BDSM che umilia il vicino

di | 10 de Dicembre, 2022

Dopo molto tempo torno sul sito per raccontare altre storie di dominazione.

Se vivi questo matrimonio infelice, tiepido, una relazione violenta o chiusa, cambia vita, l’anno è appena iniziato, non privartene! Sono un DOM sadico a cui piace insegnare, ascoltare, guidare, punire, umiliare, lasciare il segno durante la sessione, ma al di fuori della sessione, mi prendo cura, custodisco e tratto la mia proprietà come il gioiello più raro. Su di me? 1m84, persona giuridica, sono docente in una scuola superiore privata del settore Ingegneria. Cerco una vanitosa sottomessa, con stile, che sappia parlare di tutto e che voglia lasciarlo fluire, esporre i suoi desideri e feticci più segreti così come i suoi limiti e i suoi sogni, che sappia di avere una Dominante in letto e un padrone, un uomo che la ama.

Le mie pratiche preferite e per le quali ho una predilezione sono: Shibari, Rapeplay, Ageplay, Spankink, Bondage Petplay, Knifeplay e Wax (se non conosci il significato te lo spiego) ti garantisco il segreto e il sub che sei intelligente, sai parlare bene, descriverti dettagliatamente e presentarti alla persona che ti sta aspettando.

Scrivo da dentro PR ma terrò i nomi per non esporli, alla fine lascerò il mio contatto

Ho sempre avuto interesse per il dominio, ma non ho mai avuto l’opportunità di farlo. Ho sempre avuto un desiderio per la mia vicina, ma da quando si è sposata, ho tenuto per me il mio desiderio per lei. Un giorno, quando sono tornato a casa, ho visto da lontano la mia vicina, sembrava molto sospettosa, guardava dappertutto, dietro, ma siccome indossavo un berretto, non mi ha riconosciuto, quindi ho deciso di seguirla, e con mia sorpresa , l’ho vista incontrare un altro ragazzo, non avevo mai visto questo ragazzo a casa sua (suo marito ed io eravamo buoni amici), è stato allora che l’ho vista pomiciare con lui e abbracciarlo, questa scena mi ha eccitato, baciandolo, abbracciandolo e abbassando la mano sul suo sedere, abbracciando quel bel sedere molto forte, così ho deciso di scattare alcune foto di loro due che si abbracciano, si baciano e se ne vanno.

Stavo pensando a cosa avrei fatto e ho deciso che era ora di realizzare le mie fantasie con lei, hanno sempre lasciato la chiave di casa sua a casa mia, l’altro giorno, la sera prima non è tornata a casa dal lavoro, perché lei arrivava sempre prima di lui, mettevo le foto in tv, quando veniva a casa mia per ritirare le chiavi di casa, la informavo che la porta era aperta, doveva solo entrare, quando è entrata e ho visto la TV collegata con le immagini, non rispondeva, così poco dopo sono entrata nella stanza ed eccola lì, che mi guardava, con la faccia piena di lacrime, senza sapere cosa dire o fare. Così ho cominciato a parlare ironicamente: è questo il santo che sei? Sei solo una puttana! Si è messa a piangere dicendo che era solo un lapsus, non era mai successo, era la prima volta, allora le ho urlato: Zitta, quelle foto che ho fatto vanno dritte nelle mani di tuo marito, perché pensa che tu sia un santo, ma sto per dimostrare che non sei un santo, quindi lei, piangendo, si è inginocchiata ai suoi piedi e gli ha detto di non farlo, non succederà più, non dirlo a nessuno, quindi Ho detto, è inutile, lo faccio vedere a tuo marito, merita di saperlo, ed è anche mio amico. Ha implorato di nuovo, dicendo che avrei posto fine al suo matrimonio e anche alla sua vita, e che avrei fatto qualsiasi cosa pur di non dirlo a nessuno. Quindi l’ho preso e ho detto: Oh, una cosa puoi fare in modo che non mostri queste foto, quindi lei ha detto: Cosa? L’ho guardata con uno sguardo molto perverso e ho detto: sii la mia cagna! Lei mi ha guardato con una faccia sorpresa, quasi piangendo, dicendomi di no, che non potevo farlo, che ero una donna onesta, che non se lo meritava solo per una scivolata, quindi ho taciuto, ho mi sono alzato dalla sedia dove ero seduto, e ho cominciato a camminare verso la porta, Sarah, spaventata, ha cominciato a chiamarmi:

Non andare, aspetta…

Mi sono fermato e ho guardato indietro. Stava camminando verso di me così mi sono seduto sul divano. Era in piedi davanti a me. L’ho guardata e ho detto: sei molto sexy. Mi piacerà giocare con te. sii una troia perfetta ora smettila di piangere non mi piace piangere ha iniziato a trattenere le lacrime così le ho detto inizia a toglierti il ​​fiato. , molto gustoso per il suo proprietario.

Poi ha cominciato a spogliarsi, in modo goffo, nello stesso momento le ho urlato così, no stronza, devi essere stronza, poi ha cominciato a spogliarsi, lentamente, torcendo, prima la camicetta, poi i pantaloni è caduta quando si è tolta il reggiseno, non voleva toglierselo, e ancora una volta le ho parlato con tono aggressivo:

Che cosa state aspettando?

Si è slacciata il reggiseno, quelle belle tette le spuntavano dal reggiseno, il mio nastro è diventato subito duro, poi ha iniziato a togliersi le mutandine, quindi l’ho guardata e ho detto:

Esatto, il mio cagnolino, ora si china e si mette in ginocchio, io mi siedo sul divano, lei in ginocchio viene da me, ho cominciato a passarle la mano tra i capelli, tirandoli indietro, inclinando la testa. Tornata indietro mi sono passata la mano sui seni, stringendoli, ho tirato fuori il nastro e ho iniziato a colpirla in faccia con esso, quindi ho iniziato a parlare:

Questo è quello che ti meriti cagna ora succhia quel cazzo cagna lei mi ha subito guardato e io l’ho schiaffeggiata lei ha urlato.

Cos’era? Non ti piaccio? È così che meriti di essere trattato, ora succhia questo nastro, ed è molto gustoso, altrimenti mi darai di nuovo un pugno in faccia, ha iniziato rapidamente a ingoiare il mio nastro, con la faccia che piangeva, ma ha obbedito , succhiando caldo, mentre lei allattava, e passandosi la mano sui seni, strizzandoli, strizzando i capezzoli delle mammelle, ha cercato di urlare, ma con l’altra mano ha premuto la testa sul mio nastro, gli ho parlato:

Pensi che ti fregheranno e ti perdoneranno? Devi pagare per quello che hai fatto, mi sono tolto la cintura, che era i miei pantaloni, e le ho dato una cintura sul sedere, lei ha urlato, l’ho schiaffeggiata di nuovo e ho detto:

Non ti ho detto di smettere di succhiare la cagna, continua così, e le ho preso a calci in culo di nuovo, ha trasalito e ha cercato di urlare, ma l’urlo non è uscito, le ho detto che ha dato un altro guinzaglio, più forte, e un’altra, e un’altra ancora… Ad ogni spinta la forza aumentava, il suo culo era già rosso e in fiamme, stava quasi venendo, le afferrai di nuovo le mani per i capelli, e il ritmo aumentò, cominciai a venirle in bocca, lei ha cercato di tirarla fuori, ma io gli ho afferrato la testa e gli ho detto:

Ha ingoiato tutto come una cagna cattiva. Si è soffocata con il mio sperma, ma ha ingoiato e poi l’ho rilasciata. Cadde a terra, seduta, piangendo, il viso coperto di sperma. Era quasi ora che arrivasse suo marito, così dissi:

Ora vai a casa mia puttanella, il cornuto è quasi arrivato, e ricorda, è solo l’inizio, ora sei mia, mi appartieni, piangendo, si è vestita in fretta, nel momento in cui si stava aggiustando il reggiseno, si sentiva gli strattoni che le stavo dando ai capezzoli, il suo culo era tutto in fiamme, riuscivo a malapena a sopportare di mettermi i pantaloni, così se n’è andata, e io sono rimasto sul divano, seduto, con uno sguardo sul mio viso. , organizza il prossimo appuntamento con il mio cucciolo.

È passato poco più di un mese, che mi ha trovato a casa con la mia vicina, in questo periodo mi ha sempre evitato, ha fatto finta che non fosse successo niente tra noi, che fosse proprio quel momento, e io, ovviamente, l’ho lasciata con questo . pensò, facendole credere che tutto fosse finito, pose fine alla relazione con l’amante e si dedicò unicamente al marito.

Un giorno ero sulla porta di casa, lei stava arrivando con suo marito, dove si sono fermati davanti a me, e suo marito ha iniziato a parlarmi, dicendo che avrebbe dovuto viaggiare questo fine settimana, e per la nostra amicizia , e dato che stavamo insieme da molto tempo, mi ha chiesto, in modo che potessi fare un giro della casa, mentre sua moglie lavorava, e se aveva bisogno di qualcosa, se poteva aiutare, e voglio un buon vicina, mi sono subito offerta di sorvegliare la casa e se avesse avuto bisogno di qualcosa, sarebbe stata disponibile. Mi ha guardato con una faccia spaventata e sospettosa, quindi si è rivolta a sua moglie e ha detto:

Tesoro, non devi più aver paura di stare a casa da solo, qualsiasi cosa ti serva, chiedi al nostro amico. Dopodiché li ringraziò e loro entrarono.

Il giorno dopo lui era in viaggio e dopo che lei è tornata a casa dal lavoro ne ho approfittato per farle visita, allora ho suonato il suo campanello, lei mi ha chiesto chi ero, allora ho risposto:

è il tuo vicino…

Lei allo stesso tempo ha detto che era occupata e non poteva aprire la porta, quindi le ho detto:

Non vuoi che stia qui per strada a bussare alla porta ea discutere della situazione, gli altri vicini potrebbero trovare strana la conversazione, faresti meglio ad aprirti. Quindi ha aperto la porta e io sono entrato, sono andato dritto al divano e mi sono seduto come se fossi il padrone della casa, e poi è entrata e mi ha subito chiesto cosa stavo facendo qui, quindi le ho detto che mi stavo prendendo cura di lei, però, diceva che non aveva bisogno di nessuno che si prendesse cura di lei, che sapeva cavarsela da sola e che avevo già ottenuto ciò che volevo. Volevo questo giorno.

L’ho guardata e ho detto:

Ti sbagli, tutto era solo all’inizio, pensi che mi sia dimenticato del tradimento che hai fatto al mio amico? Non saprebbe come punirti, ma lo so, questo fine settimana imparerai a non tradire di nuovo tuo marito, troia, puttana cattiva, imparerai ad essere obbediente e fedele.

Ha iniziato a piangere e a pregarmi di andarmene dicendo:

Vattene, ho imparato, ho chiuso con il caso che avevo, ora gli sono fedele, quindi ho urlato:

Ma è troppo tardi, la tua puttana verrà punita. Allora mi sono alzato, e sono andato dietro di lei, ho cominciato a passarle la mano sopra, sulla pancia, sui seni, poi ho cominciato a baciarla sempre, ha cominciato a tremare, poi l’ho presa tra i capelli, tirandola indietro. , e ho iniziato a sussurrarle all’orecchio, sei davvero una troia, scommetto che la tua figa è già tutta bagnata, poi ho iniziato a sussurrare mordendole il collo, e togliendosi la camicetta, lei ha provato a fermarlo, però, Le ho fatto una ciocca sui capelli e ho detto:

Non ha senso resistere, renderà solo le cose più difficili. Sembrava che stesse piangendo, continuava a chiedermi di smetterla, ma io continuavo a togliermi il top, poi il reggiseno, ho iniziato a stringermi il seno e ho visto delle mollette sul divano, quindi ho preso due mollette e ne ho messa una. ogni capezzolo, ha emesso un piccolo gemito, ho iniziato a muovere la mia mano sulla sua figa, e quando ho passato la mia mano dentro la sua figa, ho visto che era bagnata, le ho tirato giù le mutandine, sono uscito da lei e ho iniziato a strofinare suo. figa, mettendole due dita dentro, e con l’altra mano le passai i seni, muovendo le mollette e stringendole, lei cominciò a gemere, le tolsi le dita dalla figa, e gliele misi in bocca, la troia comincia a succhiale bene le dita, e di nuovo le sussurro all’orecchio, piace alla cagna? Vuoi che smetta adesso? Lei mi guarda, e parla quasi gemendo:

Non per…

Gli dico:

Se scendi, bastardo, e sai già cosa fare, allora scendi e mi toglierai il nastro. Succhialo cagna, succhia come una troia, lei inizia a succhiare, prendendolo tutto in bocca, afferrando i suoi capelli, forzando il mio nastro nella sua bocca, e io la schiaffo in faccia, non smetterà di succhiare, afferro la mia cintura . , e le do una cintura nel culo, lei geme di piacere quando riceve la cintura. Mettiti il ​​culo, puttana, lei lo fa in fretta, e io le do un altro strap-on, questa volta più forte, lei geme più forte, e succhia il mio nastro più velocemente, senza sosta, così comincio a venire sulla sua copertina. Non fermarti puttana, ingoia tutto, rendi di nuovo duro quel cazzo, perché io vado a scopare quella figa calda, puttana, lei ingoia tutto lo sperma, non spreca nulla e non smette di succhiare, lasciando il mio nastro ancora duro . .

Poco dopo l’ho afferrata per i capelli e l’ho portata al tavolo, l’ho messa sul tavolo, le ho allargato le gambe e ho iniziato a far scorrere la lingua intorno a quella figa calda, le ho sculacciato la figa e poi succhiato di nuovo, lei geme come una puttana. gli ho chiesto:

Vuoi che ti scopi puttana? Le colpisco di nuovo la figa con il pugno, poi lei risponde:

Fanculo la tua cagna, dannazione non ce la faccio più …

Poi ho preso la mia cassetta, e l’ho messa nella sua figa per sempre, ho cominciato a fotterla caldamente, senza fermarmi, andando sempre più a fondo, aumentando la velocità e la forza delle spinte, mentre la baciavo, stringendole i seni, nel costrizioni, pianse e gemette, le schiaffeggiò il viso e disse:

Questo è quello che meriti cagna, sporca cagna, ti farò la mia puttana, cagna arrapata, gemette:

Fallo, è quello che mi merito, spingilo, spingilo nella tua cagna L’ho scopata senza rimorsi, tirando fuori il mio nastro e inserendolo per sempre, ma prima di venire le ho detto che le sarei venuto nel culo, lei si è spaventata e ha detto:

No, no, per favore, nessuno ha mai mangiato… Allora l’ho schiaffeggiato e gli ho detto:

Io comando, faccio quello che voglio, cagna, ora girati e apri quel culo per me, poi si è voltata, sdraiata a faccia in giù sul tavolo, le ho infilato la lingua in mezzo al culo, poi il dito, salendo sua figa e fermandosi in mezzo al suo culo, lei ha aperto il culo con le mani, ho iniziato a fermarmi e forzare il mio nastro nel suo culo, e lei ha urlato:

No, no, fa male, ehi, ehi, fermati…. Il mio nastro le entra nel culo, lentamente, lo forzo fino alla fine, lei continua a urlarmi di fermarmi, comincio a scopare lentamente, senza fretta, prendendo piano, smette di urlare, comincio ad aumentare il ritmo a poco a poco, lei geme, secondo il suo gemito, accelero, lei inizia a gemere sempre più forte, le do uno schiaffo sulle natiche e dico:

Scuoti quella cagna, scuoti quel piccolo cazzo caldo, lei inizia a tremare, le schiaffeggio il culo, facendola diventare rossa, comincio a scopare più velocemente, facendo scorrere la mia mano nella sua figa, lei geme forte, come una puttana, comincio a scopare più forte , più veloce, senza sosta, afferrandole i capelli, tirandoli indietro, le sue tette con le pinze sfiorano il tavolo, lei si dimena, io scopo fino a venirle nel culo, il mio sperma inizia ad affondare nel suo culo, la sua figa inzuppata di lei tesoro, la guardo e dico:

Sei venuta come una puttana, bravissima, complimenti, puttana, comincio a rivestirmi, lei scende dal tavolo, seduta per terra, esausta e con i seni e le natiche doloranti, la faccia tutta rossa dalle coperte, e dico:

Domani preparati presto, ti porto a fare una passeggiata, finisco di vestirmi, la vedo piangere, ma non mi interessa, sono appena uscita da casa sua.

Da seguire…

Mi piace? scrivere a

ricardogomesfrota@hotmail. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *