C’è chi comanda e chi obbedisce

di | 9 de Dicembre, 2022

da Cesare

Una cosa è fatta, come regola generale cresciamo sotto l’influenza dell’ambiente in cui viviamo, dove siamo cresciuti e con cui portiamo valori e principi. Per me non è stato diverso, sono nato e cresciuto in una famiglia evangelica, praticando con fervore i precetti del bene e del male. Dicono, ma non so se è vero, che un uomo, per sposarsi, cerchi una donna che sia lo specchio di sua madre. Nel mio caso è stato così, perché Nádia, mia moglie, è esattamente uguale a mia madre. Non parlo dell’aspetto fisico, ma del modo di essere, della personalità. In casa era sempre mia madre a dettare le regole, dicendo cosa, come e quando bisognava fare le cose. Mio padre, da parte sua, si sottometteva a questa situazione, dicendo amen a tutto ciò che la mamma diceva o faceva.

Ricordo bene che in diverse situazioni dissi che dovevo andare e mio padre, quando gli chiesero dove stesse andando, gli diede semplicemente la risposta: per occuparsi degli affari della chiesa. In queste occasioni restava fuori tutto il pomeriggio, a volte anche di notte. Quando ciò accadeva, mio ​​padre diceva:

– Quanto tempo ci è voluto, cara.

– Molto evangelismo caro, sono stanco morto.

Se da una parte c’era quel rapporto di totale autorità e subordinazione, dall’altra non posso negarlo, i miei genitori erano una coppia felice, non ho mai assistito a una discussione seria tra loro, anche perché mia madre non me lo permetteva . lei ha semplicemente detto:

– Hai tutto il diritto di pensarla diversamente, ma facciamo a modo mio, ok?

Come dicevo, mia moglie è totalmente come mia madre: prepotente, con una forte personalità e poco incline a spiegare. Io a mia volta, specchio di mio padre. Non dirò mai che mi ha tradito, perché uscire con lei mostrava il suo modo di essere e non ne ho mai discusso, anzi, l’ho accettato volentieri. Diverse volte sono venuto per un appuntamento e lei non era a casa. Mia suocera era dispiaciuta per me, ma non aveva niente da fare, la sua dedizione agli affari della chiesa era incondizionata. Molte volte sono anche uscito di casa perché la mia ragazza non era arrivata. Chiamare al cellulare era impossibile, non rispondeva e la scusa era sempre la stessa: partecipare al gruppo di studio.

Un sabato, stanco di aspettare, decisi di andare in chiesa. Quando sono arrivato, ho cercato Nadia, ma quel giorno nessuno l’aveva vista. Ero incuriosito, ma non ho detto niente e me ne sono andato. Il giorno dopo, senza molta convinzione, gli commentai:

– Ieri sono passato in chiesa e nessuno ti ha visto lì.

Diventò rossa, quasi schiumante di rabbia ed era energica:

– Che succede ora Celso, mi seguirai ovunque per sapere dove sono o no?

– Non è amore, pensavo saresti rimasto sorpreso.

– Beh, non farlo mai più, non ho bisogno di quel tipo di sorpresa, ma se questo è il tuo comportamento d’ora in poi, possiamo fermarci qui, perché non lo accetterò.

– Calmati amore mio, non devi arrabbiarti, giuro che non lo farò più.

Siamo usciti insieme per cinque anni e non siamo mai progrediti nel sesso, uno perché le mie convinzioni non lo permettevano e l’altro perché anche Nádia la pensava allo stesso modo. Non c’era mai stato niente di più intimo tra noi, nemmeno le carezze più ardite sotto i vestiti. Quando ci sposiamo, andiamo in luna di miele. Due vergini, senza alcuna esperienza di come sarebbe stata la nostra prima notte. Ero totalmente insicuro, ma non mi sentivo allo stesso modo per la mia attuale moglie. Ero già sdraiato sul letto, in pigiama lungo, quando lei uscì dal bagno, vestita con una corta camicia da notte rossa, completamente trasparente. In basso, il broncio duro dei suoi seni maligni pungeva il tessuto fine di questo indumento immodesto. Le mutandine erano minuscole, dove la parte anteriore copriva a malapena il suo imbarazzo e la parte posteriore, quando si girava, solo un minuscolo perizoma che era completamente tra le sue natiche.

Mai senza coscienza ho immaginato una scena del genere, ma non nascondo che, sebbene sconvolto da tanta audacia, mi sono anche commosso, dopotutto, la vista della mia cara moglie quasi nuda ha alimentato la mia libido. Sale sul letto, tira il lenzuolo che mi copriva il corpo e quando mi vede in pigiama dice:

– Ma che diavolo è Celso, che orrendo pigiama, sembra ottuagenario.

Sopraffatto dal suo vocabolario sporco, mi accontentai di balbettare:

– Il nostro amore, che parola orribile, non abbiamo mai parlato così.

Altre storie erotiche  In lavanderia...

– Perché non eravamo sposati, ma ora tutto è cambiato.

– Cambiato come?

– Tutto è cambiato, d’ora in poi sarò la tua puttana.

Ancora una volta non credevo a ciò che sentivo, la mia dolce ed evangelica moglie, così devota ai precetti religiosi, che parlava come una prostituta. Si siede sul mio corpo e mi toglie la maglia del pigiama. Appoggiati al tuo corpo e bacia la mia bocca. Era un bacio totalmente diverso da quello che facevamo durante il corteggiamento. Nero, bagnato e succhiato. Per quanto fossi spaventato, ho preso la notizia e ho lasciato che fosse. Se sono stato sorpreso dal bacio, sono rimasto inorridito da ciò che è seguito. Mi toglie i pantaloni del pigiama e con essi arriva la mia biancheria intima. Ammetto di essere stato inibito quando mi sono sentito nudo davanti a mia moglie, ma ero eccitato e il mio membro era pronto. Senza la minima cerimonia, mia moglie si china e inizia a succhiarmelo, quando mi allontano lei reagisce con fermezza:

– Zitto, lascia che ti succhi il cazzo.

Dio, non poteva crederci, lei non era la donna che conosceva e che frequentava da cinque anni. Temendo una reazione di Nadia, sono rimasta in silenzio e mi sono sottomessa ai suoi capricci, tuttavia, sebbene non credessi a ciò che stava accadendo, ammetto che la sensazione era troppo bella e la mia emozione non era così grande, senza alcun controllo, ho eiaculato velocemente. in bocca a mia moglie, che senza ribrezzo l’ha inghiottito tutto, poi è venuta a baciarmi. Disgustato, ho cercato di distogliere la bocca, ma lei mi ha afferrato la testa e ha scattato:

– Zitto, provalo, è delizioso.

Inviato mi rassegno ai desideri di mia moglie. Anche appena sono arrivato, la mia lunga vita di astensione non ha ammorbidito il mio membro, quindi mia moglie si sposta le mutandine di lato, adatta il mio membro all’ingresso della sua intimità e si siede con una sola torsione. Nonostante fosse totalmente inesperta nel sesso, sapeva che la verginità avrebbe dovuto opporre una certa resistenza alla penetrazione, ma non è successo niente del genere. Era pazza, mi cavalcava come un’amazzone, pronunciando maledizioni abominevoli:

– Merda come piace a me, niente come un cazzo nella figa.

Ha oscillato selvaggiamente e presto è esplosa in un fantastico orgasmo. Si sdraia sul mio corpo, mi bacia la bocca e dice con calma:

– Merda, fantastico, non mi diverto da giorni.

Quando ho sentito queste parole, il mio respiro si è interrotto e non ho potuto resistere:

– Da quanti giorni non mi diverto? E quelle parolacce sono un peccato.

– Il peccato è la puttana che ti ha messo al mondo, è vero, hai sentito quello che ho detto – e si è intensificato – LA CAGNA CHE TI HA PORTATO, dopotutto, ho imparato molto da tua madre cornuta.

– Non parlare così della mamma, è una santa.

– Soprattutto quando succhia il cazzo del pastore.

– Mia madre non lo farebbe mai.

– Smettila di fare l’idiota Celso, io stessa l’ho vista dare il suo cazzo più volte e voglio dare anche il mio adesso, dai.

Era completamente stordito, non credeva a quello che stava ascoltando. Anche mentre ero assorto nei miei pensieri, mia moglie si è messa a quattro zampe sul letto, ha alzato il sedere e ha comandato:

– Forza cornuto, mangiami il culo.

– Non lo farò, è un peccato.

– Oh certo che lo farai, se non lo farai andrò a cercare qualcuno per strada che lo faccia.

Temendo che avrebbe messo in atto la sua minaccia, senza alcuna scelta mi sono messo alle spalle di mia moglie e quando stavo per metterle il membro nell’ano lei ha detto:

— Non asciugarmi il culo, prima leccami il culo.

Impotente davanti a tanta autorità, obbedii e, disgustato, le leccai le pieghe del sedere. Lei stessa si inserì una, poi due dita nell’ano e, sentendosi pronta, comandò:

– Ora puoi indossarlo.

Anche se ero totalmente scioccato da tutto quello che stava accadendo, non riuscivo a nascondere la mia eccitazione e il mio cazzo insisteva per rimanere duro. Volendo soddisfare mia moglie, ho esaudito il suo desiderio e ho cominciato a penetrarle l’ano. Proprio come davanti, anche dietro non ho sentito alcuna resistenza, potrebbe essere che mia moglie abbia già perso la castità anche lì? Con me tutto penetrato dall’interno, mia moglie si sguazzava come una prostituta nel caldo. A volte si fermava un attimo e sentiva il mio membro schiacciato dal suo sfintere, provocandomi una sensazione indescrivibile e diceva:

Altre storie erotiche  sega inaspettata

– Senti come ti mordo il cazzo con il culo.

Questa follia totale ci ha portato all’estremo del piacere ed entrambi siamo entrati in estasi. Ricostruito con piacere, volevo parlare di tutto quello che era successo, ma mia moglie è stata irremovibile, ha detto che aveva sonno e che stava meglio dormire.

La mattina dopo abbiamo ordinato la colazione in camera, avevo bisogno di conoscere tutta la verità, che era dura e crudele:

– Merda Celso, forse per molto tempo non si era capito che tu fossi il cornuto.

– Ma amore, cosa intendi, e tutto quello che abbiamo imparato in tutti questi anni in chiesa?

– Smettila di fare lo sciocco Celso, ci sono tante sorelle come me in chiesa, l’unica differenza è che alcune lo nascondono ai mariti, a differenza di tua madre e di me.

– Cosa intendi con mia madre?

– Mio innocente cornuto, tuo padre sa da molti anni di essere un cornuto e presume con calma, dopotutto, chi si prende cura della tua casa?

– Ripensandoci, mio ​​padre fa sempre quello che vuole mia madre.

– Tua madre mi ha sempre detto che sei come tuo padre, ti piace essere comandato e obbedito, per questo il nostro matrimonio sarà così, io comando e tu obbedisci, altrimenti lui finisce qui in luna di miele.

Non ho avuto alcuna reazione contraria ai suoi desideri e mi sono sottomessa a quanto stabilito dalla mia amata moglie. In realtà ho sempre avuto la tendenza a obbedire, non era adesso che cambiavo.

La nostra luna di miele è stata su una spiaggia del nord-est e dopo colazione abbiamo deciso di goderci il sole e il tepore della spiaggia. Quando mia moglie ha messo il bikini sono quasi caduta, un perizoma che l’ha praticamente lasciata nuda:

– Mio Dio Nadia, fai vedere tutto!

– Cosa c’è che non va, sciocco, non hai visto come le donne indossano i bikini qui su questa spiaggia, non sarò diverso.

Quando siamo arrivati ​​in spiaggia, ho potuto vedere che molte donne indossavano bikini molto audaci, come quello di mia moglie. Gli uomini fissavano avidamente questi corpi nudi e lei non era diversa rispetto a mia moglie, diversi uomini flirtavano spudoratamente con lei, che si abbinava spudoratamente.

Ce n’è uno che ha attirato di più l’attenzione di mia moglie. Un giovane mulatto, dal corpo muscoloso, la pelle luminosa sotto i raggi del sole e un costume da bagno bianco ridicolmente piccolo, dimostrando di possedere un bellissimo attrezzo, che mia moglie ha notato:

– Guarda che cazzo ha questo mulatto con le corna, dev’essere un piacere sedersi su questo tronco.

– Ascolta, rispetta Nadia, sono tuo marito.

– Mio marito sì, ma cornuto, non dimenticarlo mai.

Detto questo, si alza e dice che va a nuotare. Quando si è alzato per accompagnarla, lei ha detto di no, perché doveva aspettare lì. Cammina rotolando verso il mare e incrociando il mulatto, gli lancia uno sguardo e un sorriso, quanto basta perché lo segua.

Sempre sulla sabbia, si avvicina a mia moglie ed entrambi si incamminano verso il mare, una volta in acqua, giocano entrambi come vecchi amici, uno schizza l’altro. Si immergono e quando emergono, si attaccano insieme. Sono inorridito da quello che vedo dopo, si baciano spudoratamente, come una coppia innamorata. Da dove mi trovo ho una visione parziale di quello che sta accadendo nell’acqua, ma era molto evidente quando mia moglie prende con la mano il membro del mulatto e lo accarezza. Dopo tanto tempo mia moglie esce dall’acqua portando con sé il mulatto. Quando si sono avvicinati, lei lo ha presentato:

– Amore, è Heitor, che brava persona, tanto che l’ho invitato a pranzo con noi.

Il ragazzo mi tende la mano, lo saluto cortesemente e lui risponde:

– Piacere di conoscerti Celso, tua moglie è una signora adorabile.

Senza permettermi alcuna reazione, Nádia disse:

– Forza amore, ordiniamo il pranzo in camera, così stiamo più comodi.

Tornammo in albergo, mia moglie ed Heitor davanti e io dietro, come se fosse un servitore. Mentre entriamo nella stanza, mia moglie dice:

– Amore mio, prepara qualcosa da bere, fa molto caldo, io e Heitor andiamo a farci una doccia e torniamo subito.

Ho iniziato a dire qualcosa, ma lo sguardo ironico di mia moglie mi ha scoraggiato, quindi ho contenuto la mia indignazione.

I due andarono in bagno e io mi preparai obbedientemente le bevande che mia moglie aveva ordinato. Hanno lasciato la porta aperta in modo che potessi sentire quasi tutto quello che dicevano. Il ragazzo ha chiesto qualcosa che non ho capito, ma la risposta di mia moglie è stata energica:

Altre storie erotiche  Arresto la donna sposata nella metropolitana

– Tranquillo, mio ​​marito ha già assunto la posizione di cornuto, qui sono io a dettare le regole.

Poco dopo aver lasciato il bagno, mia moglie con un asciugamano legato sul seno e Heitor con il suo legato intorno alla vita. L’emozione del ragazzo era evidente quando il suo membro tagliò l’asciugamano. I due si sono seduti sul divano e mia moglie ha inviato:

– Tesoro, puoi portarci i nostri drink?

Da cameriere ho rimesso i bicchieri e mia moglie ha brindato guardandomi:

– La prima volta che il mio cornuto vedrà la sua mogliettina scopare con un altro maschio.

Che situazione umiliante stavo attraversando, ma me lo meritavo, dopotutto era stata così per tutta la vita. Mi sono seduto su una poltrona accanto al divano e ho guardato mia moglie prendere l’asciugamano che copriva il corpo del ragazzo. Appare un membro enorme, duro, lucente e pieno di vene sporgenti. Tiene questo strumento con desiderio, mi guarda e dice:

– Ehi cornuto, è una vera scopata, non quel verme che hai tra le gambe.

Detto questo, mette la bocca sul cazzo di Heitor e comincia a succhiarlo come una capra affamata. Aveva imparato questo mestiere. Ha succhiato la testa, l’ha leccata, se l’è infilata in bocca, l’ha sputata sul suo cazzo, poi ha ingoiato quanto più poteva di quell’enorme bastoncino. Troppo grande, colpendogli la gola, soffoca e saliva ancora di più. Tira fuori il cazzo e vai a leccare le palle del ragazzo, che è completamente rasato. Dedica qualche buon minuto a questa fellatio finché, incapace di sostenere la propria erezione, getta da parte l’asciugamano e si siede sull’asta, che gradualmente scompare dentro mia moglie.

L’abilità con cui mia moglie ha montato il maschio è stata impressionante. Sono decisamente giunto alla conclusione che molto tempo fa la mia adorabile moglie era una puttana oscena, ma cosa fare ora che ero sposato. Era seduto dietro la coppia e aveva una visuale perfetta dell’avanzamento della penetrazione. Mia moglie cavalcava con il suo corpo finché il suo cazzo non usciva quasi da lei, poi si sedeva con tutto, si girava e gemeva:

– Merda, ecco come entrare, diventare un uomo, entrare nella mia figa.

Ascoltare mia moglie ha scatenato in me una reazione inaspettata, ho tirato fuori il cazzo e ho iniziato a masturbarmi, la mia rabbia iniziale ha lasciato il posto a un’erezione incontrollabile. Sono rimasto ancora più sorpreso quando, con un gesto veloce, ha tolto il cazzo dalla sua figa e, con una mano, l’ha messo all’ingresso del suo culo. Lentamente e ritmicamente, si arrende al suo corpo e ne consegue la penetrazione anale, come può gestirla tutta nel culo!

Ettore era completamente a suo agio. Picchia il culo a mia moglie e chiamala per nome

– Maledetta stronza, mostra a tuo marito che stronza sei.

Era troppo per me e non ho resistito, ho finito per venire di mia mano. Mia moglie l’ha preso nel culo e ha spianato la sua piccola griglia così presto è esploso in un fantastico godimento. Quando Heitor ha annunciato che sarebbe venuto anche lui, ha chiesto:

– Goditi il ​​mio culo, riempimi di sperma.

Non ci è voluto molto di più e presto il mulatto ha iniziato a ruggire, sbattendo in profondità nel culo di mia moglie. I due svennero sul divano, finché non ripresero le energie. Quando è successo, mia moglie ha detto:

– E poi amore mio, ti è piaciuto quello che hai visto.

Di fronte al mio silenzio, è stata categorica:

– Rispondi come, hai dimenticato chi è il responsabile?

– Certo che non l’amore, sei stato fantastico.

– “Fantastico, quindi ordina il nostro pranzo.”

Il secondo giorno della nostra luna di miele, ho avuto una dimostrazione di come sarebbe stato il mio matrimonio, ho dovuto prendere una decisione: continuare o meno. Oggi, dopo qualche anno, sono giunto alla conclusione di aver preso la decisione giusta, mantenere il mio matrimonio, perché non saprei vivere accanto a una donna che non mi comanda. È mia moglie che decide tutto in casa, anche quando faremo l’amore. Ha i suoi amanti, con i quali vivo in armonia, dopotutto Nádia è troppo donna per appartenere a una sola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *