cardigan, taglie forti

di | 10 de Dicembre, 2022

I capelli lisci le ricadevano sulle spalle. Bellissimi occhi grigio-azzurri e un sorriso accattivante, proprio come la sua scollatura. Seni rigogliosi e pelle bianca di porcellana. Era la cugina di una delle ragazze del gruppo SUP.

Dopo averla osservata da lontano per un po’, mi sono seduto al suo tavolo, apparentemente per salutare sua cugina. Conversazione vivace, lo ascoltavo sempre ed eravamo soli a tavola.

-Ti piace ciò che vedi?

– Come?, rispondo sorpreso.

-I miei seni… non riesci a staccare gli occhi da loro…

Mi vergogno.

-Scusate. Io… beh, attirano l’attenzione… sono carini…

-Immagina cosa faresti con loro?

– Ammetto di sì.

-E tu cosa faresti? Mi stai pisciando in faccia? Picchiami? Umiliarmi?

-No! Mai! Certamente no! Dove lo hai preso?

– Non è quello che vuoi con una donna grassa? Trattare come spazzatura?

Lo disse senza alcuna traccia di odio sul viso. Forse un po’ di disprezzo.

Non mi piace l’umiliazione. Le donne devono essere ammirate, curate e persino assaporate. Non ne umilierei mai uno.

Rebecca sorrise, come se fosse esattamente quello che voleva sentire.

– Quindi vuoi mettermi alla prova… vero? Sesso occasionale?

Questa donna stava giocando a scacchi con me, e scacchi molto aggressivi… Ho deciso di giocare allo stesso livello.

-Perché no? Potresti non crederci, ma sei una donna molto attraente. Sì, ti metto subito a letto.

Si è soffocato con la cannuccia in bocca mentre succhiava il suo drink.

– Allora, nella scatola?

– Mi hai fatto fare questo.

Quel bel sorriso brillava di nuovo sul suo viso e l’ho adorato.

– Convincimi.

In piedi nel garage del motel, abbiamo aspettato che la stanza fosse liberata. Lì, dentro l’auto, ci concediamo baci intensi. Mi ha morso la lingua. Puzzava.

Le ho stretto il seno per la prima volta. Ho liberato uno dei suoi seni dalla scollatura e le ho pizzicato il capezzolo, desideroso di morderlo. Rebecca geme.

Stavo per abbassare la bocca sul suo petto, ma una luce si accese nel garage, facendoci sapere che la stanza era pronta per noi. Si calmò, aggiustandosi la camicetta.

ci affrettammo, stavo per dire qualcosa ma la sua bocca tornò sulla mia con entusiasmo.

Lingue che si scontrano, si aggrovigliano. Le labbra si sfregano, mordono. Ci siamo rotolati sul letto e ancora una volta ho cercato la morbidezza dei suoi seni.

Gli ho sollevato la maglietta, interrompendo il nostro bacio solo per togliermela. Indossava un bellissimo reggiseno a mezza coppa di pizzo nero, che andò a togliersi. Mi strappai anche la camicia e avanzai sui suoi seni. Succhiato forte, affamato. Ne strinse uno mentre succhiava l’altro, al suono dei suoi gemiti.

Ho sentito il suo capezzolo eccitato, l’ho strofinato con la lingua. Ho morso e tirato, con attenzione.

– Oh… che ricco…

E mentre si stava sfogando, mi ha afferrato per i capelli, attirandomi a sé.

La mano che le accarezzava l’altro seno si spostò sulle sue cosce. L’ho spinta tra di loro, cercando di toccarle il sesso, anche sotto la stoffa dei pantaloncini di jeans.

Ho premuto verso il basso, prendendolo in pugno. In risposta, mi attirò più vicino al suo petto.

Le sbottonai i pantaloncini, li aprii e glieli infilai nelle mutandine. Sentendo i suoi capelli già appiccicosi e palpando, ne scoprii la fonte, una crepa rovente da cui trasudava un liquido viscoso che dovevo assaggiare.

Baciandomi a ogni centimetro, mi abbassai fino a trovarmi faccia a faccia con la cerniera dei suoi pantaloncini. Gli diedi un’ultima occhiata, notando lo scintillio nei suoi occhi. Si morse il labbro in attesa.

Lentamente, abbassai i pantaloncini e le mutandine allo stesso tempo, trovandomi a fissare una ciocca di capelli ben tagliata sopra il punto in cui iniziava la sua fessura. Paffuta, i suoi boccioli erano nascosti tra le sue labbra carnose. Le fighe mi sembrano preziose, meraviglie della natura, ognuna con il suo particolare colore, consistenza e profumo.

Le divaricai le gambe e mi sistemai tra di loro. Ho aperto la sua figa, esponendo la sua fessura e tutto il resto. Leccai, forzando la lingua più che potevo.

– Merda, che bontà!

Sorrido tra me, orgoglioso delle emozioni che la mia pipa suscita. Succhiare la figa è un’arte che molti uomini ignorano.

Mi è piaciuto il suo gusto e ho leccato ogni goccia che ha prodotto. A poco a poco ho suonato il suo campanello e ho iniziato a succhiarla. L’eccitazione l’ha gonfiata e mi ha insultato.

-Idiota! Che lingua deliziosa!

Le punte della sua lingua e dei suoi denti le stuzzicarono la clitoride e la fecero impazzire, facendole dondolare selvaggiamente i fianchi.

-Aaiii… è tuo figlio di puttana. Succhia quella griglia!

Tra succhiate e morsi, la sua agitazione è aumentata, le imprecazioni si sono trasformate in urla e gemiti, poi l’orgasmo l’ha colpita, il suo corpo si è inarcato mentre gridava, poi è crollata sul letto, contorcendosi e singhiozzando. Mi teneva stretta la mano, come se fosse un’ancora, la certezza di continuare ad essere nel nostro universo.

Quando le emozioni del suo arrivo sono passate, lei si rilassa e io mi alzo, vado al minibar e mi verso una bottiglia di acqua frizzante. Gli chiedo se vuole qualcosa e lui risponde:

-Voi.

-Per ora è!

Torno da lei, che adesso è seduta sul bordo del letto. Sono ancora in pantaloncini, se li toglie. Togliti tutto, pantaloncini e mutande e lascia andare il mio membro, pronto per l’azione.

Rebeca mi guarda con i suoi bellissimi occhi azzurri. Sorrido tenendomi il cazzo, sentendone la durezza e inizio a masturbarmi. Posso solo gemere e godermi la tua fantastica bocca.

Mi lecca la testa, manipolando abilmente le mie palle, graffiandomi leggermente di tanto in tanto con le sue lunghe unghie acriliche. Alla fine si mette in bocca l’intero glande e lo succhia. Il calore e l’abilità della sua lingua e la forza del suo succhiare mi dissero che era esperta in questo campo, abbastanza da darmi piacere.

Sono sdraiato sul letto. Mi fa sedere sul bordo e si inginocchia sul pavimento, succhiandomi di nuovo il cazzo. allattato come un vitello.

Sentii il mio cazzo pulsare nella sua bocca, osservai la passione con cui lo faceva, finché cedetti al piacere e chiusi gli occhi, gettandomi sul letto. Ora stava succhiando tutto il membro, o almeno quello che poteva entrare nella sua bocca. A volte lo tiravo fuori per ammirarlo, lo sputavo e mi masturbavo frettolosamente, poi tornavo a succhiarlo.

Direi che è stata una tortura, se non fosse così bello. È stato uno dei migliori pompini che abbia mai avuto.

-Perché… ho chiamato in mezzo ai gemiti che mi faceva.

Il mio cazzo si è gonfiato nella sua bocca e lei sapeva cosa stava per succedere. Le sue labbra si chiusero attorno al suo cazzo e lei succhiò, scatto dopo scatto. Fu solo quando pensò di non avere nient’altro da schizzare che se lo tolse dalla bocca e iniziò a leccarlo per pulirlo, pulendolo in profondità. Mentre passava la lingua sul glande ancora molto sensibile, il suo sesso emise un ultimo sospiro, sputandole in faccia per l’ultima volta.

-Che birichina, disse sorridendo e pulendosi con un dito che poi si leccò.

-Il tuo seme è delizioso. Quanto tempo prima di avere una seconda dose?

– Dipende dal tuo interesse. Come puoi vedere, il secondo non è difficile, i successivi richiedono più tempo.

Infatti il ​​suo cazzo era ancora eretto, amorevolmente massaggiato da lei.

-Lo voglio nella mia figa ora.

-Fammi prendere un preservativo…

“NO!” rispose, stringendomi il cazzo.

-Non capisci, giovanotto. Voglio quella merda su di me, non avvolta in un preservativo…

-In tal caso… ti voglio a quattro zampe.

Immediatamente lasciò cadere il cazzo e si inginocchiò sul letto, sporgendo il culo e appoggiando le mani sul muro.

Ma che atteggiamento paffuto, pensai. Se deve essere pelle, andiamo.

il cazzo è entrato facilmente, perché la sua figa era molto bagnata. Lei si contorceva, accogliendo il membro dentro di sé più che poteva, perché, essendo un culetto piccolo, non riusciva a prenderlo fino in fondo. Nello specchio potevo vedere i suoi seni ondeggiare a ogni spinta. Una bella foto.

– Ti piace vedere, vero? chiede Rebecca.

-Mi piace!

Afferra il cellulare dalla testiera del letto e molto velocemente gli scatta una foto allo specchio.

– In modo che tu ricordi.

“Sto già accumulando bei ricordi…” dico, ammirando il suo buco del culo, che guizza mentre sollevo e inserisco il mio cazzo.

Aveva un bel culo e ogni volta che aveva una visuale così privilegiata la voglia di schiaffeggiarla era troppa. Con la mano spalancata, ho dato un pugno forte. Il rumore acuto riecheggiò nella suite.

-Oh! Delizioso! Colpisci di più!

colpisco fino a quando il suo culo era rosso. Gridò di piacere e pronunciò volgarità forte e chiaro.

Smisi di schiaffeggiarla per afferrarle i fianchi con entrambe le mani. Colpire forte e profondo, anche un po’ selvaggio, spingendo i confini della civiltà.

L’ho vista portarsi una mano allo stinco e iniziare a stuzzicarlo. Ho sentito una bella sensazione nel mio pene quando lo ha fatto, come una specie di corrente elettrica.

Non è durato a lungo. Gridò di piacere e le sue braccia si afflosciarono sotto il suo peso, il suo corpo tremò per l’orgasmo. Lei singhiozzò.

Da parte mia, quando l’ho sentito arrivare, non ce la facevo più. Non appena il suo petto ha ceduto, ho preso qualche altra spinta e sono venuto anch’io.

Come voleva, le ho riempito la figa di sperma, che ha cominciato a fuoriuscire non appena le ho tirato fuori il cazzo. Rapidamente, lo raccolse con una mano e se lo portò alla bocca.

Dopo due meravigliose eiaculazioni, mi addormentai per qualche minuto. Mi sono svegliato con la voce sussurrante di Rebeca proveniente dal bagno.

– Nessun cugino. Sto bene, meravigliosamente bene… certo, gli chiederò di portarmi, ma non abbiamo tempo di andarcene da qui… lui è lì a letto a fare un pisolino. .. . Vado… sì, con un pompino… delizioso, ma te lo dico dopo, va bene cugino?… Ti è piaciuta la foto, no… No, che selfie… io’ Non dirò di no, non mandare nient’altro… Oh, cugino, lasciami in pace! Attacca… bacia.

L’ho sentita tornare dal bagno. Cattiva… ha mandato la nostra foto a sua cugina!

Ho tenuto gli occhi chiusi, aspettando che facesse quello che mi aveva promesso al telefono e l’ho sentito massaggiarmi i testicoli. Mi accarezzò teneramente, strofinando le unghie contro la mia pelle.

“Non sei sveglio, vero?” disse dolcemente.

Continuai la mia finta, ma la sua carezza suscitò il membro che si eresse. Ho sentito la sua lingua attraversarlo fino a raggiungere il glande, che si è depositato nella sua bocca. Il calore di lei che avvolgeva la punta del suo cazzo lo fece pulsare e gonfiare e io gemetti. Non si poteva più fingere di dormire.

Ha tolto la bocca ma ha continuato a masturbarmi.

-Così la bomba si è svegliata…

Il pene eretto nella sua mano era pronto per l’azione.

-Chi dorme con tanto affetto?

“Voglio di più…” disse stringendogli il cazzo e facendomi gemere ancora.

“Sdraiati qui…” dissi, accarezzando il letto e mostrandogli dov’era.

Mi alzo e l’aiuto a sedersi. L’ho messo nella posizione del pollo arrosto pensando: “Ora assaggerai il mio cazzo per tutta la lunghezza”.

Fletto le sue gambe, esponendo completamente la sua figa, che sta già trasudando più del suo miele. Resisto all’impulso di cadere nella mia bocca e succhiarlo di nuovo e appoggiare la testa del suo cazzo contro la sua lussuriosa fessura. Ci guardiamo: attesa nei suoi occhi, fame nei miei, desiderio in entrambi. Si morde il labbro quando premo su di lui, forzando la sua strada in un atto continuo finché non raggiunge la fine del suo tunnel. Stretto e ben lubrificato, mi dà il massimo, ma non è tutto. Guido con forza, facendo oscillare i suoi seni a ogni spinta. Inizia un bel botta e risposta ei suoi gemiti riempiono di nuovo la stanza.

Capriccio negli attacchi, dando il depositato alla fine e costringendo più penetrazione. Rebeca urla quando succede e inizia a singhiozzare. Sono divertito da questa battuta d’arresto ed entrambi ridiamo della situazione.

-Vuoi che mi fermi? chiedo, preoccupato per lei.

– No… rallenta un po’… fammi respirare…

Lei singhiozza ancora e ancora noi ridiamo.

Comincio a tirare fuori il cazzo finché non rimane solo la testa e lo inserisco lentamente fino a toccare il fondo della sua figa. In questo ritmo, guardo il suo viso, le espressioni che fluttuano su di esso: il momento in cui i suoi occhi si restringono, in smorfie di piacere, o quando si allargano mentre mi guarda. Bellissime sfere blu che ingoiano la mia anima. Si morde le labbra, finalmente, si mette il dito in bocca e morde anche quella.

Scosse nervosamente la testa da una parte all’altra e imprecò contro di me.

Ho sentito la figa stringersi sul cazzo, ho capito che stavo per venire e allora ho accelerato ancora di più la nostra scopata. Penso che sia servito anche da monito.

-È delizioso ! Goditi il ​​tuo cicciottello! Divertiti! Idiota!

Non so come sono riuscito a schizzare di nuovo così tanto sperma. Il mio cazzo si è gonfiato dentro di lei ed è venuta anche lei, eravamo entrambi così eccitati. Rebeca rise e pianse allo stesso tempo. Mi prese tra le gambe e urlò, inarcandosi per lasciarlo cadere sul letto.

Ho ritirato il membro del suo sesso, cercando una posizione comoda per riprendermi dal mio stesso orgasmo ed è stato come togliere un tappo. Lo sperma uscì abbondantemente dalla sua figa e come l’altra volta, andò a prenderlo con la mano e se lo mise in bocca. Del tutto involontaria, immagino, commenta pacatamente:

-Hmmm… al cugino piacerebbe…

-Che cosa?

– Niente, non ho detto niente!

-Oh… hai detto di sì e ora voglio sapere…

-No! Lascia andare. Dimenticare ! non ho detto niente!

Pensando di potermi distrarre dall’argomento, si è allungato per leccarmi e succhiarmi il cazzo, dopo averne di più, ma so benissimo quello che ho sentito. Suo cugino era un altro a cui piaceva il sapore dello sperma e lui era decisamente molto interessato a questo. Il pensiero di Michelle che mi succhiava il cazzo come stava facendo Rebecca in quel momento mi eccitava chiaramente e questo si traduceva nella durezza del cazzo nella sua bocca.

Mi guarda dritto in faccia e tenendolo in mano mi chiede:

– Posso averne un altro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *