Cagna Melina: reale o virtuale

di | 8 de Dicembre, 2022

Per settimane la cagnolina Melina è entrata a far parte del canile di Domme Suzana, servendola tutto il giorno e dormendo nuda e in gabbia la notte; la mattina Suzana ha svegliato Melina e le ha portato il cibo, oltre a quello di tutti gli altri cani; poi mise il guinzaglio intorno al collare di Melina e la condusse nella stanza dove le avrebbe dato istruzioni. “Attento, cagna! Andiamo in palestra e indosserai solo questi pantaloncini e questa canotta! capisci? disse Suzana con autorità.

– Ma questo vestito è troppo piccolo! Sarò smascherato e… OY! Melina fu interrotta da due schiaffi in faccia.

-Ancora non capisci, puttana? “Fai quello che ti dico e quello che voglio… adesso, prima di vestirti, vieni qui e fammi vedere che culo!”

Melina obbedì e Suzana la costrinse ad appoggiarsi al tavolo, allargando le gambe. “Lo indosserai sempre qui!” sussurrò maliziosamente a Domme, mostrando un grosso plug anale dal diametro spaventoso; e prima che il cane capisse cosa stava succedendo, sentì il dispositivo affondare nel suo ano con forti movimenti circolari. Umiliata, Melina si è vestita e poi si è guardata allo specchio: i pantaloncini lasciavano intravedere buona parte delle sue natiche paffute mentre la maglietta si gonfiava, faticando a trattenere dentro i suoi enormi seni.

Durante la formazione in accademia, Melina non ha alzato lo sguardo, sapendo che tutti la guardavano con curiosità e anche con un certo disprezzo. “Ciao Susan! Chi è questo cucciolo? È tuo ? chiese un amico mentre si trovavano negli spogliatoi per usare le docce. Immediatamente, Suzana schioccò le dita contro il cane, che si spogliò velocemente, esponendo la sua nudità agli occhi dell’amica.

-Ciao Nate! Sì, è un nuovo acquisto che necessita di formazione – rispose Suzana con tono frizzante – è da un po’ che ci sto lavorando… se vuoi puoi venire a casa mia a fare un “test drive”. €!

Natasha, o Naty, sorrise, annuì ed esaminò attentamente Melina. “Certo che puoi! Ti aspetto allora!” rispose Suzana quando l’amica le chiese se poteva essere ancora quella notte; si salutarono con baci e abbracci e Suzana prese Melina sottobraccio conducendola alla doccia dove si trovava incaricato di darle una doccia bagno completo, cogliendo sempre l’occasione per toccare la caverna della cagna e mordicchiare i suoi capezzoli.

-Oh! Mi fai eccitare! mormorò Melina, le gambe tremanti, sentendo le dita della dominatrice nella sua calda e umidissima caverna.

-Amo le mie puttane sempre arrapate! – rispose Domme mettendo tre dita nella cavità e poi due nell’ano – Ma verrai solo quando te lo permetterò, e non prima! cagna cagna! E Suzana ha continuato con la presa in giro fino a quando Melina è esplosa nello sperma che ha dovuto soffocare arricciando le labbra.

Tornarono nell’appartamento di Suzana dove il cane giaceva ai piedi della Domme che si dilettava ad inserire il dito nella vagina del cane ascoltandolo gemere e sospirare raggiungendo un altro orgasmo.

-Baciami e leccami i piedi e le dita, puttana! …Ordinò Suzana, allungando i piedi verso Melina, che iniziò ad obbedire, leccandole ogni piede e poi succhiandole tutte le dita… se continui così, forse ti libererò prima di quanto pensi!

Tornata nella sua gabbia, Melina si addormentò sopraffatta dalla stanchezza e da un senso di sottomissione che la lasciò stordita dalla svolta della sua vita; si chiedeva se fosse davvero una stronza o se avesse avuto una possibilità nella sua vita di diventare una Dominatrice. “Melina ha imparato una cosa: chiunque sia nato per essere una stronza sarà sempre una stronza…” Le parole di Victor le riecheggiavano ancora nella mente, lasciandola devastata da quello che sarebbe stato il suo futuro. La mattina dopo, la routine è ripresa, sempre con Melina che accompagnava Suzana in palestra vestita con abiti succinti che mettevano in mostra le sue forme voluttuose a chiunque volesse vederle o addirittura godersele.

Altre storie erotiche  Ho dormito con i miei studenti

Un giorno dopo la fine della sessione, Suzana ha preso il braccio di Melina mentre si avvicinavano alla macchina. “Sei davvero una stronzetta appiccicosa, vero?” si lamentò con Domme in tono irritato. Melina la guardò senza capire cosa avesse fatto per meritarsi quel rimprovero. E quando si sono avvicinati alla macchina, Melina ha notato un uomo appoggiato a lei che sembrava aspettarli entrambi. Melina guardò il ragazzo e fu sorpresa di scoprire che frequentava regolarmente la palestra e il cui sorriso indicava che conosceva Suzana più da vicino.

-Puttana, sono Néstor, il mio staff – disse Suzana promuovendo le presentazioni – Si è interessato a te e sta tornando a casa con noi… siediti sul sedile posteriore… è con te!

Melina conosceva bene Nestor, un uomo di colore alto e muscoloso che si metteva sempre in mostra con le donne dell’accademia, ostentando il suo corpo ben formato e il suo sorriso astuto e provocatorio. Non appena Suzana scese dall’auto, si avvicinò ancora di più al cane, esaminandolo con uno sguardo avido. “Il tuo nuovo cane è molto sexy, Suzana! Ed è obbediente? chiese scherzosamente, senza staccare gli occhi da Melina e dalla sua figura.

– Si sta ancora allenando – rispose Suzana con tono beffardo – Ma presto imparerà! Voglio solo vedere…, cagna, togliti i vestiti!

– Ma, signora…, siamo in strada! si lamentò Melina, già intrappolata tra le braccia di Nestor.

-Ti ho detto di spogliarti! “QUANDO DICO, OBBEDISCI! urlò con rabbia a Domme!

Senza dire altro, la cagna si spogliò, mostrando le sue doti davanti agli occhi affamati di Nestor, che a sua volta si abbassò i pantaloncini, liberando il suo membro allarmante. Melina cercò di mettergli una mano intorno, ma lo trovò impossibile, e fu anche sorpresa dalla sua terrificante rigidità. “Prova a succhiare quel cazzo, cagna!” Suzana ordinò senza voltarsi indietro. E la cagna fece uno sforzo, ma riuscì a stento a staccare con un morso la terza parte di quell’enorme bastoncino, che le aprì anche un po’ la bocca, provocandole un certo disagio.

Sopraffatto dall’impazienza, Nestor afferrò la testa di Melina e cominciò a spingerle contro la bocca come se fosse una vagina stretta; i colpi erano così forti che Melina provò dolore e altro disagio, ma sapeva che doveva restare ferma.

All’improvviso, Nestor ringhiò come un animale selvatico e lo sperma esplose così massicciamente che la cagna quasi soffocò con così tanto sperma che finì per spalmarla dappertutto. Il ragazzo respirava a fatica e aveva ancora le mani sulla testa del cane, che cercava in tutti i modi di liberarsi dal giogo.

«Scendi dalla macchina, puttana, e accompagna Nestor all’appartamento», ordinò Suzana non appena il veicolo si fermò all’interno del garage sotterraneo vicino all’ingresso dell’ascensore.

Altre storie erotiche  Colazione con Galatea

-Quindi? Così? Nudo! – chiese Melina con tono sorpreso – Mi vedranno tutti!

– Così, puttana! …” ripeté Suzana con tono irritato. “Ho già parlato con Gerson, che è il portiere, e ti prenoterà un taxi… dai, non ho… non ho hai tutto il giorno!

Melina e Néstor sono scesi dall’auto ed sono entrati nell’ascensore, e il cane era nudo, e il personale indossava ancora la maglietta che mostrava nudità dalla vita in giù. “Mmm! Vado a scuoiare quella figa e il culo a quella puttana!” sussurrò all’orecchio di Melina non appena la prese tra le braccia, accarezzandole la vagina già bagnata di lacrime in attesa di ciò che sarebbe successo. appena entrati nell’appartamento di Suzana, Néstor cercò di sedersi sul divano, mettendosi sopra il cane, facendola sedere sul ramo, che era già pronto per un nuovo combattimento.

Il calibro dello strumento personale ha lacerato la grotta del cane, che per primo ha avvertito un nuovo disagio anche quando Nestore le ha infilato due dita nell’ano, perforandolo con forza. L’uomo teneva la cagnolina per la vita e la faceva salire e scendere sul membro come se non avesse peso; A poco a poco il disagio si è attenuato e la cagnolina si è ritrovata a vivere un susseguirsi di orgasmi che l’hanno lasciata fuori controllo, pregando il compagno di non calmarsi.

E la risposta di Nestore non tardò ad arrivare sotto forma di sottomissione del cane ai deliri del maschio, che lo fece sdraiare a quattro zampe sul divano, in bilico su di lei con il bastone puntato in direzione dei minuscoli nudi nascosti nell’armadio. piega tra i glutei. Nestor salivava nella zona e dopo qualche colpo di spazzola spinse forte, scagliando il glande fino a strappare la resistenza dell’orifizio, avanzando verso l’interno sotto il suono degli ululati isterici del cane che ansimava disperato.

-Tutto! Tutto! FA MALE! È TROPPO SPESSO! – urlò Melina, incapace di sfuggire alle forti mani del personale che la teneva prigioniera nelle loro molestie – MI HAI FATTO IL CULO! SI FERMI, PER FAVORE! VAI PIANO! …, TUTTO! OHHH! OHHH!

-Oh! Divertirsi senza la mia presenza, eh – commentò beffardamente Suzana entrando e iniziando a spogliarsi – Non ascoltare la puttana, no! Cavalca quel culo da puttana che si merita!

Suzana si rimise il dildo e si fermò davanti a Melina, ordinandole di succhiare il dispositivo; Sempre ululando e gemendo, la cagna obbedisce mordendo il bruto e succhiando forte nel tentativo di dimenticare il membro carnoso che le stava lacerando l’ano; Non appena vide il suo arnese scomparire dentro la cagna, Nestor si precipitò ad iniziare una serie di spinte pelviche furiose e profonde ancora con il suono dell’ululato della cagna, che gli impiegò molto tempo per godersi questa violenta schiavitù. Nestor non la fermò, colpendo sempre più forte e più profondo, provocando orgasmi deliranti nella cagna, che non sentiva più il dolore.

-Aspettare! Ora è il mio turno! – disse Suzana mettendo una mano sulla spalla di Nestor, che le diede il posto – PRENDILO, CAGNA! PRENDITI IL MIO SPESSO DILDO NEL CULO!

-Tutto! FA MALE! …, OHHH! MA COSÌ DELIZIOSO! “La cagna ha urlato, sviluppandosi come una vera cagna in calore!

Da quel momento Suzana e Néstor si alternarono nel culo della cagna, che li accolse con ululati e gemiti prolungati, sentendo il suo corpo tremare ad ogni nuovo orgasmo che scoppiava; Ogni volta che avvertiva un possibile brivido in Nestor, Suzana lo spingeva via perché riprendesse fiato, prendendo il suo posto e punendo nuovamente le natiche di Melina, che dopo un po’ si trovava prostrata e dominata dalle reciproche molestie di Susana e Nestor. Alla fine, Suzana ha permesso al bastone di raggiungere l’orgasmo, inondando il retto della cagna con un’eiaculazione torrenziale.

Altre storie erotiche  Storia erotica diretta - Consegnata

Sudata ed esausta, Melina è stata portata nella sua gabbia dove è rimasta inerte fino al mattino successivo, quando è stata scossa dalla Domme che l’ha condotta nella stanza dove stava facendo colazione. “Attento, cagna! A partire da oggi sarai un cane virtuale… farai tutto quello che ti viene chiesto davanti alla telecamera… capito? Suzana assicurò senza concedersi il lusso di guardare la faccia del cane.

“Sì, signora, sì, ho capito,” rispose il cane quasi in un sussurro.

-Eccellente! Se fai tutto bene… ti lascio andare! “Quando devo partecipare, tu chiedi a me… tu chiedi a me, hai capito?

Melina annuì, poi Domme Suzana la condusse in una stanza con dispositivi elettronici per l’accesso virtuale. “Bene, bene! Dai un’occhiata! Hai già un Domme in contatto… Ciao! Dimmi perché sei venuto, amico mio!”, ha commentato Suzana guardando l’enorme schermo al plasma dove una donna nuda con seni esuberanti sorrideva amichevole “Ehi Suzaninha! Che ne dici di infilare un grosso dildo nel culo di quella troia?”

Suzana sorrise mentre faceva scivolare un enorme dildo nero fino alla vita, ordinando al cane di prendere posizione. “Sono pronto, mia signora… ma per favore, io sono… AIII! IL MIO CULO! CHE GRANDE AFFARE! FA SEMPRE MALE! AHHH!”, picchiandolo senza pietà davanti allo sguardo attonito del virtuale ospite. E sempre sotto il controllo di Suzana, Melina è venuta con il grosso dildo infilato nell’ano, ascoltando le urla dello spettatore virtuale e anche il loro applauso.

Alla fine della sessione, Suzana si appoggiò allo schienale di una poltrona mentre Melina si raggomitolò sul pavimento come una puttana rannicchiata e incasinata. Ma proprio mentre la Domme stava per partire, lo schermo al plasma si è riempito di richieste di videochiamate; e tutti hanno chiesto del cane Melina.

– Esatto, cagna! Oggi avremo una giornata molto impegnativa! – commentò Suzana con un tono di ironia e anche di piacere – Vado a tirare su il culo a chi me lo chiede!

E quel giorno, Melina ha fatto da cagna virtuale per soddisfare il desiderio di diverse domme che si sono mantenute in contatto per vederle il culo sbucciato e fasciato da Domme Suzana che non nascondeva l’enorme piacere che provava usando la cagna di fronte a un appuntamento virtuale. pubblico; È stato il primo di diversi giorni in cui Melina si è sentita usata e maltrattata come la stronza che era!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *