Condividere sua moglie con suo fratello

di | 9 de Dicembre, 2022

Dopo 6 anni di avventure in giro per il mondo, Jonas torna in Brasile. Zaino in spalla, tante storie e nessuna casa in cui vivere. Naturalmente, come fratello maggiore, l’ho accolto a braccia aperte. Eravamo molto vicini. La nostra casa era molto spaziosa e abbiamo potuto ospitarlo.

Vivevo a casa nostra, con i miei 45, 1, 75 anni, i capelli scuri e facevo il dirigente di una grande azienda. Mia moglie Pâmela, 38 anni, 1,68,53 kg, anche lei mora, molto più adatta al sole, ben curata nel corpo, grazie alle frequenti visite in palestra, alla buona alimentazione e alle nostre due figlie. Patrícia, aveva 19 anni, 1,73, magra, ma con un corpo ben definito, occhi verdi, bocca carnosa, studentessa di giornalismo e Luciana, 18 anni, bruna, occhi castani, 1,69 anni, con un bel culo e seno medio-grande, gambe tornite, per via del calcio che giocava al club. Eravamo una famiglia molto felice e unita. Abbiamo fatto tutto insieme.

L’arrivo di mio fratello, zio delle ragazze e cognato di Pam, è stata una gioia. Dopo tanto tempo senza vederlo, ascoltare i suoi racconti ci ha fatto bene. Era un bravo ragazzo squadrato, bravo in prosa, più alto di me. Aveva 10 anni meno di me, con i suoi 6’2, 180 libbre, lunghi capelli ricci e pelle bruciata dal sole, ci ha ricordato quei surfisti da campionato che vedi in TV. simpatia in persona

– Merda, fratello, come sono cresciute le mie nipoti. Certe ragazze! E Pâm, lei è più giovane, a quanto pare – Mi disse tutto eccitato, davanti alle donne

– Per il cognato! Sei generoso! – Ho 6 anni in più! – Pam, disse ridendo

– È lo zio! Siamo cresciuti! Volevi che rimanessimo questi maschiaccio per sempre? Siamo già donne! – disse Pati, godendosi la sorpresa dello zio.

Jonas fu presto sistemato nel suo alloggio, le ragazze andarono a letto e Pam e io restammo in veranda a chiacchierare per un po’. Poi arriva Jonas, tutto da spiaggia. Era estate. Pertanto, è arrivato con pantaloncini chiari e senza maglietta. Non c’era modo che gli mancassero gli occhi di Pam sul suo petto. Brillarono all’istante. Stavamo bevendo una birra. Non appena Jonas si è seduto, P¢m si è alzato ed è andato a farci un giro.

Indossava una camicia da notte di cotone nero chiaro e io indossavo i miei pantaloncini di seta. Quando se ne andò, Jonas disse:

– Stai bene, vecchio! Con una donna così, non ci sono brutti momenti. Questo è qualcosa che il celibato non ha. Possiamo anche avere altre mogli, ma sono sempre avventure. – disse con una certa serietà.

– Oh! fratello minore! Ma anche il matrimonio ha le sue sfide. A che serve avere una donna grassa, come dici tu, e non essere sempre soddisfatta. A volte mi sembra che a P manchi qualcosa, sai? dicevo fiducioso…

Questa conversazione finì lì, perché Pèm tornò con le nostre birre.

Jonas ha parlato molto, ha raccontato le sue storie di viaggio, le donne e le persone che ha incontrato e tutto il resto. Pamela era affascinata da tutto. Ho fatto molte domande. Abbiamo bevuto qualche altra birra e poi ci siamo addormentati. Ha salutato Jonas, con un lungo e stretto abbraccio e gli ha dato il benvenuto:

– Mettiti comodo, cognato. Qualunque sia la tua esigenza, sono a tua disposizione. – disse terminando l’abbraccio, baciandolo sulla guancia.

– Giunto in camera, affronta con entusiasmo l’argomento:

– Amore mio, Jonas ha viaggiato bene, vero? Pensi che abbia molte donne lì. Perché è un tipo d’uomo.

– Oh! È una “bella vita” e già lo sappiamo. Non ho mai avuto problemi nella vita, soldi facili. Sicuramente il mio fratellino deve aver avuto molte esperienze oltre a quelle che ha raccontato oggi. – risposi, attento al comportamento di Pam

Durante il sesso, continuava a prendermi in giro:

– Dai, piccola, fai finta di essere Jonas e io sono spagnolo! Mangiami, mio ​​torero, vieni a fottermi deliziosamente. Sì, pianta questa lancia nella mia piccola caverna! Caldo pervertito

Ha dondolato dolcemente sul mio cazzo ed è venuta diverse volte, con questa presa fantastica. Ho presto annunciato il mio sperma e ci siamo addormentati, tra sesso e fantasia.

Altre storie erotiche  matrigna arrapata III

Mi sveglio e guardo il letto, Pam non è accanto a me. Il sole era magnifico! Le ragazze stavano ancora dormendo. Mi alzo ed esco in veranda e vedo Jonah e Pam in piscina che parlano. Annuisco e li saluto entrambi. Rispondono al saluto e Jonas urla da lì:

– Andiamo, vecchio! Il sole è alto e io e Pâm siamo già aggiornati in questi 6 anni di assenza.

I due erano seduti uno accanto all’altro e osservai ancora un po’ il comportamento di Pam. Era molto interessata e lo prendeva sempre sottobraccio quando parlava e rideva e di tanto in tanto si avvicinava a lui. Dopo aver preso un caffè, mi unii a loro.

– Amore, tuo fratello mi ha raccontato tutto dei suoi viaggi. Riesci a credere che sia stato con molte donne in tutto il mondo? Uno più bello dell’altro. Mi ha mostrato alcune foto di alcuni, sono rimasto colpito. Questo mio cognato non è debole. – Me l’ha detto tutta emozionata!

– Oh! Tesoro, è single e può fare qualsiasi cosa, giusto? – Ho detto spensierato

– Potresti. Ci sono alcune immagini piuttosto audaci che ha mostrato.

– Ascolta! Voi due, smettetela di parlare di me come se non ci fossi. E andrà tutto bene, è arrivato il mio buon fratello, con una bella moglie e tutto il resto, come Pam non avresti bisogno delle avventure che ho avuto io – disse con fermezza e ridendo alla fine.

– Oh! Idiota! Lo dici per farmi piacere! Non è che parli solo di me! – rispose lei prendendolo per un braccio.

– Ti dirò di più, cognata. Tu sei tutto questo e altro, sei d’accordo, fratello? Ha ripetuto il complimento.

– È vero! Pam è una bellezza! Ho risposto dandogli un bacio sulla guancia.

Poi le ragazze si sono svegliate e sono venute da noi. Pat ha detto:

– Papà o mamma, potete portarci a casa di Juliana. Abbiamo deciso di giocare a beach tennis con le ragazze. E siamo già in ritardo.

– Oh! Tesoro, resto qui in piscina, porteresti le ragazze per me? – disse Pam tutta timida

– Sì, lo prendo. Vai a prendere un caffè e tra 15 minuti si parte. – disse alle ragazze

– Fratello, sono impressionato da quanto siano istruite le mie nipoti. Due belle donne. Mia cognata è stata uccisa. Stupendo! disse Jonas eccitato.

Passarono i 15 minuti e andai con le ragazze, lasciando Pamela e mio fratello in piscina. Erano entrambi fantastici nella conversazione. E ho capito dalle ultime domande di Pam prima che me ne andassi che era interessata alla vita sessuale di mio fratello.

– Ma Jonas, dimmi, sono curioso, sei mai stato con più di una donna durante questi viaggi?

– Oh! Cognata, ho già fatto molto. Ho soggiornato con due, con tre, con una donna e un uomo con noi. È successo tutto, durante questi viaggi, in giro per il mondo.

– Nostro! Deve essere stato fantastico! E potresti gestire tutte queste donne?

– Certo, cognata. Modestia a parte, te lo assicuro.

– Wow, il cognato è ancora sexy!

Dopo circa 40 minuti è tornato. Lascio l’auto davanti a casa ed entro. Non mi hanno visto arrivare e la scena che osservo da lontano mi lascia in estasi.

Pamela succhia il cazzo di Jonas. Una signora sta filmando, tra l’altro. Non riuscivo nemmeno a ingoiarlo intero. Da dove sono, posso persino sentire i suoi rumori di risucchio. Mi nascondo in un punto cieco per loro e guardo fino a che punto arriva questa brutta cosa. Sento Jonas dire:

– Questa sorellastra, succhia il tuo gustoso fratellastro! Che bocca deliziosa. E’ una pipa Wow! Che piccola stronza sei. – parla eccitato accarezzandole i capelli

Lei succhia forte, lecca questo fantastico cazzo. Era decisamente molto più grande del mio pene e il mio non era nemmeno piccolo. Era di circa 18 cm. Il suo era anche più grosso del mio. Lo sento parlare, tra una leccata e l’altra.

– Ora so perché mio cognato ha avuto successo in tutto il mondo. Con un cazzo così caldo nessuno può resistere. Mio Dio! Che gustoso! – Parlare pieno di cornea.

Altre storie erotiche  Deliziosa sega sull'autobus - Storie erotiche

Presto lo sento affrettare il respiro e annunciare che sta arrivando. Pâm continua la pipa e Jonas eiacula nella bocca di mia moglie. Ero sbalordito dal fatto che non avesse mai ingoiato il mio sperma. Non ha fatto cadere una goccia dello sperma di mio fratello. Discorso:

– Sì, mia piccola nuora. Bevi il latte cremoso di tuo cognato. Est! Prendilo tutto. Questa merda è tutta tua! – Ha parlato mentre gemeva.

Si assicura di pulire tutto quell’albero. Lasciando pulito.

La lascia mentre lei lascia la spiaggia e Jonas, sopra di lei, inizia a baciarla, le toglie il bikini e inizia a succhiarle i seni. Lei gemette, chiamandolo uno stallone sexy, un cognato degli dei, e quando ha raggiunto la sua figa, ha gridato di piacere.

– Sì, succhia la fica di tua cognata, mio ​​maschio arrapato. Che deliziosa sensazione in bocca!

Ha esplorato la sua figa. Pam si contorse nella bocca di mio fratello. Geme forte e presto annuncia il piacere. Non si ferma e continua a giocare con questa piccola figa che conosceva così bene e che pensava fosse solo mia. Non era più così, perché nella sequenza vedo mio fratello sdraiato al suo posto e assisto alla scena più intensa di questi due.

P¢m si adatta all’enorme cazzo di Jonas e si abbassa lentamente, la sua piccola figa inghiotte ogni centimetro di quel palo.

– Oh, Giona! Che bel cazzo hai! Non ho mai dato un cazzo così grande. Che emozione sentire che tutto mi stava facendo a pezzi! Mangiami come un uomo dovrebbe mangiare una donna! – Pam era irriconoscibile. Lei che si è sempre comportata così bene nel nostro sesso. È stato bello, ma mai intenso come quello a cui ho assistito.

Mi dava le spalle. Ho una visione del cazzo infilato nella sua figa e lei cavalca molto eccitata sul cazzo di mio fratello. Lui è cattivo e la tiene per la sua vita ben definita e le solleva il corpo fino a quando il suo cazzo è quasi fuori da quella graziosa fighetta, poi scende lungo tutto il suo corpo finché lei non si infila quel cazzo gigante nella sua figa.

– Non farlo, cognato! Mi uccidi di desiderio. Merda, che diavolo sta succedendo, oh mio dio! Cosa c’è di nuovo.

Lei si appoggia a lui e lui le succhia il seno. Lei geme e viene sul suo cazzo.

– Resta a quattro zampe, voglio avere una visione di quel culetto delizioso. – chiede Jonas eccitato

Si mette a quattro zampe e, in effetti, che culo ha Pamela. Sono un po’ di lato questa volta e la mia vista non è ottima, ma posso ancora vederlo con quel cazzo infilato nella figa. Si rotola deliziosamente su quella barra. e lei geme, lui la afferra per la spalla e per la vita e la tira dentro di sé. Non ha pietà di lei. mangiare con piacere E lei è delirante.

– Est. Mangiami, strappami, spezzami, cognato. Il mio maschio sexy! Voglio godermi di nuovo!

Lo sento chiedere:

– Cognata, che culo hai. Non vedo l’ora di mangiare quel culo! Mi manca mangiare un culo caldo come il tuo. Dammelo, dammelo!

– Non cognato. Non posso darlo a un cazzone così grande. Impossibile.

– Raggiunge. Il tuo culo va bene con il mio cazzo! Dirai che amico non scopare da dietro tutte le sere

– Oh fratello! Per te pervertito! No. Pepe non mi mangia da dietro. Penso che non ti piaccia.

– Sei vergine in quel culo. Questo è quello che ho sentito, sorellastra – Ha parlato, penetrando in profondità nella sua figa.

– Sì, sexy cognato. Sono. E continuerò ad esserlo. Non fermarti, non fermarti, sto arrivando! Oh, mi sto divertendo. Delizioso. Vai in profondità. Est. Est.

Le prende quel bastoncino e le eiacula sulla schiena, sul culo. Vedo il bastardo che sparge lo sperma e con le mani infila un dito nel cazzo di Pam

– Oh! che bel dito per Jonas. Pervertito.

– Voglio quella coda, cognata! Puoi darmi un giorno?

– Ci penserò, tesoro. Incontriamoci, Pepe deve essere in arrivo…

Altre storie erotiche  Donna timida - l'inizio

Entro velocemente e silenziosamente in casa e mi rendo conto che il mio cazzo è stato duro per tutto il tempo. La mia testa era in un pasticcio. Era furioso per la situazione. Con Pamela e con Jonas, ma allo stesso tempo era eccitato dalla vista. Ho trovato un’altra donna a casa.

Lascio passare dieci minuti, mi ricompongo e “torno” a casa.

– Ciao ragazzi! Sono d’accordo con te ! Ti sei divertito in questa piscina?

Jonas risponde in un doppio senso:

– Troppo, amico mio! Anche! Mia cognata è un’ottima compagnia. Non ho visto passare il tempo

– Oh caro! Mi sono anche divertito molto. Jonas è un’ottima compagnia. noi nuotiamo?

Ci tuffiamo tutti e tre in acqua e lei mi abbraccia, mi dà un bel bacio e chiama Jonas, nella sequenza:

– Diamoci un abbraccio di gruppo! vieni cognato Sono felice che tu sia qui.

Merda Jonas bacia Pam da dietro e lei prende un panino e il suo culo ovviamente sul suo cazzo. Ci abbraccia. Lo sento gemere piano nel mio orecchio per l’abbraccio.

– Oh, quanto siete gentili con me. È bello che Jonas sia a casa, vero amore? – mi dice, con lui montato su di lei da dietro

– Davvero tesoro. È bello avere qui un fratellino!

– Ti amo! Disse liberando l’abbraccio.

La giornata passa, le ragazze tornano a casa, a fine giornata usciamo tutti per una pizza. Le ragazze sono entusiaste di Jonas e presto anche Pâm viene coinvolto nella sua prosa. Continuo a vedere quella dinamica. La notte passa in fretta. Siamo tornati a casa. Tutti nella loro stanza e Pamela non riescono a smettere di parlare di Jonas:

Wow, amore mio, tuo fratello è un amore! Mi è piaciuto averti a casa.

Amico, devo confessarti una cosa. Vi ho visti oggi in piscina.

Balbetta e chiede con voce tremante:

Visto che amore. Non capisco. Che cosa hai visto?

Tutto l’amore. Ho visto tutto! Ho visto quanto eri dipendente dal cazzo di Jonas. A proposito, ruota enorme

Perdonami amore mio! Mi scusi! Non so cosa mi sia successo – mi ha risposto nervosamente

Quello che mi sorprende di più è che in qualche modo mi è piaciuto quello che ho visto. All’inizio ero geloso, confuso, ma poi mi sono interessato a voi due. Ti è piaciuto, come sembra che ti piaccia?

Oh caro. Mi vergogno. Non so cosa rispondere.

Rispondi solo con la verità. Voglio sapere cosa ho provato. Veramente.

Posso anche parlare?

Puoi, amore mio. Ti chiedo. Voglio sapere.

Mi è piaciuto. Tuo fratello è fantastico. Non mi sono mai divertito così tanto in vita mia e non ho mai scopato così alla grande.

Non ti ha fatto male?

No. È perfetto. Ma adoro il tuo cazzo, piccola. Anche lui è bellissimo. Ma quello di Jonas è diverso, non so spiegarlo.

Lo so. È enorme e spesso.

Quella notte abbiamo fatto sesso come mai prima d’ora. Mi ha fatto molto eccitare e per la prima volta ha bevuto il mio seme.

Tesoro, non sapevo che ingoiare sperma fosse così bello. avevo ancora la nausea. Mi dispiace! Mi ha detto tutto brutto.

Che piacere sborrare nella bocca di mia moglie troia! – Ha detto di giocare con lei.

Dopo stanco della notte. lei sul mio petto

Amore. Non eri affatto arrabbiato. Imprecare?

giuro amore Vuoi donare più spesso a Jonas? – Ho modificato la domanda.

Posso? Non sarai arrabbiato?

Veramente?

Sì amore mio. Ti voglio bene. Non voglio renderti triste.

Fai quello che vuoi con il mio fratellino. So che vuoi di più.

Oh! Amore. Quanto sei incredibile! Lascialo rotolare. Forse non mi ama più.

Io dubito. Sei una delizia Pam. Impossibile resistere.

Se parli…

Dormiamo l’uno nelle braccia dell’altro e con questa avventura in mente.

Mi chiedo cosa stia succedendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *