Cliente, Assicurazione, Puttana -01

di | 8 de Dicembre, 2022

Mi chiamo Rodrigo Trabuco e sono titolare di una concessionaria. Stephanie era una nuova arrivata a Rio, non uscendo da una buona fase della vita, nonostante una laurea in psicologia sotto il braccio e un passato traumatico nella vita. Aveva un figlio, ma il padre era sempre assente. E non aveva una vita amorosa, solo fallimenti amorosi. È apparso in una noiosa giornata di sole, le vendite non andavano bene e ho fatto un affare che mi ha salvato la vita.

Stephanie e io ci siamo scambiati i numeri, siamo diventati amici e abbiamo parlato spesso. Nel corso del tempo, ho capito che avevamo molto in comune tra di noi, più che con mia moglie, Inês. Stéphanie è una rossa, minuta, 1,62 m max, grandi occhi castano chiaro, bel petto pieno, pancia ben tonica (ama la palestra), non aveva grandi natiche, ma aveva delle belle gambe tirate e snelle, bianca pelle e un enorme sorriso da un orecchio all’altro. Con qualità così straordinarie, non le mancavano i corteggiatori, e ne usciva anche con alcuni, ma… beh, trovava uomini per serate fantastiche, ma non qualcuno a cui piacesse e la assumesse. . . Ed è sempre stata molto vicina a suo figlio, quando avevo 6’2″ e quarant’anni, ben curato, con la barba lunga ma ben curato, qualche capello grigio in testa, ma non sono calvo. Sono di carnagione scura, con occhi molto scuri, e sono sempre stato un tipo rilassato e giocoso, lo uso molto per far sentire a proprio agio i miei clienti.

A Stephanie piaceva molto come ero ed è stato il modo in cui l’ho trattata che l’ha affascinata e le ha fatto comprare una Hyundai, proprio nel primo negozio in cui è entrata in Intendente Magalhães, un viale qui a Rio noto come Shopping dos Veiculos HB 20S, avorio colore, ancora senza targa e salvata e recuperata. Il precedente proprietario l’aveva piantato pochi giorni dopo che l’avevo comprato e l’ho riavuto indietro.

Soddisfatta dell’acquisizione, Stéphanie se ne andò soddisfatta e ci scambiammo i numeri, e da lì nacque un rapporto che fece deragliare tutto ciò che Inês ed io avevamo costruito insieme. Sthe sapeva poco di me e io di lei, ma con il passare dei giorni questa rossa non solo approfittava del tempo che poteva passare con Inês (non era necessario, per di più eravamo già lontani nonostante lavorassimo insieme, parlava di lavoro, di figli e poco di noi), ma anche dei miei sogni. Sthe, essendo una psicologa, una buona ascoltatrice, è una donna intelligente e simpatica per molti versi.

Diverse volte abbiamo passato notti insonni a scambiarci idee, mi ha raccontato come è arrivata a Rio e perché ha preso quella svolta nella sua vita. Parlando di suo figlio, la 33enne ha parlato di un legame insolito con Allan. Aveva un figlio molto piccolo. Suo padre era il suo defunto nonno fino all’età di 6 anni. Dopodiché cresciuto e protetto da entrambe le mamme, mamma e nonna. Al ragazzo non mancava l’amore. Con molto sacrificio, ha continuato la sua formazione e ha completato la sua formazione universitaria, e dopo aver adempiuto alla missione di crescere sua figlia Angelina, sua madre l’ha lasciata sola finanziariamente, a cui ha risposto molto bene, ma anche il rapporto tra i due. divenne molto tesa, perché ora la matriarca voleva pace e tempo per prendersi cura di sé, e Stephanie doveva uscire di casa.

Con molto sacrificio è riuscito ad affittare un angolo cottura, arredarlo con molta cura, ma il ragazzo è cresciuto e aveva bisogno anche dei suoi spazi. Ha lavorato sodo ed è riuscito ad aprire il suo primo ufficio, ma poi ha avuto l’opportunità di venire a Rio e migliorare la sua vita. E ha lasciato Paraíba, è venuto a visitare alcune zie, e si è innamorato della città, e suo figlio, molto intelligente, è partito con una borsa di studio del 100% in una scuola molto costosa e molto famosa a Rio, l’Hexágono (nome di fantasia).

I miei figli, per caso, hanno studiato lì. Ed erano nella stessa fascia d’età, e ho pensato che fossero molte coincidenze. Tutto tra me e Stephanie era molto normale. Più di quanto avesse mai immaginato. Abbiamo iniziato a parlarci. Il tempo è volato. Finché non abbiamo iniziato a parlare di vita amorosa. Come dicevo, la sua vita è stata una serie di disavventure. Aveva partner attraenti, ma nessuno che si prendesse cura di lei come essere umano. Mi sono identificata con lei proprio perché era una donna che… accidenti, parlava delle cose come se non ci fossero barriere, era libera, responsabile, forte. Qualcosa che non ho sentito in Inês. È sempre stata una compagna, tenace, attenta alla casa, ai bambini, ma la nostra vita è sempre stata sessualmente monotona. Apparentemente avevo la vita stabilizzata che ogni uomo voleva, ma Stephanie aveva la vita sessuale che ogni uomo voleva con una donna. Conosco pochi, come il mio fratellino, che sono così fortunati. Victor ed io avevamo un amico comune che aveva una vita matrimoniale infelice ma intensa a letto. Separato molte volte, ma mai del tutto disconnesso dalla moglie… o dalla ex moglie… Oh, accidenti, non lo so! Il ragazzo aveva delle battute d’arresto inspiegabili, ma era un ragazzo bello e sobrio, poteva trovare qualcun altro ogni volta che voleva. Ma i due erano ben risolti a letto. Mi sono sentito incompleto. La mia ex moglie non era brutta. Invece una mulatta dai capelli ricci, alta 1,69, busto circa 80 cm, occhi a mandorla, bocca fine, fianchi larghi, alcune maniglie dell’amore che la rendevano ancora più affascinante, e pelle morbida e setosa, il tipo di che si prende molta cura della sua pelle, della sua pelle e ha un gusto molto raffinato nei vestiti. Molto carina. Tuttavia, la nostra relazione a letto non è mai stata buona.

Immagina di provare ad ascoltare musica classica e una nuova radio, senza problemi, ma senza sentire nulla perché il sibilo è così intenso e non riesci a trovare la frequenza perfetta. Hai immaginato? Ci sei passato? Eravamo Inês e io. E onestamente, quando non era a casa, Internet e Xvideos erano la mia casa perfetta.

Si è presa qualche giorno di ferie per visitare la sua famiglia fuori città, lasciandomi con un sacco di scartoffie da compilare. Ha gestito molto bene questa parte burocratica, oltre a chiudere i contratti. La mia passione era vendere, ma per trovare qualcuno competente che si occupasse dell’amministrazione, non avevo nessuno migliore di lei. Gabi ha lavorato molto bene, è stata laboriosa, Fábio era molto bravo nei calcoli, ma Inês… Inês ha orchestrato tutto alla perfezione. E portava i paraocchi sulle spalle. La squadra dei sogni, ma il mio miglior partner era la mia mano, essendo il culo, la bocca e la figa ciò che mi dava sollievo.

Nel bene e nel male, avevo ancora un debole per lei, ma non le piaceva quello che vedevo su Internet, quindi non potevo parlarle. Ma con la presenza di Stephanie, le cose stavano per cambiare.

Durante la settimana in cui Inês era via, i ragazzi e io ci occupavamo del cibo a casa. Prego, abbiamo comprato del cibo, non ho avuto il tempo di farlo! Il viaggio di 3 giorni di Inês ha finito per trasformarsi in 5 giorni, dato che doveva tornare sabato e tornare lunedì. Ma la nostra vita non è mai tornata alla normalità.

Venerdì, dopo una giornata estenuante, senza Inês a casa o in ufficio, principalmente, volevo solo rilassarmi e suonarne una. Ho acceso del porno di base per rilassarmi e non volevo sapere nient’altro. Sento una notifica su WhatsApp. All’inizio no. Ma, pensando che sia Inês, vado a vedere se non è un suo messaggio, ma la mia nuova amica, confidente e seducente compagnia mi sorprende nel silenzio della notte.

Stephanie: Ciao tesoro, come stai?

Io: Si bella mia, va tutto bene e niente va bene, hahahahaha!!! Oggi giornata da cani, approfitto della mia insignificanza e bevo qualcosa e un film di base.

Stéphanie: Hmm, ci sei molto vicino. Ma dev’essere bello, in compagnia della donna.

Io: Affari? Solo se è platonico? La mia pazienza oggi è finita perché mi ha lasciato solo con le scartoffie in concessionaria, non è possibile venderlo e farlo bene. Senza di esso, c’è un’area lì. Ma tu? Ti sei già sistemato nel tuo nuovo ufficio?

Stéphanie: L’ultima parte è più rilassata. Sono entusiasta di iniziare. Ma parliamo di te, melting pot?

Posso essere. Cosa vuoi sapere?

Stephanie: Cosa ti trattiene in una giornata noiosa come questa, quando non sei venuta a prendere aria!? Potrei approfittare dell’assenza di Inês per andare a divertirmi, rivedere con gli amici… In un momento come questo, a João Pessoa, ho riunito i miei amici per bere fino allo sfinimento, hehehehe! Ma allora… che fai adesso!?

Io: ti ho già risposto: guarda un film.

Stéphanie: Un cortometraggio è molto bello, come un sabato per andare a letto tardi. Qual è il nome?

JE: Hmmmm… non ricordo il nome, sono andato su un sito qui e ho scelto quello rilassante, sai…

Stéphanie: Hmmmm, film per rilassarsi, eh? Oh, Rodrigo, siamo adulti, dai! Cosa stai cercando di nascondermi?

Io: non posso credere che lo dirò a uno psicologo, ma… ecco qua: guardo del porno di base qui, solo per ottenere quell’accumulo di sperma.

Rimase in silenzio per qualche istante. Pensavo di aver rinunciato alla conversazione, ma…

Stefania: Ooooh! Delizioso! Mi piace anche guardarlo per rilassarmi, anche per divertirmi! Dopo una giornata intensa, con un traffico infernale, niente di meglio che tornare a casa, farsi una doccia, chiudersi in camera e indossare solo una maglietta e mutandine comodissime, l’aria condizionata…

Io: Assolutamente! Sono curioso di vederti ora.

Stephanie: Sei impazzito, vero? ! Hahahahahaha lasciami in pace ragazzo!

Io: ero molto calmo, approfittando della mia insignificanza, fino a quando una persona curiosa mi ha invaso e mi ha presentato alternative per il fine settimana.

Stéphanie: È per un uomo simpatico, simpatico, pieno di vita, per non sprecarsi dentro a causa di una donna che non sa come ottenere il massimo da lui!

Io: Sì. Se avessi anche solo un grammo della tua birichina…

Stephanie: Oh, se avessi un brav’uomo, me lo scoperei per il resto della mia vita. È troppo bello per essere una puttana!

Io: dov’eri prima, eh? ! Perché non sei venuto a Rio 15, 20 anni prima?

Stéphanie: Fare cosa, eh!?

Io: e come stai adesso?

Stéphanie: Allora, hahaha, sdraiata, stanza fredda, capelli umidi sciolti dopo la doccia, camicetta ampia, senza reggiseno e mutandine di pizzo nero, così la mia figa può respirare…

Io: Tira fuori questo gatto da questo lutto… mi piace un sacco!

Stephanie: Oh sì, ehm? Cos’altro!?

Io: cos’altro? Se solo potessi vedere come sono ora, immaginando questo corpo bisognoso!

Stéphanie: Da quando ho lasciato Paraiba, non ne ho dato neanche uno, smettila di prendermi in giro, Rodrigooo!

Io: Allora sicuramente conosci il valore terapeutico di una scopata liberatoria, senza catene nella tua mente che possano impedirti di essere l’ordinario che sei! Volevo solo quello! Almeno tu sei libero, mentre io…

Stéphanie: Wow, è stato detto tutto! Ma la libertà da questa parte ha un prezzo, angelo mio! Avresti il ​​coraggio di mettere tutto ciò che hai costruito anche nel fallimento?

Io: non lo rifarai!? Perché non potevo reinventarmi? Ora, andiamo avanti con il divertimento!

Stéphanie: Accidenti… non ti importa del mio lato stronzo, lascia perdere, vai al cinema!

Io: sei nel mezzo! Ogni donna dovrebbe camminare nel bel mezzo di un film e fare la differenza come stai facendo tu adesso!

Stefania: lo sono! Non lascerei nessuno solo al mio fianco.

Voglio vederti! Fammi vedere!

Un altro momento di silenzio. Mi ha fatto incazzare e mi ha emozionato allo stesso tempo. Pochi istanti e appare un’immagine: esattamente come descritta sopra, in un ambiente buio, solo la lampada del comodino accesa sopra la sua testa, il suo viso era scuro, ma le sue mani erano su una guancia, sorridente, gambe divaricate e ginocchia piegate, per un top ampio, seni sciolti sotto e mutandine di pizzo che nascondevano a malapena la sua fica. Una delizia.

Io: voglio solo essere in quelle mutandine in questo momento, coprire quella figa bisognosa, essere strofinato dalle tue dita, massaggiarti le labbra…

Stéphanie: Quanto sembriamo connessi!!! Sono così, pensando a questa ragazza che guarda un porno, che muore dalla voglia di entrare in una caverna molto calda e umida…

Mi ha abbracciato. C’era un’energia che la stava annegando, e la chiamava sempre più in profondità. In quel momento, il cuore è quasi saltato fuori dalla bocca. Era come se fossi in una corsa folle, lottando per non farmi prendere. Scesi dal letto e andai a controllare che la porta fosse chiusa. Sono tornato al nostro gioco di lussuria. Mi sono tolto le mutande. Il mio posto era ormai chiaro, la bestia pronta ad esplodere. Gli ho mandato una foto. Testa ben gonfia, corpo pulsante, odorava di donna, anche se metafisicamente. Mi ha preso in giro. E voleva che lei provasse lo stesso.

Stefania: Oh, questo è tutto! Voglio vedere un tuo video adesso.

Mi è piaciuta la proposta. Ho acceso la fotocamera e ho caricato le immagini di una sega lenta e martellante vicino a una potente eruzione. Un flusso lungo e alto, poi diversi flussi caldi e densi sul glande e sulle dita. L’immagine richiede tempo per caricarsi. Non ci sono parole che possano descrivere il loro desiderio reciproco. Quando il messaggio viene finalmente visto, invia un suono:

Stéphanie: Rodrigoooooo… adoro il latte caldo, ahhh… mi chiedevo: tu… per me… non c’è possibilità che accada, vero!? LOL

Rodrigo: Creiamo il momento, tesoro, creiamo il momento.

Stéphanie: Beh, vieni a trovarmi, uccidimi, idiota!

Con il cazzo ancora duro, sono saltato giù dal letto, ho ripreso le energie in un bel bagno freddo, ho fatto un frullato con catuaba, zenzero, mango, l’ho versato nel mio sistema, mi ha dato questa carica. Indosso un completo basico: polo bianca e jeans kaki, scarpe da tennis, e vado a casa sua. A 5 minuti dalla fine gli ho detto che avrei lasciato la macchina nel suo garage e che avremmo usato la sua per uscire. Stephanie era così eccitata, disperata per prepararsi, ma mi ci sono voluti 40 minuti per arrivarci a causa del traffico. Suonando il clacson davanti alla sua porta, ci sono voluti ancora circa 10 minuti prima che vedessi Stéphanie con un top nero, niente sotto, pantaloni a corsetto bianchi corti e lucidi e un tacco di base, appena 10 cm, hehehehehe, capelli rossi ricci, trucco forte, ma non esagerato. Pratico ma sexy. Sono sceso dall’auto e sono stato accolto da un bacio leggero, come una farfalla che si posa sulle mie labbra. Infine, abbiamo cambiato auto.

La destinazione era già decisa e ci siamo diretti allo Shelton Motel. Il traffico ci aiuterebbe a creare un ambiente molto selvaggio già all’interno dell’auto. Era piuttosto difficile concentrarsi mentre guidava con i pantaloncini aperti e si stava masturbando. Quando ci siamo fermati a un semaforo, a circa 20 minuti dalla nostra destinazione, si è chinato su di me e si è portato il mio palo alle labbra con una bella succhiata. Il problema era che il finestrino dalla mia parte era aperto e un autobus si stava fermando accanto a noi. Per non parlare della commozione causata dall’immagine di lei che mi fa il pompino più grande. Tra sguardi di disapprovazione e commenti entusiasti, Stephanie non mi ha permesso di chiudere la porta a vetri. Figlio di puttana, puttana. La paura che avevo che qualcuno che conoscevo mi riconoscesse, amico. Ma l’adrenalina mi ha solo reso più eccitato. Sono arrivato all’ingresso del Motel, ho pagato la camera deluxe all’ultimo piano, perché per barare bisogna farlo. L’addetto alla reception esterno era imbarazzato nel vedere i miei pantaloncini abbassati e la rossa che succhiava il mio Trabuco hahahahaha! Una volta parcheggiato, il cane ha iniziato a scendere dall’auto.

Tra baci, morsi, succhiate, siamo scesi dalla macchina, l’ho tirata al mio fianco. La mia patta era ancora aperta e il mio enorme sesso era un rigonfiamento poco attraente. Ho lanciato Stephanie oltre il cofano della macchina e sono atterrato sulle sue tette come un animale. Gemi spudoratamente, gemi come una puttana sul ciglio della strada.

Stéphanie: Ascolta lol, faremo tutto qui! ? Mi piace sempre un letto, ha un buon profumo, hehehe, dopo che ci sporchiamo, dove ci facciamo la doccia!?

Rodrigo: Mi dispiace tesoro, ma mi hai fatto impazzire per tutto il tempo. viaggiare…

Stephanie: Non hai visto niente, tesoro… Andiamo!

Quindi sì, abbiamo ricevuto la chiave della nostra stanza dalla reception e dato che non avevo un bambino che mi aspettava a casa, tutti erano fuori, ho tirato fuori lo scorpione dalla tasca per scopare questa troia tutta la notte!

Non appena siamo entrati nella stanza, la rossa mi ha strappato i pantaloncini con una tale furia che sembrava volesse mangiarmi vivo. Succhiato come una puttana disperata. È stato davvero difficile non venire nella bocca della cagna, ma l’ho trattenuto. Non c’è bisogno di lasciare che le cose sfuggano di mano, c’era il latte per durare la notte.

Io: Buonissimo, il mio cagnolino… Aaaaaaaaaah! Hai fame di pica, ok!? La mamma non vede l’ora, accidenti!!! La bottiglia è piena, vitamina solo per te!

L’ho afferrata per la nuca e le ho ficcato in bocca il mio trabucco da sette pollici finché non si è imbavagliata. Ho martellato fino a quando il cazzo era fuori dalla sua bocca e il suo viso era arrossato, soffocante, la sua saliva gocciolava sulle mie palle.

Io: Sì, figlio di puttana, adoro quella lingua che mi ficca dentro il cazzo! Sto anche morendo dalla voglia di succhiarlo ovunque.

Stephanie si è alzata e ha chiamato le mie labbra in un bacio che sapeva del mio cazzo, ha finito di spogliarmi, mi ha strappato via il palo, mi ha baciato fino al letto, scegliendomi come suo sex toy. Si spogliò in un ballo accompagnato dal silenzio e l’atmosfera si riempì dell’odore di puttana.

Si è messa a quattro zampe accanto al mio corpo, esplorando la mia asta con la sua bocca affamata. Non ho lasciato che mi servisse senza rappresaglie: ho toccato una siririca dentro di lei e l’ho penetrata con le dita finché il miele non è sgorgato dalla sua figa. Ma volevo di più: ho tolto la sua bocca vorace dal mio cazzo e ho scommesso sul suo corpo per invaderlo con la mia bocca. Voleva succhiarlo e si lamentava che aveva un buon sapore, ma non potevo continuare a guardare senza fare nulla. Il Mi sono messo a quattro zampe, le natiche girate verso di me e ho immerso la mia lingua nel culo della bomba che gemeva forte e riceveva schiaffi vigorosi mentre rotolava sul mio viso.

Stephanie alterna leccate e spinte al suo piccolo cazzo bagnato e si liquefa in un orgasmo frenetico. Ansimando, ha chiamato il servizio in camera. Ha ordinato qualcosa di caldo, normalmente si ordina una bevanda alcolica, con ghiaccio. Ordinò caffè e liquore per due. E non aggiorna il sistema, amico! ?

Stephanie: Quello che ti sta rovinando… (beve un sorso) è la tua vita perfetta con questa donna. Sei un dio greco, giovanotto!!! Come non godere di tutto questo!?

Io: fare cosa!?

Stephanie: Voglio essere in prima linea se mai la lascerò andare, ok?

Io: dici sul serio?

Stéphanie: Tanto grave che un giorno la fiamma del sole si spegnerà.

Io: Possa questa notte essere eterna mentre tu mi possiedi!

Stefania: Wow hahahahaha!

A quel punto il mio cazzo era mezzo pompato, ma niente che Stephanie non potesse aggiustare, ora con la bocca calda per il caffè e il liquore, vasodilatando più vene nel mio palo e aumentando la mia frequenza cardiaca. oppure, dando vita al mio membro con il suo pompino.

Stephanie: Voglio quella pietra dentro di me…adesso!

E me l’ha sigillato, facendolo scomparire lentamente nella sua calda figa… Aaaah, dannazione! Stretto!

Ha iniziato un viaggio lento ed emozionante, guardandomi negli occhi e mordendosi il labbro. Portò le mie mani sui suoi seni gonfi, le strinse intorno a loro e iniziò a gemere sempre più forte. La cavalcata prendeva velocità, la sua figa era già inzuppata e di tanto in tanto il suo cazzo e la testa dell’albero scappavano all’ingresso dell’altro suo pozzo di piacere.

🇧🇷

Stephanie lo prese tra le mani e lo fece sparire di nuovo molto lentamente e il ritmo dei colpi si accelerò e il suo respiro si fece sempre più affannoso.

Come se l’aria fosse rarefatta all’interno della stanza, il suo petto divenne rosso e il suo viso sembrò soffrire di una costrizione. Imprecava parole sconnesse, aveva il controllo di se stessa, del proprio piacere, rotolava e rimbalzava sul mio cazzo, abusava della sua figa, letteralmente mangiandomi come se fossi un oggetto.

Non avevo la forza di andarmene perché ero totalmente eccitato da questo gigantesco ego che mi stava usando come oggetto. Ho iniziato a imprecare e anche a colpire forte. Lei sorrise e chiese: “Ti stai divertendo, okay amico? Oh merda, che cazzo caldo, merda, da quanto tempo nessuno mi vuole così? Questo, questo va anche a modo mio.” tutti figli di puttana!!! Spoglia quella fica, dannazione!

Amico, mi sentivo come se fossi lì, ma non ero lì per lei. Rotolò e si contorse e si mosse su e giù con forza finché non tremai, l’urlo fu soffocato e improvvisamente si alzò e spruzzò schizzi di sperma su tutto il mio corpo! Non aveva mai causato una cosa del genere a Inês. Non era mai stato concesso tanto. Che donna intensa!!! me ne sono innamorata!!!

Stephanie è crollata sopra di me, ansimando come se fosse esplosa, come un vulcano dormiente da innumerevoli secoli. Comune!!! È stata l’ultima delle migliori notti della mia vita. Ma è stata solo la punta del vulcano che mi sono svegliato.

Continuerò nel prossimo, se hai esperienza come questo commento. Perché era la mia prima volta.

A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *