Cambio di abitudine – 5

di | 9 de Dicembre, 2022

da Cesare

Continua… Dopo il mio sogno, dove vedevo la mia amata moglie posseduta da un altro uomo, sono quasi impazzito, soprattutto ricordando il fatto che mi ero eccitato e mi ero masturbato. Non riuscendo a sopportare la pressione, mi sono aperta a Silvia, che mi ha invitata a pranzo con suo marito, dove dicevano di essere liberali, senza crederci davvero, mi ha portato a casa sua per farmi vedere qualcosa…

Arrivati ​​da Silvia, io e André ci siamo seduti sul divano e Silvia è andata a prendere il liquore. Ha versato tre bicchieri e abbiamo bevuto. Quindi lei dice:

– Ora, mostriamo qualcosa in modo che tu non dubiti di ciò che riveliamo.

Accese la TV e inserì una chiavetta USB nel dispositivo. Prese il telecomando e venne a sedersi accanto a noi. Sullo schermo televisivo appare una frase: I NOSTRI MIGLIORI MOMENTI. Da lì è iniziata la proiezione di una serie di fotografie. All’inizio c’erano solo foto di loro due, poi con altri uomini e con l’evolversi delle foto sono diventati più audaci. Foto di Silvia sola solo in lingerie, poi accompagnata dagli uomini visti prima che facesse sesso con loro. C’erano foto di lei che succhiava, veniva pompata, penetrazioni esplicite, sia vaginali che anali. In alcune foto André appariva lisciandosi il proprio membro con le mani, come un semplice spettatore. Anche se guardandolo, era difficile credere a tutto, ma tutte queste scene hanno rovinato la mia libido e non ho potuto fare a meno di farmi un’erezione. La cosa non è passata inosservata a Silvia, che ha raccontato al marito:

– Tesoro, penso che abbiamo lasciato Paulo eccitato, guarda com’è duro.

Guardò il mio membro duro e disse:

– Paulo è stato onesto con me, quando ho visto tutte queste foto in poco tempo ho visto sua moglie al posto della mia.

Sono arrossita in quel momento, perché lui poteva leggermi nel pensiero, sì, in diverse foto ho visto mia moglie a casa di Silvia ed è per questo che ero più emozionato. Vedendo la mia esitazione, ha insistito:

– Paulo, nous sommes entre amis, tu consideres ma femme en baiser d’autres et je suis toujours excité quando vedi le foto, non credo nemmeno così presto per supporre che, ouvre-toi à nous, inizi a risentir le même plaisir che io.

Silvia, vedendo che tacevo, disse:

– Paulo, ora ti mostreremo qualcosa che potrebbe convincerti una volta per tutte.

Attiva il telecomando e un video inizia sullo schermo della TV. Rimasi senza fiato, visto che era la stessa Silvia in azione con un altro uomo. Si baciarono e si tolsero i vestiti, presto furono entrambi nudi. Si muove lungo il suo corpo fino a raggiungere il suo membro, dopodiché lo morde. Comincia a livello del glande con baci leggeri e poco a poco la vedo inghiottire completamente questo strumento, che era anche piuttosto voluminoso. Questa visione mi ha commosso troppo, tanto che istintivamente ho afferrato il mio membro e l’ho stretto. Era letteralmente un video porno, dove appariva l’attrice, nientemeno che la mia dipendente più fidata. Ho guardato di lato e lei e suo marito sono rimasti completamente calmi, dimostrando che per loro era davvero naturale. Il video è continuato e lei ha praticato di tutto, vaginale, anale, il suo pene in mezzo al seno che le arrivava alla bocca e tante altre cose che nemmeno immaginavo esistessero. Gemette di piacere ed era perfettamente chiaro che chiedeva sempre di più, usando un vocabolario poco femminile. Il video aveva movimento, quindi era ovvio che qualcuno stava filmando, a un certo punto André stava filmando, ci punta la telecamera e dice con un sorriso:

– Questa mia cagnolina è fantastica perché è birichina e buonissima.

Questa affermazione mi ha quasi fatto piangere, poiché mi sono ritrovato invece a dire la stessa cosa sulla mia amorevole moglie. Potevo solo impazzire, non c’era altra spiegazione. Guardo la TV e sento Silvia dire nel video:

– Vieni uomo arrapato, riempimi la bocca con il tuo sperma caldo.

L’uomo che ha fatto sesso con lei le toglie il membro dalla vagina e se lo mette in bocca. Si masturba mentre lei glielo succhia e subito dopo una grande quantità di sperma si riversa nella bocca di Silvia. Continuò ad allattarlo finché non rimase più una goccia da sorseggiare. Quando ebbero finito si baciarono sulle labbra con piacere. Non appena questo video è finito, ne è arrivato un altro, ora era con due uomini, è pazzesco. Non ce la facevo più, la mia eccitazione aveva raggiunto un punto in cui stavo per venire sul posto. Ed è successo quando ho visto i due uomini penetrare Silvia contemporaneamente. Si contorceva, gemeva e chiedeva avidamente di essere mangiata. I due l’hanno riempita con il loro seme, uno in ognuno dei suoi buchi e in quel momento sono venuto, inzuppandomi completamente le mutande e anche i pantaloni, visto che la macchia sulla mia fronte era visibile. Silvia lo vide e disse al marito:

– Amore, penso che fosse troppo per Paulo, non ce la faceva più ed è venuto.

– Amore naturale, ma sono sicuro che nei video pensava a sua moglie invece che a te, giusto Paulo?

Ero completamente rassegnato, non avevo più modo di nascondere le mie intenzioni, quindi ho lasciato cadere le mie ultime riserve e ho detto:

– Hai ragione André, immaginavo Camila invece di Silvia.

“E non andava bene,” chiese a Silvia.

– Sai cos’era, l’avevo già detto, ma ora, vedendoti nei video, è stato totalmente diverso, ho anche una domanda.

– Puoi parlare Paulo – disse André.

– Eri… – Ho ingoiato le mie ultime parole, non volendo essere scortese, ma ho concluso:

– Corno… Sì, è passato molto tempo, dieci anni per l’esattezza.

– Ed è sempre stato così dall’inizio, l’hai preso completamente subito?

– Ammetto che all’inizio è stato un po’ inquietante, ma ho subito assunto questa condizione e da lì rimane solo la felicità.

Rimasi in silenzio per un po’ pensando a come sarebbe stata la mia vita da quel giorno e soprattutto se avessi avuto il coraggio di dire a mia moglie che sono sicuro che non l’avrebbe mai accettato. Ero in questo sogno quando ho sentito la voce di Silvia:

– Sono sicuro che stai pensando a come affrontare la cosa con Camila, vero?

– Maledetta Silvia, sembri una strega, leggi tutti i miei pensieri.

– No, Paulo, è che abbiamo passato tutto questo e per noi il passo successivo è abbastanza prevedibile.

– Allora dimmi, come uscire da questo casino e andare al passaggio successivo?

– Penso che dovrai trovare i tuoi metodi – disse André – ma se vuoi un consiglio, inizia a cambiare le tue abitudini, sei troppo puritano, parli di vagina, pene, ano, sembra addirittura che tu sei ©dic.

– Ma non siamo mai stati uno di quelli che imprecano a casa.

– Non serve parlare a casa, parla con tua moglie, crea intimità con lei, crea complicità con lei, piace a tutte le donne e a dire il vero anche agli uomini. Dimmi una cosa, tua moglie non si è mai lamentata di niente, perché come te fino ad oggi dovevano farlo solo mamma e papà.

– Una volta mi ha detto che è l’unico modo, ma sono cambiata e non ne parliamo più.

– Esatto amico, hai aperto il semaforo verde e non hai capito, eri legato ai tuoi tabù e pregiudizi puritani.

Ho pensato a quelle parole e sono stato d’accordo con lui, sono stato stupido per non aver ascoltato quello che mia moglie stava cercando di dirmi in quel momento. Lui continuò:

– Amico, credi in una cosa, quando una donna non ce l’ha in casa, la cerca fuori.

– Non la mia Camila, è una donna onesta e onesta.

– Non dico che sono andato a cercarlo, ho generalizzato la cosa.

– Silvia mi ha detto la stessa cosa.

Le cose si stavano un po’ schiarendo nella mia mente, ma c’era ancora paura di come affrontare la cosa con mia moglie e ho espresso loro quella paura. Silvia ha detto:

– Fai il resto Paulo, inizia a cambiare il tuo pudore come ti ha detto André, se vuoi imparare un po’ esci con lui per qualche “happy hour”, poi ti farà vivere esperienze da cornuto, ti assicuro che sono Molto bene. Raccontagli anche del tuo sogno della settimana, osserva le sue reazioni, non devi dirgli che vuoi che ti tradisca. Le poche parole che ha detto creano un clima favorevole all’approfondimento dell’argomento, chiedetegli cosa ne pensa di queste coppie a cui piace, anche dite che avete cercato su internet, credo sia un inizio.

Ho trovato la tua idea abbastanza ragionevole, proverei a iniziare da lì. Poi ha detto:

– A seconda della tua reazione, se è favorevole, possiamo provarne una più grande. il nostro approccio, le due coppie si frequentano, si sa, due donne insieme hanno sempre delle confidenze da scambiarsi.

Mi è piaciuta molto quest’altra idea e ho detto:

– L’ho trovato interessante anch’io, usciremo sicuramente insieme.

Silvia spense la tv e ci preparammo per uscire. Uscendo, ho detto ad André:

– Con tutto il rispetto, Silvia è una bellissima donna, complimenti.

Ha ascoltato e ha riconosciuto il complimento dicendo:

– Magari ti inviterò una sera a fargli compagnia André mentre mi diverto con il mio amante.

– Hai un amante?

– Infatti ne ho due fisse da circa cinque anni e altre variabili a seconda della situazione.

Ho guardato André sorpreso e lui mi ha detto con un sorriso:

– Non hai idea di quanto sia avida.

Uscimmo e riprendemmo i nostri servizi. Non ho potuto farne a meno da quel giorno, ogni volta che guardavo Silvia la vedevo nuda. Un giorno guardandola, ho sorriso e lei mi ha chiesto:

– Vedi l’uccellino verde?

– No, ma ti dirò, dopo questa giornata a casa tua, ogni volta che ti guardo ti vedo nudo.

– Ops, guarda l’andamento, in altri tempi avrebbe detto che mi ha visto nudo, adesso ha usato il termine nudo, complimenti.

– Uscire con André mi fa stare bene, mi sento un’altra persona.

– E a casa con Camila, come stai?

– Camminando ieri quando ho sbattuto la gamba sul comodino e le ho dato un forte colpo con una mazza, è andata fuori di testa, ma siamo finiti a ridere insieme a letto.

– Questo è tutto ?

– No, quando stavamo per fare l’amore variava un po’.

– Come è variato, dimmi.

Ho iniziato a contare quella notte. Dopo aver toccato il comodino e aver cagato, siamo andati a letto e ho acceso ancora un po’ la luce in camera da letto, lei è rimasta sorpresa e ha chiesto:

– Vuoi abbassare le luci?

– Vorrei che rimanesse così, un problema per te?

– Assolutamente no, infatti ho sempre voluto un po’ più di luce, ma avevo paura di dirtelo.

– Perché avevi paura?

– Ah, sai, l’unica volta che ho preso l’iniziativa di dire che facciamo solo mamma e papà, hai interrotto la conversazione e chiuso l’argomento, mi sono vergognata a dire qualcos’altro.

Ho abbracciato mia moglie, le ho baciato la bocca intensamente, e lei ha trovato strana la mia irruenza:

– Wow, quale animale ti ha morso oggi?

– Perché?

– È così intenso.

– Ed è cattivo?

– Niente affatto, anzi, l’ho trovato strano.

– Quindi, se è più buono, godiamocelo molto gustoso.

Ci siamo baciati di nuovo e l’ho spogliata nuda. Le passai la bocca sui seni come facevo sempre e lì si fermò, senza andare oltre. Quella notte abbassai la bocca sul suo ventre, baciandolo e leccandolo, come vedevo fare con lei gli amanti di Silvia. Quando ho raggiunto il suo ombelico, mi ha preso la testa con entrambe le mani e ha detto:

– Cosa hai intenzione di fare, tesoro?

– Non ti piace?

– Sì, ma per te va tutto bene, sei sicuro?

– Io non sono mai stato così bravo e tu?

– Wow, adoro il tuo cambio di abitudini.

Ho ricominciato a baciare la pancia di mia moglie ed ero determinato a raggiungere la sua piccola figa, il nome che Andre insiste a usare. Goffamente e non sapendo esattamente come, ho messo la mia bocca sui capelli di mia moglie. Per la prima volta in tanti anni, li ho guardati da vicino. La mia lingua cercò l’ingresso della sua figa, un altro nome per Andre, ma non ero sicuro di cosa fare con la mia lingua. Quando mia moglie ha sentito la mia bocca sulla sua figa, ha gemuto più forte e ha detto:

– Oh, che delizioso.

Quelle parole furono le prime pronunciate durante il sesso in tanti anni di matrimonio, non avevamo mai detto una sola parola e ascoltare mia moglie che parlava era troppo. Non so ancora cosa fare con la mia lingua quando mia moglie mi prende la testa e la dirige esattamente dove devo succhiare. Ha iniziato a muoversi di più sul letto e ho sentito il suo corpo iniziare a tremare. Man mano che il tremito si faceva più intenso, mi premette la testa contro il suo stomaco e ce la tenne lì, quasi facendomi mancare il fiato, poi disse:

– Oh tesoro, sto già venendo… Oh, buonissimo… È così che l’amore mi fa venire così.

Ho continuato a succhiare e leccare finché i suoi brividi non si sono calmati. Sono sdraiato accanto a lei, morendo di caldo. Poi ha detto:

– Una serata di novità, vuoi anche tu qualcosa di nuovo?

– Certo che lo voglio.

Si è messo a quattro zampe e mi ha detto:

– Ora metti tua moglie in una buona posizione, voglio godermela ancora, ora con te dentro di me.

La vista di mia moglie in questa posizione era indescrivibile. Mi sono messo dietro di lei e ho messo il mio cazzo, un’altra parola per André, all’ingresso della sua fica. Ho spinto e presto era tutto in lui e mi muovevo da una parte all’altra. Mi sono tirato fuori un po’ e ho iniziato a spingere più forte, sbattendo la pancia contro il sedere di mia moglie. Ho visto il mio cazzo entrare e uscire da lei e ho immaginato un altro cazzo al posto del mio. Questo pensiero mi ha fatto non sopportarlo più e sono entrato dentro mia moglie. Quando capì che si sarebbe divertita, si girò e venne anche lei. Siamo caduti, sdraiati l’uno accanto all’altro, in silenzio, senza scambiarci una parola. A poco a poco ci siamo ripresi e, contrariamente a quanto facevamo sempre, dopo il sesso siamo andati sotto la doccia, ci siamo baciati ed eravamo entrambi nudi. Senza dire niente, ci siamo addormentati.

(Da seguire…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *