Cagnolino alla cintura.

di | 9 de Dicembre, 2022

Ho un cagnolino e lo porto a spasso quasi tutti i giorni in piazza. Uno dei vantaggi di avere un cane è che spesso le ragazze che normalmente non parlerebbero con te parleranno per il cane.

Così è stato con Clara. Una bella ragazza, 19 anni, in forma, seno piccolo, culo grosso, cosce grosse e un fascino che conquista tutti. La prima volta che l’ho vista indossava leggings neri, un top blu e scarpe da tennis. Siamo diventati amici e lei si fermava sempre qualche minuto per parlare con me e giocare con il mio cane durante la sua corsa mattutina.

È così che ha scoperto che lavoro con TE e quando l’ha scoperto mi ha chiesto un favore, non sapeva quali favori, a volte costano troppo. Il tuo laptop ha avuto un problema e vorresti avere qualcuno di cui ti fidi per risolvere il problema.

Non sono tipo da portare quaderni, ma dato che me lo ha chiesto così gentilmente, non ho potuto dire di no. Il problema era relativamente semplice. Dovevo solo iscrivermi e ottenere alcuni file del sistema operativo. Ha anche chiesto di controllare alcuni programmi, cartelle e file.

Durante questa parte, ho scoperto gli archivi fotografici. Lei con diversi vestiti sexy e nei più svariati possedimenti. Sii sorpreso, ma non essere sorpreso. Che bel corpo. Ho guardato le foto per un po’, ho spento il computer e le ho mandato un messaggio che la riparazione era completa e lei è tornata dicendo che avrebbe voluto che le fosse consegnato il taccuino la mattina dopo.

Così abbiamo fatto. L’altro giorno ho consegnato l’attrezzatura e ho chiesto quanto costava. Ho detto che non era un grosso problema e non c’era bisogno di pagare per la riparazione. Ha detto che era carino e mi ha dato un buon braccio. Ovviamente non ho detto nulla sulle foto.

Il giorno dopo non si fece vedere, né il giorno dopo né i giorni successivi. Dopo alcune settimane, mi ha mandato un messaggio e mi ha chiesto se potevamo parlare sul posto. Ho detto ok e abbiamo preso appuntamento per l’altro giorno.

L’altro giorno sono venuto in piazza e ho aspettato. Gli ci sono voluti circa trenta minuti per presentarsi e questa volta l’ha fatto davvero. Pantaloncini cortissimi, top sportivo, capelli raccolti in una “coda di cavallo”. Si è seduta accanto a me e un po’ timidamente ha cominciato a parlare.

Guarda Adriano, sono molto grato di aver risolto il problema sul mio computer e sono molto grato. Ma so che hai visto delle mie foto, foto comunque… Capisci cosa intendo. Volevo chiederti di non dire a nessuno quello che hai visto. Faccio quello che vuoi, quello che vuoi veramente, quindi non commentare quello che hai visto.

Gli ho detto di calmarsi. Non esporrei mai nulla a nessuno. Non ho niente a che fare con la vita personale di nessuno e tutti fanno quello che vogliono per essere felici. Lavoro con il supporto da molti anni e talvolta, a causa del tipo di servizio che ti fornisco, a volte mi imbatto in situazioni come questa. Ho dovuto promettere di mantenere il segreto e dopo un po’ mi sono sentita più rilassata.

Gli ho detto che era facile creare una cartella crittografata e mantenere le foto o qualsiasi altra cosa volesse più al sicuro. Lei lo ringraziò e ancora una volta gli chiese di tenerlo segreto. Ha detto addio, si è alzato ed è scappato. Non ho potuto fare a meno di ammirare quel corpo perfetto e quel culo da lontano. Si voltò, mi vide guardare e sorrise.

Il giorno dopo è arrivata più serena e felice. Abbiamo parlato di altri argomenti e mi ha subito chiesto se ieri gli ho guardato il sedere. Non ho negato e ho detto che non c’era modo di non guardare.

– Questi pantaloncini corti ti rendono molto bella.

– Sono felice che ti sia piaciuto. Vesti pensando a te.

Il mio sorriso è indescrivibile. Tutte quelle ore di studio sono state ripagate. Non capita tutti i giorni di ricevere un ringraziamento così. Sorrise, si alzò e corse via. Ovviamente si voltò e si assicurò di guardarle il sedere.

È diventata la nostra routine, lei arrivava, parlava un po’ e scappava, ma controllava sempre se stavo ammirando il suo bel corpo. Dopo un po’ le nostre conversazioni si sono fatte più calde e abbiamo anche iniziato a scambiarci messaggi sul cellulare.

Si scopre che ci piacevano molte cose in comune, il BDSM, tra di loro. Ha detto che era molto curioso e che gli sarebbe piaciuto provare. Iniziamo con qualcosa di semplice. Le ho chiesto di inviarmi le foto dei vestiti da palestra e delle mutandine che le piacevano e le ho detto che avrei scelto quello che avrebbe indossato quotidianamente.

È stato un gioco simpatico e divertente. Arrivò sorridendo, disse che era pronta per essere “esaminata” dal suo Maestro, e con molta discrezione si abbassò un po’ i pantaloncini oi pantaloni in modo che potesse controllare le mutandine che indossava. A volte usava quello che gli veniva detto, a volte no. Ha detto che gli piaceva essere “cattivo”, quindi mi ha dato una buona ragione per essere disciplinato.

È così che il nostro rapporto è cresciuto, fino al giorno in cui abbiamo deciso che sarei andato a casa sua. Mi ha chiesto cosa avrei voluto che indossasse. Le disse di indossare una maglietta bianca corta che le coprisse a malapena il seno. Pantaloncini neri e mutandine di pizzo rosa le sono entrati nel culo.

Così abbiamo fatto. Quando sono arrivato a casa sua, ha aperto la porta e mi ha salutato con un grande sorriso. Mi ha fatto entrare e, come ho chiesto, ha indossato la sua maglietta bianca e pantaloncini molto corti, abbracciando il suo corpo, mostrando le sue cosce paffute, il culo caldo e la figa. Era così attaccato che la fessura della fica era visibile nei minimi dettagli. Mi tirò dentro e premette il suo corpo contro il mio. Ci scambiamo lunghi e dolci baci. Le mie mani correvano sulle sue curve. A volte tenevano quel culo duro e caldo, a volte accarezzavano quelle tette dure.

Mi ha trascinato in camera da letto, gettandomi sul letto. Si è seduto sopra di me e abbiamo ricominciato a baciarci. Le ho sollevato la maglietta e ho iniziato a succhiare quei capezzoli vivaci e arrapati.

Ci baciamo con desiderio e lussuria. Le nostre lingue si sono incontrate in una battaglia per il piacere. Le morsi le labbra e le infilai la lingua in bocca.

Mi ha tolto la maglietta e ha iniziato a baciarmi il collo. Giù, sopra il petto, la pancia, fino alla coda. Fa scorrere la lingua nei miei pantaloncini. Lo posò presto, insieme alle mie mutande.

Cominciò a leccare le palle della testolina. Vai avanti e indietro godendoti il ​​sapore e la rigidità. Ben presto si mise la testa in bocca e cominciò a succhiare deliziosamente la verga dura.

Si alzò e la sua bocca si posò sulla mia. Poi ho raggiunto nei miei pantaloncini e mutandine. La sua figa era calda e bagnata. Accarezza la piccola pelle e le labbra gonfie.

L’ho afferrata e l’ho adagiata sul letto. Mi sono tolta la maglietta e mi sono innamorata dei suoi bei seni, che avevo tanto immaginato. Ho morso il broncio e ho stretto forte. Mi sono tolto i pantaloncini mentre continuavo a divagare, godendomi la prima volta.

Indossava mutandine di cotone bianco, con un dettaglio a cuore rosa, un fiocco davanti e un po’ sformato, bellissimo, ma non era quello che aveva chiesto.

– Non hai fatto quello che ti ho chiesto.

Sorridendo, mi ha detto che le piaceva essere cattiva. Le piaceva essere una cattiva ragazza.

– Mi sono seduto sul letto. Con i piedi appoggiati sul pavimento, l’ho messa sdraiata sulle mie gambe con il culo alzato. Dio che bel culo.

Ho iniziato a disciplinarlo con una dura sculacciata sul suo cazzo. Lei gemette e lo ringraziò. Il suo sedere stava diventando rosso. A volte si fermava, ammirava e accarezzava. Il suo culo stava diventando più caldo.

Dopo la sculacciata, l’ho messa in ginocchio davanti a me e l’ho baciata amorevolmente. Le scostai i capelli dal viso e la baciai forte. Lei, da brava ragazza, chiedeva di più. Per aumentare il suo piacere, ho preso una spazzola per capelli di legno dalla camera da letto e l’ho usata come spatola.

Questa volta, la piccola coda tremava ogni volta che la pagaia toccava la sua carne. La coda è diventata sempre più bella. Dopo un po’, ha chiesto di smetterla.

L’ho presa in braccio e le ho tolto le mutandine. La sua figa era piccola e rossa. L’ho baciata e leccata. Quando mi sono sentito pronto. Le ho fatto mettere la figa nel mio cazzo duro.

Il cane sapeva cosa stava facendo. Cavalcava con ritmo e grazia. Su e giù per il mio palo. Deglutire dalla testa al gambo. Le mie mani corsero sul suo corpo. Glutei, schiena, petto e viso.

Le ho tenuto il viso e ci siamo baciati. La puttana cavalcava forte, su e giù, giù, giù e su. Le ho tenuto il culo e ho sentito il ritmo di scoparla con le mie mani. Ha rimbalzato e scopato come una cagna in calore. Aumentando il ritmo, mi ha fatto venire.

Scese da me sorridendo e disse.

– Mmm, adesso esaudirai il mio desiderio.

Così dicendo, andò all’armadio, lo aprì e ne tirò fuori una sottile cintura di pelle nera. Me lo porse e mi chiese di usarlo sul suo culo. Pensavo che si sarebbe messa a quattro zampe sul letto, ma si è sdraiata sulla schiena e ha piegato le gambe. Come nella posizione “pollo arrosto”.

– Voglio guardati in faccia, mentre mi punisci, figlio di puttana!!!

La stronza avrebbe pagato per le sue parole.

Ho iniziato a legare il culo alla puttana. Ad ogni cintura il cane gemeva e chiedeva di più, guardandomi con aria provocante. Mi ha entusiasmato e mi ha incoraggiato a usare più forza con ogni spinta.

Il vagabondo iniziò a piangere sommessamente. Mi sono fermato un attimo, gli ho accarezzato il cazzo e gli ho ordinato di ringraziarmi per la mia disciplina. Fece come le era stato detto.

Ho messo un dito nella fica fradicia e ho iniziato a penetrare i movimenti. Il vagabondo gemette e tremò. Poi metto un secondo dito. La cagna geme di piacere.

Ho tirato fuori le dita e ho sculacciato il culo e la figa della troia. Poi ho ripreso la penetrazione con le dita. Il cucciolo si è divertito molto per lunghi minuti e ha chiesto di venire. Ovviamente ho negato. Non meritava ancora questo privilegio.

Ho ritirato le dita e l’ho girato. Metti la testa contro il letto, le gambe unite e la coda in alto. Ho preso la cintura, l’ho ripiegata e l’ho schiaffeggiata con forza sul sedere scoperto. Il suono del cuoio che puniva la sua carne era un piacere da ascoltare. Senza indugio, gemette ad alta voce. La sua coda stava diventando più rossa e più dolorosa.

Le ho accarezzato il culo e la figa. Ho premuto forte il mio membro contro l’ingresso della figa e ho giocato con il cazzo all’ingresso della figa, poi l’ho messo all’ingresso del culo e ho continuato a strofinare e strofinare. Il vagabondo era delirante.

Mi sono fermato per un momento e le ho sculacciato il culo caldo, poi ho spinto il mio cazzo duro nella sua fica e ho continuato a schiaffeggiarla e sculacciarla lentamente. Ho continuato a martellare quella figa calda e poi mi sono ricordato di qualcosa che mi ha confessato durante le nostre conversazioni.

L’ho girata sulla schiena e le ho messo le mani sul collo, l’ho stretta e ho ricominciato a martellarle la figa.

_ Quindi stronzo, mangia la tua bambina, mangia delizioso. Parlava mentre soffocava.

Spinse e colpì forte. La cagna ha forzato il suo petto contro il mio sesso, spingendo la figa contro il mio pene. Più mi eccitavo, più la mia verga entrava in profondità nella sua fica.

Era gustoso, ma potrebbe essere migliore. L’ho tirata fuori dal letto, con i piedi appoggiati sul pavimento, sdraiata sul letto, il culo per aria. Ho preso la lunga cintura, l’ho annodata e gliel’ho messa intorno al collo e le ho dato un pugno nella figa di Pika Pine.

Più colpiva, più tirava la cintura. Il bastone aumentava e io acceleravo i movimenti di penetrazione. La puttana sudava e gemeva. Mi chinai sul suo corpo e le mordicchiai la schiena. Con difficoltà perché la cintura gli era stretta intorno al collo, disse:

– Accidenti, accidenti, molto bene. Fanculo questa puttana a cui piace darsi la figa.

Ho giocato e ho giocato, ho giocato e ho giocato. Tirai la cintura così forte che per poco non cadde dal letto. Per molto tempo ho sentito che si sarebbe divertito, ho messo tutto il mio peso sul suo corpo e l’ho tenuto per le spalle e ho aumentato la frequenza delle trazioni. Ho slacciato la cintura e sono entrato duro. In pochi istanti ci siamo goduti deliziosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *