Dani – Divorato.

di | 9 de Dicembre, 2022

Non c’è niente che mi abbia spronato di più della fuga spaventata di Daniela dall’inevitabile. Sapevo che lei sentiva tutto quello che sentivo io. Il sale del tuo bacio, il desiderio e il destino di tutti gli esseri in attesa di dare il grido di piacere. Ma anche valutare l’ambiente delle cose fa parte della sensualità del gioco, aumenta la voglia di divorare. E lo farebbe qualunque cosa accada.

Resiliente, sono tornato a casa. Il mio corpo mi ha detto: “È lei. Questa volta non c’è nulla da temere. Mia madre, confidente costante e prima persona con cui condivido le mie preoccupazioni, ha ascoltato incredula e stupita le gesta di suo figlio davanti a un pubblico che ancora non sapeva di cosa fosse capace. Ma in quanto maestro del gioco dei desideri, non aveva fretta di giudicare il gioco che stava giocando. Conosceva la mia natura. Ma sapeva anche qualcosa sul territorio privato di Daniela che io non sapevo.

“Sei sicuro di cadere in questa trappola?

” Ho.”

“Buona fortuna. Fai attenzione a non farle del male. Colleziona già troppi blues.”

” Così?”

“Te lo dirà lei. Ma devi dimostrarle che devi smettere di guardare la pioggia e lasciare che il sole ti dia speranza.”

“Merda, parla la mia lingua, mamma!”

“Dovremo dimostrarle che quello che ci aspetta non è lo stesso di quello che ha vissuto lei. Che tu non sei come il precedente. È inutile arrivare come il vento. Scaldarsi piano piano, e farglielo vedere costantemente dietro. ” le nuvole grigie, lui è sempre lì, splendente. E che le tempeste servono a rafforzarci, per non aver paura di vivere. Deve capire che la vita vive anche di mali. Perché gli hanno fatto la promessa della felicità. abbandonato la promessa. Quindi giura a se stessa che nessuno dovrebbe promettere nient’altro. Ma anche lei, il tempo passa per lei, per te, per tutti, e se lei non ti ama, c’è chi ti ama. Ma cosa succede se quando vuole qualcosa, non può averne di più e si aggrappa solo per ottenerla? Se ci riesci!

hai preso qualcosa? In quel momento avrei voluto dirgli in faccia che non capivo niente. Ma oggi ha senso. Come ho detto prima, Dani è stato sposato una volta. E qualcosa l’ha segnata in modo molto negativo al punto che non si è sentita pronta per ricominciare. Ed è per questo che è scappato da me. In assenza di un’azione leale, ho deciso di fare una pausa. Ma dagli un po’ di tempo. Resta nel mio. Non forzare nulla. Lascio passare qualche giorno. Mia madre mi ha chiamato di giovedì… o di venerdì? Oh qualunque cosa. Mi ha invitato in chiesa. Ha detto che non gli interessava. Poi ha insistito:

“Vado alla chiesa di Dani.”

“Oh fantastico, è fantastico!” »

“Quindi è riservato?”

“Certo che no, mamma! Quindi pensi che sia un affare intelligente? Negativo!

“Ma almeno mi prometti che verrai a prendermi?”

” GIUSTO. “

“Ma perché non fai una visita?”

“Perché non voglio che lei pensi che sto cercando di lei. Inoltre, ancora non so cosa intendo con tutta questa allegoria sul non essere come il vento, ma comunque come il sole.”

“Allora hai pensato a quello che ho detto? Bene. Penso addirittura che tu sia sulla strada giusta. Ma le persone sono complicate, lei ha avuto una storia complicata.”

“Sì, la signora che me l’ha detto. Ma io non sono una medicina per guarire l’anima di qualcuno. E non posso nemmeno convincere nessuno a smettere di correre lungo la strada guardandosi allo specchietto retrovisore. Il vento porta nuvole, tempeste, ma soffia anche loro, e tutto si lascia alle spalle e riappare il sole”.

“Perché non glielo dici?” Senti, non mi immischierò negli affari di nessuno, ma visto che sei come il vento, vieni come una brezza. § togliere il mantello dove si nasconde.

“Ci penserò. E ti verrò a cercare.”

La domenica è arrivata molto velocemente. Il tempo non è passato. E Dani era nella sua mente. Ma ho cercato di concentrarmi sui miei affari. Non riusciva quasi a credere di essere innamorato. C’erano momenti in cui i pensieri mi tradivano, e poi dovevo controllarmi di nuovo.

Nel pomeriggio, improvvisamente ho deciso di separare un vestito. Mia madre mi ha chiesto dove stavo andando.

“Ti prenderò.”

“Aww, ben fatto! Che bello da vedere!”

Sono arrivato, sono stato accolto da Erley. Chi ha letto quanto ho scritto sopra sa di chi sto parlando. Erley mi ha accolto calorosamente, mi ha fatto sentire a casa e mi ha invitato a sedermi con i giovani. È passata mezz’ora prima dell’inizio della riunione, io e lui ci siamo scambiati una grande idea, finché non abbiamo iniziato a parlare di musica, e lui si è interessato, perché era uno dei musicisti ufficiali della chiesa, giusto? , e mi ha chiesto se giocavo.

“Sono un musicista professionista, Erley, non per vantarmi.”

“Aspetta… mi ricordo di te.”

“Davvero? Mi hai visto da qualche parte?”

“Sei quello che ha suonato al Festival della Canzone, lì sul web, vero?”

“Hehehehehe, non sono passato inosservato. Sì, sono io.”

“Amico, giochi troppo! Mia moglie era dalla parte di Dani, ricordi?

“Ah, sei il marito di Flávia! Perdona il lapsus, fratello. Ero un po’ in ansia perché era la mia prima esibizione, ero invitato e infatti non canto nemmeno nel gruppo di cui faccio parte”.

“Ma le persone hanno commentato qualcos’altro. Sembrava che cantassi da molto tempo!

“Beh, mia madre è una cantante e anche mio nonno era un musicista. Quindi… è come nel mio sangue. Sono rimasto fino a quando non ho contattato la professoressa Paula, ma ho avuto un’emergenza e ho dovuto andarmene prima che fosse finita”. .”

“È fantastico averti qui. Ma ascolta, mancano 15 minuti e devo fare gli ultimi aggiustamenti, perché sta per iniziare. Alla fine, stiamo generando più idee”.

Mancavano ancora pochi minuti, mi ero seduto su una panca accanto alla porta di uscita sul lato sinistro entrando nella sala ed è più o meno al centro, non troppo avanti, non troppo indietro. Perfetto per nascondere e non mostrare troppo. Ma c’era Daniele. E quando è arrivata con sua madre e si è seduta sulla panca del coro femminile, che non è davanti al palco, ma davanti a me, i nostri occhi si sono incontrati e lei in quel momento è arrossita, distogliendo lo sguardo. Ha dato una gomitata a sua madre, una donna gioviale con grandi occhi azzurri, labbra forti e formose e grandi seni, mi ha lanciato uno sguardo serio, poi ha sorriso e si è avvicinata a me. Mi sono alzato, ho salutato la mia futura suocera con un sorriso franco e ho teso la mano. Mento, non ho esteso nulla. Lei si avvicinò e mi abbracciò.

“Hai sentito parlare di te? Hahahahaha, piacere di conoscerti, sono Marcela. Il tuo nome è sulla casa. Sei venuto a vedere la mamma cantare?”

“Piacere di conoscerti caro. Non credo di aver bisogno di presentazioni, ma: John Lennon, hehehehehe! E ho deciso all’ultimo minuto. Solo non sapevo che avrebbe partecipato direttamente oggi.

“Fai come se fossi a casa tua. La riunione sta per iniziare e poi parleremo.”

La riunione è iniziata e tutto andava bene finché non hanno chiamato mia madre. Come mai? Perché era il mio turno, dovevo suonare per lei, hahahahaha. E per di più, Dani non smetteva di guardarmi. Da dove veniva, lo capiva dalla visione periferica. Quando furono chiamati a cantare con le signore, il loro flirt era aperto. Erley si sedette di nuovo accanto a me e disse:

“Amico, che perfetta armonia! Tu e tua madre potreste fare un grande duetto! La musica ce l’avete nel sangue. Wow, presto canteranno anche i giovani, vuoi unirti a noi?”

“Che succede, amico? Non sono nemmeno nella band!

“Fratello, tu sei con me. Vieni!”

Amico, pensavo di rimanere come visitatore, ma a quanto pare la mia pace è finita. Ho giocato quasi tutta la notte. Salterò alcune cose qui, perché non sono rilevanti per il rapporto, quindi…

Alla fine dell’incontro, tutti fraternizzando, Erley mi ha avvicinato per parlare alla folla e ho incontrato le facce che ho visto al Festival della Musica. Una di loro era la moglie di Erley, che è venuta ad abbracciarmi, avevo paura che il ragazzo si ingelosisse – ci sono mariti che muoiono – ma erano accaldati, ci siamo messi insieme ci siamo seduti a mangiare uno spuntino e poi mi hanno caricato. essere alla prossima riunione.

“Ragazzi, sono molto grato per l’amore. Mi è piaciuto molto stare con voi. Ma devo dire che lavoro anche nei fine settimana. Sono un musicista professionista, insegno e guadagno anche dei soldi suonando”. Non prometto nulla. Ma voglio e tornerò. 🇧🇷

“Sarà fantastico averti con noi. Ci sono molte persone qui che vogliono imparare, sarebbe fantastico avere un professionista con noi. A cominciare da me”, ha detto Flávia.

“Chi è nato per il microfono non diventa mai un banjo, amore, hahahahahaha!”, lasciando imbarazzata la giovane.

“Ehi, l’ho pensato anche io fino a quando quel destino mi ha giocato uno scherzo e Dani ha scoperto che io sapevo il contrario”.

“È un regalo meraviglioso, Lennon”, lo lodò Erley, “ma ci ho già provato, amico. Ho insegnato ai fratelli qui, è stato doloroso. Lei non ha avuto lo spirito, e poi abbiamo quasi sempre finito nel classe media». Guarda lì, tua madre ti aspetta, con Dani e Marcela.

“Ragazzi, grazie. Flávia, è stato un piacere conoscervi anche io, Erley: tornerò. Studiamo questa scuola di musica con amore, adoro insegnare, posso organizzare lezioni di prova con te, all’improvviso si emoziona di nuovo, io non lo so.”

“Preparati a rompere un uomo iceberg hahahahahaha!”

Ha praticamente parlato per sua moglie. Bene, quelli che seguono hanno già visto quanto siano problematici entrambi. Infine, mi avvicino alla mia musa ispiratrice. La mia ispirazione. Contrariamente a quanto mi aspettassi, allungò una mano e mi afferrò saldamente per il collo. Che abbraccio delizioso!

“Oh amore mio! Mi manchi tanto. mi dispiace, va bene?

“Non devi scusarti, gatto mio. Non ho smesso di pensare a te per un momento.”

“Anche io. Possiamo parlare oggi?”

“Chiaro!”

Le vecchiette erano un po’ stanche. Ho cercato di portare tutti a casa in fretta. Dani si è seduto accanto a me ei due dietro di me, sapevano già che stava succedendo qualcosa, non sono stupidi. Quando sono uscito dalla casa della futura suocera, Dani le ha detto che andavamo a mangiare al ristorante. Inutile, vero? Marcela ha appena detto di tenere d’occhio il tempo, tanto per essere prudenti. Alla fine ho lasciato mia madre a casa e lei ci ha detto di comportarci bene, aff!

Finalmente solo, e questa volta Dani non ha giocato duro e mi ha dato un lunghissimo bacio.

“Mi dispiace, Lennon, per tutta questa assenza. Avevo bisogno di tempo per elaborare tutto ciò che stava accadendo. Pensavo che non mi avresti più rivisto. Quando ti ho visto lì, ho voluto piangere dalla felicità.”

“In realtà, mi stavo abituando e avevo sicuramente fatto qualcosa di sbagliato.”

“No! Non pensarci mai, il problema ero io. Sono un po’ complicato. Ma ti prometto che non accadrà più. Te lo prometto.

“Allora promettimi bene.”

“Bastardo, hahahaha, guarda quanto sei eccitato già qui!” Usciamo solo a mangiare fuori, non farò l’amore con te, lascia perdere! Non è così facile, no!

“Dani, non preoccuparti, non ti costringerò a fare niente. Se succede qualcosa, devi volerlo anche tu.

“Vuoi dire che…”

“Preferisci la pizza, le patatine fritte, magari un X-Todo?” Cambiai subito idea perché non volevo perdere quel poco di buon senso che mi era rimasto. Il sale di questo nuovo bacio mi stava facendo impazzire. Già immaginavo quella bocca rosa che prendeva il mio cazzo in un modo molto stronzo. I miei pensieri erano folli.

Siamo andati a Parma. Ne abbiamo ordinati due medi, uno dolce e uno salato. E tra uno spuntino a pranzo e un sorso di coca cola, ci mettiamo in pari.

“Hai accompagnato molto bene tua madre oggi. Ha un talento così raffinato, wow! Continuavo a immaginarmi insieme, che piacere sarebbe!”

“Quindi era il suo sogno, ma non tutto sta andando come vogliamo”.

“Perché non provi a tornare indietro, Leah?”

“Ho passato tutta la mia vita dentro la chiesa. Preciso che non ho assolutamente nulla contro i principi, niente del genere”.

“Quindi qual’è il problema?”

“Lascialo qui.”

“Paura di qualcosa? Paura ?

“Non voglio perdere tempo a passare l’intera settimana andando alle riunioni qua e là come fa mia madre. Inoltre, ho i miei obiettivi.”

“E cosa sono?”

“Essere un musicista professionista, allestire il mio studio, produrre ottima musica, in tutti i generi, scoprire talenti. Ci vuole tempo. E oltre a questo, ci sono altri motivi per cui non voglio entrare nei dettagli in questo momento.”

“Va bene. Non ho intenzione di disturbarti con questo. Ma posso chiederti una cosa?”

“Dipende”.

“Niente di difficile: contatta Paula, perché è impazzita con la tua voce!”

“Aaaah, Aaaahahahahahahahaha! Sì, era qualcosa che mi sarebbe davvero piaciuto, ma mi sei mancato in questi giorni, eh!

“Scusa di nuovo.”

“Non devi scusarti più volte. Capisco che hai le tue ragioni. Mia madre ha detto qualcosa in un sussurro e… beh, non conosco la tua storia, ma fai così: ‘Se vuoi dirmi qualcosa, preoccupati solo di ciò che è meglio per te. Lascia che il vento faccia il resto, lascia che il sole entri dalla tua finestra e riscaldi il tuo cuore. Ok?

” Prometto. “

“Gli occhi come i tuoi dovrebbero solo sorridere.”

“Che carino! Ma prometti anche a me qualcosa?

“Eh? Certo!

“Vieni a trovarci più spesso. So che pensi che ci sia molta vita lì. E molte restrizioni all’interno.”

“Ti prometto che ci penserò, sì. E puoi farmi visitare lo stesso. Mi piaceva lì.”

“Oh Dio!”

Quando lo scoprimmo, aveva già iniziato a piovere. Pioggia forte. Tutto quello che doveva fare era riportarla a casa. Lei abitava nella parte alta, e sua madre nella parte bassa, le due case sono una sopra l’altra, e al piano di sotto era già tutto spento. Ma il diluvio era così forte che quando siamo entrati era tutto fradicio.

Mi ha chiesto di mettere la camicia nell’asciugatrice e mi ha chiesto se volevo un caffè. Ha fatto il caffè molto forte e mi ha anche dato un asciugamano per scaldarmi e asciugarmi la testa. Alla fine, tra un drink e l’altro, la conversazione si è surriscaldata. Ma voleva ricordare che tra noi non doveva succedere niente. Ho appena detto: “Quando non vuoi, due non litigano, giusto? Ho già detto che non ti costringerò a fare niente”.

“Pensi che io sia cattivo?”

“Ogni donna è un po’. Con il ragazzo che ama. Ma cosa hai detto a tua madre quando si sono accorti della mia presenza?

“Aaah, ehehe! Cose da donne, idiota! »

“Ok allora.”

“Non te l’avevo detto, mamma, che è sexy? E lei ha detto: ‘Se avesse la tua età, avrebbe la mia età.'” 🇧🇷

“AAAAHAHAHAHAHAHAHA, che assanhadinhas!”

“Sei molto più figo del mio ex…”

“Dì solo ciò che è buono, ok?” Non hai bisogno di raccontare la tua storia.

“Era solo un semplice commento. Non andrà oltre. Ma guardandoti, con quel bel colore che hai, quegli occhi enormi, quella bocca morbida e disegnata. E una voce così dolce, che esce da quell’enorme polmone. scatola, wow. Non potevo credere che il mio cuore fosse preso. Avevo paura. Ma non potevo sfuggire ai pensieri, ai desideri… sono pazzo di te, Lê.

“Mi stavo chiedendo se ti stavo perseguitando, se mi importava. Non volevo causare questo. Pensavo che non avresti più voluto vedermi. Ho confessato a mia madre quello che provavo. Mi ha detto: Sii come il sole Non come il vento Ma io risposi: ma io sono il vento Lei rispose: Unisciti al sole e respira dolcemente.

“Sei venuto davvero come il vento. Mi sentivo risucchiato dentro di te. Avevo paura. Ma il mio cuore si è solo riscaldato in questi giorni.”

“Ti voglio, Dani. Ogni secondo che passa, non importa quanto tempo devo aspettare, la mia anima vuole divorare e diventare tutt’uno con la tua.”

“Wow, nessuno mi ha mai detto di volermi scopare in un modo così bello.”

Fu allora che le parole persero completamente il loro valore e finalmente capii cosa significa essere un sole. era pronta ed è stata lei a portarmi alle labbra per prima. Il calore di quella bocca risvegliò il mio istinto animalesco, che rispose con uguale piacere. Dani si sedette sulle mie ginocchia e mi avvolse le braccia intorno al collo. Ha gettato la spugna e mi ha baciato il petto, il collo, iniziando una sessione di carezze che ha agitato violentemente il mio membro dentro i pantaloni.

“Quanto è caldo il tuo corpo, Lê! Morbido, profumato… ti viene voglia di mordere tutto!”

“Allora mangiami!

Si alzò e cominciò a sbottonarsi il vestito, ea poco a poco rivelò il suo corpo bianco, i suoi capezzoli gonfi, il suo ventre sporgente, le sue gambe lisce e perfettamente definite, la sua figa liscia e bagnata.

“La perfezione.”

Mi sono alzato dal divano, ma lui mi ha spinto di nuovo, hahahahaha! Si è inginocchiato tra le mie gambe, mi ha sbottonato i pantaloni, li ha abilmente sfilati dal mio corpo, mi ha massaggiato il membro sopra le mutande, mi ha baciato il glande e con i denti ha cominciato a strappare il tessuto che separava il bios dall’oggetto della sua lussuria.

Il mio cazzo le è saltato in faccia, espellendo un po’ del profumo represso, e presto è stato preso dalle labbra della mia rossa, labbra calde e morbide… oh, che bocca! Quanto è delizioso! Mi ha succhiato e masturbato allo stesso tempo. Le circondò la testa con la lingua, poi la prese finché non la inghiottì intera. Che magistrale prostituta nascondeva dietro quel volto angelico!

Mi prese per mano, mi condusse nelle sue stanze e poi mi adagiò sul suo letto. E, lasciando che il mio corpo si sistemasse sopra il mio, il nostro calore divenne uno. Il mio petto si svuota capezzoli, le nostre bocche calde si chiudono, le nostre lingue danzano come serpenti, il mio cazzo palpita nel suo ventre. Mi girai su un fianco, mettendola sotto il mio controllo, e lentamente presi possesso di ogni parte del suo corpo, assaporando il suo collo, i suoi seni, il suo addome… e infine, divorando il miele che colava dalle sue viscere.

“È delizioso, non fermarti, cagna mia, amico mio, succhialo delizioso! Hmmmm, che bocca calda! Aaaaaaaaah!”

Con la mia bocca che succhiava la sua culla, ho cominciato a penetrarla con il mio dito medio. E ho continuato ad accelerare, finché il loro miele non li ha inzuppati. Ritirai le dita e mi ubriacai del suo profumo. Il suo corpo si rannicchiò nella mia bocca. I suoi gemiti iniziarono ad aumentare. Che intenso orgasmo!

“Scopami, mangiami!” Voglio essere posseduto ora, andiamo!

Obbedendo ai desideri del mio amante, il suo cavaliere l’ha incoronata sua amante. Era perfetto, il mio corpo sopra il suo, assorbiva il mio potere, la mia furia, la mia fame!

Con le mie mani intorno al collo, il mio corpo in sincronia con le mie spinte, scopiamo gradualmente, prendendoci l’un l’altra l’anima, la mia bocca ora succhia i tuoi capezzoli, ora prende le tue labbra, ora giù per il tuo corpo e succhia di nuovo la sua figa, fino al suono di supplica, di essere amato, fottuto dal mio potere palpitante.

Ho fatto rotolare il suo corpo sulla schiena e ho spinto la sua figa bagnata da dietro. Ha ottenuto 4 ed è stato ancora più gustoso. Era una fottuta regina a letto. C’è stato un tempo in cui mi sono fermato, le ho baciato il culo, le ho morso il culo, le ho leccato di nuovo la figa, le ho aperto il culo e sono caduto come una bestia selvaggia con la mia lingua in gola. Dani ansimò e gemette contro il cuscino.

“È vero, non è vero? »

“Sì, il mio cane.”

“Divorare. Sono tuo.”

Accidenti, come mi ha eccitato! Ho puntato il mio glande verso l’ingresso e ho forzato la mia spinta nel buco stretto e caldo del mio amante. Il suo dolore, misto all’urlo di piacere, mi fece provare una reazione di selvaggia eccitazione.

“Sei così sexy! Non voglio smettere di scoparti!”

“Tocca a te, amico! Fanculo, vai!”

Rispondendo alla sua richiesta, ho abbracciato il suo corpo e mordendogli il collo, appena sotto la nuca, ho scopato come un leone affamato di femmine. Caldi gemiti nel suo orecchio. Lei gemette di rimando. Stavamo per esplodere. Ho accelerato da una parte all’altra, il suo respiro è diventato di nuovo pesante e irregolare e le mie madri non sopportavano più tanta pressione.

“Sto arrivando, amore mio!”

“Divertiti! Vieni nella mia piccola bocca, bastardo!

Le ho tirato fuori il cazzo dal culo, lei si è girata verso di me, e in ginocchio, con il suo corpo in mezzo, le ho versato tutto il mio sperma su tutta la faccia! gemo forte. gemo forte.

“È stato meraviglioso! Accidenti, non l’ho mai fatto…”

Daniele, hai pianto? Uh, ma ora che cos’è?

“Mi sento sporco!? Cosa abbiamo fatto?”

«Eh? Ma come, Dani, che ti prende?»

“Non dovevamo! Tutto è iniziato male! Accidenti, che idiota sono!

era il senso di colpa, il rimorso per aver lasciato parlare più forte il desiderio. Ora voleva far sentire in colpa anche me! Ma non del tutto. Non ho forzato NESSUNO! Sono quel mostro!

“E adesso, Leah?” Cosa facciamo ?

“Vuoi davvero sapere cosa stiamo facendo?”

Scosse la testa, sperando in una risposta saggia. Mi sono sdraiato accanto a lui, mi sono avvicinato al suo orecchio e gli ho detto infuriato:

“Amore mio. Siamo arrivati ​​fin qui insieme. Abbiamo iniziato. E stiamo andando alla fine.”

“E come sarà adesso?” chiese tra le lacrime.

“In questo preciso momento?”

“Oh!”

“FACCIAMO ANCORA SCOPARE”

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *