culo di San Valentino

di | 8 de Dicembre, 2022

Ti parlerò di una relazione che ho avuto con la mia ragazza, Larissa. La nostra prima volta è stata segnata per l’eternità, come la nostra prima sodomia. È stato molto difficile convincerla a fare sesso anale, dopotutto cresciuta nei rigidi standard dell’educazione familiare. Trovava sempre scuse, ma come uomo, non ho rinunciato a sollecitarla un giorno fa per consolidare la nostra relazione.

Larissa e io litigavamo per gelosia perché aveva scoperto che uscivo con una ragazza dell’asilo. Fu allora che risposi fingendomi santo:

– Caspita Larissa, non me lo dai e vuoi ancora che stia all’asciutto? Sono un uomo ho le mie esigenze! Tu, la cosa migliore che puoi fare per me è scopare velocemente alla porta di nascosto!

Dopo che siamo tornati insieme a Larissa è esploso, lei era sempre alla ricerca di spazio quando i suoi genitori non erano a casa. E lì il sesso era tranquillo. Era una delizia per i nostri fottuti pomeriggi. La sua inesperienza mi ha reso più disponibile a voler insegnare i piaceri. E all’inizio era inibita, ma con il passare dei giorni si è rilassata ed è diventata una piccola puttana molto calda.

Adoravo insegnare alla mia ragazza l’arte del sesso. Nel primo orgasmo, sentendo il tuo piacere quando lo facevi oralmente, mi piaceva sentire le tue labbra carnose che mi succhiavano. Subito ho pensato che fosse sbagliato bere il mio latte, ma era solo questione di tempo. Quindi non ha lasciato che nulla andasse sprecato. Sembrava un vitello svezzato.

Così il tempo è passato e la nostra relazione è diventata sempre più piccante. Ma la voglia di mangiare quel culetto gustoso cresceva ogni giorno. Ho sempre cercato di convincere Larissa, lasciandomi solo poche dita, ma ho notato che le piaceva e provava piacere. Quindi, dalla mia esperienza, sapevo che era una questione di tempo.

Questo è quello che è successo il giorno di San Valentino dopo il viaggio. Larissa aveva bevuto due caipirinha ed era più rilassata e liberale. Tornando a casa, allargò le gambe e, mettendo in mostra le mutandine, si lasciò accarezzare. Il mio pene ha reagito immediatamente diventando duro e presto Larissa ha iniziato a succhiare, sfrenato. Larissa mi ha fatto impazzire di lussuria. Quando fummo vicino a casa sua, mi disse che aveva una sorpresa per me.

Ero calmo, aspettando questa sorpresa. Appena ho fermato la macchina davanti a casa sua, Larissa mi ha detto che la sorpresa è stata che i suoi genitori non erano in casa a farle compagnia. Dopotutto sii felice, avremmo metà della notte e tutto il giorno dopo solo noi due. Cavolo, ho subito parcheggiato la macchina in garage e appena entrati in camera abbiamo iniziato a baciarci appassionatamente. Hanno preso i nostri vestiti e li hanno buttati via. La fretta e la lussuria ci rendevano sempre più ansiosi. Proprio lì, in soggiorno, abbiamo avuto la nostra prima scopata della notte.

Era bello scopare sul divano. Mi sono seduto e Larissa è venuta a sedersi accanto a me. E in un galoppo selvaggio ho sentito che la sua figa riparava il mio cazzo. Ah, come mia figlia rotolava e gemeva molto. Ero allucinato dalla lussuria. L’orgasmo fu intenso e reciproco. Siamo andati a fare una doccia e i preliminari erano in corso. Larissa all’inizio era un po’ imbarazzata, ma presto si è trasformata in una vera troia. Seduto in bagno a fare il pompino più grande. Mi sono trattenuto dal venire immediatamente.

Ma l’intensità del piacere era immensa. Qui, in questo momento, non stavamo solo facendo l’amore, ma facendo l’amore. Il vero divertimento era diverso, nel vero senso della parola. Larissa si è presa qualche minuto per succhiarmelo come non aveva mai fatto prima. Poi con aria maliziosa si è alzato e mi ha confidato all’orecchio…

– Oggi ti darò quello che chiedi da anni!

– Cos’è Larissa?

– Oggi mi assaggerai il culo… Faremo sesso anale, ti chiedo solo di stare attento dopotutto, è la prima volta.

Wow, non potevo credere che la mia ragazza fosse diventata così liberale.

– Vieni ad amare, vieni a svelare i misteri del sesso!

Gli accarezzai il sedere cercando di confortarlo, senza fretta, il mio cazzo sembrava una pietra. Facendo scorrere le dita sul bordo dell’anello, sentì la pelle d’oca scoppiarle. Ho iniziato a inserire lentamente un dito, all’inizio ho visto che Larissa voleva smettere, ma l’amore e le parole dolci hanno cominciato ad allentarsi e presto ha intrecciato due dita. Voleva entrare presto, ma doveva stare attento.

Ho coperto il suo anello e la testa del bastone con olio profumato, ho messo un preservativo ben lubrificato e ho cominciato a toccarlo leggermente, a poco a poco ho sentito che aveva bisogno di calma, in fondo non sarebbe stata solo una volta. Ho iniziato lentamente e ho spinto un po’ finché la testa non è uscita, ho sentito un gemito…

– Non perché mi piaccia, puoi aggiungere amore a poco a poco, posso gestirlo!

Così ho spinto ancora un po’ e presto il mio cazzo si è infilato nel culo di Larissa, che si contorceva e gemeva deliziosamente. Ho iniziato a spingere tirando fuori il bastoncino lasciando dentro solo la testa e poi mettendoci dentro tutto in una volta. Più volte di seguito! Il piacere ha invaso i nostri corpi. Ha spinto dentro e una mano le ha massaggiato la clitoride. Non avevo mai visto Larissa gemere e rotolare così tanto, stringendo e tenendo il mio cazzo con il suo anello.

Un piacere sentirlo. Dopo alcuni minuti di andirivieni, la danza dei nostri corpi uniti è piacevole. Ho sentito il mio cazzo gonfiarsi per la pressione e l’esplosione dell’orgasmo. Larissa è venuta con me sentendo il suo corpo frenetico, il suo clitoride indurito e la sua figa inondata dal suo sperma. Mi sono grattato e le mie dita si sono inzuppate del suo sperma. Il respiro affannoso si placò e sentii dire Larissa con un sorriso.

– Non sapevo fosse così delizioso.

Ci siamo riposati l’uno nelle braccia dell’altro aspettando che il mio cazzo si ammorbidisse e uscisse dalla grotta più deliziosa che abbia mai assaggiato in vita mia. E da quel giorno, la nostra relazione è migliorata sempre di più. Non avevo mai provato tanto piacere nel sesso anale come quel giorno. È stato senza dubbio il miglior regalo di San Valentino che abbia mai ricevuto. Mi considero l’uomo più felice del mondo, ad avere Larissa, la donna della mia vita, come fidanzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *