Chiamami puttana – Finale

di | 10 de Dicembre, 2022

Flávia aveva preso in prestito un vestito e della lingerie e una gran voglia di provocare il marito al massimo. Ha pianificato ogni passaggio, inclusa la musica di sottofondo. Ha scelto un giorno, ha lasciato il lavoro presto e ha lasciato la stanza più ordinata. Quando Reginaldo arrivò, lo accolse con il suo miglior sorriso e un bacio appassionato. Tirò fuori la valigetta dalla giacca, lo portò sul divano e lo bendò. Gli disse di aspettare e corse in camera da letto. Ci sono voluti solo pochi minuti e lei ha chiesto di togliere la benda.

Gli occhi di Reginaldo si spalancarono. Sua moglie indossava un vestito attillato che le copriva le ginocchia, con le calze sotto. Era vestita, bellissima. Aveva sempre riconosciuto la bellezza di sua moglie, ma in quel momento sembrava una donna diversa. La musica romantica suona in sottofondo mentre cammina lungo la passerella, mostrando il suo nuovo look. Reginaldo non aveva mostrato altra reazione che la sorpresa. Era solo all’inizio.

Flavia si avvicinò al marito, chinandosi davanti a lui come per baciarlo, evitandolo beffardamente al momento della sua reazione. Fece oscillare i fianchi da una parte all’altra, lentamente, con un sorriso sul volto che Reginaldo non aveva mai visto prima. Allungando le mani dietro la schiena, sbottonò la parte posteriore del vestito, facendo scivolare la parte superiore verso il basso. Il reggiseno di pizzo è stato mostrato abbracciando i suoi seni medi. Reginald fece un respiro profondo. Flávia si spostò da una parte all’altra finché non fu più vicina al divano, voltandogli le spalle. Chinandosi in avanti, fece scivolare il vestito dal pavimento, rivelando il reggicalze e le mutandine, infilate nelle natiche.

Flávia sentì il petto di Reginaldo alzarsi e abbassarsi con un respiro profondo. Sapevo che andava bene. Nonostante l’insegnamento di Berenice, ha fatto le sue ricerche per dare il proprio tocco alla sua sorpresa. Flávia ballò di nuovo, con movimenti lenti e sensuali, facendo impazzire il marito che la possedeva. Giocava a ingrandire e rimpicciolire quando lui minacciava di toccarla. Vedendo suo marito che cercava disperatamente di toccarla, gli si arrampicò in grembo.

Lei non lo baciò, si limitò a strofinare il suo corpo contro il suo, sentendo le sue mani che le correvano addosso. Lui la stringe nel culo, come lei sa. Si strofina i seni contro il suo viso mentre si stringe la testa e si dimena. I germi si stavano già indurendo, spinti contro il corpo del suo uomo. Gli prese le mani e le tenne aperte. Senza fermare i fianchi, sbottonò ogni bottone della camicia con un sorriso. Reginaldo rimase sbalordito e disperato gettò via la camicia non appena i bottoni furono slacciati. Flavia finisce per baciarlo.

Le sue mani gli strinsero ancora una volta le natiche e lo respinse, costringendolo ad aprire le braccia e poi ad affondare le mani nella cintura. Flávia era divertita dall’espressione disperata del marito, desideroso di slacciarsi il prima possibile, ma costretto ad aspettare i suoi movimenti lenti. Aprì la cintura, i pantaloni e, con la mano affondata tra le gambe, toccò il morbido tessuto della biancheria in contrasto con il rigido rigonfiamento che conteneva. Mordendosi il labbro, Flávia tirò fuori quel cazzo duro dalle mutande. Non era più il freddo giocattolo del suo vicino. Era caldo, pulsante e duro come una roccia a causa sua.

Flavia gettò da parte le mutandine e si dimenò, strofinando le labbra della figa sulla testa del suo cazzo. Reginaldo si contorse, ansimando. Figa gocciolante, ha allineato quel fallo con il suo corpo e lentamente l’ha impalato, gemendo maliziosamente mentre la riempiva. Flavia e Reginaldo gemettero insieme. I suoi fianchi si alzavano e si abbassavano con il suo ritmo. Flavia era ora al comando. Alternava rotolamenti e rimbalzi, guardando il suo uomo respirare, prolungando il suo piacere il più a lungo possibile. Lì aveva già permesso a Reginaldo di abbracciare il suo corpo dove voleva e di baciarlo con tutto il suo desiderio. La lingua di Flávia deglutì quanto voleva Reginaldo. Aveva un buon controllo dei movimenti e quando si sentiva vicina muoveva i fianchi nel modo giusto per provocare la sborra del marito. Prima di venire, strofinò la sua verga dura sul suo corpo mentre lei si contorceva e loro due si unirono.

I due sono rimasti lì per ore a pomiciare.

Erano passati giorni dalla sorpresa di Flávia e tutto sembrava andare per il meglio tra loro due. Reginaldo è diventato un uomo ancora più attento e affettuoso. Nei giorni successivi non fanno più sesso nella posizione di padre e madre, perché Reginaldo chiedeva sempre a Flávia di cavalcarlo. Tutto sembrava andare bene finché Reginaldo non è tornato a casa con un’aria un po’ ostile.

Ha detto che era stanco, aveva appena cenato e si era addormentato. Il giorno dopo, sabato, si è alzato prestissimo ed è uscito. Flávia trovava tutto strano, ma non poteva fare altro che affrontare l’angoscia fino al ritorno del marito. Quando tornò, aveva la stessa espressione del giorno prima.

“Flavia, voglio chiederti una cosa.

“Cosa è successo a Reginaldo?”

chiese Flávia con voce impaurita, anche senza capirne il motivo.

“Perché hai ricevuto quella sorpresa l’altro giorno?”

“Volevo solo sorprenderti.

“Flávia”, Reginaldo fa un respiro profondo, “da dove vengono quei vestiti?

“Cosa hanno quei vestiti, Reginaldo?”

“Rispondimi, Flavia, da dove vengono questi vestiti?

“Te l’ha prestato un amico?”

“Chi è questo amico?

“Non lo sai, Reginaldo. È un amico che ho incontrato di recente?

“Flávia, questo amico è il cane che geme alla nostra finestra?”

“Reginaldo, non parlare così di lei.

“Flávia, esci con quella puttana?”

“Non parlare così, Reginaldo. Lei è mia amica.

“Flavia, la tua amica, si lamenta come un cane perché tutto il palazzo la senta.

“Questo è il tuo problema, Reginaldo, cosa c’entriamo noi?”

“E che m’importa? In condominio stanno già parlando che mia moglie è amica di questa stronza! Tra poco mi chiederanno se sei tu quella che si lamenta nel palazzo. Vedo che mi metti in imbarazzo, Flavia Questo è quello che voglio dire

“Reginaldo, sono tua moglie. Rispettami.

“Ti rispetti, Flavia?

Le lacrime rigarono il volto di Flavia. Non aveva mai sentito suo marito parlarle in quel modo.

“Restituisci a quella puttana quel vestito da puttana e non parlarle mai più.

Piangendo molto, Flávia corse in camera da letto e afferrò i vestiti. Sono scappato. Non ha preso l’ascensore, ma è salito le scale per assicurarsi che nessuno lo vedesse.

Bérénice ha ricevuto Flávia, sorpresa di vedere la sua vicina in questo stato. La condusse al divano e ascoltò il suo sfogo. Bérénice si sentiva triste e arrabbiata nel vedere che la sua amica era così svalutata. Ha fatto quello che poteva. La ascoltò, l’abbracciò e le offrì una tazza di caffè. Le teneva compagnia, lasciandola sola per restare lì abbastanza a lungo da calmarsi. Flávia si calmò gradualmente, finché la porta non si chiuse di colpo.

Reginaldo entra in casa, ignorando Berenice, andando dritto da Flávia.

“Flávia, è ora di restituire i vestiti, andiamo.

Flávia si alza per andarsene, ma Bérénice si frappone tra i due.

“Per favore lasciala stare qui ancora un po’. Più tardi, lei ritorna.

Berenice cerca di essere il più educata possibile, evitando di inasprire la situazione tra i due, ma Reginaldo la ignora.

“Flavia, dai.

“Ehi! Sei a casa mia, non ignorarmi!

“Parlo solo con mia moglie, non parlerò con una puttana.

“Signore, rispettami, non puoi venire a casa mia e chiamarmi così.

La lite tra i due è continuata senza freni. Il cuore di Flávia sprofondò nel vedere due persone a lei così care litigare così violentemente. Non solo, ma Flávia si rese conto di non essere se stessa. Aveva suo marito per controllarla e la sua amica per difenderla quando avrebbe dovuto fare entrambe le cose per se stessa. Tutta questa discussione l’ha fatta riflettere, in questo breve lasso di tempo, su se stessa. La sua vicina aveva delle idee folli, ma lei cercava sempre di insegnarle a essere se stessa, a controllare le sue azioni. e non essere tenuta in ostaggio da suo marito o da chiunque altro. Allo stesso tempo, ho visto questi due sprecare quell’energia in inutili offese e Reginaldo ha parlato con una voce roca come raramente ho visto. Ricordava quanto la eccitasse quel modo sgarbato di parlare. Non voleva sentire questa brutalità usata per offendere i suoi amici, ma diretta a lei. Era il suo desiderio e solo lei poteva realizzarlo.

“Reginaldo, merda, chiudi la bocca!!

Reginaldo e Bérénice interruppero la discussione, con gli occhi spalancati, perché non avevano mai visto Flávia parlare così.

“È un modo per parlare con tuo marito?”

“Era un modo per parlarmi, merda?” Ho fatto tutto questo per te, come ho fatto? hai provato?

Reginaldo tacque un momento. “Scusa, ero nervoso quando ho saputo di te,” disse, a testa bassa. Bérénice guardava tutto, impressionata.

“Fanculo i vicini. Sono stufo. Faccio quello che voglio della mia vita. Bérénice è mia amica e voglio che resti tale. Proprio come voglio restare sposato con te.

Reginaldo taceva, si limitava ad annuire.

“Voi due mi avete reso molto teso con questo litigio. Dovrai aiutarmi con questo.

Flavia abbraccia Bérénice vicino a sé e la bacia sulla bocca. Il bacio è intenso, non lascia reagire il suo vicino. Lentamente, Berenice si ammorbidisce e risponde, ignorando la presenza di Reginaldo. La lingua che le invadeva la bocca mostrava il desiderio di Flavia e Berenice rispondeva stringendole tutto il corpo. Reginaldo osserva, senza parole, la moglie che stringe le mani di Berenice contro il suo sedere, cercando di tenerla stretta. La sua ostetrica è andata al piranha del vicino di fronte a lui. La scena, una volta il suo peggior incubo, ora gli faceva indurire il cazzo. Quando Flávia lo vide, lo chiamò.

Flavia passò la mano su Reginaldo, confermando la sua erezione.

“Ti piace vedere tua moglie trasformarsi in una puttana, vero?”

Reginaldo ansimava, provandosi il cazzo strofinato da Flavia nei pantaloni con una certa violenza. È diventato ancora più duro con il gesto spudorato di sua moglie. Era così forte che non sentì dolore quando lei lo strinse per portarlo contro di sé. Le sue mani le strinsero direttamente il sedere mentre la sua lingua le invadeva la bocca. I gemiti soffocati della moglie sciolsero definitivamente la resistenza di Reginaldo. Le mani possedevano il corpo di sua moglie, afferrando ogni carne a portata di mano. Aveva quasi dimenticato che Bernice li stava osservando entrambi. Lei, a sua volta, osservava con curiosità, per vedere fino a che punto si sarebbe spinto l’istinto della sua amica.

Flávia trascinò Reginaldo alla porta del patio del balcone. Ha lasciato cadere i pantaloncini e le mutandine, offrendo i suoi fianchi birichini a suo marito.

“Dai, Reginaldo, mangiami.

“Non qui, amore mio, andiamo a casa. Ascolta, lasciami andare…

“Mangiami qui, Reginaldo!!! Voglio adesso!!

– Ma padroni, questa non è casa nostra, il vicino è qui..

Voglio anticiparla, Reginaldo. Metti quel bastone in me pronto.

Nonostante la riluttanza, l’erezione di Reginaldo non si fermò. In fondo era grato per l’urgenza di sua moglie, specialmente dopo la deliziosa sensazione di infilare il suo cazzo palpitante nella sua fica bagnata. È arrivato intero in un istante. Iniziò i suoi movimenti lentamente, ma Flávia chiese più forza.

“Sì, Reginaldo. Mangiami!

Reginaldo fu a poco a poco sopraffatto dal piacere, fregandosene che il vicino stesse guardando tutto. Spinse con fuoco, concentrato sul sedere di sua moglie, spingendo sempre più forte.

“Non stare zitto, Reginaldo. Dì qualcosa.

“Sei deliziosa, amore mio.

” Non quello.

” Cosa vuoi ?

“Chiamami puttana, Reginaldo!”

” Che cosa ?

“Chiamami puttana! Faccio sesso davanti a Berenice, davanti alla porta per far vedere tutto il palazzo di fronte. Sono una puttana, Reginaldo. Puttana!”

“Giusto. Piranha! Lavoratrice interinale! Troia! È questo che vuoi? Diventare la stronza del condominio?”

Bernice aveva una mano nelle mutandine, prendendo tutto dentro. Flavia, sentendo il marito parlare con il tono rustico che lei adorava, barcollò. Cullando il suo corpo, gemette astutamente, sentendo i migliori insulti provenire da suo marito. Quando si voltò verso Berenice, sorrise maliziosamente quando la vide masturbarsi.

“Guarda Berenice, Reginaldo. – Reginaldo nota che Berenice si tocca per la prima volta. – Sono più stupido di lei, vero?

“Nessuno è più bastardo di te qui.

Flavia smette di dimenarsi e dondola i fianchi, cercando di ingoiare il cazzo del marito.

“Reginaldo mi batte.

Reginaldo assesta uno schiaffo leggero.

«Combatti da uomo, Reginaldo.

Il suono dello schiaffo che seguì riecheggiò oltre l’appartamento, fu forte come l’urlo di Flávia.

“puttana. Colpisci il tuo piranha!”

Reginaldo schiaffeggiò ancora, altrettanto forte. Rendendosi conto che sua moglie stava per raggiungere l’orgasmo, tirò i capelli di Flavia, spingendo sempre più forte. Flavia gemette sempre più forte, fino a un ultimo lungo gemito. Flávia gettò tutto il suo peso contro la porta a vetri quando sentì il seme di Reginaldo zampillare dentro di lei. Suo marito abbracciò il suo corpo da dietro, cercando ancora di più di resistere. I due erano esausti, abbracciati. Reginaldo baciò la schiena di Flavia finché lei riuscì a girarsi ea baciarlo frontalmente. Fu allora che entrambi guardarono di lato e videro Berenice, che si contorceva con la mano nelle mutandine, dopo il proprio orgasmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *