BEATRICE, LA PUTTANA DELLA CHIESA

di | 12 de Dicembre, 2022

Beatriz è una corona calda nella congregazione, ha circa 45 anni, è scura, minuta, ha tette enormi e il culo più grande che abbia mai visto in vita mia; Ero troppo grasso, credo perché ero paffuto.

Ogni mercoledì tornavo a casa per dare a mia madre uno studio religioso. La prima volta che l’ho vista non ho pensato molto a lei, ma col tempo ho cominciato a notarla; indossava sempre una gonna, perché è così nella religione, ma si vedeva chiaramente quel sedere grosso.

Mi è diventato duro e stavo per correre a masturbarmi pensando a lei. Non sopportava più di essere così eccitato per lei.

Lei, invece, mi considerava un nipote, perché considerava mia madre una sorella; mi abbracciava sempre, e lo adoravo, perché amavo la sua pelle contro la mia, ea volte le toccavo i seni enormi.

Non potevo sopportarlo, ero così eccitato, e un bel giorno lei era piegata, non potevo tenerlo, ero così eccitato e l’ho schiaffeggiata leggermente. Ho detto che è stato per caso, lei non ha detto niente, ma credo abbia capito le mie intenzioni; Nonostante ciò, ho cominciato a scoparla quasi sempre, e non le importava nemmeno fino a quando un giorno sono andato a scoparla, e mi ha detto:

– Sei stato molto cattivo, scoreggia!

– È solo che sei molto sexy, mi dispiace!

– Ok scusa.

Da quel giorno le cose iniziarono a cambiare. Ha iniziato a camminare con gonne corte e scollate accanto a me.

Ho pensato che fosse strano, ma poi ho capito che voleva prendermi in giro. Ha anche iniziato a passarmi la mano sulla gamba finché un giorno è venuta a insegnare a mia madre, ma se n’era andata e io ero a casa da solo.

Altre storie erotiche  Ottieni una pulizia meravigliosa - Storie erotiche

Poi si sedette sul divano e cominciò a passarsi la mano sulla gamba e sulle natiche. Il mio cazzo era molto duro, quindi ha iniziato a far scorrere la mano sulla mia gamba, si è arrampicata per prendere il mio cazzo duro e ha detto:

– Ragazzi, il cazzo è duro!!!!!!!! Poi mi ha tirato giù i pantaloncini e mi ha tirato fuori il cazzo, e ha detto:

– È molto brutto, non puoi diventare duro a guardarmi, sono sposato!

– Mi prendevi in ​​giro!

– Penso che ti aiuterò ad ammorbidirlo, e ha iniziato a masturbarsi! Era delizioso come la masturbavo bene, non potevo sopportarlo perché ero così eccitato e ho iniziato a spremere quelle belle tette.

– “Safadinho eh!”, ha detto, ma senza fermarsi, si è masturbato molto bene, e io ho afferrato quei seni deliziosi, non ce la facevo più e ho riso di tutto. Gli uscì molto latte, anche sulla faccia, e disse:

– Che cazzo grosso eh animaletto? Ma quella è stata l’ultima volta!

Dopo una decina di minuti è arrivata mia mamma, dopo un po’ ho cercato di smettere di pensare a lei, ma non ci riuscivo, soprattutto quando è tornata a casa, fino al giorno in cui mi ha invitato ad andare a casa sua per parlare di religione.

Ci sono andata e quando sono arrivata sono quasi svenuta: aveva una scollatura super scollata che lasciava intravedere le tette e una gonna corta che lasciava scoperte le cosce. Il mio cazzo si è indurito e poi lei ha detto:

– Sto riordinando la casa, ci sentiamo presto. Poi si è chinata a raccogliere qualcosa dal pavimento, si vedevano anche le mutandine che indossava: erano bianche; poi non ce la facevo più e gli ho dato uno schiaffo sul culo.

Altre storie erotiche  Scambio

– Essere cattivo, non puoi farlo, non ricordi la nostra ultima conversazione?

– Non ho resistito al tuo culo.

– Tira giù i pantaloni!

Non potevo credere a quello che stavo dicendo, ma ho lasciato cadere pantaloni e pantaloncini.

– Andiamo a letto, disse.

Mi sono sdraiato sul letto e lei ha detto:

– Questa è l’ultima volta che lo faccio, ma ora te lo succhierò, okay!

Ha iniziato a leccarmi il cazzo e le palle, e ha detto: –

Che pollo delizioso! E cominciò a succhiarlo. Quando ho visto che aveva una scollatura, le ho abbassato un po’ la scollatura e le ho tolto il seno. Che bel seno! Erano enormi e avevano bei capezzoli e che pompino ha fatto! Era molto buono! E io dissi:

– Ingoia tutto il latte! Le sono venuto in quella bocca e lei l’ha ingoiato tutto, poi ha preso qualche leccata.

– Non pensare più a me. Ha detto, ma era impossibile.

Ho passato l’intera giornata a pensare a lei e non riuscivo a dormire.

L’altro giorno ho deciso: oggi lo mangerò. Sono andata a casa sua poco dopo pranzo, perché sapevo che a quel tempo suo marito lavorava. Mi sono intrufolato in casa sua, l’ho trovata in cucina.

– Che ci fai qui, ragazzo?

– Continuavo a pensare a te.

– Mi sono appena sposato, non posso fare niente di più di quello che ti ho fatto ieri.

Così l’ho afferrata e le ho dato un grosso bacio con la lingua e le ho detto:

– Andiamo in camera da letto.

– Va bene. Ci sdraiamo sul letto e iniziamo a baciarci. Com’era bello baciarla! Ho iniziato a baciarle il collo carino, le ho tolto la maglietta e ho iniziato a succhiare, baciare, mordere, fare di tutto su quelle enormi tette.

Altre storie erotiche  Ho scopato la moglie dell'amico di mio padre

Lei ha emesso dei gemiti, le ho baciato la pancia, l’ho tirata giù un po’ di più, le ho tolto la gonna e le mutandine, ho cominciato a baciarle la coscia; poi ho iniziato a leccare e succhiare quella figa. Lei geme e dice:

– Succhialo, leccalo, non si ferma!

L’ho fatto venire due volte. Poi ha iniziato a succhiarmi il cazzo, lo ha preso e ha cominciato a passarselo tra i seni, stava facendo uno spagnolo! Poi è salito sopra di me e ho infilato il mio cazzo in quella fica! Si è arrampicata sul mio cazzo e ha detto:

– Mettilo in quella puttana, non in mio marito! ti metto!

Dopo un po’, l’ho fatto venire una terza volta. Così si mise a quattro zampe e disse:

– Mettimelo nel culo!

Ho preso il mio cazzo e presto l’ho incasinato, ho iniziato a colpire tutto. Ho parlato:

– Prendi la tua cagna, prendila nel culo, per imparare a dare quando voglio! Lei dice:

– Sono la tua puttana, mettilo in quel culo

– Chi è il tuo uomo?

– Tu, ma metti tutto! Non ce la facevo più e vengo su quel culo e come vengo! Lei dice:

– Torna la prossima settimana! Avevo 17 anni allora, e ancora oggi alle 19, ogni mercoledì ci vado a mangiare questo culetto delizioso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *