te.” disse apparentemente soddisfatto, ma continuò a far scivolare l’oggetto appuntito sul mio sedere. Non poteva succedere a me, non potevo crederci.

“Perché hai fatto questo ad Alison?” chiedo singhiozzando.

“L’ho avvertito che scopare con me avrebbe avuto delle conseguenze.” Rispondi in modo naturale.

“Ma perché ucciderla mutilata? chiedo, ricordando le immagini raccapriccianti che mi riempiono la mente.

“Divertimento.” lui risponde come se fosse ovvio “Ma avevo comunque bisogno di lei.”

” Per quale ragione?” Singhiozzo di nuovo e lui mi gira verso di lui.

“Che tu venga da me. Ho visto il tuo modo di ballare e ha attirato la mia attenzione.”

“E come puoi essere sicuro che la inseguirò?” chiedo e sento la punta del coltello affondare nel mio braccio, facendomi urlare dal dolore.

“Pensi che lavori da solo? Qualcuno era lì per assicurarsi che andassi a cercare il tuo amico. Disse guardandomi profondamente negli occhi.

“Alexander…” sussurro.

“Chi sospetterebbe un bel barista? Chiede e, quando non riceve risposta, fa un sorriso diabolico: “Esatto, nessuno”.

“Non meritava di affrontare tutto questo.” Questo è tutto quello che posso dire.

“Posso assicurarti che quello che ha passato lei non è niente in confronto a quello che stai per passare tu.” ride e punta il coltello nella mia ferita “Ti mostrerò l’inferno, quindi se credi in Dio, inizia presto a pregare.” Toglie l’oggetto appuntito dal mio braccio e si dirige verso la porta, prima di andarsene si gira a guardarmi e apre un sorriso malizioso.

“Verranno per me! Urlo tra un pianto e l’altro.

“Da quello che ho capito, questa mattina la studentessa di 18 anni Skye O’Brien è stata trovata ustionata. E finora nessuno ha alcuna informazione sul caso. ride ed esce dalla stanza sbattendo la porta. Mostro, ecco cos’era, un mostro.

Mi asciugo la faccia con fatica visto che sono ancora ammanettato, e mi avvicino al vecchio materasso senza lenzuolo. Questa stanza doveva essere una camera di tortura. C’era solo una sedia di ferro al centro della stanza, il materasso su cui era sdraiata, un tavolo e un armadio di ferro. Le pareti erano di cemento grezzo, ancora macchiate di sangue, così come il pavimento, e la piccola finestra era coperta di sbarre.

Cerco di coprirmi di nuovo, ma il meglio che posso fare è il mio stomaco.

Il mio naso era completamente coperto, mi facevano male gli occhi per aver pianto così tanto, il sangue del taglio sul mio braccio era già asciutto. Sono rimasto bloccato lì per ore e non mi hanno dato un bicchiere d’acqua, avevo fame, sete e lo stomaco già brontolava. Non aveva un buon odore e il mio corpo era coperto di sudore. E, poche ore dopo, la porta cigola e un rumore di tacchi interrompe il silenzio che aleggiava sulla piazza.

“In piedi.” comanda una donna prima di liberarmi dalle catene che mi legano.

” Per quale ragione ?” chiedo piano.

“Non devo alcuna soddisfazione. Ora alzati! Alza la voce e mi colpisce di nuovo. Faccio come mi dice e quando mi alzo mi prende sottobraccio e mi conduce fuori dalla stanza.

” Dove andiamo ?” Chiedo.

«Il signor Malik mi ha detto di portarti nella tua nuova stanza e di prendermi cura di te. lei risponde senza umorismo.

“Non ho bisogno di cure.” dico ignorando completamente i miei lividi. Non volevo essere toccato.

“Come se avessi una scelta.” Lei alza gli occhi al cielo “Credi davvero che volesse fare qualcosa per prendersi cura della sua nuova puttana?” La sua voce era venata di disprezzo, almeno sembrava scioccato dalla mia situazione.

“Non sono una puttana, sono una studentessa universitaria.”

“Non è più così, nel momento in cui ti ha visto e ti ha portato qui, tutta la tua vecchia vita cessa di esistere e diventi una bambola.” Lei disse. Sento che il mio corpo si indebolisce e le mie gambe si indeboliscono, cerco di mantenere alte le mie speranze, ma non riesco a trovare nulla.

“Ma quando si arrende…” La sua risata mi interrompe.

“Non si arrende, si stanca e se ne va per un altro.”

“E la ragazza che ha usato?” chiedo con voce tremante. Mi trascina per i corridoi e si ferma davanti a una delle tante finestre.

“Est.” lei risponde indicando un “piccolo” cimitero dietro l’enorme prato morto nel suo cortile.

“Cosa ci fai ancora lì per terra? Alzati e cammina!” Paige urla. “Togliti quei vestiti, vai in bagno e inizia a lavare i piatti. Ci sarò.”

” Per quale ragione ?” chiedo in un sussurro.

“Ti ho già detto di smetterla di fare domande, inizia a lavare i piatti e aspettami lì.”

“Non mi piace l’idea che nessuno tranne me mi veda nudo.”

“Non deve piacerti. Ti raderò, che ti piaccia o no, dovrò vederti nudo… sfortunatamente.” la donna sospira. “Sbrigati, vado a prendere lo shampoo e il resto”

Vado nel bagno piccolo ma lussuoso, c’era solo una vasca da bagno, un gabinetto, un lavandino e uno specchio. Non mi sono mai piaciute le vasche da bagno, a differenza di altre persone non mi ci trovo bene.

Apro l’acqua e lascio che si riempia guardandomi allo specchio, mai in vita mia sono stato così stanco. I miei capelli erano arruffati, i miei occhi gonfi e rossi, il mio corpo era sporco. Ma sapevo che non erano gli sguardi a farmi sentire così, era il vuoto, il dolore e il desiderio che Alison mi aveva lasciato e l’ultima cosa che le dissi fu che la odiavo.

Torna indietro.

“Obriano! Ali urla tirandomi fuori dal letto.

” Cos’è ?” ringhio.

O’Brien, alzati subito! Lei strilla impaziente e mi tira indietro.

“Va bene, sto arrivando!” Finalmente smetto di dormire e mi metto davanti a lui. “Spero che il motivo sia molto buono per svegliarmi durante la notte.” lei ride, mi prende per mano e mi conduce nella stanza dove c’era un semplice albero di Natale con delle decorazioni al centro della stanza.

comodo.

“BAT BUON NATALE!” Lei urla, salta su e giù.

“Pensavo che non ti piacesse il Natale.” dico sorpreso.

“Non lo so. Ma dato che è uno dei tuoi periodi preferiti dell’anno, non volevo deluderti e lasciarti senza niente a causa mia.”

” Grazie.” grazie abbraccio.

“Aspetta, ho qualcosa per te.” disse uscendo dalle mie braccia “chiudi gli occhi e allunga le braccia”.

“Gesù, Ali, cosa stai facendo?” chiedo ridendo. Tuttavia, sento che qualcosa di peloso, piccolo e rotondo, mi viene messo tra le mani.

” Apri gli occhi !” Lei ordina e quando lo faccio, vedo un cucciolo.

“VERAMENTE!?” Urlo e abbraccio l’animaletto tra le mie braccia.

“L’ho comprato al negozio di animali mentre tornavo a casa, dato che è Natale, la donna l’ha venduto a un prezzo inferiore. Era quello che volevi, vero? Perché era l’unico degli altri che aveva una macchia a forma di luna. “

“Era lei.” Dico.

“Hai già deciso il nome?” chiede con occhi luminosi.

” GIÀ.”

🇧🇷 Cosa sarà?” La sua voce è ansiosa.

“Alison”.

” Il mio nome ?” Lei alza le sopracciglia.

” Sì.”

“Perché? Potrebbe essere Poopy.”

“Poopy-ali.”

“Vaffanculo, Skye!” La femminuccia è a malapena a casa e la stai già traumatizzando con quel nome di merda. Prende il cucciolo dalle mie ginocchia ed entra nella stanza lasciandomi a ridere da solo”.

Ritirarsi.

Mi asciugo la faccia ed entro nella vasca già piena.

“Il signor Malik vuole che tu abbia un buon profumo, quindi lo metto in un po’ d’acqua e prima di andare ci spalmo sopra dell’olio di mele e cannella, è il suo preferito.” disse Paige, porgendomi le cose del bagno. «Cerchiamo di capirlo lì.» Indica la ferita sul mio braccio.

“Non c’è bisogno.” Sussurro e stringo ancora di più i denti.

“Sei fottutamente testardo! Mi rimprovera: “Stai attento, anche se è piccolo, è profondo e ha bisogno punti”.

“Hai l’anestesia?

“Sembra un ospedale?” Ovviamente no.

“Qualcosa di forte da bere?”

“Il signor Malik mi ucciderebbe se sapesse che ti ho dato dell’alcol. Questo è quello che dovresti fare…” Si guarda intorno e tira fuori l’asciugamano blu. Mastica questo mentre preparo la benda.

Prepara le cose e dopo pochi minuti inizia a cucire. Mi ha fatto male, mi ha fatto mordere forte il panno in bocca e alcune lacrime mi sono sgorgate dagli occhi.

” Intelligente.” ti avvisa quando hai finito.

” Grazie.”

“Ho solo eseguito gli ordini, non mi importa di te.” disse sgarbatamente “ora finisci quel bagno in fretta e aspettami in camera da letto”.

” Dove stai andando ?” chiedo guardandola.

“Scalda la cera.” Lei risponde alzando gli occhi al cielo. “Lavati bene.”

Una delle cose che odiavo era ricevere ordini, specialmente essere trattato come un bambino, e Paige faceva entrambe le cose, facendomi impazzire. Ma chi sarei per disobbedire? Beh, a meno che tu non voglia morire.

[…]

Tre colpi risuonano alla porta, costringendo la donna che mi ha rasato ad alzare le sopracciglia, aprendole abbastanza da mostrare metà del viso.

“La ragazza è quasi pronta.” disse prima che la persona rispondesse.

“Ci sono stati cambiamenti, siamo in allerta, quindi il signor Malik vuole che controlliamo la casa. Quanto alla ragazza, la sta aspettando nella sua stanza.

“Va bene, sarò presto al mio posto.” Lei annuisce seriamente e si volta verso di me. “Togliti il ​​vestito e le scarpe.

” Perché?” chiedo curioso.

“La cena è stata annullata.”

«Posso sapere il motivo? »

“Non sono affari tuoi.” lei sputa e mi lancia una vestaglia di raso rosa confetto che si abbina perfettamente alla lingerie nera di pizzo sul mio corpo. “Ho cose più importanti da fare che stare qui e prendermi cura di te, quindi togliti quel fottuto vestito e copriti con questo fottuto vestito.

“Perché sono in allerta rossa? chiedo mentre il vestito mi scivola lungo le gambe.

“Te l’ho già detto prima che non sono affari tuoi, sono tra il signor Malik e chiunque lavori per lui. Il tuo lavoro è realizzare tutti i suoi desideri.”

Il mio corpo rabbrividisce e sento un groppo salirmi in gola. Ci faccio un piccolo nodo e indosso le pantofole che avevo gettato per terra.

” Lo faremo.” Apre la porta e mi fa entrare. Le mie gambe tremavano, il groppo in gola diventava sempre più grande ad ogni corridoio che giravamo, non volevo arrivare alla porta della sua camera da letto, non volevo trovarlo, figuriamoci stare da solo con lui. Ho paura di quello che posso fare. Svoltiamo in un altro corridoio, di fronte all’enorme porta di legno con una grande Z scolpita.

“Ora tocca a te.” disse, tirandomi più vicino al legno dall’aspetto pesante. “A proposito, Daddy Kink è un feticcio che coinvolge schiavitù, disciplina, dominio, sottomissione, sadismo e masochismo, ma in un modo più tenero. Oltre ad essere carino, gli piace “essere chiamato” forme. È tutto ciò di cui parla. Quando mi giro a guardarla, non c’è più.

“Vaffanculo Louis! Non me ne frega un cazzo, licenzia i tuoi fottuti scagnozzi o li ammazzo tutti e ti inseguo!” Urla e poi rompe qualcosa.

Deglutisco a fatica e con le ultime forze busso tre volte alla porta.

” Fra.” la sua voce è più profonda di prima.

Giro la maniglia e apro un po’ la porta, vedendo l’uomo da dietro, che indossa solo pantaloni neri attillati, con una sigaretta tra le dita.

“Papà…”

“Piccola ragazza.” disse girandosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *