Cagna Melina: rivelazioni finali

di | 9 de Dicembre, 2022

Quello che sto per raccontare qui sono frammenti assemblati di una storia non raccontata con Khadija, Melina e una giovane donna innocente e abbagliata di nome Patrícia, meglio conosciuta come Paty e che sono venuta a mia conoscenza attraverso varie fonti, una delle quali è molto speciale. che verrà rivelato alla fine.

Sono passati diversi mesi senza sentire la stronza Melina o Khadija e ho pensato che la cosa migliore che potevo fare era semplicemente dimenticare tutto! Anche il mio amico Jonas è scomparso senza motivo, ricomparendo qualche tempo dopo. Tuttavia, non aveva molte notizie; mi ha raccontato che dopo essere uscita da casa mia, la cagnolina Melina è stata portata a casa di Khadija, che si è presa cura di lei prima di rinchiuderla nella sua prigione per quasi un mese; durante questo periodo, la cagna è stata nutrita e curata per recuperare completamente; Jonas non seppe altro dopo, soprattutto perché Khadija evitò la sua presenza vicino al cane immaginando che potesse influenzarla in qualche modo, per chissà quale scopo.

Un altro amico che era assiduo frequentatore delle vicende che si svolgevano nella residenza del Predator mi raccontò che in alcune occasioni aveva visto apparire la cagnolina Melina come serva; vestita solo di una minigonna che lasciava intravedere buona parte delle sue natiche paffute, pinze attaccate ai capezzoli e tacchi altissimi, circolava tra i presenti offrendo da bere e altro; Questa amica mi ha raccontato che una volta si è avvicinata a una Domme molto bella offrendole da bere.

“Non voglio bere… fanculo quel bel culo… oh!” È quello che voglio! ha risposto a Domme, mostrando il suo dildo oversize; lo sguardo del cane si illuminò e lei annuì; e con sorpresa di alcuni dei presenti (non tutti, ovviamente), la cagnolina Melina portò Domme su una delle pedane laterali dove si trovava una barella di legno e vi salì sopra, girandosi su un fianco e sollevando la gonna; subito il Domme afferrò il suo dildo e dopo aver schiaffeggiato la cagna sul sedere le ordinò di separarli a mani nude, permettendo al Domme di seppellire il suo dispositivo in profondità nel culo della cagna che gemette così forte che finì per richiamare l’attenzione di tutti.

La scena del cane scopato dalla Domme a suon di gemiti e ululati elettrizza l’ambiente, provocando una certa frenesia; altre femmine non nascondevano la loro eccitazione per quello che vedevano e Khadija, ospitata in un luogo privilegiato, mostrava un’espressione mista a una certa eccitazione e anche un po’ di irritazione. La dominatrice ha sbattuto il dildo con enorme vigore, provocando alla cagna orgasmi multipli che non potevano eguagliare la quantità di piacere! Alla fine, la dominatrice ha tirato fuori il suo strumento, ha aperto il suo corpetto, esponendo i suoi seni opulenti, e ha tirato la cagna per i capelli verso di loro, costringendola a succhiarsi i capezzoli mentre contemporaneamente stringeva le pinze sui capezzoli della cagna. E tutto è andato in pezzi in pochi minuti, con la dominatrice che ha voltato le spalle al cane e ha lasciato compiaciuta il recinto.

Fu allora che una cara amica, durante il consueto scambio di messaggi, mi raccontò il resto della storia di Khadija e Melina; ed è successo così: una mattina, il predatore ha portato il cane a pranzare insieme; All’inizio della colazione regnò il silenzio, finché il potente domatore di schiavi iniziò un dialogo con il cane.

-Melina, non so più cosa fare con te! “Ti comporti come una stronza, senza meta, eppure ti ostini a fare la Domme… in fondo, cosa ti aspetti dalla vita?”

-Voglio essere una dominatrice! “Voglio essere così…, come te… voglio imparare ad essere una vera Domme!” Niente bugie o travestimenti…

Le parole pronunciate dal cane commossero profondamente il predatore, che fu colto da enorme sensibilità, sapendo di nutrire in fondo un affetto quasi materno per Melina; ma aveva fatto così tanto che soddisfare il suo desiderio poteva essere un pericolo rovinoso! Khadija fece un respiro profondo, osservando ancora i gesti del cane, e prima di continuare cercò di studiare bene le sue parole.

– Cagna, stai attenta! “Essere una dominatrice di puttane o schiave non è solo un insieme di accessori; è uno stile di vita che scegli e adotti per sempre; alcuni lo vedono come un lavoro per sottomettere uomini e donne che hanno un feticismo per ciò che leggono o guardano pensando che tutto sembri eccitante… ma è più di questo! È una vocazione che abbracci per il resto della tua vita e che ti dà un piacere assoluto!

“Allora, per essere una dominatrice, di cosa ho bisogno esattamente?” chiese la cagna Melina senza nascondere la sua ansia.

Altre storie erotiche  Insegnante di matematica - Racconti erotici

– Prima devi scoprire di te stessa, rispose Khadija, scoprire se hai davvero l’anima di Domme oppure no… e se la risposta è no… allora sei una stronza… , o peggio… , è vaniglia! Non è un grosso problema. Dominare è anche prendersi cura, prendersi cura e proteggere; il piacere della dominazione risiede nel piacere che la cagna prova per appartenere ad una Dominatrice; e il dolore nasce solo quando c’è più sofferenza che piacere…, perché la Domme non poteva prendere il suo cane, o perché il cane non è nato per quello…

-Cos’è la vaniglia? chiese Melina, ancora più curiosa.

-Sono tutti coloro che non fanno parte del nostro universo- rispose il predatore con tono enfatico- In questo universo siamo noi che esaudiamo i nostri desideri e desideri, domando e addestrando i cani in modo che anche loro si sentano soddisfatti. È un rapporto di interdipendenza dove c’è il sesso, ma c’è anche la complicità… tanto per cominciare!

Melina era pensierosa, cercando di capire le parole di Khadija, anche se il predatore pensava che avesse lanciato perle ai maiali. Lo sguardo del cane rivelava un dubbio fascino per qualcosa che credeva di sapere. “Basta parlare! Torna nella tua cella! Khadija ordinò al cane Melina, la cui reazione fu di stupore.

-Ma perché? Pensavo che mi avresti insegnato come essere una Domme! “Se è così… preferirei andare!”

In uno stato di rabbia sfrenata, Khadija si alzò e afferrò la cagnolina Melina per i capelli trascinandola giù dal tavolo sul pavimento; Osservando la tremante nudità del cane, il predatore non esitò ad usare una frusta da stalliere, cominciando a frustare il corpo del cane con immensa furia; Melina ha urlato, pianto, singhiozzato e persino balbettato chiedendo perdono, ma è stato tutto inutile.

Terminata la punizione, Khadija ha afferrato Melina per i capelli e l’ha portata in una delle suite al piano terra nell’ala ovest della casa, dove l’ha gettata sul letto, guardandola gemere mentre si allacciava un grosso dildo e uno spesso . che sembrava un membro maschile era impressionante. Il predatore allargò le zampe del cane, sfiorando minacciosamente la sua tana con l’attrezzo, mostrando uno sguardo estatico.

-Ecco, cagna! Questo è quello che ti meriti,” ringhiò Khadija poco prima di trapanare il delinquente nella caverna della cagna fino a quando non scomparve dentro di lei, “CAGNE COME QUELLE! NON E’ VERO? DICI UNA CAGNA ORDINARIA? RACCONTARE?

-Tutto! Tutto! FA MALE! – si lamentò Melina sentendo le mani della Padrona allargarle le gambe ancora più dolorosamente mentre percuoteva il dildo senza pietà – PERDONAMI! PER FAVORE! PERDONAMI…, OHHH! OHHH! I…, I…, I am…, GOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO long!

-VEDERLO? SEI UNA PICCOLA PUTTANA ORDINARIA – ruggì di nuovo la Domme, schiaffeggiando senza sosta – NON SARAI MAI UNA DOMME! …, E SAI PERCHÉ? … PERCHÉ SEI UNA CAGNA!

Appena terminata la frase, Khadija ha estratto lo strumento dalla vagina della cagna Melina, puntandolo verso l’altro orifizio che è stato subito colpito fino a quando non si è arresa all’invasione del colossale bruto che ha finito per lacerarla, spezzandole tutto il corpo. . resistenza; Melina urlò… e urlò… e urlò… finché non gemette e gemette come una vera cagna in calore. Il predatore non ha cessato le sue molestie, colpendo con tutte le sue forze e deliziandosi con le urla, gli ululati e i gemiti della cagnolina Melina che sembrava consegnata come il vero cane che era.

All’improvviso Khadija rimosse il dildo dall’ano della cagna e la girò sullo stomaco, usando ancora la frusta per sferzare le natiche bianche della cagna che gemevano e gemevano. Khadija ha frustato il cane fino a farlo rimanere senza fiato. “Sei una stronza! Non sarai mai una Domme! Comprendilo e vai avanti con la tua vita! disse il predatore prima di voltare le spalle e lasciare la stanza; In questa stessa notte, Melina è fuggita… o meglio, credeva di averlo fatto, ma è rimasta sola!

Il cane si è rifugiato presso un amico ed è lì che è iniziato il suo piano; ha iniziato vendendosi come domme ai feticisti; ben presto raccolse una buona clientela e anche molto denaro; compra una casa dove ricevi clienti e dove muove i primi passi verso la professione di Domme a modo suo. Giorni trascorsi con appuntamenti orari; uomini più anziani che venivano a inscenare la sottomissione con manette, fruste, maschere e tutto ciò che la cagna poteva offrire; c’erano le richieste più svariate e alcune che divertivano il cane.

Un uomo di settant’anni si divertiva quando lei urinava sul suo membro mezzo pompato e anche quando gli strofinava la cavità sul viso; un altro subì un susseguirsi di frustate che gli lasciarono solchi quasi profondi sul corpo; Tutto questo per Melina era patetico ea lei interessavano solo i soldi. Quello che voleva era qualcosa di più! E la sua indagine era quotidiana; alla ricerca del suo primo cane… ed è così che ha trovato Patricia, o meglio, Paty.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di gruppo - Il primo DP

Patricia era una giovane donna dallo sguardo innocente e abbagliato, con begli occhi sempre curiosi e un sorriso facile e accattivante; Patrícia lavorava in un grande magazzino come Caixa ed è così che Melina l’ha conosciuta ed è stata subito attratta da lei; e conquistare uno come Paty non è stato un compito difficile. Sono bastate poche sporadiche conversazioni, un invito a pranzare insieme e finire con una cena molto sofisticata che ha fatto soccombere Paty al fascino del cane. E dopo cena…, Melina la portò al suo posto dove iniziarono con baci e carezze, finché Melina avanzò ancora un po’, mettendo la mano nei pantaloni di Paty e trovando le sue mutandine bagnate. “Senti, devo dirtelo, è la mia prima volta… con una donna… ma sono pazzo di te!” Paty confessa dopo aver emesso un piccolo gemito quando si è sentito accarezzato dal cane.

Questo era tutto ciò che Melina il cane aveva bisogno di sentire; Senza perdere tempo, ha spogliato Paty nuda, deliziandosi alla vista di seni di media grandezza sodi e intriganti, una pancia liscia e perfetta e un paio di natiche sorprendenti; anche il cane si è spogliato e ha portato Paty a letto dove le ha fatto un bagno di lingua che ha fatto impazzire il suo compagno, che ansimava tra urla e gemiti ogni volta che la lingua del cane le provocava un orgasmo. Successivamente, Melina ha allattato i ciucci di Paty e le ha fatto apprezzare i suoi capezzoli gonfi e sentire il volume dei seni del cane; Rimasero fuori per nove ore e mezza con lo sperma che scorreva dalle caverne alle bocche in una frenesia esasperante.

Certo, Paty non ci ha messo molto a trasferirsi da Melina su richiesta di quest’ultima, che lo ha anche costretto a lasciare il lavoro, promettendo di mantenerla finché sarebbero stati insieme. Pur conoscendo le attività che svolgeva il cane, e dominata anche dal fascino che esercitava Melina, Paty non esitò ad accettare la comune convivenza. Una notte dopo essersi messi alla prova a vicenda con fiumi di orgasmi che scorrevano tra i loro corpi, Melina ha deciso di raccontarsi la verità. – Patty, sai che sono una dominatrice, ma non sai davvero cosa significa, vero? chiese Melina con aria da finta maestra. Patty scosse la testa in risposta prima che il cane chiedesse.

-Non lo so, Melina… ma voglio che tu mi insegni! – rispose Patty, piena di ansia – Farò quello che vuoi… tutto!

A modo suo, il cane Melina ha istruito il suo nuovo compagno, e fin dalle prime lezioni ha cercato di addestrarlo a diventare il suo primo cane. Un’altra notte le regalò una collana con il suo nome, che rese Paty completamente felice; ed è stata anche la prima notte in cui ha provato la sua frusta Domme; e anche sentendo il dolore dei lividi, Paty provò un’indescrivibile sensazione di estasi sessuale ed emotiva.

L’idillio sensoriale è proseguito con uno sviluppo allarmante, dal momento che Paty si è fatta carico di tutti i desideri della cagnolina Melina perché aveva per lei qualcosa di più del desiderio di sottomissione, anche se non si è arreso. reciproco. . La notte in cui ha visto un dildo per la prima volta, Paty non ha potuto nascondere il suo stupore. – Cosa… cosa… hai intenzione di fare? chiese con tono allarmato e ansioso.

-Cosa farò? Vado a scopare il mio cane! “Devi essere mio!” Melina rispose con una sfacciataggine quasi arrogante. Ho bisogno di sapere che sarai una stronza sempre dolce e ubbidiente… adesso… togliti i vestiti e vai a letto!

L’espressione stampata sul volto di Paty rivelava un misto di esitazione e anche delusione… non aveva idea che diventare una puttana significasse essere penetrata in quel modo strano e insolito. Tuttavia, Paty fece un respiro profondo e si spogliò mentre si avvicinava al letto, seguita dalla cagna Melina, che aveva già l’attrezzo giusto per il lavoro avvolto intorno alla vita. Senza troppi preliminari, Melina spinse il grosso dildo nella caverna di Paty, che non poté fare a meno di urlare quando sentì quel falso fallo che le lacerava dolorosamente la vagina; la cagna Melina non nascondeva il piacere quasi sadico di avere Paty, non solo assaporando il momento, ma già immaginando un futuro da falsa Domme.

Altre storie erotiche  Racconto di incesto erotico – Finalmente connessi – Parte 5

Non contenta di aver rotto la vagina di Paty, la cagna Melina ha tirato fuori lo strumento e ha fatto sdraiare il suo compagno a quattro zampe sul letto senza perdere tempo, inserendole il dildo nell’ano senza alcun tipo di preliminare; ed era qualcosa di così spietato e potente che Patty piagnucolava, urlava e piangeva mentre si ritrovava maltrattata dal cane che ora si atteggiava a Domme. Furba, Melina assaporava ogni colpo che dava al sigillo rotto, sussurrandogli dolci paroline all’orecchio.

Alla fine della sua “seduta”, Melina ha portato Patty nel bagno all’interno della gabbia e le ha fatto un bagno confortante, strofinando la spugna calda e morbida su tutto l’angolo e la fessura del suo primo cane. Hanno imboccato Melina, insistendo per spingere il dildo nella vagina di Patty finché non si sono addormentate. L’inizio della pantomima della cagna che si atteggiava a dominatrice era finito. Nel corso del tempo, Melina è andata alla ricerca di altri cani ignari che occupassero il suo canile. E che tipo di donna stava cercando? La mia amica ha detto che è passata da alcuni cani randagi, a donne innocenti e anche bisognose, a strigliare altri cani, ed è stato un suo errore!

Conoscendo questo comportamento di rimprovero che arrivava alle sue orecchie, Nicolás, il Re di Bastoni, non accettò di essere ignorato. Un pomeriggio, uscendo dalla palestra, due uomini muscolosi si avvicinarono a Melina, la spinsero in una macchina e la portarono davanti al Re di Bastoni; Vedendosi di fronte a lui, il cane temeva per quello che sarebbe successo. “Attento, cagna! La tua piccola messa in scena non mi riguarda, ma usurpare ciò che non ti appartiene è più che imperdonabile, pena la punizione che stai per ricevere… dopodiché non voglio più vederti! … beh, se succederà di nuovo, te ne pentirai! disse minaccioso.

Nicholas non ha aspettato che la cagna di Melina schioccasse le dita e si sistemasse sulla sedia per godersi la punizione. “Ciao bionda! Ricordati di me? Il mio cazzo non ti ha dimenticato! disse Samyra, comparendo davanti alla cagna che mostrava il suo membro duro affiancato da Yasmim, che mostrava anche lui un’erezione incredibile. Melina ha cercato di indietreggiare, ma è stata fermata dalle due guardie giurate, anch’esse nude e desiderose di usarla. I vestiti della cagna furono strappati, la buttarono a faccia in su su un tavolo mentre lei riceveva il membro di Yasmim in bocca e quello di Samyra nell’ano, i due uomini le succhiavano, mordevano e percuotevano i suoi seni con una voracità indescrivibile. Non importa quanto urlasse o implorasse, il cane non ne sapeva nulla. non aiuto

Vide poi il Re di Bastoni avvicinarsi con una paletta in mano che poi cercò di usare, colpendo la vagina della cagna con tale intensità che lei urlò di dolore. Ci volle molto tempo per ricevere, alternativamente nella sua bocca e nel suo ano, le membra dure e instancabili di Samyra e Yasmim che a volte dovevano cedere il passo ai due uomini che facevano lo stesso. E il gran finale è arrivato con l’apparizione di Khadija che era nuda e indossava un dildo mostruoso. “Voglio sentirti urlare e implorare, puttana, puttana!” disse, stringendo i denti poco prima di spingere lo strumento nel sigillo anale già rotto, che ora è decisamente aperto!

-Tutto! Tutto! PER FAVORE FERMATI! IL MIO CULO VA – urlò la cagna arrabbiata – PER FAVORE! PER FAVORE! LUI VIENE! OHHH! OHHH!

-Guarda il cucciolo che fa una festa! – commentò Samyra ironica – Quella biondina è proprio una stronza! Vieni Yasmine! Riempiamole la bocca di sperma per vederla così calma!

E quando ha ricevuto i membri in bocca, Melina è stata costretta a ingoiare lo sperma delle due donne trans, mentre Khadija ha aperto ancora di più il suo ano. Sempre costretta ad accogliere i maschi nelle loro tane, la cagnolina Melina, ancora una volta, è stata inondata e imbrattata di seme. “Non voglio saperne di più su di te, puttana!” La tua richiesta non andrà lontano! Stai lontano dalle puttane che non ti appartengono! Questo è l’ultimo avvertimento! predisse il Re di Bastoni prima di ordinare ai suoi uomini di portare via Melina. E se vuoi sapere dove sono finite le disavventure di Melina la cagna, leggi le storie della mia amica Samaraa, a partire da “Melina, la prepotente trasformata stronza”, infatti è stata lei a raccontarmi quest’ultima storia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *