cibo da ristorante

di | 12 de Dicembre, 2022

Cronache di Casco Viejo 79 – La cucina del ristorante

Uscendo dalla doccia, si avvolse in un asciugamano, il tessuto morbido abbracciava il suo corpo sinuoso, esponendo le sue cosce spesse. Andò in camera da letto, gettò l’asciugamano sul letto e aprì le ante dell’armadio in cerca di qualcosa da indossare. Ha scelto delle mutandine nere e le ha indossate. Il pezzo è scomparso nel tuo culo. Poi ha scelto una camicetta. Il pezzo era aderente al corpo e aveva spalline sottili, lasciando chiaramente visibili parti del seno in corrispondenza della scollatura. Rovistando nei cassetti, trovò un paio di pantaloncini. Lo indossò e si guardò allo specchio. Si voltò cercando di guardare la vestibilità del pezzo sul suo fianco. Camila aveva un corpo in forma e ben costruito ed era particolarmente orgogliosa delle sue cosce e dei suoi glutei. Gli anni in accademia le avevano regalato forme perfette e ambite. Tuttavia, questo asino non aveva un piccione da molto tempo. A Camila mancava il culo. Avere un cazzo duro che le riempiva il culo era una delle cose che le dava più piacere. Il matrimonio non è andato bene perché si era trasferito a Bairro Velho ed era interessato solo alle donne.

Camila era eccitata, ma aveva anche fame. Dato che suo marito quella sera non c’era ed era troppo pigro per cucinare, decise di ordinare cibo da asporto. Utilizzando un’app, ha cercato un nuovo ristorante consigliato dai vicini. Ordine effettuato, in attesa di consegna. Una volta risolta la carestia, la stupidità è rimasta.

Mentre aspettava l’arrivo della cena, Camila si è seduta sul divano e ha iniziato a guardare la TV. Ma quella voglia di scopare non ti esce dalla testa. Si tolse pantaloncini e mutandine e si sdraiò sul divano. Cominciò a passarsi lentamente le dita sulle labbra, pensando a come le sarebbe piaciuto essere scopata. Mentre il suo clitoride si induriva, le dita si muovevano verso il suo clitoride con una leggera pressione in movimenti rotatori. Camila gemette sommessamente con la siririca, ma fu interrotta dall’interfono. La consegna è arrivata.

Quella che inizialmente era una frustrazione, Camila l’ha vista come un’opportunità. Ha lasciato le mutandine sul divano, visibile dalla porta, e indossava solo i pantaloncini, colpendogli il culo più forte che poteva. Camila ha ricevuto il fattorino vestito solo di pantaloncini e camicetta. Le punte strette dei suoi seni facevano capolino attraverso il tessuto sottile. Il fattorino non riusciva a staccare gli occhi da quei seni sporgenti. Camila ha invitato il cameriere a entrare, ha ricevuto la consegna e l’ha posata sul tavolo. Si è assicurata di sporgere il sedere e mostrare i suoi pantaloncini nascosti con una buona parte del sedere esposta. Il cazzo del fattorino si indurì immediatamente mentre Camila passava interminabili minuti a fingere di verificare l’acquisto. Quando ebbe finito, voleva offrire dell’acqua in modo da poter offrire qualcosa di più in seguito, ma l’uomo nervoso se ne andò in fretta. Frustrata, Camila giurò a se stessa che la prossima volta l’avrebbe acquistata per pagare direttamente il fattorino in modo da poterlo fermare a casa sua prima di beccarlo.

Camila non era più molto contenta, ma è andata a cena. Almeno ucciderebbe la fame. Mentre mangiava, ricevette un’altra brutta sorpresa. Il sapore era pessimo, oltre che freddo, per un ristorante così vicino. La catena di frustrazioni in così poco tempo ha fatto ribollire il sangue a Camila che ha deciso di andare in un ristorante per accontentarsi. Con questi pantaloncini e la camicetta, Camila era quasi nuda. Ha scelto un cappotto che le coprisse un po’ meglio il corpo e se n’è andata.

Alberto e Rosana si sono sposati, ma hanno quasi divorziato. Il carattere rude e chiassoso di Alberto esigeva dalla dolce Rosana una pazienza illimitata. A differenza di altre persone, e nonostante la sua calma, non si faceva intimidire dai commenti e dagli atteggiamenti maleducati del marito. Ed era proprio questo che faceva innamorare Alberto di lei. Era una donna fine, elegante, gentile, ma che rimaneva immutata nonostante il suo comportamento come una furiosa tempesta di nervi. Lei lo bilanciava, gli portava la pace. Rosana invece non vedeva equilibrio in Alberto, ma era attratta dal paradosso dell’uomo sempre elegante, ma allo stesso tempo rustico, soprattutto a letto.

I due erano soci in varie attività e avevano un nuovo ristorante a Bairro Velho dopo essersi quasi lasciati e aver litigato per la divisione dell’attività. Hanno ripreso il loro matrimonio dopo un litigio che si è concluso con un rapporto sessuale con Berenice, l’avvocato che avrebbe dovuto occuparsi del divorzio. Insieme, i due gestiscono insieme il ristorante, ma raramente sono insieme nell’ufficio sul retro del ristorante. Fortunatamente, quella notte, erano entrambi lì. Alberto, sempre elegante in giacca e cravatta, i suoi abiti perfettamente allineati al suo corpo muscoloso. Rosana indossava un abito scollato, con la cerniera davanti, perché le piaceva sempre mostrare il seno pieno.

Il loro lavoro è continuato con calma finché non hanno sentito suoni che sembravano una discussione. Alberto è andato alla reception del ristorante e ha visto una donna in cappotto che discuteva con i camerieri. Il viso aveva lineamenti delicati, ma quella sera era dominato da espressioni arrabbiate. Alberto, per quanto esplosivo fosse, sapeva che non era bello litigare con i clienti. Entrò nella conversazione con l’autorità del ristoratore e la sua voce rimbombò, ma con tono pacato, cercando di calmare la donna che era furiosa. Alberto aveva buone intenzioni, ma questa donna era difficile, anche se le ha offerto un’altra cena per calmarla, non ha funzionato. La donna era sinceramente disgustata e sembrava essere qualcosa di più del semplice piatto deludente. Alberto ha pensato che fosse per il litigio con il suo cuoco e si è scusato a nome del ristorante. Ma questa donna non si è calmata. Alberto stava già contenendo il suo impulso come faceva di rado. Per quanto sapesse di non poter litigare con i clienti, non poteva accettare che i suoi dipendenti fossero offesi. Alberto alla fine perse la testa e iniziò a discutere animatamente con lei. Con quella voce pesante in un tono molto acuto, i funzionari vicini fecero un passo o due indietro. I clienti che erano già distratti dalla discussione iniziarono a prestare attenzione. La discussione è solo peggiorata. Per quanto Alberto abbia urlato, Camila non si è fatta intimorire e non ha abbassato la voce, pronta a combattere questo maleducato senza alcun timore. Sembrava che più forte parlava, più la sua adrenalina aumentava e più voleva affrontarlo.

Rosana rimase calma finché non sentì la voce inconfondibile del marito. Dalla distanza in cui si trovava in un ufficio chiuso, era evidente che Alberto aveva perso il controllo. Rosana fece un respiro profondo, si alzò e si diresse verso la reception. Quando è arrivata, ha visto il marito litigare con una donna che ha alzato la voce per pareggiarlo. Rimase ferma per un po’ a guardare, sorrise anche timidamente quando vide questa situazione, ma presto si accorse che stava attirando troppa attenzione da parte degli altri clienti e si intrometteva nella discussione. Rosana aveva una presenza che la faceva alzare anche senza alterare la voce. Quando i due urlarono, lei tenne la voce bassa praticamente costringendo i due infuriati ad abbassare la voce per sentirla. Ha rapidamente fermato le urla di entrambi, ha invitato Camila in ufficio e le ha offerto un modo per elaborare la sua frustrazione e ha detto ad Alberto di restare fuori e di non tornare finché non si fosse calmato. Alberto si arrabbiò ancora di più, ma le obbedì, andando da solo sul marciapiede a gridare.

Rosana incrocia le braccia con Camila e la porta in fondo, davanti alla cucina dove c’è l’ufficio. Un ampio soggiorno, con divano a quattro posti, mensole e un grande tavolo con cancelleria e taccuino. Rosana ha chiesto se Camila volesse sedersi sul divano, ma lei ha rifiutato, comunque l’offerta dell’acqua è stata accettata. Rosana ascoltò attentamente la lamentela di Camila per il piatto indigesto, diede ragione al cliente e le offrì un nuovo pasto se lo desiderava e un po’ di merito per aver chiesto a volte cibo gratis. Per la prima volta da quando è arrivata in quel luogo piena di rabbia, Camila si è sentita accolta dalla ricettività e dal tono sereno di Rosana. A poco a poco, è diventata più comprensiva del proprietario del ristorante e ha accettato le proposte.

– Grazie mille, vedi? Ero già furioso e tutto qui mi ha fatto peggiorare. Dovresti stare attento con quell’uomo brutale che stava litigando con me. Stupido uomo! Spesso!

– Non posso farci molto. È il mio partner qui. È mio marito.

– Beh, dovresti aggiustarlo. Non puoi trattare un cliente così. Come hai sposato un uomo simile?

Con sorpresa di Rosana, la rivelazione di essere sposata con Alberto non ha cambiato affatto la posizione di Camila, facendo apparire sul suo viso un sorriso sorpreso.

– A volte è scomodo. Ma è un brav’uomo nonostante queste cose. Lo controllo normalmente, ma sembra che tu fossi troppo nervoso perché lui si trattenesse.

– Sono molto incazzato, sai? È tutto sbagliato stasera.

-Rilassati cara, ora siamo solo noi due qui. Lascia il ragazzo nervoso laggiù ed evacuami, cosa è successo?

– Ho un caldo mortale.

Vieni qui, dammi il tuo cappotto.

Con solo donne in questo ufficio, Camila ha aperto il cappotto e ha rivelato a Rosana cosa indossava sotto. Camila notò il sorriso discreto di questa donna che guardava i suoi seni segnare la sua camicetta e le sue cosce grosse. Camila si sentì nuda sotto quello sguardo e non poté fare a meno di voltargli le spalle mentre si toglieva il cappotto per mostrare a questa donna quanto poco coprissero quei pantaloncini. Si rimise il cappotto con un sorriso malizioso, che Rosana ricambiò. I due si sedettero uno accanto all’altro e continuarono a parlare, diventando sempre più leggeri. Sembravano già due vecchi amici, si sentivano molto l’uno per l’altro. I due si scambiarono uno sguardo. Se prima Rosana guardava la sua nuova amica dalla testa ai piedi, Camila era distratta dal suo seno pieno, stretto in quella scollatura, senza fare il minimo tentativo di nasconderlo. Le loro mani erano già appoggiate con naturalezza sulle cosce dell’altro.

– Ma dimmi, cosa ti ha fatto piacere? Sembravi troppo incazzato per essere solo il cibo.

– Non lo so, sai. Penso di dover salire.

Rosanna rise.

– Tutti ne hanno bisogno, da quanto tempo sei solo?

– Sono sposata, ma mio marito non aiuta molto.

– Che peccato sentirlo.

– Non hai questo problema?

– No, tutta questa brutalità deve avere uno scopo.

I due scoppiarono a ridere.

– Oh Rosana, penso che allora ti presterò tuo marito. Ho bisogno di buon cibo.

– Posso anche prestartelo, ma dovrai prendertene cura. L’uomo è un cavallo.

– Per come sono, penso di poter gestire qualsiasi cosa. Volevo solo un cazzo davvero duro per fottermi il culo.

Camila si rilassava sempre di più parlando di lei e dei suoi desideri. Rosana sorrise mentre guardava questa donna meravigliosa che trasudava desiderio e voglia di scopare mentre la sua figa cominciava a bagnarsi.

– Con quel culo che hai, non sarebbe un problema.

Camila si è alzata quando si è accorta della provocazione della donna. La sua figa era già appiccicosa prima ancora che uscisse di casa e tutta quella tensione all’ingresso del ristorante non l’ha fatta passare. Con i pantaloncini arrotolati sul sedere, si voltò.

-Pensi davvero che il mio sedere sia carino?

-Pensare. È grande, paffuta. È bello spremere.

-Puoi continuare a premere.

– Sei senza mutandine?

– L’ho lasciato a casa.

– Mio marito stava per dire che sei una troia per essere venuta senza mutandine.

– E io sono.

Entrambi risero mentre Rosana lisciava il sedere di Camila nei suoi pantaloncini. Le sue mani si muovevano, levigando e strizzando tutta quella carne. Si alzò, si appoggiò a Camila e continuò ad accarezzare il sedere di questa donna.

– Quanto mi piace.

– A tuo marito piacciono le donne piranha?

– Lui impazzisce, se ti vede con questi pantaloncini e senza mutandine ti vorrà fottere con tutto.

– E’ tutto quello che volevo adesso. Lasceresti che tuo marito mi mangi?

– Sì, ma ti voglio anche per me. Vuoi essere anche il mio cane.

– Voglio.

– Ti piacciono le ragazze?

– Adoro dare la fica a mia moglie.

– È per questo che la tua figa è così bagnata?

– Huuuummm… Sì.

-La tua griglia è tutta dura. È colpa mia?

– Ainnnnn… Huuummm… Sì.

Rosana aveva una mano sul sedere di Camila e l’altra sulla sua figa mentre la baciava. Le dita di Rosana le corsero sulla clitoride, provocando gemiti soffocati dai baci. I pantaloncini sono caduti e si è tolta la maglietta. Con i seni liberi, Camila diresse verso di loro le labbra di Rosana, in modo che potessero essere succhiate.

Rosana ha succhiato le tette di Camila mentre giocava con la sua pancia. Nuda in questa stanza, Camila si contorceva e gemeva tra le dita di Rosana.

– Mi piace vedere una donna molto troia sciogliersi nella mia mano come te. lo prese in giro Rosanna.

– Huuummm… Com’è bello essere la tua puttana.

I due si baciarono mentre Rosana masturbava Camila, che lentamente sbottonò il vestito della proprietaria del ristorante, rivelando le mutandine nere e il reggiseno. Camila abbracciò forte Rosana e la baciò intensamente, le sue mani la afferrarono forte dietro.

– Mi piaceva anche il tuo culo.

– Ti è piaciuto spremerlo?

– Mi piace. Mi piace anche giocare con le puttane.

– Adesso sarò la tua puttana?

– Andiamo…

Il dialogo tra i due è avvenuto tra sorrisi maliziosi da entrambe le parti. Camila portò Rosana sul divano per inginocchiarsi sopra, le natiche sporgenti mentre si appoggiava allo schienale. Rosana allargò le gambe offrendosi a Camila, che iniziò ad accarezzarle la figa. Durante questo periodo, le ha schiaffeggiato il culo.

– Oh, il mio culo!

– Chi comanda di avere quel culo?

– Ti è piaciuto molto il mio cazzo, vero?

Camila ha schiaffeggiato di nuovo.

– Mi piace la donna con le natiche. Puoi darmi quel culo?

– Ti darò quello che vuoi.

Camila si sporse dietro Rosana e allargò il sedere. Fece scorrere lentamente la lingua nel culo di Rosana come se volesse strofinare la lingua su quelle pieghe. Rosana gemette, roteando lentamente gli occhi. Rosana gemette maliziosamente mentre girava il viso in cerca di Camila che aveva la faccia sepolta nel sedere. Quella lingua che le scorreva lungo il culo le faceva venire la pelle d’oca.

– Che lingua deliziosa, Camila. Volevo che mi baciassi il culo ogni giorno.

– Farò di più che baciarti.

Camila si alzò e inserì un dito nella figa bagnata di Rosana, facendola gemere. Il dito è uscito dalla figa bagnata e si è subito immerso nel culo.

– Com’è delizioso questo dito nel mio culo, Camila. spingere tutto

Camillo l’ha fatto. Spinse il dito medio fino in fondo, girando la mano mentre apriva uno spazio nel culo di Rosana, che si portò una mano alla figa per masturbarsi mentre lui la inculava.

-Huuummm… Camila… Metti un altro dito.

Camila ha infilato quello mostrato accanto al suo dito medio nel culo di Rosana. A poco a poco cominciò a fottere il culo di questa donna con sempre più intensità. Masturbandosi mentre le dava il culo, Rosana è arrivata rotolando tra le dita di Camila.

Camila diede a Rosana un lungo bacio e si sdraiò sul divano con le gambe divaricate. Rosana capì il messaggio e si mise tra le gambe di Rosana e fece scivolare la lingua in quella figa. La lingua di Rosana si mosse lentamente sulle sue labbra. Camila si morse il labbro mentre guardava Rosana accarezzarsi attentamente la figa con la lingua. Con le dita, Rosana apre la figa di Camila e strofina la lingua dentro, provocando i suoi primi gemiti. Quando la lingua raggiunse l’asta indurita, Camila gemette più forte.

Rosana accudiva Camila con dedizione. Tenendo saldamente le sue cosce spesse mentre esplora l’intera anatomia di quella figa calda. Camila non aveva altra scelta che dimenarsi nel linguaggio sapiente di Rosana, che sapeva benissimo come far piacere a una donna. Con gli occhi chiusi mentre si scioglieva sulla lingua di Rosana, Camila non si accorse della terza persona che era entrata in quell’ufficio.

– Lo sapevo che eri una stronza!

La voce profonda di Alberto fece trasalire Camila, che cercò di alzarsi. Rosana non glielo permise mentre si teneva saldamente le cosce. Camila è stata costretta a sentire la calda lingua di Rosana sotto lo sguardo di Alberto. All’inizio era strano, ma Rosana iniziò a concentrarsi maggiormente sulla sua gioia, facendo gemere irresistibilmente Camila mentre fissava quest’uomo.

Camila non sapeva se avrebbe dovuto impegnarsi di più per uscire o se continuare a godersi questa deliziosa carezza nella sua figa. Alberto non aveva dubbi su quello che avrebbe fatto. Si avvicinò a Camila e tirò fuori il suo cazzo. Non ha detto una parola. Con la morbida lingua di Rosana nella sua figa, Camila non ci ha pensato due volte prima di mettere la bocca su quel cazzo.

– Piranha è così, non vedi cadere una colomba dalla tua bocca.

Rosana sorrise mentre succhiava Camila, che devotamente ingoiò il cazzo di Alberto, da una parte all’altra distruggendo tutto quel cazzo con la bocca. Alberto afferrò Camila per i capelli e le tirò fuori il cazzo dalla bocca.

– Se volevi un panino, basta chiedere, non dovevi preoccuparti.

– Dammi quel cazzo presto!

Alberto rimise il suo cazzo in bocca a Camila, cominciando a fotterla. Camila gemette attraverso la lingua di Rosana sulla sua clitoride, ma i gemiti furono soffocati dal cazzo crudo che si tuffò dentro di lei. bocca.

– E tu sei qui a succhiare la figa di quella puttana?

– Mi ha mangiato il culo, amore mio. ritorno

Alberto tira i capelli di Camila, strappandola dalla bocca di Rosana e lasciandola inginocchiata sul divano. Camila immaginava già cosa stava per succedere e alzò le spalle.

– Cosa è stato offerto…

Alberto gli diede uno schiaffo forte sul sedere.

– Oh mio culo, merda!

– Vuoi dirmi che non ti piace essere picchiato?

Camila rimase in silenzio.

– Lasciagli il culo come hai lasciato il mio, tesoro. – disse Rosana girandosi per mostrare il suo sedere rosso.

– Non farlo…

Alberto schiaffeggiò ancora.

– Perché non lo farò?

– Perché se diventa rosso, mio ​​marito lo vedrà.

– Sei una puttana sposata?

“Sì,” rispose Camila, mordendosi il labbro.

– E’ il miglior tipo di stronza.

Alberto schiaffeggiò ancora.

– Oh merda !

– Avvisa il cornuto di tuo marito che il piranha di sua moglie sta offrendo la sua coda per strada.

– Allora attacca, figlio di puttana!

Alberto diede un pugno ancora un paio di volte, arrossando il sedere di Camila.

Camila sentì la sua testa fare spazio al suo culo. A poco a poco, sentì la dimensione del suo cazzo invaderla.

– AA, che cazzone… Huuummm… Calmati, calmati.

Alberto accarezzò ancora una volta il sedere di Camila.

– Oh merda.

– Di cosa ti lamenti? Non ti piace dare il tuo culo, cagna?

– Mi piace, ma quel cazzo mi fa rotolare dappertutto.

– E non è quello che vuoi?

– Lo voglio, ma è da un po’ che non me ne frego. Mangiami, ma rilassati.

Alberto seppellì lentamente il suo cazzo nel culo di Camila. Si lamentava costantemente.

– Sta piangendo sul tuo cazzo, amore mio. – dice Rosana quando vede Camila che si distrugge mentre quel cazzo le fa un buco nel culo.

– Questo è quello che si merita, piangere sul mio cazzo.

Dopo che Alberto ha spinto tutto il suo cazzo, i gemiti di Camila hanno smesso di esprimere dolore. E sono diventati più intensi. Camila non gemeva più, urlava.

– Oh cazzo…. Huuummm… Che bel lavoro sul mio culo!

Alberto tirò Camila per i capelli e cominciò a colpirla più forte. Camila urlava sempre più forte.

– Ti piace pedinare, Piranha?

– Molto bene…. Aaaaaahhhhhh… mi piace quel cazzo nel culo.

– Sei venuto qui con questa voglia, non ti sei lamentato?

– Ahhhhh… Sono uscito di casa con il culo in fiamme… Huuummm. Dai, mettilo nella cagna! Mangiami il culo!

Il dialogo tra i due ha incoraggiato Rosana, che ha cominciato a masturbarsi guardando i due. Era sempre felicissima di vedere Alberto mostrare come trattava le donne che scopava. E ha insistito per mostrarsi. Ha tirato Camila per i capelli imprecando contro di lei in ogni modo. Il modo in cui le parlava e il modo rude in cui scopava eccitava Rosana.

Camila stava per divertirsi a prenderla in culo, ma Alberto, accortosi dell’intensità delle sue urla, le tirò fuori il cazzo dal culo e cominciò a leccare il culo di Rosana.

Camila ha visto Rosana scopare in cielo accanto a lei. Rosana gemette sommessamente, mordendosi il labbro mentre la guardava, mettendosi in mostra.

– Guarda Camila… Huuummm… Guarda come non mangia.

Camila guardava stupita, ma voleva di nuovo quel cazzo nel culo. Le mise due dita sul sedere anche se sapeva che non era lo stesso per pura ansia. Guardò Rosana che veniva divorata con forza, sorridendo. Voleva di più.

Alberto ha preso il cazzo di Rosana e Camila ha alzato di più il culo. Quando ha premuto la testa contro l’apertura del suo culo, Camila ha costretto i suoi fianchi indietro, ingoiando tutto il cazzo con il suo sedere.

– È tutta volontà di dare il culo?

– Sì, mangiami! Fottimi il culo! Mangia il culo della tua puttana.

Alberto tenne stretta Camila per i capelli, facendola guardare dritto davanti a sé. Le ha spinto il cazzo nel culo in una volta sola, facendo urlare Camila. Alberto la fotteva ancora più forte, a cavalcioni della puttana che gli aveva offerto il culo. Camila ha urlato in modo incontrollabile mentre si scopava il culo fino a quando finalmente è venuta. Mentre Camila tremava di piacere sul divano, Alberto ricominciò a fottere il culo di Rosana fino a venire, riempiendole il culo di sperma. I due si baciarono a lungo e Rosana stuzzicò Camila massaggiandole il sedere e offrendo a Camila il suo dito scivoloso da succhiare. Camila si è messa un dito in bocca e l’ha succhiato tutto, poi ha messo Rosana a quattro zampe sul divano e ha cominciato a leccare la sborra di Alberto su per il culo.

Dopo quella notte, in questo ristorante non è mai mancato il buon cibo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *