Come passo?

di | 8 de Dicembre, 2022

Molto tempo fa, un lettore mi ha chiesto di finire questa storia, quindi ho apportato alcune correzioni, aggiunto alcuni colpi di scena a mio piacimento e ho finito la storia. Spero vi piaccia.

È un bene che alla fine ho trovato uno spazio in cui lasciarmi alle spalle l’esperienza incredibile e inaspettata che ho vissuto. Qualcosa che in ventinove anni, di cui sei da quando mi sono sposata, non avrei mai pensato potesse succedere.

Sì, mi sono sposata giovane a soli 23 anni. E anche il mio ex marito, che chiamerò Mario, si è risposato, solo un anno più grande di me. Ma è stato dopo quattro anni di matrimonio che ho scoperto me stessa, non avrei mai pensato che sarebbe diventata quello che sono diventata.

Oggi sono divorziato, tanti amici e parenti sono stati feriti da me in un modo o nell’altro, a parte Mario, mi dispiace, ma la cosa era, come la considero ancora, inevitabile.

Non continuerò a parlare di Mario come ex, perché a quel tempo era mio marito. E penso anche che sia un po’ sciocco essere qui a dire cosa è successo, te lo dirò io cosa è successo.

È tutto assolutamente vero, cercherò di raccontarlo meglio che posso e non so se ricordo tutto.

Beh, tutto è iniziato quando l’uomo che chiamerò Fernando è venuto a vivere qui nel palazzo per un periodo, inizialmente sarebbe stato un anno e alla fine è rimasto credo due.

Venendo dall’azienda per cui lavori, guidi un team di vendita. Nato e cresciuto a Porto Alegre, sapeva poco del San Paolo, ma mi ha detto che era stato promosso in azienda ed era contento del riconoscimento. Non so esattamente perché, ma appena l’ho visto, ho provato una certa antipatia per lui.

Non l’ho mai nascosto, è vero, non mi piaceva, pensavo avesse una grandezza inutile per un signore di quell’età. Penso che potrebbe essere stato il mio pregiudizio, un po’ calvo con grandi basette bianche aveva anche i capelli bianchi sul petto e sulla pancia che gli sporgevano appena sotto il petto facendo quella massa di persone anziane che bevono molta birra e che sono alte con oltre Alto un metro e settanta, sfoggiava sempre quella pancia che, pur non essendo altissima, risaltava con i capelli attraverso le camicie quasi completamente aperte o addirittura senza. Non era biondissimo, forse cinquantaquattro anni, ma era ben conservato nonostante la pancia e una leggera calvizie.

Ma ho anche trovato il modo in cui mi guardava molto avanti, anche se sapevo che era sposata con un figlio di un anno e mezzo, che andava avanti e indietro. Ogni volta che mi vedeva nel cortile del palazzo, non perdeva occasione per fare una battuta.

“Poche donne hanno figli e mantengono i loro corpi così.

Erano vuote lusinghe e roba del genere finché non ricordo cosa si festeggiava a un barbecue, eravamo quasi tutti del palazzo e lui era molto più audace delle altre volte.

“Wow! Non avevo mai visto la signora così con pantaloncini così corti e sensuali, le sue gambe sono molto più belle di quanto pensassi.

Sono subito arrossita e ho girato il viso verso di lui mostrando tutta la mia indignazione, dopo un po’ a quella stessa festa, io con Mariozinho in grembo, ho alzato lo sguardo e ho visto il signor Fernando in conversazioni ad alta voce con mio marito Mário, la conversazione era animata e Mário ha riso con il signor Fernando che ha anche riso senza sosta.

Da persona religiosamente fedele, cresciuta in un ambiente severo, non mi piaceva l’approccio di Mário a questo vecchio che in qualche modo flirtava con me. Sono andato da Mário e l’ho chiamato discretamente, gli ho detto che non mi sentivo molto bene e che volevo andarmene. Ricordo che c’era una certa riluttanza e imbarazzo per la mia, diciamo, maleducazione, ma alla fine andammo.

La settimana successiva Mário arriva con la notizia.

“Denise (io sarò Denise), il signor Fernando ci ha invitato a giocare a carte nel suo appartamento ea bere una birra, io, te, Beto e sua moglie.

Ovviamente non lo farei.

“Oh! Mario, mi dispiace, ma non lo farò.

“Certo che Denise va, Debora e Beto vanno. Débora starà da sola lì?

“Ma quel vecchio non mi piace, Mário!”

Ma sono brave persone, Denise.

Abbiamo iniziato una discussione noiosa, fino a quando l’ho conclusa a malincuore e con riluttanza, ma mi sono vestita in modo molto discreto per non dare uno straccio a questo vecchio pervertito. Una maglietta grande e anche dei pantaloni larghi e andiamo. Ho notato che il suo appartamento era ben tenuto, pulito e aveva persino un buon odore nell’aria.

«Almeno quello!»

Ho pensato.

Non bevo, non sono un grande bevitore, ho provato a socializzare, ma non funziona, mi sento molto male, perché non ricordo cosa sto facendo, non riesco a bere. Penso di essere stato un’eccezione lì, perché Débora beveva molto.

Ho anche notato che il signor Fernando era più discreto, rispettoso nei miei confronti. Beh, forse ha capito con chi aveva a che fare. Meglio ancora, ho preso distrattamente alcune riviste dallo scaffale mentre parlavo con Debora e ho iniziato a sfogliarle.

Subito dopo, il signor Fernando ci ha invitato a giocare, cosa che ho rifiutato perché non mi piace nessun gioco, ma Débora ha accettato subito. Ho continuato a sfogliare le varie riviste conosciute, fino a quando una mi è sembrata sconosciuta e ha attirato la mia attenzione.Sfogliandola, ho osservato foto di ragazze punite con schiaffi e i loro corpi nudi segnati, fino a quando compaiono uomini nudi come loro, abusando di queste ragazze. All’inizio ho pensato di chiudere subito la rivista, ma alla fine la curiosità ha avuto la meglio su di me. Nelle foto le ragazze, nonostante la punizione, sembravano divertirsi, sono state schiaffeggiate, sono apparse in posizione a quattro zampe, colpite sui glutei e sulla schiena.

Mi ha dato fastidio, foto di penetrazioni in vagina, nell’ano, in bocca, sborrate in bocca, tutto quello che ho cercato di evitare di vedere nei film e nelle foto, ma che Mario ha insistito per farmi vedere, ma con una differenza, sembravano essere saldamente radicati, come se non li avessi mai visti prima e li adoro.

Una cosa strana che non avevo mai sentito, prima mi ha colpito allo stomaco, poi mi ha un po’ incasinato la mente, ho iniziato ad ammorbidirmi un po’ e mi sono messa involontariamente nei panni di uno di loro, ho iniziato ad immaginare di farmi male come loro. e non Quando riuscii a trattenermi dal voltare le pagine, mi accorsi con vergogna che mi stavo bagnando tra le gambe. Sì, ho sentito l’umidità salire tra le gambe e sono rimasta così, un po’ statica e flaccida per un po’, finché non ho sentito la voce di Debora che mi chiamava.

“Denice! Sto parlando con te donna!

“Scusa, puoi parlare?” »

Revenant à moi, je fermai surrepticement le magazine pour ne pas montrer mon étrange excitation et le remis à sa place en dessous des autres et sans le vouloir mes yeux rencontrèrent M. Fernando, qui étrangement, contrairement aux autres personnes présentes, a semblé remarquer ma Rabbia.

Quel pomeriggio non lo guardai più, sembrava davvero aver visto tutta la mia involontaria e imbarazzante eccitazione. Sono stato molto tranquillo, finché non siamo partiti e non l’ho salutato correttamente, l’ho solo salutato senza guardare, questo è rimasto nella mia mente per il resto del fine settimana. Ma io e Mário facevamo l’amore normalmente, ma le foto in qualche modo sono rimaste con me.

Quello che mi ha fatto riflettere di più è perché ho avuto questa reazione. Dopotutto, per quanto imbarazzato possa essere, ho potuto vedere diverse foto e filmati di troie, dopo aver sposato Mario su sua insistenza.

La settimana trascorse normalmente e la rivista finalmente svanì dalla mia memoria.

Bene, il sabato successivo, un’altra sessione di carte e birre ed eccoci lì, io e Debora, lei entrò seduta e stava riordinando le carte.

Questa volta, grazie al comportamento rispettoso del signor Fernando, non sembrava più necessario essere così saggio, ma nemmeno così appassionato. Indosso pantaloncini leggermente più stretti e una maglietta normale con le maniche. e un reggiseno bianco come la camicia. I pantaloncini erano blue jeans sbiaditi. Ho notato che mi stavo truccando un po’ di più, senza sapere bene perché, ho salutato il signor Fernando con la stessa discrezione di sempre ed è andato tutto bene. Una volta sul divano, già seduto come la settimana prima, la curiosità di rivedere la rivista ha cominciato a crescere e, in un certo senso, ad entusiasmarmi.

La rivista era ancora lì? Guardandomi intorno ho visto che il signor Fernando era seduto dandomi le spalle, per non vedermi maneggiare le riviste, il che mi ha fatto sentire più a mio agio. Ho cercato e cercato finché non ho trovato la rivista. Era uno degli ultimi, perché ora ce n’erano altri due sotto, che erano come lei sul coperchio.

Ho preso le 3 riviste e le ho messe accanto a me, poi ho preso la stessa rivista della settimana scorsa, la copertina era già incisa nella mia testa, come uno che non vuole niente, ho iniziato a girare le pagine.

Le pagine stavano girando e Mi chiedevo il motivo di una tale reazione la scorsa settimana, la strana reazione, ho ricominciato la foto dove la ragazza viene schiaffeggiata dall’uomo calvo e forte e subito quella successiva dove gira il viso contorto dal dolore e guarda l’uomo che sorrideva cinicamente, mi ha fatto immaginare di essere la ragazza laggiù e mi si è contorto lo stomaco, la mia mano ha scosso leggermente la pagina della rivista, le voci delle persone che giocano a carte sono svanite.

Mi sono ricordata di una delle foto che mi aveva commosso di più, come la settimana prima, e mi sono subito girata sulla pagina per cercarla e con mia sorpresa c’erano delle foto che volavano in mezzo alla rivista, non me ne ero accorto. loro prima. Era un biscotto fotografico.

Nella prima foto, una ragazza, non bella come quella della rivista, era appoggiata a un tavolo, girando completamente il culo per afferrare un uomo con un pene enorme (molto più grande di quello di Márivière) e incredibilmente duro, alzava la mano mentre se avesse intenzione di schiaffeggiarla forte.

Quando ho guardato più da vicino e ho visto l’uomo, un po’ panciuto con baffi bianchi, ho capito, chiaramente ora e tremando, che era il signor Ferdinand. Mi è venuta una strana sensazione. Così, un po’ nervoso, curiosamente sono andato alla seconda foto. Ora era completamente davanti, il che rendeva facile identificare la sua faccia e potevo persino vedere la sacca del suo enorme pene sporgere e stava sorridendo incredibilmente felice e la ragazza era inginocchiata e leccava la sua sacca.

Il suo pene era incredibilmente grande, sono passato ad altre foto, mi stavo già mettendo nei panni della ragazza nelle foto e senza nemmeno accorgermene, viaggiavo come se fossi lì al posto di questa ragazza e quando me ne sono accorto ho viaggiava così, tornai subito alla foto dove schiaffeggiava la ragazza. Il suo sedere era già rosso, doveva aver ricevuto altri schiaffi ormai, e il suo viso si contorceva dal dolore, ma anche dal piacere.

Altre storie erotiche  Prima esperienza nello swing - Racconti Erotici

È stato come un viaggio accidentale, quando l’ho visto era lì, pensando che fossi io…

Nonostante tutto il disgusto che provavo per questo vecchio, era inevitabile e quando sentii le mie mutandine completamente inzuppate e la mia vagina contrarsi con forza, sentii la voce lontana di Mario.

“Denice! Svegliati donna! Non vuoi giocarci uno?

Tutti mi guardavano dall’altra parte del tavolo, compreso il signor Ferdinand.

Imbarazzato, timidamente, rimisi la rivista sotto le altre, in fondo, come se non volessi che gli altri la vedessero, e mi alzai chiedendo scusa.

“Scusa, mi sono distratto. No, non voglio giocare, te l’ho già detto che non mi piace.

E ho guardato di nuovo la rivista, senza accorgermene ho afferrato un’altra rivista, questa molto più violenta, già nella prima foto, una donna a quattro zampe con una collana e legata con una catena, lanciata da un uomo che l’ha girata . Nella seconda foto, la stessa donna è segnata con un ferro rovente sulle natiche e nella sequenza le segna i seni, qui la mia vagina era fradicia, le mie mutandine erano tutte bagnate, eppure continuavo a guardare la rivista.

Ero già a disagio e avevo bisogno di andarmene.

“Ragazzi, non mi sento bene, devo andare.

Abbassai la testa e me ne andai senza salutare nessuno, quando tornai mi ricordai di Mariozinho che era a casa di mia suocera, corsi in bagno a farmi una doccia, puzzavo di avere questi pensieri. Le mie mutandine incredibilmente bagnate che inzuppavano persino i miei pantaloncini aumentarono ancora di più il mio imbarazzo.

Mentre l’acqua calda mi schizzava addosso ei miei occhi si chiudevano automaticamente, la mia mano scivolava sul mio corpo nudo e le immagini del signor Fernando e della rivista e degli uomini che vi si leggevano inondavano la mia mente, come un esempio di promiscuità.

Una foto delle sue dita che stringevano con piacere i capezzoli della ragazza mi ha fatto pensare di essere io la ragazza quando ho stretto forte i miei. La ragazza con la x legata al letto e lui che le faceva delle cose. Il dolore mi ha fatto dimenare e inevitabilmente ho abbassato la mano destra sulla mia vagina e ho toccato con forza il mio clitoride, massaggiandolo senza sosta.

La foto del suo pene incredibilmente grosso, gli schiaffi che riceveva, il suo viso pieno di piacere, la penetrazione dell’ano, della vagina, della bocca della ragazza, mi sono balenate nella mente come diapositive successive, una dopo l’altra. E il piacere, che arrivò più velocemente di quanto immaginasse, arrivò con una forza enorme, come se fosse stato trattenuto per secoli.

E sono persino caduto nel bagno e ho pianto come se fossi stato io a essere picchiato. Dopodiché, per almeno due giorni, sono stato incredibilmente imbarazzato.

Lunedì quando vado al lavoro, indovina chi incontro uscendo dall’edificio? Esatto signor Fernando, arrossii per l’imbarazzo.

“Perché sono imbarazzato, non sa nemmeno il mio imbarazzo.”

Ho pensato.

“Ciao Denise, ciao. Mi dispiace, ma da quello che vedo non ti piaccio molto. Mi dispiace se ti ho maltrattato in qualche modo. Non era mia intenzione. Voglio cogliere questa opportunità per incontrarti così per caso per scusarti davvero.

Imbarazzato ea testa bassa, sono riuscito a dire qualcosa del genere.

«Non c’è niente, signor Ferdinand.

Accelerò il passo in segno di addio.

“Devo andare più veloce perché ho un appuntamento e sono in ritardo. Non incolpare me, vai da Denise. Salute.

Ma quel giorno, nel pomeriggio, mi tornarono in mente le sue immagini. Cominciavo già ad emozionarmi, riuscii con molta fatica a ritrovare la concentrazione per il lavoro.

Quella notte, quando sono tornato a casa e ho visto che Mário stava già dormendo, le immagini mi sono tornate in mente con una carica completa e prima che me ne rendessi conto ero nella vasca del bagno con il tubetto di deodorante infilato tra le gambe, le mie dita veloci che mi massaggiavano clitoride. . . Nella mia testa, ho scelto una foto e ho immaginato di dare la sequenza di foto e la vita al posto della ragazza, finché non è scoppiata in una gioia tale che quasi non riuscivo a stare zitta, non volevo svegliare la mia famiglia.

L’imbarazzo non si è dissipato durante la settimana e con una certa ansia non vedevo l’ora che arrivasse sabato. E per quanto ci provassi, non riuscivo a togliermi dalla mente le immagini e i pensieri, sembravano sopraffare la mia volontà, tornavo più forte e più vivo, per tutta la settimana continuai a masturbarmi costantemente, arrivai al punto di masturbarsi in bagno in compagnia giovedì.

Il venerdì sera, alcune persone del palazzo di solito vanno al bar del parco giochi e Mário di solito viene più tardi. Il signor Fernando, certamente, era una delle persone che lo frequentavano, anche per mancanza di alternative. So perché alla fine sono andata al parco e come il venerdì mio marito si fermava a bere una birra, a volte lo incontravo e portavo nostro figlio.

È incredibile come se ne sia andato tutto quel disgusto che provavo per il signor Fernando, come se trasformarsi in un’erezione incontrollabile stesse provocando un drastico cambiamento. Vai a capire.

Ho appena indossato questi bermuda marroni, che mi ero tolto, perché il signor Fernando li aveva trovati troppo corti, ma quel pomeriggio li ho indossati e li ho appesi ancora più accuratamente, lasciando vedere la carne del mio culo, ho messo una maglietta bianca, ma questa volta senza reggiseno e sono scesa al parco.

” ” Quello che faccio ?

Pensavo, ma quei pensieri non bastavano a contenermi, scesi con Mariozinho, vestito così.

Ho salutato tutti mentre passavo davanti al bar, in particolare il signor Fernando che senza dubbio si era accorto del mio cambiamento, l’avevo appena salutato prima. Devi aver pensato che è quello che mi hai detto lunedì.

Ha notato i miei vestiti e non ci ha messo molto a venire da me, giocando a Mariozinho, abbiamo iniziato a girare lentamente intorno all’isolato, allontanandoci un po’ dal bar mentre parlavamo di cose banali.

“Questo ragazzo, come sua madre, sta diventando più carino.

E guardandomi ancora una volta finito.

“Vedi Denise, i miei complimenti sono così spontanei.

Sorrido un po’ timidamente.

“E tu sei davvero bella. Hai anche delle belle gambe. Non ho potuto fare a meno di dirlo in quell’occasione.

Questa volta si è limitata a sorridere e non era indignata come al barbecue. E lui, esperto, ha notato nel mio sorriso quella certa offerta, ora in trepidante attesa di altri complimenti.

«E davvero, un corpo così dopo aver avuto un bambino è estremamente raro, Denise.

Ora una certa corrente che mi percorreva mi addolciva con le sue parole, e il fronte scompariva. indignazione, si è surriscaldato.

“E una cosa Denise, mi scuserai, ma devo dire una cosa che ammiro anche di te: il tuo seno, sì, il tuo seno.” Potresti pensare che siano grandi, ma è esattamente quello che penso che abbiano, sono bravissimi a causare dolore.

È stato come uno shock, mi sono emozionato molto quando ha parlato di causare dolore, mi sono tirato su deliberatamente i pantaloncini, segnandomi duramente la vagina, sotto i suoi occhi ansiosi che sembravano mostrare un’enorme soddisfazione per questo mio cambiamento radicale. Dovevo davvero trovare un modo per dimostrargli che mi stavo donando completamente a lui, senza nemmeno rendermi conto di quello che stavo facendo.

A quel tempo, doveva dirlo molto chiaramente. E quando Mariozinho mi è passato davanti così, piangendo e volendo essere abbracciato, ho visto questa opportunità, mi sono voltato volontariamente e mi sono chinato per prendere Mariozinho, mi sono chinato in modo esagerato, tenendo il sedere verso di lui, prendendo anche i pantaloncini. di più e ho impiegato molto più tempo del necessario in questa posizione. Quando mi sono alzato con Mariozinho già in grembo, ha sospirato e ha parlato piano:

“Bella! Deliziosa Denise, bel culo da sculacciare.

Questa volta, non ho potuto contenere un sorriso. Poi, più che in fretta, si offrì di far sedere Mariozinho sulle sue ginocchia, mi toccò il petto con la mano destra e mi strinse leggermente con le dita il capezzolo destro, facendomi tremare tutta. Sperimentava sempre quando vedeva la mia reazione, tornava con la mano nello stesso punto fingendo di giocare con Mariozinho, io sospiravo chiudendo leggermente gli occhi mentre usavo le sue dita, tenendo con una certa forza il capezzolo del mio seno che era coperto solo da la camicia.

Il momento esatto in cui è stato chiamato al bar.

“Me ne vado, signor Fernando, Mariozinho piange nel sonno.

“Domani c’è una partita, ci vai, vero?

“Sì, certo, signor Ferdinando.

Ho risposto bagnato e ansioso. Quando è arrivato il momento di andare al gioco di carte, non ho potuto fare a meno di sentirmi ansioso. Come poteva accontentarlo in modo che non sbattesse le palpebre? Evitavo lo sguardo di Mario, ma sentivo che non mi apparteneva più, mi vedevo solo punito e torturato dal signor Fernando.

E tutti i rimorsi di coscienza erano immediati, ma sostituiti dal desiderio che già mi rendeva incredibilmente stordito e schiavo dell’anticipazione. E così, determinato, ho deciso di andare con tutto. Ho indossato un vestito che arrivava a metà coscia, un paio di sandali col tacco alto, una forma speciale con i miei capelli e niente biancheria intima.

Se solo quel sabato non mi fossi messa le mutandine quando siamo andate dal signor Fernando, quando sono arrivata ho guardato il signor Fernando e gli ho fatto un lieve sorriso che lui ha ricambiato subito come se avesse capito quel sorriso che gli stavo facendo . A differenza di prima, oggi stava strategicamente cercando un posto dove potesse vedermi. Certo, sono andato sulle riviste e ho trovato quello che volevo e quello che cercavo di più. Sono diventato impaziente al centro della rivista, c’era un messaggio scritto a mano.

“Volevo vederti così…

Era una ragazza in ginocchio, a faccia in giù, nuda, picchiata per punizione. Era una foto che avevo già visto lì sabato scorso, ma aveva ancora una specie di spasmo. Da quel momento in poi, ogni volta che c’era un’opportunità che vedevo che solo lui avrebbe visto, allargava le gambe in modo indecente.

Io mi limito a muovere la bocca, senza emettere alcun suono, disse.

“Volevo solo essere a faccia in giù in questo modo prendendo un pestaggio.

E gli ho mostrato la stessa foto, non sapevo cosa mi avesse fatto comportare così, credo fosse solo un desiderio irrefrenabile, anche folle, perché non pensavo davvero alle conseguenze, volevo solo essere nel mani di quest’uomo. Quando in uno di quei momenti ho capito che mi stava guardando le gambe e le ho aperte in modo che potesse vedere che non indossavo mutandine, ho avuto un po’ di vertigini.

Si passò la lingua tra i baffi bianchi, bagnandoli come se stesse per leccare il piatto, era così bagnato che avevo paura di bagnare anche il vestito e il divano. Mi sono scusato e ho parlato.

“Signore, posso usare il suo bagno?

– Sì, certo, segui il corridoio, è alla tua sinistra.

Altre storie erotiche  Fai sesso con il mio passato

Goffamente, corsi in bagno.

“Dannazione, non sarei dovuto venire senza mutandine. E adesso? Il vestito mi ha toccato senza accorgermene e mi è rimasto attaccato al culo, era molto bagnato. Sorrisi leggermente immaginando che potessero pensare che avevo pisciato sui miei vestiti. Mi sono asciugato e stavo per andarmene.

Quando ho sentito qualcuno bussare alla porta, era il signor Fernando, ha parlato un po’ più forte, credo che lo sentano tutti.

“Signora Denise, per favore vada a prendere la carta igienica, ho dimenticato di metterne una nuova in bagno.

Ho aperto la porta e lui mi ha passato una pergamena, ma con l’altra mano l’ha fatta scivolare sotto il mio vestito, infilando il dito molto forte nella mia vagina e tirandomi verso di sé, ha detto dolcemente.

“Tu e il tuo gatto appartenete a me.

E poi se n’è andato, mi ha lasciato le gambe traballanti e molto più bagnate, ho dovuto asciugarmi di nuovo con la carta, infatti in bagno c’era della carta. In modo che nessuno se ne accorgesse, ho cambiato le carte e ho messo quella usata nell’armadio. Sapevo che dopo la partita tornavamo tutti a casa e siccome Mario beveva molto, presto sarebbe andato a letto e si sarebbe addormentato. Quindi, quando sono tornato a casa, stavo già cercando di escogitare un piano.

“Ragazzi, ora vado, mi sono ricordato che devo preparare alcune cose per il lavoro.

L’hanno fatto Aaahhhh!! Ampliato con alcuni commenti. Io così, un po’ di lato perché non vedano il mio vestito bagnato, disse.

“Devo spedire la corrispondenza che mi ha mandato il mio capo, entro le 18, mi ricordo, se posso, torno.

Ho dato un bacio a Mario, un saluto a tutti e uno sguardo complice al signor Fernando e me ne sono andato. Non so se avesse capito lo sguardo, ma la corrispondenza esisteva davvero, semplicemente non aveva quell’urgenza. Quando sono tornata a casa, ho visto che non potevo davvero restare lì, il vestito era molto bagnato.

L’ho cambiato, ne ho messo un altro molto simile, solo più corto, non avrei potuto metterlo senza le mutandine e mi sono seduta su questo divano, era cortissimo, chiunque avrebbe visto la mia vagina, ma io no ce l’ho neanche… come bagnarlo con la mia lubrificazione vaginale.

Ho aperto il computer e ho fatto tutto quello che dovevo fare, in un’ora avevo fatto tutto e niente da far scaricare a Mário. Ho chiamato la signora Lourdes, mia suocera, per sapere di Mariozinho, lui ci rimaneva sempre il sabato e qualche volta anche la domenica.

Mia suocera è venuta a cercare Mariozinho, era usanza, non l’ho mai chiamata, questa prima volta, ho chiamato per pulirmi la coscienza. Non era male. Poi mi è venuta in mente un’altra idea.

Ho aperto il cassetto del tavolino del telefono, mi sono ricordato che Mário aveva messo lì il signor Fernando, finalmente l’ho trovato e ho subito chiamato e parlato velocemente.

“Non fare il mio nome, per favore, signor Ferdinand.” Sono già andati?

Dimostrando tutta la sua esperienza, il signor Fernando si è subito espresso.

“Ciao, mi dispiace, ci sentiamo più tardi, ho degli amici che se ne vanno proprio ora.” Puoi chiamare più tardi.

Ecco quello che avevo bisogno di sapere, non volevo che Mario mi trovasse a casa quella sera. Non so nemmeno perché l’ho deciso all’improvviso. Forse era la paura che potesse vedere la mia ansia ed eccitazione. Inoltre, dopo essere tornato a casa, andava comunque a dormire e non si ricordava nemmeno di non avermi visto quando entrava in casa.

Ho persino dimenticato che indossavo questo vestito molto più corto e senza mutandine, sono corsa giù per le scale con il cuore che mi batteva nervosamente e ansiosamente, sono andata al parco giochi a fare una passeggiata, dando così a tutti un po’ di tempo per tornare a casa. Mi sono preso il tempo che pensavo mi fosse dovuto, ho preso l’ascensore con il cuore che mi batteva più forte e sono andato a casa, ho dato un’occhiata, Mario era svenuto nel letto, quindi sono sceso con Monsieur. Ferdinando.

Dopotutto, non avevo mai veramente pensato di tradire Mário un giorno, non mi ero ancora reso conto che lo stavo per fare. Alla porta del signor Fernando un nervosismo ancora più grande mi invase, mi tremarono i polpastrelli e un dubbio mi invase.

Merda, non potevo farlo a Mário, quindi non avrebbe mai sospettato di me, ero sempre così pudica ed evitavo così tante cose che pensavo male e me lo chiedeva. Ma non potevo restare lì, poteva passare qualcuno o me ne andavo per sempre, oppure… Ma mi tornavano in mente le immagini delle immagini. Era troppo tardi per tornare indietro. Prima di premere il campanello, ho fatto un respiro profondo e senza dubbio l’ho premuto ancora tremando. Aprì la porta e l’odore del sapone con i suoi capelli bagnati tradì una doccia recente. E invece di pantaloncini e camicia, indossava un vestitino con un fiocchetto in vita. Restammo così qualche secondo davanti alla porta, senza parole.

Mi guardò negli occhi e notò il mio atteggiamento imbarazzante. Ho anche sentito le mie gambe tremare leggermente. Guardai quasi senza volerlo, dritto al suo cazzo enorme, quasi smisurato, che faceva capolino da dietro il vestito, denunciando la mancanza di biancheria intima. Sarebbe davvero grande come le foto? Ben presto sembrò più alto. E sembrava diventare sempre più grande davanti al mio sguardo curioso e paralizzato, oa causa del mio sguardo. Ero silenzioso e statico, non sapendo cosa dire o fare quando parlavo, sorridendo delicatamente.

– Entra Denise, i vicini di questo piano sono molto loquaci.

E mi fece entrare piano, chiudendo subito la porta e porgendomi la chiave, senza avvicinarsi troppo in quel momento.

“Quel vestito non è quello che indossavi, sembra molto più corto di Denise.

“Sì, è molto più breve, il Signore non ha detto che ha trovato belle le mie gambe.

Riuscii a sussurrare con una voce rauca e spezzata che sembrava non uscire. E ho finito per pensare di aver detto una grande sciocchezza. Sembrava percepire la mia vergogna.

“Oh! Che sì, sono proprio belli. Mettiti comodo, siediti.

Mi sono seduto goffamente. In un atto istintivo e automatico, ho chiuso le gambe e ho cercato di abbassare il vestito e ho sorriso della mia stessa infanzia. In piedi dietro il tavolo ad aprire una birra.

«Sii mia ospite, Denise. Tu non bevi, vero? Bevo solo birra Denise da quando ero adolescente.

🇧🇷 No signore, non bevo, perché sto impazzendo e non ricordo cosa ho fatto dopo.

🇧🇷 Ehm… È utile.

Non ho capito cosa intendi con “è utile”.

Il vestito è salito e mi ha esposto le gambe e mi ha già reso più facile vedere la mia vagina, non mi sono tirata indietro per abbassarla. L’ho lasciato così, le mie cosce tutte esposte e parte della mia vagina visibile. Dall’altro lato del tavolo, poteva vedermi e vedere la mia privacy.

“Le tue gambe sono così belle, non troppo spesse e non troppo magre, semplicemente belle. E completamente lisce. Solleva un po’ Denise per favore, solo un po’.”

Mi sono chinata per alzarmi e il vestito era molto corto, stretto in vita, permettendo ai miei peli pubici di essere visti vicino alla giunzione delle mie gambe.

“Bella Denise! Va bene, siediti Denise.

E subito mi sono seduto, non riuscivo più a guardarlo negli occhi, tenevo la testa leggermente abbassata. Ma la cornea mi ha lasciato languido come sempre, un po’ fragile, abbandonato. Si avvicinò al divano, sempre con in mano il bicchiere, e si sedette accanto a me.

“Ti sono piaciute le foto, Denise?”

chiese a bassa voce e posando il bicchiere per terra, mi mise una mano sul ginocchio e cominciò ad accarezzarlo dolcemente. Lo ricordo seduto accanto a me e mi mise il braccio sinistro intorno alle spalle, abbracciandomi e toccandomi.

“Torna alle tue gambe Denise, sono deliziose. Ci sono dei peli dorati, rende tutto più facile, vero Denise, non devi raderti tutto il tempo?

Annuii e sorrisi timidamente. Cominciò ad accarezzarmi l’interno della coscia destra con la mano destra, stringendo leggermente, dolcemente, accarezzando senza sosta, facendo una specie di massaggio mentre parlava.

“All’interno non ci sono quasi capelli, ma quello che mi piace davvero è una figa molto pelata. Potrò vederti calvo come sei nato in una futura visita?

🇧🇷 Sì signore Fernando, ci sto.

🇧🇷 Fantastico, è così che mi piace vedere i miei cani, obbedienti.

La ruvidità della sua mano leggermente callosa e il ricordo di lei che mi toccava la figa in bagno, mi facevano venire le vertigini e svenire. E così mi sono arreso, ho chiuso gli occhi e ho sospirato senza pensare. E l’ho riaperto solo quando ho sentito i suoi baffi sfiorarmi la bocca e lui mi ha baciato, succhiandomi le labbra. Involontariamente, allargai un po’ di più le gambe, sperando che si allungasse e mi toccasse dove desideravo che mi toccasse.

La sua mano si mosse più in alto ma ancora non mi toccò, invece chiese continuando gli stessi movimenti sulle mie gambe.

“Ti sono piaciute le foto, Denise?”

Annuii timidamente, non sapendo cosa dire. Così ho chiesto tremante.

” Chi è la ragazza ?

“È una puttana sposata, proprio come te, lei dell’interno del Rio Grande do Sul che adorava che facessi delle foto. Ho un’attrezzatura completa per le foto e le riprese, lei ha sempre voluto che facessi foto e film. Ma il suo caso è diverso dal tuo, sembra che a suo marito piacesse vederlo. Non preoccuparti, non ti farò foto a meno che tu non voglia farmi piacere. Vuoi farmi piacere Denise?

Annuii, non volendo turbarlo affatto.

“E tu quale hai preferito?

In effetti, sono stato così toccato da tutti loro che non sapevo cosa dire. Ma ce n’era davvero uno che sembra aver indovinato.

“Quello del messaggio di oggi?”

“Sì, quello che il Signore ha lasciato con un biglietto oggi, ma li ho amati tutti e mi piacerebbe fare tutto in riviste e immagini.

🇧🇷 Denise, hai visto tutte le riviste?

🇧🇷 No signore, ma le riviste che ho visto mi hanno eccitato così tanto, so che mi ecciterebbero ancora di più.

🇧🇷 Farò in modo che tu superi tutto questo e molto altro in tempo. Lo vuoi davvero?

🇧🇷 Sì signore, voglio provare tutto.

dissi e sorrisi facendo un charminho. Ha parlato, accarezzandomi le cosce per tutto il tempo, ma senza arrivare dove volevo. andare di pari passo

Vuoi metterti in ginocchio a faccia in giù e affrontare quello che ha passato lei, Denise. Andresti fino in fondo con questa Denise?

Ho annuito un po’ in lacrime. Sapeva già dove stava andando.

“Allora sdraiati sullo stomaco Denise, andiamo!

Quando mi sono alzato per sdraiarmi in ginocchio sullo stomaco, le mie gambe erano completamente traballanti.

“Alza il vestito e mostrami il tuo culo da puttana, puttana. Ora verrai trattata così, Denise, come una puttana e una puttana! Perchè sei tu! Hai capito?

Ho iniziato a piangere, non sapendo davvero perché stavo piangendo, ho annuito e mi sono sdraiato a faccia in giù sulle sue ginocchia con il vestito alzato, pieno di piacere.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Il mio vicino caldo e non amato

“Sai perché sei una puttana, una puttana, Denise?”

Scuoto la mia testa.

Ma Denise dovrebbe saperlo.

E ha schiaffeggiato forte il mio sedere bianco, tirando fuori un bel (ahi) dalla mia bocca acquosa.

“Oh!

“Perché tradisci tuo marito cornuto, Denise?”

E ha chiamato di nuovo, questa volta più forte. Qualcosa di un altro mondo mi riempiva di estasi, quasi di delirio, ero un’altra persona e non sapevo di poter unire piacere e dolore in questo modo. Voleva sentire la sua voce, voleva che dicesse qualcosa.

“Non sapevo che fossi una puttana, vero, Denise?”

Scossi di nuovo la testa.

“Ora sai?

Ho annuito e lui ha colpito più forte e ho pianto più forte.

“È perché sai già di essere una troia, ma ora sei più che una troia, sei una troia, una troia, vero, Denise?”

Ho annuito.

“Ma Denise non è una puttana per niente, ora è la mia puttana Denise. ascolta cagna Sono il tuo proprietario d’ora in poi. Abbiamo un accordo?

E mi schiaffeggiò ancora, già immaginavo quanto doveva essere rosso il mio sedere, ma quello che provai fu un piacere indescrivibile. Non era solo il piacere del dolore, era anche il piacere di essere lì, esposti così e umiliati così. Lascialo segnare, poi avrebbe visto cosa avrebbe fatto, non poteva più pensare alle conseguenze in questa situazione.

🇧🇷 Sì, signor Fernando, ho capito.

“Hai il culo così rosso, puttana, non lo farai vedere a Mario.” Vuoi che diventi una cagna più rossa? Vuoi essere la mia cagna, la mia cagna, vuoi che io la possieda, Denise la cagna?

Ho appena annuito, questo essere il mio padrone, avere un padrone come un cane, ha aumentato ancora di più il mio divertimento. E ha chiamato ancora, sempre più forte.

“Sai già di avere una proprietaria donna?

Ho subito annuito, stupito dall’affare.

“Quindi voglio vederti inginocchiato qui sul pavimento e succhiarmi, dalla punta del piede al mio cazzo duro, così posso scoparti come la troia che sei… E se non succhia come voglio io , sarà toccato.”

Si è tolto il vestito per mostrare il suo cazzo.

“Dai, succhialo!

Non c’era nient’altro al mondo, lui era solo un padrone di casa e una troia e io ero la troia, mi sono messa subito in ginocchio e ho cominciato a succhiargli le dita dei piedi.

“Anche tra quelle dannate dita!” Succhiai avidamente e mi passai la lingua tra le dita, come sembrava volesse fare lui e come non avrei mai pensato che avrebbe fatto a nessuno, per quanto orgoglioso fossi.

“Non così! Alza la faccia.

E quando mi sono alzato è arrivato il primo schiaffo e invece di arrabbiarmi ho pianto come farebbe un cane.

“Succhia di nuovo la tua cagna, solo per questa volta.”

Ho ricominciato a succhiare attraverso lacrime continue e sono andato di sopra. E quando sono arrivato a questa cosa enorme, dura come un adolescente, ho gemuto e l’ho succhiato piangendo e volevo sedermi con la mia figa. Di gran lunga il pene più grande che abbia mai visto, anche nelle foto potevo dire che era anormale sia in lunghezza che in larghezza. Sembrava un barattolo d’olio, più di 20 cm, la testa era larga 8 cm o più e si restringeva molto poco in circonferenza, un pene mostruoso.

“Succhiamelo, mettitelo tutto in bocca, voglio vederti afferrare tutta la testa del mio cazzo, perché poi ti spezzo, ti distruggo la figa, cagna”.

Ho provato a mordere senza toccarmi i denti, ma era troppo difficile, avrei avuto bisogno di più pratica.

“Sei proprio una troia, non sai nemmeno come si succhia bene, ma imparerai da brava troia.” Non è così?

Cercando ancora di mettermi in bocca questa cosa gigante, annuii.

“Dai puttana, puoi fermarti, metti le mani sul tavolo, prima ti punirò per non sapere come succhiare un cazzo, ogni donna dovrebbe cercare di capire come si fa e poi me ne vado .” scoparti come una puttana e ti ringrazierai. Abbiamo un accordo?

Più che velocemente, desiderosa di avere questa cosa nella mia vagina, sono corsa su e tenendo il vestito, mi sono appoggiata al tavolo, sporgendomi in avanti. Non avevo idea di cosa mi aspettassi, ma non avevo nemmeno idea che questo tipo di sesso potesse dare così tanto piacere a qualcuno. Quando il signor Fernando mi schiaffeggiò di nuovo, sentii la mia vagina, che era fradicia, riempirsi e contrarsi con tale forza, la lubrificazione filtrava lungo le mie gambe.

Allora un altro schiaffo e un altro e un altro ho pianto dal dolore e dal piacere non so quanti schiaffi mi hanno dato ma per poco non venivo e se avessi continuato sarei sicuramente arrivato al culmine.

Sentendo ancora le cime in fiamme nel mio culo, ha infilato il suo cazzo nella mia vagina e ha forzato un po ‘la testa del mostro nella mia vagina, sentendola solo aprirsi, allungarsi, ho iniziato a venire all’istante e vedendo come ho iniziato a venire, nessuna pietà o pietà. , ha spinto dentro di me tutta questa mostruosità e nello stesso tempo ha cominciato a colpirmi il culo molto più forte, già ben segnato dalle precedenti sculacciate e spingeva sempre di più la coda.

Ho urlato di dolore e il mio seme è stato tagliato, mi ha coperto la bocca con l’altra mano prima che qualcuno potesse sentirmi, poi ha parlato.

“Sei la mia puttana, servirai il mio piacere e verrai solo quando te lo permetterò. Ho detto che ti avrei addestrato ed è così che faccio le mie femmine, ma per dimostrare che sono bravo, ti lascerò entrare come so che non hai mai fatto. Così sarai sicuro che è una puttana.

Ha poi continuato a infilarsi e tirare fuori dalla mia vagina questo barattolo di olio a forma di cazzo senza sosta, non appena il dolore è passato ho iniziato a godermelo spesso, ho avuto orgasmi multipli che sono quasi svenuto. E sono venuto e ho urlato e gemuto come una cagna in calore.

Ho detto.

“Di più, spingi di più, voglio il tuo cazzo nella mia vagina, mettilo nella mia vagina, tutto!”

Questo pene mi ha aperto, oltre i limiti a cui ero abituato, che prima era minuscolo rispetto a ciò che mi circondava. Ha toccato il fondo della mia vagina, ho sentito la mia cervice aperta, ero felice di aver preso la pillola.

“Dovrò insegnarti che le puttane, le donne sposate, le donne perbene hanno vagine, tette e ano, le puttane come te hanno fighe, seni e culo e sono fottute da cazzi, cazzi e cazzi. Accidenti, d’ora in poi parlerai della tua figa, delle tue tette e del tuo culo come faccio io.

Io nella mia lussuria e nella mia depravazione e nei piaceri ripetuti, solo ripetuti.

“Sì signore, fica, tette, culo, cazzi e cazzi.

Così ha finalmente tirato fuori il suo cazzo, ho sentito un enorme vuoto nella mia figa, mi ha tirato i capelli e mi ha fatto girare per affrontare il suo cazzo, me lo ha messo in bocca e con una semplice spinta, ha messo tutta la sua testa dentro e subito cominciò a venire. .

“Ingoia Denise!” Lecca e deglutisci.

E io ubbidii, allucinata, deglutii come non avevo mai fatto al mondo, né nei miei incubi avevo mai pensato di fare una cosa del genere, il disgusto era enorme, ma mi prendevo tutto il suo cazzo con totale piacere. Quando sembrava finita, mi è venuta un’incredibile sensazione di leggerezza. Era come se avessi scaricato un peso che non sapevo di portare. Lo guardai con una certa gratitudine. Negli occhi.

– Denise, calmati e vai, io vado in bagno. Fai attenzione che il cornuto non ti veda il culo tutto rosso! Oh! Lavori lunedì, vero?

“Sì, vado a prendere alle nove dal lunedì al venerdì.

“Beh allora è un peccato, perché questo lunedì vado a lavorare solo il pomeriggio e ho pensato di farti fare un giro, volevo usarti un po’ di più. Ma puoi lasciarlo, lo programmeremo per un altro momento più tardi, non perderai l’occasione. Ti serve qualcosa Dennis? posso aiutarla

« Non, M. Fernando, tu in as déjà trop fait, mais si tu veux, je viendrai tôt, Mario part très tôt, at 6 hours du matin, j’ai jusqu’à 8:30, heure à laquelle il a quitté casa.

“Fantastico, quindi ti voglio qui subito dopo che il cornuto esce per andare al lavoro alle 6:10. Voglio che il tuo culo sia davvero rosso quando vai al lavoro.”

Il solo sentirlo parlare in quel modo mi ha fatto stringere la figa e ho avuto un piccolo rivolo di lubrificante che ora mi scorreva lungo le gambe. E sorrise felice.

Salii le scale sentendomi pulsare e bruciare il sedere, temendo che qualcuno mi vedesse a quell’ora vestito così e con le gambe visibilmente bagnate. Quando sono tornato a casa, Mario era ancora svenuto a letto. Esausta, mi sono cambiata, ho messo il vestito in lavatrice e mi sono sdraiata sul letto, quasi svenuta per la stanchezza improvvisa. Ho dormito come un sasso.

La domenica dopo quella prima volta con il signor Fernando mi sentivo come se mi mancasse qualcosa, la mia figa si irrigidiva ogni volta che pensavo a lui o alle foto, mi sentivo come se stesse andando a fuoco e avesse bisogno di essere riempita, ma allo stesso tempo Ho sentito il cazzo del signor Fernando dentro, era molto gustoso.

Avevo qualche difficoltà a camminare perché la mia figa mi faceva male e il mio culo stava bruciando, ma è stato solo al mattino che ho visto che era molto rossastro, bluastro e persino viola in alcuni punti. Stranamente, questa vista dello stato in cui si trovava il mio sedere mi ha eccitato.

A parte questo, posso considerarlo normale. Siamo andati a pranzo da mia suocera come facciamo quasi sempre, mi faceva male il sedere mentre pranzavo, siamo tornati nel tardo pomeriggio. Ma quando venne la notte e Mariozinho già dormiva, io e Mario eravamo pronti per dormire, il ricordo del signor Ferdinando.

Indossavo una lunga camicia da notte e una delle mie mutandine più grosse ed ero di fronte a Mario quando si sporse dietro di me con il suo cazzo già duro come faceva sempre. Bruciava proprio dove toccava e ricordavo gli schiaffi.

Questa insolita situazione cominciò a riempirmi di un’erezione diversa. Ma ovviamente non poteva vedermi nudo, specialmente da dietro. Ho deciso di fargli un pompino, cosa che ho evitato di fare. Anche per avere un po’ di compassione per lui in quel momento. L’ho succhiato finché non è venuto nella mia bocca e ha ingoiato come non avevo mai ingoiato sperma prima. Ha mostrato la soddisfazione nel sorriso spontaneo che gli è scoppiato sulla bocca poco dopo.

“E tu, Denise, non vuoi venire?”

– No, amore mio, ma sto bene, comunque. Ho risposto con un sorriso e mi sono sdraiato e ho dormito tranquillamente appena tornato dal bagno.

(Da seguire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *