Curitibana da Tinder: proposta indecente

di | 2 de Giugno, 2023

Con la pandemia che limita tutto, ho creato un profilo Tinder perché diversi amici stavano facendo sesso non vincolante molto interessante. Nel profilo ho anche accennato al fatto che uno dei miei hobby è scrivere storie erotiche e recentemente (febbraio/2022) una ragazza di Curitiba di nome Ana ha iniziato a chattare interessata a conoscermi.
Si descrive come un’italiana bionda, con gli occhi castani e la carnagione chiara. Ha 23 anni, è alto 1,67 e pesa 56 kg. Le sue misure di ballerina sono 65 cm di altezza, 92 cm di fianchi, seno largo e arrotondato. Quando ho visto le foto pubblicate in bikini, ho visto che in realtà era piuttosto magra, con un piccolo sedere rotondo, seni ben tonici e un bel viso con “aspetto angelico”.

Ana ha detto che era dipendente dalla lettura di storie erotiche e le nostre conversazioni hanno iniziato a ruotare attorno a fantasie, confidenze e preferenze sessuali. Gli ho inviato i miei rapporti e pochi giorni dopo c’è stato il sesso virtuale che avrebbe cambiato tutto.
Ana mi ha confidato di essere super eccitata dai miei reportage, soprattutto perché si trattava di veri e propri testimonial, e mi ha “cantato” dicendomi che avrebbe fatto di tutto per realizzare una fantasia e pubblicare la sua storia su Internet. .
Ana ha rapporti sessuali da quando aveva 15 anni, è rimasta incinta a 17 anni e fino ai 18 anni è uscita solo con lo stesso fidanzato. A 19 anni è entrato all’università e per 3 anni ha fatto sesso come un matto con studenti universitari e anche professori. Ora a 23 anni, nel bel mezzo di una pandemia, era alla ricerca di nuove avventure per evacuare i suoi fallimenti.

Tra diverse fantasie condivise, puttane e video porno, Aninha ha rivelato che le piacerebbe fare sesso su una spiaggia di notte, nella clinica di massaggi terapeutici dove lavora o in un parco pubblico. Ha anche detto che fingeva di essere una prostituta perché voleva sentire l’urgenza di negoziare la vendita del suo corpicino, schernire un cliente attraente e ricavarne dei soldi.
Inutile dire che la nostra conversazione è diventata più piccante di giorno in giorno, facendo piani su come realizzarli. Quello che riporterò qui è “quasi” tutto deliziosamente combinato tra di noi. Le ho offerto l’esperienza di fare il punto in un luogo specifico dove l’avrei presa per uno spettacolo. Suggerì di aspettarmi vicino all’angolo di Av. Giudice Motta con Vicente Machado poiché abitava nelle vicinanze e poteva camminare facilmente.
Ieri (25/02/2022) ho guidato per 90 minuti fino a Curitiba e sono andato direttamente al luogo dell’incontro. Ho parcheggiato la macchina e sono andato a cercarla. Alle 20:00 ho ricevuto un messaggio che mi chiedeva se ero già arrivato. Quasi contemporaneamente l’ho vista, ma ho mentito dicendo che era nel traffico.

Annie era una delizia. Indossava una minigonna, un top di pizzo, un piercing all’ombelico e tacchi alti. Agendo come una prostituta, attirò rapidamente l’attenzione di un’auto che le si avvicinava su Vicente Machado.
Ho guardato da vicino e ho capito che era una coppia. Parlarono per qualche minuto e se ne andarono. Ho ricevuto un nuovo messaggio in cui si dice che ho appena ricevuto una proposta da una bellissima coppia per andare in una swing house e lei ha rifiutato. Ho scritto che era quasi arrivato e lui ha risposto che gli piaceva il costume.
La strada era molto trafficata e dopo circa 5 minuti è stato avvicinato da un’altra macchina sul ciglio della strada con dentro due giovani. Si è appoggiata al finestrino per alzare il culo e ha dato loro un sacco di strapon. Nonostante il fatto che il mio cazzo stesse tirando con desiderio, sono stato attento con l’approccio in modo che non gli accadesse niente di male.

Passarono alcuni minuti e finì per licenziarli. Ho ricevuto un nuovo messaggio in cui si diceva che due bei ragazzi le avevano offerto R$ 500,00 per 2 ore, ma lei ha negato dicendo che stava già aspettando un cliente. Ha anche detto (scherzosamente credo) che aveva organizzato il ritorno di loro due la notte successiva alla stessa ora.
Ho aspettato ancora un po ‘sperando che avesse un altro approccio, ma non si è presentato nessun altro. Erano passati circa 20 minuti prima dell’ora stabilita quando Ana mi vide camminare verso di lei.
Gli ho solo dato la buonanotte e gli ho chiesto se era libero per uno spettacolo. Sorrise, rispose “sì, amore mio” e che anche lei aveva il suo posto. Quando gli ho chiesto l’importo, mi ha detto R$ 200,00 all’ora o se fosse andato in un motel sarebbe stato R$ 300,00. Ho accettato e siamo andati al parcheggio.
Salimmo in macchina e gli dissi di non ascoltarmi finché non fossimo arrivati ​​al motel. Per la pipa darei altri R$ 50,00. Mi sono tirato giù i pantaloncini e Ana si è avventata sul mio cazzo, succhiandolo avidamente. Quando ho abbassato il finestrino per inserire la scheda che apriva la porta, due guardie hanno colto la piccola troietta che me lo succhiava senza tante cerimonie.

Altre storie erotiche  Ho dormito con il ginecologo - Racconti erotici

Ho preso un motel molto vicino e ad ogni semaforo rosso gli ho stretto la testa per inghiottirlo tutto e godermelo così il più in fretta possibile. Fortunatamente, ci siamo imbattuti in diversi semafori rossi lungo la strada, e dopo alcuni isolati per le strade di Curitiba a masturbarmi, ho finito per spruzzare sperma fresco nella sua deliziosa bocca.
Ha inghiottito tutto e durante il resto del viaggio ha colto l’occasione per raccontare i due approcci che ha ricevuto fingendosi una prostituta. Ana mi ha confidato che era tutta bagnata di adrenalina e di erezione. Il fatto che avesse ricevuto una vera proposta e che in quel momento potesse essere in un club per scambisti a fare sesso con una coppia o con due uomini in una festa privata gli ha inondato la mente di nuove fantasie per lui.
Ho parcheggiato e siamo andati alla suite del motel dove Aninha mi ha chiesto di pagare in anticipo. Ho sostenuto che avrei pagato solo alla fine del servizio poiché ci sarebbero stati degli extra nel nostro accordo. Poi annunciò che mi avrebbe fatto una sorpresa e mi ordinò di sistemarmi sul letto e aspettare.

Ho iniziato a unire i puntini per spiegare perché volevo una stanza con un mini palco per i concerti. La mia nuova puttana mi ha detto che stava prendendo lezioni di ballo, anche di pole dance, e quando ha messo la colonna sonora sul suo cellulare, ha iniziato uno spogliarello abbassando la gonna, togliendosi la camicetta ed esponendo i suoi seni di silicone, che erano magnifico. A proposito.
Ha iniziato a esibirsi al bar di pole dance e allo stesso tempo ero solo in mutande a massaggiarmi il cazzo. Ha rotolato caldo, spudorato, ballando erotico e accattivante. Si è tolta i collant e me li ha lanciati insieme alle mutandine mentre il mio spettacolo privato affinava la mia mente pornografica.
Sentii l’odore delle sue mutandine che esalavano il profumo più puro delle fasce. Impegnando il suo corpo sul palo della pole dance, Ana, che era nuda e solo con i tacchi, saltellava il culo implorando un cazzo.
Ho aperto lo zaino dove tenevo i miei sex toys e ho afferrato il paio di manette che la tenevano al bancone. Sono salito sul palco, l’ho afferrata da dietro e abbiamo iniziato ad alzarci in piedi. L’ho tirata per la vita e ci siamo guardati scopare negli specchi con un ritmo forte e ritmato.

Ho iniziato a massaggiare la sua piccola grata ei suoi gemiti l’hanno tradita. Aninha ondeggiava ritmicamente e arrivava in pochi minuti. Mi inginocchiai, le succhiai la figa e cercai un mini plug anale che dopo averlo lubrificato glielo infilai nel culo. Immobile, incollato alla sbarra, glielo rimisi nella fica, stringendole i capelli. L’ho sculacciata perché si è fidata di me con messaggi che l’hanno fatta arrapare molto. Quando la sculacciata si fece più forte, notai Aninha voltarsi di nuovo cercando di farmi venire.
Mi sono goduto il momento il più possibile, ma ho deciso di tagliarlo corto e portarla fuori dal bar. L’ho presa per le ginocchia portandola dritta al letto. Abbiamo iniziato con una mamma e un papà super gustosi quando ho sentito le sue unghie attraversarmi le cosce. Ho provato a baciarla, ma lei ha risposto che il bacio non faceva parte dell’accordo.

Afferrala forte per i capelli mentre sentiva il mio cazzo toccarle il grembo. Le ho succhiato le tette e ho detto parolacce come “sei così sexy” e “se mi avessi fatto pagare il doppio, avrei pagato”. Aninha ha risposto dicendo “Sono una piccola troia da quattro soldi” e “Metti di più sul mio caldo proprietario”.
Stava per cambiare posizione quando Aninha annunciò che sarebbe tornata. Il suo corpo si è ammorbidito e ho colto l’occasione per succhiarle la figa completamente rasata. La mia lingua scivolò fuori e succhiò, immergendosi profondamente in lei. Le ho ordinato di girarsi a testa in giù e ho cominciato a giocare con il plug, estraendolo con cura, preparandole il culo per un’inculata molto gustosa.
L’ho rimesso a posto per stuzzicarla, mentre ho inserito un vibratore nella sua figa rosa, già rossa per aver preso tanto cazzo. Le ho chiesto quanto avrebbe addebitato per includere il sesso anale nel programma e Aninha ha addebitato una commissione di oltre R $ 100,00. Ho risposto che “va bene” e ho continuato con il vibratore che attraversava la sua piccola griglia, stuzzicandola senza fretta.

Altre storie erotiche  Dai la corona a Internet

Le ho detto di stare a quattro zampe e lei ha obbedito. Ho tolto la spina e ho iniziato a metterla nel suo sedere lentamente e con attenzione perché con un culetto così piccolo sapeva che non sarebbe stato facile. L’ho forzato lentamente dopo aver lubrificato il mio cazzo coperto dal preservativo finché non ho sentito il suo bacino rilassarsi. Quindi, senza ulteriori indugi, mi sono preso il mio tempo, strappandole le pieghe mentre manipolavo il vibratore dentro di lei con una mano. gatto.
Ho lasciato che Aninha si divertisse con il giocattolo perché nei nostri scambi di messaggi mi ha detto che le piacciono i vibratori. I nostri corpi scivolavano dall’azione del sudore e dalla profonda eccitazione di fare sesso con un fan/lettore di storie erotiche.
Ho deciso di passare alla posizione dell’aquila come viene chiamata nel Kama Sutra. Con lei sdraiata sulla schiena e le gambe divaricate, la spingo contro il suo sedere, tenendola per le caviglie.

Aninha ha posato il vibratore e ha cominciato a masturbarsi. Era così deliziosa con le gambe alte ei tacchi alti che ho aumentato le spinte facendo pulsare il mio cazzo nel suo culo lacerato. Alla fine ci sono arrivato, riempiendo il preservativo e poi versandoglielo sui seni.
Ci siamo fatti una doccia veloce su sua richiesta e poi a letto abbiamo bevuto la maggior parte dello spumante, lasciando di nuovo Aninha nervosa. Ho capito che volevo cavalcare, e quando la mia piccola troia mi si è avvicinata, mi ha detto che potevo andare senza preservativo se volevo. Non solo il mio cazzo ha preso vita, ma lei era impaziente di lasciare che la mia troia italiana prendesse il controllo della scopata.
Ho fatto sesso con ragazze di diverse etnie, ma quelle italiane sono sempre scopate indimenticabili. Sono focosi, liberali e affettuosi. Decisi di sedermi sul letto e le dissi di intrecciare le gambe nella classica posizione del loto, anch’essa del Kama Sutra.
Ana muoveva i fianchi, strofinando lentamente mentre mi prendeva il collo, inserendo il mio cazzo profondamente. Riflessa nello specchio sul soffitto, è una posizione che suscita molta eccitazione mentre i due esauriscono le loro forze, sincronizzati in una posizione di dipendenza in cui nessuno dei due osa interrompere per il piacere che dà.
Abbiamo scopato per circa cinque minuti, credo, poi lei ha insistito per continuare. Poi si è seduta sulla schiena e ha ingoiato il mio cazzo, mangiandomi deliziosamente, cercando disperatamente di venire.

Leggermente ubriaca, Aninha cavalcava all’impazzata. La mia coscia è persino diventata viola dopo essere stato così energico che mi mangiava. Ho continuato a colpirle il culo, che aveva i segni di tante sculacciate. L’ho sculacciata ancora qualche volta, rendendola visibilmente eccitata. All’improvviso, dal nulla, si fermò e si voltò verso di me. Poi è risalito, accovacciato e mangiandomi voracemente e intensamente. I suoi seni paffuti che rimbalzavano davanti ai miei occhi mi stuzzicavano in ogni momento lasciandomi in trance.
Le mie cosce e il mio inguine non hanno resistito all’impatto del suo cazzo selvaggio. Era un misto di dolore e piacere, ma non osavo nemmeno dirgli di smetterla. Essendo leggera e sostenuta dalla testata del letto, Aninha semplicemente faceva rimbalzare ritmicamente il suo corpo alla ricerca di un nuovo orgasmo.
Ho perso di nuovo la cognizione del tempo ma ho lasciato che tutto andasse come voleva lei, dopotutto si atteggiava a prostituta con molta esperienza nell’arte del sesso e della seduzione. Trattenendomi dal venire, vidi Aninha divorarmi nello specchio del soffitto. Tuttavia, ho notato che ha rallentato, ha smesso di rimbalzare e improvvisamente si è contorto. Le ho chiesto se fosse venuta e lei ha sorriso.
Annie si è sdraiata sopra di me, mi ha baciato e poi è andata al minibar. L’ho seguita e abbiamo bevuto una bevanda energetica. Ho colto l’occasione per elogiare la sua interpretazione, sottolineando anche che sarebbe stata una sfida scrivere la “nostra” storia erotica.
Indicai la vicina sedia erotica e ordinai alla mia puttana di sdraiarsi a pancia in giù, lasciando il culo in alto, mettendo i piedi sullo schienale della sedia.
Ho deciso di prendere un’altra bevanda energetica fredda e gliel’ho versato sulla schiena, che è finita col gocciolare sulla sua piccola figa. Così ho iniziato a leccargli il culo. Continuavo a tirar fuori la lingua e ad infilare le mie dita nella sua figa. Le ho succhiato delicatamente il clitoride e ho inserito un mini vibratore dentro di lei. Sono tornato sul suo culo divertendomi a mangiarlo con la lingua. Dato che non ero venuto durante le sue cavalcate, il mio cazzo era gonfio e palpitante in attesa del momento per entrare in azione.
Le ho messo qualche goccia di lubrificante sul culo e in piedi dietro la sedia ho cominciato a fotterla. Poi Ana ha sforbiciato le gambe intorno a me e mi ha preso accanto a lei. Gli ho chiesto se stava bene, e tra un gemito e l’altro mi ha ordinato senza pietà di indossarlo.
Ho sbattuto il mio cazzo nel suo piccolo cazzo mentre continuavo a sincronizzare intense sculacciate sul suo culetto. L’ho tirata forte per i capelli e, su sua richiesta, l’ho picchiata forte, senza pietà, concentrandomi solo su un rapido orgasmo. Ha forzato alcune torsioni con i suoi fianchi, stuzzicando la mia erezione, e poi, tenendomi stretta intorno alla vita, il bisogno di venire le ribollì di nuovo.
Siamo tornati al bar per idratarci e mangiare degli snack che avevamo ordinato. Così abbiamo deciso di fare una doccia e dal nulla lei ha deciso di farmi un bagno. Mi ha insaponato la schiena ed è sceso a mordermi il culo e poi le cosce. Poi mi ha insaponato il petto e le gambe dalla parte anteriore e mi ha tenuto il cazzo, mettendolo in bocca mentre la doccia cadeva su di noi.
Pensavo di non avere i presupposti per una nuova erezione così in fretta perché il nostro rapporto sessuale era durato a lungo, ed effettivamente la mia intenzione era di “prendermi un po'” nell’idro finché non mi fossi ripresa. Ne approfittai e tornai dal bagno insaponandole i seni, il culo e le gambe. Ci siamo masturbati in piedi, la doccia ci ha rinfrescato e, come previsto, la sua tattica ha funzionato.
Potrei dire che voleva comunque fare sesso sotto la doccia, e ho ricambiato il suo tocco. Aninha continuava a strofinare il suo culetto sul mio cazzo mentre si insaponava le spalle e si stringeva le tette. Poi ha preso il mio cazzo, che non era abbastanza duro, e l’ha infilato nella porta della sua fica. Le ordinai di appoggiarsi al muro e la penetrai, soddisfacendo la sua volontà.
Man mano che il mio cazzo cresceva dentro di lei, il livello del sesso aumentava. Ho ridotto drasticamente il volume della doccia che era troppo forte e abbiamo scopato forte cercando di ottenere il suo ultimo orgasmo. Le tirai i capelli bagnati, colpii forte e Aninha entrò per una deliziosa sveltina.
Accanto alla cabina doccia c’era anche la cabina sauna. Quando siamo entrati nella stanza è stata la prima cosa che ho chiamato perché a volte mi piace usarla per rilassarmi. Non appena è arrivata Aninha, non ho perso tempo e abbiamo scambiato la scatola. C’era una panchina molto utile lì per arrampicarsi, e quando mi sono seduto, Aninha è venuta e l’ha afferrata per le cosce. Abbiamo ricominciato a scopare così lei ha strofinato la sua piccola figa sul mio cazzo.
Con i nostri corpi sudati ed esausti per tanto sesso, ho continuato a tirarle le cosce fino a metterle in bocca i suoi seni. Ho succhiato dolcemente e dopo qualche carezza sono venuta a chiedergli di stare fermo perché non volevo togliergli il cazzo.
Aninha sentiva il mio battito dentro di lei. Siamo stati insieme per circa 10 minuti nella sauna e poi siamo tornati sotto la doccia. Abbiamo lasciato il motel e l’ho lasciata alla “tua fermata”. Era mezzanotte passata quando ricevette i soldi, li mise nella borsa e si avviò lungo il marciapiede.
Ho deciso di seguirla in macchina fino a raggiungere l’edificio dove vive, a circa mezzo miglio di distanza, per assicurarmi che fosse al sicuro. Successivamente, ho continuato il viaggio a SC rivivendo tutto nella mia testa in modo da poter scrivere il rapporto in modo affidabile.
In macchina ci accordammo che sarebbe venuta presto a trovarmi in modo che potessi realizzare l’altra sua fantasia di fare sesso su una spiaggia di notte e vivere così un’altra avventura da condividere con i lettori dei racconti erotici.
Anna mia bella La storia è scritta. Spero che ti masturbi molto mentre lo leggi più e più volte.
Altre donne (solo donne) che vogliono scambiare esperienze con me possono contattarmi al numero 4,7,9,8,8,1,6,3,0,6,0 e risponderò volentieri. Ho 40 anni, sono moro, atleta, e ho intenzione di pubblicare qui altre storie (tutte vere) sulle mie avventure e le mie fantasie che si sono già avverate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *