Cognata – parte 2

di | 10 de Dicembre, 2022

Questa situazione di mangiare mia cognata ha portato a eventi che non mi aspettavo, dopo quello che è successo nell’ultima storia, mi sono reso conto che mia cognata stava diventando più estroversa, era comune andare con mia madre- suocera- casa di sua cognata e la vedo con vestiti super corti e senza reggiseno, che cerca ancora di sembrare cool. Un giorno, quando sono uscito dal bagno e mi sono trovato faccia a faccia con lei, mi ha afferrato il cazzo lisciandolo sui pantaloni e mi ha sussurrato all’orecchio. “Sto morendo dalla voglia di cavalcare quel cazzo” iniziò a baciarmi e mi spinse verso il bagno dove si appoggiò alla porta e afferrò velocemente l’asta ingoiando tutto il cazzo che succhiava e si masturbava per me poi si fermò.

– Esci o sospetteranno! Troverò sempre un modo per venire a casa tua questa settimana. – mi disse all’orecchio.

Ho appena annuito e ho fatto scivolare il mio cazzo duro nei pantaloni e me ne sono andato cercando di nascondere la massa. Per tutto il tempo che sono stato lì sono stato al cellulare, fingendo di non averla vista scherzare con un vestito di seta che le copriva a malapena le cosce.

Faceva di tutto per prendermi in giro, quando nessuno guardava, si chinava con quel vestitino a raccogliere le cose da terra con il perizoma infilato nel cazzo, poi mi guardava con una faccia maliziosa.

Ho pensato che fosse meglio non parlare di queste cose a mia moglie perché avrebbe potuto causare attriti tra di noi e non volevo essere al centro di tutto ciò, inoltre non avevo ancora mangiato quel culo e non vedevo l’ora di farlo. fottila di nuovo

Poi mercoledì ho ricevuto un messaggio da lei che mi chiedeva se potevo venire dopo pranzo. E alle 2 del pomeriggio è apparsa in pantaloncini cortissimi e un top, è entrata e ha iniziato a baciarmi in soggiorno anche se mi ha buttato sul divano letto e mi stava già togliendo i pantaloni e mordendo l’asta dura. Il suo pompino è il migliore che abbia mai visto, ama succhiare la verga e inghiottirla fino in fondo alla gola, succhiare fino a soffocare e poi mentre respira si masturba dalla verga sbavando, ingoia di nuovo la verga e così via. cazzo con la bocca. Si rese conto che stavo arrivando e si fermò e si aggiustò il cazzo nella sua figa, che scivolò così bagnata che era. Ha cavalcato il cazzo e le ha chiesto di indossarlo e riempirla di sperma, è stata una scopata animale, forte e intensa. Ci siamo goduti noi due insieme, lei tremava e tremava senza sosta per scopare anche se veniva.

– Hai ancora abbastanza fiato per mangiarmi il culo? – disse mentre guidava.

L’ho baciata e sono andato in camera a prendere del lubrificante, lì in soggiorno l’ho messa a quattro zampe sul divano e le ho strofinato il lubrificante su tutto il cazzo, poi l’ho spalmato con le dita sul sedere e ho messo il lubrificante con le mie dita nel suo culo stretto. Quando mi accorsi che era ben lubrificato, appoggiai la testa del piccione contro l’anellino e cominciai a spingere lentamente l’asta. Il suo culo ha ingoiato la mia verga a piccoli sorsi, lei ha gemuto e io ho spinto pazientemente il mio cazzo dentro di lei fino a quando tutta la verga era dentro. Ho iniziato a scopare lentamente tenendole i fianchi aperti e spingendola con decisione in un ritmo lento e misurato, un ritmo che aumentava man mano che il suo culo si abituava al mio cazzo di 17 cm.

– Oh accidenti è delizioso, mi piace fare il culo, mettilo… Mettilo senza pietà! – Lei ha urlato.

La scopata è stata intensa, ora l’ho speronata senza pietà e lei gemeva mordendo un cuscino per soffocare i suoi gemiti di piacere per il bene dei vicini. Allora mi ha chiesto di cambiare posizione, mi sono sdraiato sul divano e lei, con la schiena contro il mio petto, è venuta e mi ha infilato il cazzo nel culo, questa volta prendendo il controllo della situazione. Si è arrampicata fino a quando il palo è uscito e si è seduta di nuovo, senza pietà, il suo corpo tremava, gemeva molto, sembrava che stesse per smettere, quindi l’ho tenuta stretta, prendendo in mano la situazione e facendo in modo che quando non è scappata, ho continuato a spingere finché non si è girata e le contrazioni nel suo corpo erano così forti che era impossibile fermarla.

Lei cadde su un fianco tremando e io, con il mio cazzo duro sull’orlo dell’orgasmo, le puntai senza pietà il culo e le rimisi dentro il cazzo facendola piangere di piacere. Ho dato circa 10 pompe forti e lo sperma è venuto, ho riempito quel culo di sperma. Dopo esserci ripresi siamo andati in bagno dove faccio schifo finché non bevo di nuovo il mio gala. Abbiamo ripulito tutto e lei se n’è andata salutando con un bacio. Ho ricevuto un messaggio da lei 1 ora dopo che diceva che era stanca morta ma soddisfatta e pensava alla nostra prossima scopata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *