Chi ha bocca fa buoni affari finali

di | 9 de Dicembre, 2022

Sono Severus, un ghostwriter, quella persona che scrive per gli altri. Oggi Sônia parlerà della fine della sua trattativa per ottenere l’auto che desiderava tanto e ha lavorato così duramente per ottenere. Buona lettura a tutti.

Ciao, sono Sonia, per chi non avesse letto la prima parte del mio racconto, riassumo, volevo davvero un’auto color ciliegia e un modello specifico. Quando sono usciti i tettucci di questi veicoli, ho pensato di comprarne uno. Però i valori si sono gonfiati molto, per colpa di questa pandemia che ha stravolto tutto, mi ha scoraggiato. Il motivo è che nonostante avessi versato un acconto sulla mia auto, negoziando sconti, ero ancora fuori dalla mia portata finanziaria.

Mio marito non voleva aiutarmi, quindi ha tenuto il mio vecchio veicolo che era in ottime condizioni. Ma, la volevo perché la volevo, aveva addirittura lo stesso modello di macchina in vendita, più altri colori. Dopo averci pensato a lungo e aver ascoltato quella vocina stronza che c’è in tutti noi, sono sceso al piano di sotto per negoziare duramente. Tuttavia, nonostante i miei sforzi come negoziatore, avevo ancora molto da negoziare, e questa volta con il direttore del negozio.

E’ CONTINUATO.

– Ci va Sonia – disse la voce dentro di me mentre mi alzavo e guardavo Joel che faceva una smorfia di pietà e pazienza.

La stanza del direttore era alla fine di un corridoio che iniziava dove i clienti sedevano e aspettavano in morbide poltrone con caffè, tè e acqua prontamente disponibili. Mentre camminavo dal tavolo di Joel alla stanza del direttore, che camminava con calma davanti a me, salutando gli altri venditori con i loro clienti, ho pensato, Joel è davvero pacato.

“Ha solo reso il tuo lavoro più facile”, ha detto quella vocina furba nella mia testa.

– Cosa vuoi dire?, dissi piano.

– Se Joël ha aperto la partita, è chiaro che anche il manager vuole togliersi un cono dalla bocca vellutata – disse silenzioso appena entrai nella stanza, molto accogliente, un tavolo semplice più elegante, due sedie girevoli davanti , un piccolo divano per due. Un luogo dove ricevere clienti speciali.

Sorridente e molto amichevole, il direttore ha chiuso la porta dietro di me, ha preso una sedia e si è seduto di fronte a me al tavolo.

– Signora Sônia, Joël mi ha dato la sua valigetta. Hai detto che sei determinato ad accettare un veicolo di un colore diverso dal ciliegio? E’ corretto o ho capito male? “Me l’ha chiesto il manager di nome Mauricio, ho dimenticato di dirlo nella prima parte della storia.

– Egli è. Il mio sogno da consumatore è un’auto di questa marca e colore. Non è per essere scortese, se volessi d’altra parte, avremmo questa conversazione – ha detto.

Sorrise un po’ debolmente prima di parlare – Certo che no, io… – Dato che era senza parole, decisi di scusarmi.

– Scusa Mauricio, sono solo un po’ nervoso, volevo farti capire – dissi sorridendo.

“Nessun problema, mi ha fatto capire che sei una donna di decisione”, ha detto, giocherellando con la tastiera del suo computer per un momento prima di voltarsi verso di me.

– Signorina Sonya…

– Sonia, solo Sonia, per favore – dissi con un sorriso senza mostrare i denti.

-Va bene… Sonia – disse gentilmente.

– Ho controllato il mio impianto, anche se ho dato la commissione di vendita alla signora… – Rapida interruzione del discorso – Mi scusi, a lei… Non bastano ancora le rate per arrivare al suo acquisto di energia? ? ho ragione?

– Esatto – disse semiseriamente – Sembra che i miei sforzi nella trattativa non siano serviti a niente – conclude.

Mauricio ha guardato per qualche secondo lo schermo del suo computer, fingendo di rivedere qualcosa, poi ha detto girandosi sulla sedia – Bene Sonia, non scoraggiarti, non possiamo rinunciare ai nostri sogni. È? Penso che possiamo trovare una soluzione… trovare un accordo migliore. Il sorriso sulle sue labbra era più forte delle sue parole.

Non ci metto molto a pensare e meno a reagire – Allora è possibile concedere più sconti. Stai scherzando? “Mi ha fatto un po’ arrabbiare.

Mauricio non è cambiato, non ho detto che era possibile fare più sconti, ho detto che potevamo metterci d’accordo, perché percepisco anche una commissione sulle vendite, quindi…

– Oh! Penso di aver capito, disse, accasciandosi un po’ indietro sulla sedia, appoggiando le braccia incrociate sulla sua scrivania, che avrebbe permesso una migliore visione della mia scollatura.

Lo sguardo di Mauricio cadde dove si aspettava.

– Quindi questo significa che vuoi anche negoziare la tua commissione? “Cosa?” disse lentamente, sorridendo leggermente.

Mi sembrò per qualche istante che il mio atteggiamento intimidisse Mauricio, mentre sedeva sulla sedia, ma fu un momentaneo ritiro.

“Penso che possiamo arrivare a un accordo vantaggioso per tutti… qualcosa di simile a quello che hai fatto con Joel”, disse, allungando la mano e facendo scorrere la punta delle dita sul mio braccio. .

Fate molta attenzione, è in questi momenti che questa espressione, “Chi tocca il fuoco, finisce per bruciare”, assume tutto il suo significato. Quindi…

– Ti ha detto come è andata la trattativa? Ho chiesto solo per confermare quello che già sapevo.

(Ha sorriso leggermente.) Diciamo che mi ha detto che sei una donna molto determinata e che hai buoni argomenti sulla punta della lingua.

Lo guardai con un sorriso semiserio senza staccare il braccio che stava accarezzando. Sembra che ci sarà uno sconto maggiore se ti faccio anche un pompino? Per questo? ho ragione? “Ho usato la stessa frase interrogativa alla fine che userà con me.

Mauricio si appoggiò rapidamente allo schienale della sedia, guardandomi con gli occhi spalancati. Sei una donna diretta…

Mi sono anche appoggiata allo schienale della sedia parlando senza lasciargli finire la frase – sono una donna diretta, non mi piace fare giri di parole. Se mi chiedi se volevo davvero fare trading in questo modo, ti sbagli. Ma visto che stiamo percorrendo questa strada, che non mi è mai passata per la mente, penso che dobbiamo continuare così.

Ha aperto la bocca per dire qualcosa, ma sono stato più veloce – Tu e Joel dovete pensare che lo faccia sempre. Tuttavia, non sono così, ma ora non mi interessa se ci credi o no.

“Dovrai perdonarmi se la penso così”, ha detto il manager.

– Non mi interessa quello che pensi, in fondo è un fatto accaduto – disse sentendo che stava caricando parecchio l’ambiente.

Il manager rimase in silenzio pensando a cosa dire per un po’. Poi è tornato a giocare al computer per un po’, che è sembrato più lungo di quello che era.

– Senta, signora Sónia – la sua posizione cambierà completamente, era più seria – Il massimo che posso ottenere è quello che è già stato offerto, non c’è modo di abbassare il prezzo per migliorare le trame”, ha concluso, anche se l’ho fatto Non dico niente, mi limito ad annuire, comprendendo perfettamente che era come se avesse detto o niente.

– Vorrei che considerassi uno dei modelli che abbiamo in vendita, con i vantaggi che hai già ottenuto nella tua trattativa, lo terrò, avrai credito per diversi strumenti che non vengono forniti con i veicoli “, Egli ha detto.

Mentre lui giocherellava con il suo computer, ho avuto il tempo di riflettere sulla mia situazione attuale e di riascoltare quella sporca vocina interiore che diceva: Sonia, come hai detto, sei uscita sotto la pioggia, non vuoi bagnarti? più? Sii onesto con te stesso. Sei quasi arrivato con quel cazzo in bocca, le tue mutandine sono ancora bagnate. Sogni di succhiare un cazzo da molto tempo, sono due cose allo stesso tempo, un’auto da sogno e una fantasia che diventa realtà.

E io ho risposto mentalmente “Hai fottutamente ragione”. È stato molto, molto carino e non mi sentivo così sciocco da molto tempo.

– Quindi smettila di essere testarda, non succhiare più quella merda, dopotutto, non capita tutti i giorni di avere l’opportunità di avere due diversi piccioni da testare, infatti, nel tuo caso non sono passati anni – Rimase in silenzio, Potevo quasi sentire una piccola risata.

Sono andato a un leggero sorriso a Mauricio. Mi alzai, la borsa in spalla. “Ci penserò,” dissi voltandomi e dirigendomi verso la porta, in fondo non potevo arrendermi così, anche se lo avessi deciso. Non appena ho afferrato la maniglia della porta, ho capito che questi sono quelli che spingi e chiudi.

– Pensa alla signora Sónia, ma, presto, la promozione dura solo fino a questo fine settimana – Dice il regista.

Aspettando davvero una sua reazione, ho premuto il pulsante che chiudeva la porta. Girandomi lentamente ho cominciato a camminare verso di te – Senti, penso davvero che avrò una macchina ben equipaggiata, lo stesso modello che voglio, ma non il colore – dico seriamente.

Mauricio si limitò a guardarmi in silenzio mentre mi avvicinavo, lasciando cadere la mia borsa sulla sedia, girando intorno al tavolo per mettermi accanto a lui.

– Il cara risposta alla tua offerta di un’altra macchina… è no. E non chiamarla più signora, le dissi girando la sedia dove era seduto Mauricio, lasciandolo davanti a me.

– E allora, trattiamo l’auto che voglio – dissi, sporgendomi un po’ in avanti e sbottonandomi i bottoni della camicetta con una mano, mentre con l’altra appoggiata al bracciolo della sedia, mi indicava i seni.

Il regista sorrise, prendendomi entrambe le mani sulle cosce, lisciandole nei suoi pantaloni – Capisco davvero che non sei una donna facile a rinunciare a ciò che vuoi?

Mi morsi leggermente il labbro inferiore mentre allentavo il fermaglio centrale del mio reggiseno, che praticamente mi liberava il seno, quasi colpendolo in faccia.

Mauricio non ha detto niente, si è limitato ad afferrarmi i seni e ha cominciato a leccarli e succhiarli avidamente.

– Calma. Vacci piano, goloso – gli disse affettuosamente – Puoi succhiare quanto vuoi, ma non forte, fa male, sai? – Ho smesso di spingere di più il mio seno contro di lui.

Non ha smesso di leccare e succhiare i miei seni, ma più lentamente.

– Questa sedia è robusta per due persone? “Cosa? ho chiesto.

– Non è molto – dico senza fermarmi come un vitello affamato che mi allatta il seno.

Lanciai un’occhiata di traverso al divano per due persone che avevo visto entrando.

– Dai, disse, tirandolo per mano.

Lo condussi al divano, spingendolo giù non appena lo raggiungemmo. Così mi sono arrampicato davanti a lui sedendomi di fronte a lui in grembo, tirandogli la testa sul mio seno.

“Così va meglio,” le dissi, bloccando la sua testa dietro il mio collo contro i miei seni.

Mauricio ha detto “Sono d’accordo”, leccandomi di nuovo i capezzoli più che forte e tenendomi entrambe le mani sul sedere.

“Succhiati il ​​polpaccio”, gli dissi.

– Adoro succhiare un seno – disse mentre succhiava e leccava i capezzoli che quasi facevano male per la loro durezza.

Mauricio mi ha leccato ancora un po’ i capezzoli, fino a quando girando la testa, guardandomi negli occhi, mi ha detto “I tuoi seni sono deliziosi da succhiare, né duri né molto morbidi, della giusta quantità, con dei deliziosi capezzoli.

Ronzio. Allora, ti piace succhiare un seno, vitello? – Che cosa ? Disse con un sorriso.

– Sì, lo so, ma non hai voglia di succhiare niente?

Sembrava più malizioso sorridendo – Certo che lo sono.

Poi, in quell’atteggiamento da uomo molto dominante, mi ha lasciato, ha aperto le braccia, se le è appoggiate sulla schiena, dicendo – E allora?

Con uno sguardo tra il serio e il sarcastico, mi alzai. Slacciai la cinghia, slacciai il bottone e aprii la cerniera. Ho messo la mia mano stringendo il suo cazzo. Sorrise solo mezzo serio, aspettando la mia prossima mossa.

Gli tirai su i pantaloni fino alla caviglia lasciandolo solo nei boxer dove si vedeva il rigonfiamento, capii in quell’istante che non potevo inginocchiarmi tra le sue gambe non potevo toglierlo.

“Spostati lì,” disse, spingendosi sul lato del divano e inginocchiandosi accanto a lei.

“Prepotente,” disse beffardamente.

Lo guardai con un sorriso leggermente cinico mentre si tirava le mutande con una mano e si teneva il pene sporgente con l’altra.

Non era un bastoncino come quello di Joel, più piccolo e magro, ma secondo me di buone dimensioni. Pieno di venature sporgenti, che lo differenziavano anche dall’altro, che era liscio.

Lo schiaffeggiai leggermente per qualche istante guardandolo sbavare. A quattro zampe su quel divano, tenendo in mano quel bastone. Gli lanciai uno sguardo malizioso di sbieco, poi mi chinai e gli leccai tutta la testa.

Proprio come ho fatto con Joel, gli ho leccato i lati del cazzo. Quindi ho staccato a morsi la testa e parte di quel bastoncino. Ancora una volta, quando ho chiuso la bocca su quel cazzo, la mia fica pulsava e il mio fluido si riversava abbondantemente.

Come l’altra volta, non potei fare a meno di gemere di piacere, sentendo quel membro duro che mi pulsava in bocca.

Anche Mauricio ha emesso un piccolo gemito quando ho iniziato a succhiargli il cazzo – Huuumm.

Con gli occhi chiusi, ho succhiato lentamente quel cazzo che versava più fluido lubrificante di quello che avevo succhiato prima, il che non mi ha impedito di ingoiarlo tutto.

Alla fine ho lasciato andare il cazzo e ho usato solo la mia bocca, succhiando, a volte masturbandomi con la bocca, altre volte con più voglia.

“Dannazione, che bocca ricca e dolce,” gemette Mauricio.

Mi ha incoraggiato a lavorare di più sulla fellatio, gemendo di piacere, ma anche sapendo che eccita la maggior parte degli uomini, um, um, um, l’ho fatto senza vergogna.

Fu allora che Mauricio, perdendo la vergogna, se ebbe un momento, disse: “Fa ancora schifo. Ti piace succhiarmi il cazzo, non sei una troia succhiatrice?

In risposta, ho confermato in senso affermativo con un “Hum, hmm”.

– Quindi succhia di più. Che bocca esperta, dolce, scopa come un succhiatore gustoso,” disse, lisciandomi i capelli con una mano mentre con l’altra andava a lisciarmi il sedere sopra i pantaloni.

Ho tolto il cazzo dalla bocca per riposarmi un po’ e ho detto – amo succhiare un cazzo – poi ho leccato di nuovo tutto il corpo che sporgeva dalle mutande che indossavo con l’altra mano tirata il più possibile, gemendo – Huumm, gnam, hum.

– Con questa esperienza devi fare molto schifo lì! “Non me l’ha chiesto”, ha detto.

Mi sono fermato e ho girato la testa verso di lui con un sorriso sarcastico. -Sei molto curioso -dissi e continuai- Quanti clienti ci sono su quel divano?

Mauricio mi ha guardato con un sorriso malizioso e ha inclinato la testa all’indietro, ridendo piano: “Nessun cliente ha usato questo divano, sei il primo”, ha detto.

– Non so se ti credo – dissi masturbandomi ancora e strofinandomi sulle labbra quella testina appiccicosa, che aprii tra la punta della lingua e sorseggiando i sapori che uscivano dalla bocca di questa testina § Los .

Il direttore poi mi prese il mento con la punta delle dita mentre girava la testa verso di lui – Esatto, su questo divano nessun cliente faceva affari con me, non così – parlava un po’ sinistramente fluviale.

Ho guardato con una faccia che diceva: non riesco ancora a crederci.

– Dubito che tu abbia mai avuto qualcosa con un cliente, sei un uomo attraente – dissi guardandolo negli occhi.

Si guardò intorno come se qualcuno fosse lì ad ascoltare prima di parlare – Beh, ce n’era uno, ma prima e andammo in un motel, e poi, non era per negoziare, era per altri motivi – sottolineò questo finale.

– Ok – dissi e tornai a mordere quel cazzo.

Mi ha lasciato succhiare per un po’, gemendo e dicendomi che ero un gran succhiatore, che succhiava molto bene. Levigatura senza sosta dal mio culo al mio petto con una mano. Fino a quando non ha parlato ricordando la domanda precedente – Non hai risposto se fai davvero schifo lì?

Non potevo fare a meno di ridere, con il cazzo ancora in bocca, così mi alzai e mi sedetti sui talloni sul divano accanto a lui.

“Curiosità, per l’esperienza che dimostri”, disse.

– Ascolta ora, puoi crederci o no. Sei il secondo cazzo che succhio da quando mi sono sposata, disse con un’alzata di spalle.

Mi guardò scettico. Da quanti anni sei sposato?

– Secondo sì, il primo era di Joel. E sono sposato da più di 20 anni, ho chiuso.

– Ma prima di sposarti, hai dovuto succhiarne diversi, giusto?

Alzai lo sguardo pensieroso. In realtà, non tanto quanto potresti pensare, o avrebbe dovuto fare schifo”, ha detto.

“Non ne ho idea”, ha detto.

– Vuoi continuare con l’intervista o vuoi che ti succhi il cazzo?

Allungò una mano per toccarmi il petto. “Certo che voglio che me lo succhi,” disse, indicando il cazzo trattenuto dall’orlo delle mutande.

“Allora togliti quelle mutande e lasciale appese”, disse.

Mauricio si è tolto subito le scarpe, i pantaloni e la biancheria, si è messo davanti a me ed è venuto portando il suo cazzo alla mia bocca, che ho aperto per riceverlo, già succhiandolo senza pensarci troppo.

Prima ho succhiato avidamente, poi ho rallentato, perché mi stanca la bocca, credimi.

– Wow, che delizia in bocca, succhialo troia golosa – disse tenendomi la testa e spingendo il cazzo un po’ più dentro, però, notò che indietreggiavo da una fermata.

“Con quella bocca, è difficile non negoziare con te”, ha detto.

Anche se mi sono concentrato volentieri su questa pipa, mi è venuta un’idea.

– È saporito? Ti piace la mia allattamento? “Ho chiesto mentre leccavo tutto il sesso.

“Delizioso”, rispose.

– Se è vero, cos’altro possiamo mettere in questa trattativa per l’auto? – chiesi dando dei piccoli succhi alla testa di questo cazzo che batteva come un cuore.

– Ma cosa? chiese con calma e un po’ senza fiato per il piacere.

Ho smesso di succhiare e masturbarmi, ho detto – Ah! Protettore di basamento, tappetini interni, battitacco in alluminio, finiture cromate delle portiere, sai! Ho finito con una bella leccata dalla base alla testa lussuriosa.

Lui non ha detto niente, si è limitato a guardarmi pensieroso per un attimo, mentre gli leccavo la palla e gli succhiavo la punta del cazzo, senza fermarmi a guardarlo, finché non ha detto “Va bene!! Altro…

Lo guardavo ora mentre mi allontanavo, curioso – Altro?

– Queste caramelle possono essere negoziate, a patto che la tua figa entri nella negoziazione – disse con molta calma e maliziosa.

– Oh! – È quello che ho detto.

– Ragionevole, vero? – Che cosa ? Chiedo.

– Fammi pensare un attimo – Mi allungai e gli afferrai il cazzo, succhiandolo più lentamente e ascoltando quella vocina che adesso era più maliziosa che mai.

– Oh! Sonia, sei tutta bagnata, pazzamente eccitata. L’hai già succhiato, goditelo e dagli subito quella fica – Ed era vero.

Smisi di succhiare mentre mi alzavo e mi toglievo le scarpe sbottonandomi i pantaloni.

– Allora controlla? chiese Maurizio.

– Cosa ne pensi? – Mi sono sbarazzata dei pantaloni, lasciando solo le mutandine, che per fortuna erano belle, bianche con il pizzo.

Mauricio unì il suo corpo al mio e iniziò a baciarmi il collo mentre le sue mani mi percorrevano il sedere e la schiena. Ho preso il suo cazzo e ho cominciato a strofinarlo delicatamente attraverso le mie mutandine bagnate nella mia figa palpitante.

Mi allontanai un po’, facendo segno di togliermi la maglietta, ma lui mi fermò: “No, penso che sia molto sexy per una donna in maglietta durante il sesso”.

– Ok, ma posso togliermi le mutandine?

“Me lo tolgo,” disse, chinandosi davanti a me e togliendomi le mutandine dai piedi.

Praticamente inginocchiato davanti a me, fissando avidamente la mia figa liscia, tutta bagnata e aperta come un fiore da tanta eccitazione, ha detto: “Wow, che bella figa.

Senza dire nulla, seppellì la faccia tra le mie gambe, leccandomi la figa con desiderio. Questo ha suscitato un gemito più forte da parte mia.

– Iiiiiiissssss, aaaahhh – gemetti, girandomi un po’ di lato e appoggiando una gamba sul divano, permettendo alla sua lingua di raggiungere più facilmente la mia figa che trasudava molto miele.

Mauricio sapeva come leccare una figa, passando dall’ingresso dove inseriva la punta della lingua fino al clitoride, dove accarezzava con la punta indurita.

La mia figa è sbocciata ancora di più quando ha succhiato anche mentre succhiava.

Le mie gambe tremavano di piacere e stavo per venire quando smise di leccarmi e si alzò.

– Mettiti a quattro zampe sul divano, mi disse girandomi. Obbedisco senza protestare, perché a quattro zampe è la mia posizione preferita.

In ginocchio con le gambe leggermente divaricate sul sedile, le braccia appoggiate allo schienale, ho guardato sopra la mia spalla, guardando il suo viso riconoscente, perché so quanto sia eccitante per un uomo vedere una donna a quattro zampe con la figa tutta sopra il luogo. gonfio da lui, per non parlare di tutto il suo culo.

Mauricio stava dietro di me, strofinando il suo cazzo nella mia figa, non che ne avesse bisogno perché era molto bagnata, più per stuzzicarmi un po’, anche se non ha detto niente.

Con una mano mise la testa all’ingresso della mia fica e con l’altra mi tenne i fianchi, spingendoli in avanti.

Come ho detto, molto eccitato e bagnato, la testa è entrata senza alcun problema e lui è entrato lentamente in me.

Mi ha fatto venire i brividi, quanto ero arrapato, sono quasi entrato in penetrazione, sentendo il cazzo entrare quasi senza resistenza.

Mauricio si fermò solo quando non aveva più niente per entrare.

“Wow, che figa calda e stretta,” disse, più a se stesso che a me. Che con la testa girata in avanti, verso il muro appunto, mi godevo questo momento di avere un cazzo diverso e durissimo dentro di me.

Dopo qualche secondo con tutto il suo cazzo dentro di me, ha cominciato a scopare per davvero, prima dolcemente con un movimento lento, dove mi ha quasi tirato fuori tutto il cazzo, poi l’ha spinto di nuovo dentro.

Nonostante fosse molto arrapata, la sua figa molto gonfia e bagnata, poteva sentire quel cazzo entrare e uscire. Volendo aumentare la sensazione, ho unito le gambe, stringendo così la mia figa. Poi ho sentito di più quel dondolio e ora parlo a un ritmo leggermente più veloce.

– Wow, che figa calda – disse Mauricio che ora mi teneva i lati del sedere con entrambe le mani.

“Beh, mangialo, malizioso che ti prende le situazioni,” disse senza voltarsi.

– Freeloader? Sto negoziando i benefici sulla tua auto, disse, dandomi una leggera pacca sul fondo.

Sentendo ciò, ho riso, spingendo indietro il mio corpo, più forte di quanto mi aspettassi, spingendo il mio cazzo fino in fondo ed emettendo un “Ahi”. Per poi iniziare a cavalcare quel cazzo.

– Allora trattiamo bene – dissi gemendo e ansimando, perché era da tanto che non facevo un esercizio del genere.

– Wow, che donna sexy… – disse il manager premendomi le mani sul sedere, che girava con quel cazzo nella fica.

… Hot twerk, deliziosa cagna – Poi ha finito di premermi le mani sulle natiche.

Come ho detto tempo fa, non ho cavalcato un cazzo così, quindi mi sono stancato – Tocca a te, stronzo, mangia quella figa, fottimi – Ricordando che non era ad alta voce, dato che eravamo in un ufficio e non un motel.

Mauricio è diventato un po’ più veloce, ma ha anche iniziato a stancarsi, perché parlava un po’ senza fiato – Un’altra stronza che mi chiama speculatore.

Guardandomi alle spalle, ho detto: “Non è vero? Stavamo negoziando un pompino e anche tu volevi la figa.

Dando una spinta più forte, che mi ha fatto inghiottire un gemito, ha detto: “Il pompino era per un taglio più grande in macchina, ma la bella puttana voleva più roba, doveva avere anche più benefici”.

Ha preso altri due pugni non così duri prima di dire: “Inoltre, sono un freeloader, non uso le mie abilità sessuali per approfittare di te sporca puttana”.

In fondo ero un po’ offeso, a un livello più profondo, perché non mentiva, aveva succhiato due cazzi e ora stava regalando la mia fica per guadagnare di più scambiando la macchina dei miei sogni. Ma, confesso che ho spesso dimenticato questo fatto, tale è stato il mio piacere.

Poi ha iniziato a spingere un po’ più forte e più veloce. Non ho resistito e ho iniziato a gemere – Oh, oh, oh, oh, gnam, quello… Oh, oh, oh, merda, merda, figlio di puttana… È dolce.

Poi fece diversi colpi veloci e all’improvviso cadde – Non fermarti – gemetti – Accidenti… Fanculo quella fica avida, accidenti… – Gemette.

– Puttana spudorata, ti piace il duro, vero? – Ha parlato con più forza.

– Ohhh, sì… Oh, oh… mi piace un sacco – e non mentivo, mi piace essere fottuto con un po’ di forza – Goditi quella figa che sto per venire – mormorò J sentendo l’orgasmo indurire .

Ed è successo, mi sono morso il labbro per non urlare, ma ho gemito piano di piacere, rabbrividendo in tutto il corpo, stringendo forte le mani contro lo schienale e sollevando il petto.

Lui, invece, mi ha tenuto per la vita e non ha lasciato che il suo cazzo mi lasciasse. Ma è stato bruciato. Quindi, ho spinto il mio corpo in avanti tirando fuori quel cazzo da me e mi sono voltato velocemente sedendomi e cercandolo velocemente con la bocca.

Mauricio non ha nemmeno avuto il tempo di lamentarsi, perché gli ho fatto due o più pompini, quindi ho aperto la bocca, ho tirato fuori la lingua e ho cominciato a fargli una sega per farlo venire dentro.

– Vai a correre nella mia bocca, vieni, disse guardandolo, dammi un po’ di latte, dammi del buono.

Il manager mi ha tolto la mano dal cazzo e ha cominciato a masturbarsi: “Succhia la testa di quella puttanella”, ha detto.

– Me lo succhio – disse mettendosi la testa in bocca e succhiando con piacere.

“Quindi sto per venire,” gemette.

Ho aperto la bocca per fargli vedere il flusso di sperma spruzzarsi direttamente sulla mia lingua, cosa che è accaduta il primo e più forte, ma il secondo l’ha deliberatamente deviato verso il mio viso, dove lo sperma ha colpito e scorreva lungo le mie tette.

Per impedirgli di venirmi tra i capelli, gli ho afferrato il cazzo e ho succhiato quello che era rimasto su quel cazzo, finché non l’ha tirato fuori dicendo – La nostra golosità è abbastanza.

Proprio come ho fatto con Joel, mi sono passato le dita sul viso e sul mento e me le sono portate alla bocca con un sorriso molto sfacciato. Ma prima che uno di noi potesse dire qualcosa, il suo cellulare squillò.

Lo raccolse dal tavolo, indicando un piccolo bagno con una porta a soffietto.

Ho annuito i miei ringraziamenti e sono andato a pulire. Mi lavai la faccia e con un fazzoletto di carta umido cominciai a pulire il mio petto che era pieno di sperma quando lo sentii parlare.

– No, nessun problema, puoi darlo registrazione e IPVA, è un grande cliente. Il problema era se Mauricio poteva gestirlo.

Je suis retourné m’asseoir sur le canapé, croisant la jambe et m’appuyant les bras ouverts sur le dossier du canapé, exposant bien mes dents qui, bien qu’elles ne soient pas tout à fait en place, ont toujours le bec pointé inoltrare.

Mauricio ha riattaccato e si è rivolto a me, ho notato il suo cazzo quasi avvizzito tra le gambe. Il che mi è sembrato un problema per un nuovo ciclo di negoziati.

– Sei molto arrapata Sonia, guarda questa donna con la sua bocca e la figa calde – disse, alzandosi accanto al tavolo.

– Allora ti è piaciuto? Valeva la pena cedere, per così dire, alle mie pretese? – Che cosa ? chiesi con un sorriso soddisfatto.

“È stata una bella trattativa, ne sono certo”, disse, appoggiandosi alla scrivania, come se essere in camicia e senza pantaloni fosse la cosa più normale del mondo.

– È stato? l’ho interrogato. “Non credo che abbiamo finito,” disse, massaggiandomi i seni.

– Così? – chiese mentre disincrociava le gambe, aprendole, rivelando la mia figa ancora una volta aperta e bagnata.

Afferrandomi il seno con la mano sinistra, ho spostato la mano sulla fica, massaggiandola mentre mi mordevo il labbro inferiore.

Dopo essermi bagnata abbastanza le dita, le ho portate alla bocca succhiando – Il mio amico qui può ancora sbavare di più e la mia bocca morbida, come hai detto, è pronta a succhiare ancora di più.

Anche se il suo viso mostrava ammirazione per il mio atteggiamento, non avrei mai pensato di avere il coraggio di comportarmi così. Il suo pene prese vita mentre lentamente iniziava a sollevarsi.

Uscendo da una specie di trance, disse: “Cos’altro dobbiamo negoziare?”

– Non ha senso, disse sorridendo mentre mi massaggiava la figa, voglio la stessa che hai appena dato all’altro cliente.

Mi guardò incuriosito, poi guardò il cellulare sul tavolo, come se il dispositivo potesse rispondergli.

Poi ha votato per me e ha riso – Vuoi lo stesso? Posizionamento e IPVA?

– Perché no? L’hai fatto senza che lui ti succhiasse il cazzo”, ha detto.

– Non posso – disse stupito – dovrebbe uscire dalla mia tasca – terminò.

Portandomi la punta dell’indice della mano sinistra sulla bocca, ho chiesto – Ah! Peccato che possiamo iniziare un altro giro di trattative, hai detto che ti è piaciuto molto.

“Sì, ma…” Fece una pausa di qualche secondo, guardandomi con occhi invidiosi. Potevo vedere la lotta che aveva tra arrendersi o meno.

– Ma? Ho chiesto.

Scosse la testa un po’ disperatamente, “Sei una stronza intelligente e allettante.”

Ancora una volta ho ripetuto la domanda – Ma?

Senti, disse un po’ disperato, hai capito che sono sposato. Mi ha mostrato il suo dito con sopra una fede nuziale, che ammetto di non aver notato.

– Sì? Anch’io, a proposito, fino ad ora per te non ci sono stati problemi: stavo ancora parlando mentre mi massaggiavo lentamente la figa.

– Senti Sonia, ok, hai ragione – disse passandosi una mano tra i capelli – Ma se perdo la mia provvigione su questa vendita, va bene, più di quello che chiedi, dovrò pagare di tasca mia, per me va bene, mi costerebbe delle commissioni, sai, e ho delle spese a casa… sai?

Ero di nuovo molto emozionato, come ho detto un anno fa, non mi ero sentito così eccitato e contento. Per anni sono stata fedele e una buona madre e moglie, anche se avevo molte fantasie, in cui credevo come tutti gli altri.

Voleva un altro giro di sesso. Certo sarebbe anche un grande vantaggio avere l’iscrizione e l’IPVA pagate, ma a questo punto del campionato lascerei stare a restituirlo. Poi quel me stesso interiore, quella vocina, ha finito per prendere il controllo.

– Capisco. Hai detto che faccio schifo così bene e che ho una bella figa stretta?

– È vero, nessuno ha mai fatto un pompino come te… Ma… Dovresti strizzarmi molto – disse, ancora in questa lotta interna.

– Oh! Mauricio, non vuoi un altro pompino?… O fottimi ancora la figa? E se è così, oggi non ce la fai più, prometto di tornare un altro giorno – dico sinceramente alzandomi e camminando proprio accanto a lui e tenendo in mano il cazzo che era quasi pronto. Chiuse gli occhi per un attimo provando il piacere di farsi massaggiare il cazzo.

Quando l’ha aperto ha detto – Sonia… Merda, Sonia… Questa è vigliaccheria… Capisci, darti quello che chiedi mi renderebbe stretto, non posso negoziare su questo.

Passai di nuovo il dito sulla mia testa sbavante e mi ritrovai a camminare verso il divano guardandomi alle spalle con un dito sensuale che mi scorreva sulle labbra.

Quando è arrivata sul divano, non era più la Sônia sposata, devota, professionale e obbediente, era un’altra Sônia arrapata, quella che si sentiva una puttana cattiva, che voleva solo più cazzo.

Mi sono fermato, continuando a guardarmi alle spalle, e ho detto: “Va bene, Mauricio, eri un bravo ragazzo. Quindi quale dei due regali che ho ordinato è il più costoso? Sicuramente l’IPVA?

– Sì, certo, la targa…

Gli ho puntato il dito addosso per chiedere silenzio. Vuoi darmi l’IPVA?

– Pane tostato? Ma ne hai avuti tanti – disse incuriosito, perché nella sua testa sarebbe stato tutto gratis.

Tornando da lui sul divano, posando una mano sulla spalliera e con l’altra sollevai la camicetta per esporre il sedere – Niente era un regalo, tutto era una trattativa. E tu, da bravo ragazzo, farai un regalo a IPVA… – Gli ho dato tempo e ho continuato -… E io, in cambio, ti regalo il mio culo. Cosa ne pensi? Vuoi mangiarmi il culo?

Poi se ne andò serio mentre parlava: non posso credere che tu sia così cattiva, Sonia.

Guardandosi alle spalle e contorcendosi lentamente un po’, disse: “Allora, dolce Mauricio, dammi l’IPVA come regalo e io, calda Sónia, ti darò il tuo culo”.

Ridendo piano, Mauricio si è avvicinato a me e si è chinato, mettendo la testa sul mio sedere – Dannazione Sônia, pronta – e dicendo che prima ha iniziato a leccarmi la figa, poi ha iniziato a leccarmi la figa volendo leccare il mio culo lampeggiante sentendo quella lingua calda nel .

“Wow,” gemetti.

Poi Mauricio ha cominciato a passare la mano sulla mia figa appiccicosa, poi sul mio sedere, allargandolo ovunque. Per poi infilarmi il dito allargandomi il culo. Non ci volle molto e lui stava già inserendo due dita, facendomi gemere perché volevo sentire sempre di più il suo cazzo dentro di lui.

– Smettila di torturarmi Mauricio, mettigli il cazzo dentro – chiesi guardandomi alle spalle.

Mauricio si alzò iniziando a sfiorare la mia figa grondante di lussuria con la punta del suo cazzo, coprendola bene.

Poi ha messo la punta all’ingresso del culo che ha fatto l’occhiolino quando l’ho sentito, ho rilassato lo sfintere per facilitare l’ingresso.

Cominciò a farsi strada a forza, sentivo le mie pieghe cedere alla pressione, anche quando ero arrapato, con un culo ben lubrificato che resisteva alla penetrazione. Non ho un culo da anni.

Ha iniziato a farmi un po’ più male di quanto immaginassi – piano Mauricio, piano, era tanto tempo che non prendevo un cazzo così – chiesi tra un gemito e l’altro.

“Va bene,” disse, e con l’esperienza che aveva mangiato il culo, era più aggraziata e dolce.

Anche così, ho allungato un braccio indietro, mettendo la mia mano sulla sua gamba da usare come barriera per andare avanti nel caso si sentisse di più. il dolore.

Poi ho sentito le mie pieghe cedere e qualcosa di morbido le ha attraversate, era la testa del bastone che entrava.

“Ahhh,” gemetti.

– È già andato alla testa – disse Mauricio.

Rimase fermo per un momento, permettendomi di abituarmi un po’, prima di spingermi ancora un po’.

– Oh, Mauricio, te l’ho già detto piano piano che non ho un cazzo in culo da tanto tempo – dissi tenendolo per non gemere ad alta voce.

Per un tempo che non so dire se fu lungo o breve, sentii il cazzo entrare centimetro dopo centimetro, finché parlò, tutto dentro.

Mauricio è rimasto un po’ fermo con il suo cazzo infilato nel mio culo, poi ha cominciato a mangiarselo per davvero, andando e venendo lentamente.

Il dolore svanirà, sostituito dal piacere. “Oh oh oh oh, adesso ci si sente bene,” dissi.

– Il tuo culo è molto stretto e gustoso – mi disse, prendendomi per la vita, fottendomi ora con un po’ più di velocità e forza.

– Sì, sì, mangia, mangiami il culo – gli chiesi, perché era buonissimo. Però ha stretto lo schienale del divano con le mani perché a volte le faceva ancora un po’ male.

– Cadelona, ​​ti piace farti inculare? “Ha detto Mauricio e mi ha schiaffeggiato sul sedere.

“Lo sono,” gemetti. “Volevo sposarti da molto tempo,” gli dissi.

– Sei ancora un cane?

– È oh, oh, l’ho fatto un paio di volte nel passato… Oh, oh… A volte… Oh, buonissimo – ho finalmente ammesso, perché era una delle mie fantasie.

– Perché non l’hai fatto prima, ragazza cattiva? Ho parlato all’infinito di scoparmi il culo.

«Perché a mio marito non piace», gli dissi.

– E ti piace pedinare?

– Mi piace quando sono… Uiiiiii, uuumm… Molto eccitato, come oggi, figlio di puttana – dissi ora con la testa appoggiata sulle braccia, che a loro volta erano appoggiate allo schienale del divano .

“Allora goditi il ​​mio cazzo nel tuo culo, sporca puttana” disse spingendomi più forte facendomi inghiottire un grido più forte di dolore e piacere.

Ho realizzato diverse fantasie sfruttando, oltre al testimone, l’acquisizione dell’auto dei miei sogni.

Sentivo il mio pene scivolare fuori sempre più facilmente, segno che il mio sedere si stava allargando. Ma l’ho adorato.

– Ti voglio scopare sul mio tavolo – disse poi uscendo da me e trascinandomi con sé verso il tavolo, l’uomo dominante ricomparve per qualche istante.

Spinse via le cose con il braccio e mi fece cadere sul tavolo. In questa posizione, ha rimesso il suo cazzo nel mio sperma, ora con più forza, spingendo il mio corpo in avanti ad ogni spinta.

“Figlio di puttana,” disse tra gemiti di dolore e piacere.

Con un po’ di sforzo, sono riuscito a raggiungere la mia figa con la mano e ho iniziato a masturbarmi.

Mi ha mangiato il culo per molto tempo, o almeno così mi è sembrato. Fino a seppellire tutto e ruggire piano, mi ha versato il suo seme nel culo, uscendo poco dopo. Non ho lasciato la posizione per pochi secondi, era ora di tornare a masturbarsi molto.

Dopo aver ripulito e essersi preparata, andò alla porta, l’aprì, tornò nel suo ufficio e chiamò Joel al telefono interno in modo che potesse preparare i documenti per la vendita dell’auto.

Al cancello della concessionaria, dove entrambi hanno insistito per accompagnarmi, Joel ha detto: “Sei stato un negoziatore meraviglioso e duro.

– È stato un piacere fare affari con te, disse Mauricio, non per provocarmi, ma perché c’era più gente nelle vicinanze.

Sorridendo e soddisfatta risposi – Il piacere era tutto per me, credimi.

“Non ne dubito”, disse Joel, guardando di sottecchi il direttore sorridente.

Già in fondo alle scale che portavano al parcheggio dove era parcheggiata la mia vecchia macchina, mi voltai e dissi -come dice un caro amico, niente come unire l’utile al dilettevole- riferendosi alla mia voce interiore.

– Allora hai messo insieme le due cose? chiese Gioele.

– Certo che lo so – Guardandomi intorno per vedere se qualcuno potesse sentire – dissi – Ho realizzato il mio sogno di bere e realizzato alcune fantasie.

– Alcuni? chiese Gioele.

Indicando Mauricio, ha detto: “Chiedigli della nostra trattativa. Mi voltai e mi fermai accanto al mio vecchio veicolo.

Ho visto entrambi. Joel sembrava curioso e un po’ arrabbiato con il suo capo, che a sua volta ridacchiò piano.

Prima di salire in macchina mi ha detto “Hey Joel”, si è rivolto a me e ha continuato: “Ne ho un altro, non ti preoccupare.

– Puoi ritirare la tua macchina nuova sabato, sarà pronta – disse Mauricio.

Ho sorriso, sono salito in macchina e me ne sono andato.

Ho interpretato un’altra fantasia con questi due giovani mercanti, ma questa è un’altra storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *