delizioso natale

di | 8 de Dicembre, 2022

L’ultima telefonata che ho fatto, quella notte di Natale, è stata a Suzana. La conversazione durò parecchio. Dopo averle dato la notizia, è tornata sull’argomento, che aveva ufficialmente smesso di lavorare, ora che non era altro che una “puttana di lusso”. Ho scelto le coppie per social network, per potere economico. Poi, con intelligenza e discrezione, chiese amicizia per entrambi, aggiungendosi di volta in volta. Dice che evita le volgarità e usa molto la psicologia, avendo un portafoglio limitato di “amici clienti”, ce n’erano una decina nel suo diario. Mi interessava conoscere i dettagli. Lei disse.

Aveva davvero messo tutta la sua intelligenza al servizio di ciò che progettava, diventare una prostituta. Certo, è arrivato il momento in cui mi ha chiesto se “non volevo dimostrare, che avevo bisogno di un partner per soddisfare richieste specifiche di uomini, donne o coppie”. Come previsto, come previsto, ho chiesto il motivo della mia scelta. Suzana ha detto che era “ovvio” che sentiva che c’era un’attrazione tra di noi. Ancora di più dopo quel giorno in cui mi aiutò a ritirare le valigie dall’appartamento, dove “non riuscivo a staccare gli occhi dal suo culo, dalle sue gambe e dalla sua figa”.

Doveva ammettere che provava un certo desiderio per lei. Da quel momento la conversazione si è fatta più sensuale, intima, abbiamo cominciato a raccontarci cosa avremmo fatto, un po’ scherzando, ma poi le cose si sono trasformate in “sesso telefonico”. Parlando con lui, sentendo la sua eccitazione, siamo passati dalla segreteria telefonica a una videochiamata. Ci siamo spogliati e ognuno si è masturbato su un lato del cellulare, fino a venire insieme. Ci siamo salutati con un bacio, mostrandoci le nostre fighe lussuriosi, promettendoci un incontro personale. In questa occasione darò la mia risposta alla proposta di questa “associazione”.

Sono Barbara, ma credo sia troppo lungo, preferisco essere chiamata “Baby”. Ho 19 anni, da pochi giorni mi sono iscritta al quinto semestre di architettura all’Università Cattolica di Porto Alegre. Negli ultimi mesi ho lavorato come baby sitter nel quartiere di Ipanema per due donne, prendendomi cura della loro figlia. Ho i capelli castano chiaro, alto un metro e ottanta. I miei occhi sono del colore del miele. Sono sempre stato un topo da palestra, quindi il mio corpo è in ottima forma. Gambe e glutei curati e sodi.

La verità è che in meno di una settimana nella villa delle mie amanti, che sono bellissime, ho finito per farla molto gustosa, prima con una, poi con l’altra. Da lì in poi, a volte mi chiamavano a letto, per farlo in coppia, sempre insieme.

Era già l’una di notte e non avevo sonno. Era a casa da solo, fuori servizio. Avevano viaggiato e preso la loro figlia. Ho iniziato a girare per casa, mangiare qualcosa in cucina, pensare di fare una doccia prima di andare a letto. Ad un certo punto, andando nella mia stanza, passo davanti alla stanza dove mi era stato proibito di entrare. Ho smesso,. Ho deciso di entrare. Sapevo già dov’era la chiave. Sono andato nella sua stanza, ho tirato fuori la chiave dal cassetto e sono tornato nella “stanza segreta”, determinato a porre fine al mistero.

Quando ho aperto la porta, ho dovuto distogliere lo sguardo, tanto era intenso l’aroma floreale che emanava dall’interno. Ho acceso la luce e sono rimasto sorpreso, perché non me l’aspettavo. La stanza, lungo le pareti, aveva tanti vasi con verde e fiori, tanti. La parete opposta aveva finestre sul soffitto che lasciavano entrare la brezza notturna estiva. Gran parte del soffitto era occupato da un lucernario di vetro. Su un’altra parete c’era un enorme dipinto di una bella donna, bionda con i capelli ricci, nuda. La donna teneva in braccio un animale, sembrava una lepre o un coniglio. Sullo sfondo, intorno alla donna, aveva dipinto molti fiori e foglie.

Il pavimento era di porcellana nera, assoluta. Dipinta al centro di questa stanza c’era una cabala o un pentagramma, qualcosa del genere, grande. Dentro, alcune candele, già spente. Normalmente non giuro nemmeno, ma ho dovuto esclamare “che diavolo è?” Entrai, esaminando gli altri oggetti nella stanza. C’era uno scaffale con diversi vestiti con cappuccio, tutti neri. La fodera era rossa. Quando ho sentito dei passi in casa, ho pensato: “Ho finito!”

Ho aperto leggermente la porta, rendendomi conto che era ancora nudo. Mancando d’altro, ho indossato uno dei mantelli, o dei mantelli, chiudendolo con la cintura di stoffa. Mentre i passi si avvicinavano al corridoio, sentii aprirsi la porta della camera da letto principale. La persona è entrata nella stanza ma non è rimasta a lungo. Quando i passi si avvicinarono a dove mi trovavo, chiusi silenziosamente la porta, appoggiandomi terrorizzata. I passi continuarono, fino alla fine del corridoio dove la mia stanza e quella della ragazza, Osty, erano stanze comunicanti. Anche qui le porte si aprono e poi si chiudono. Il suono di quei passi pesanti proveniva dal corridoio, attraverso il soggiorno e nella biblioteca.

Altre storie erotiche  Straight Erotic Tale - Madeleine, il viaggio all'inferno

Ho deciso che dovevo uscire dal panico, fare qualcosa. Così, a piedi nudi, ho attraversato il soggiorno dove ho afferrato una piccola pala di ferro dal camino. Ho attraversato la porta della biblioteca brandendo la pala, urlando furiosamente. C’era, di spalle, un uomo vestito da Babbo Natale, davanti al baretto, che mi serviva un whisky. Chiede, senza voltarsi, “Hai intenzione di colpire Babbo Natale con quello?” Gli dico che “Babbo Natale ha latte e biscotti, non whisky importato!” Lui ride e si volta verso di me.

Dice: “Mi chiamo Fernando, qualcuno ti ha parlato di me? Ho le chiavi di casa, il comando della porta. Sono stata io a comprare loro questa casa. Non preoccuparti, tu!”

Sospirando di sollievo, lasciai cadere la pala a terra. Sussulto tra le lacrime, rispondo: “mi hai fatto prendere un tale spavento, vuoi uccidermi dal profondo del tuo cuore?” Ora si limita a sorridere, alza la barba, si toglie il berretto, dice che è solo in visita. Si è scusato per lo shock, ma vedo che non è stato il primo whisky che ha bevuto quella notte.

Dico: “Tânia mi ha detto che sei il padre biologico della ragazza, che se un giorno verrà, dovrei trattarlo bene. Guarda, l’ho quasi preso a calci!” Mi invita a sedermi sul divano e mi chiede dove sono Mel e Tania. Ora, trattandolo con rispetto, lo informo che sono alla locanda della laguna, che non torneranno se non dopo il nuovo anno. Si fa serio, beve un sorso di whisky e pensa a quello che ho appena detto. Dopo un po’ mi guarda e mi chiede: “E tu, anche tu sei una delle streghette?” Mi rendo conto di cosa indossava. dico no? Quali streghe? Per favore, non dirglielo, ma era nudo, sai? Così sono entrato in quella stanza per nascondermi, era l’unica cosa che dovevo indossare, quindi…! Lui annuisce, dice: “beh, se sei l’unico in casa, ti auguro un buon Natale, ragazza!”

Si alza, va al pacco regalo e paga una bottiglia di spumante con nastro ed etichetta, mi accorgo che l’ha comprata all’aeroporto, è italiano. Tira fuori anche una busta. allungami Si legge: “Il tuo regalo di Natale e bonus”. Dico: “Non posso accettare soldi da te, siete i miei datori di lavoro”. Ma lui risponde di sì, ma è lui che mi ha pagato lo stipendio, anzi tutte le bollette della casa, è lui che ha pagato l’ufficio che avevo.

Accetto con riluttanza di ricevere dalla sua mano. Gli chiedo se ha cenato, se non ha fame, se “vuole un caffè”. Lui è d’accordo, andiamo in cucina a parlare dell’incidente ridendo molto. È molto affascinante, quindi parliamo della vita di tutti i giorni a casa, di come sta sua figlia. Commenta che viaggia molto, ma si presenta sempre in date speciali, che lo ha persino “avvertito che sarebbe venuto per Natale”. Apri il frigo, prendi un pezzo di pollo arrosto, un po’ di maionese, porta tutto al bancone.

Altre storie erotiche  Bionda, carina, sposata e bisognosa.

Non mi stacca gli occhi di dosso, mi scruta. Quando porto il caffè, attraverso l’apertura del cappotto, i miei seni sono evidenti, esponendo il capezzolo di uno di loro. Si lecca le labbra. Mi chiede di chiamarlo Fernando, dice: “Scommetto che sei andato a letto con uno di loro, quale?”

In situazioni che mi colgono di sorpresa come questa, non posso mentire. Lo guardo in faccia, nei suoi occhi, rispondo “con entrambi”. Sorrise, disse che se lo era immaginato quando aveva visto com’era carina. La conversazione su quell’aereo cominciò a mettermi più che a disagio, cominciava ad eccitarmi. “Pensavo fossi alto due metri, quindi piaci a Tanya, ottima idea!” Beve un sorso di caffè e risponde: “ma non chiedere cosa pensa Mel di me, era mia moglie”. Ridiamo, ora allo stesso tempo. Gli chiedo se resta la notte, lui annuisce.

Questa volta sono io che lo guardo, dall’alto verso il basso. Fernando è di buona statura, ha più di 40 anni. Molto abbronzato, capelli rasati, tipo atletico, 1m80. In altre parole, oltre ad essere simpatico, è piuttosto attraente. Ho deciso che toccava a me fare il regalo. Dopotutto, Tânia non mi ha detto “di non perdermi niente?”

Lasciando aumentare il clima del mio desiderio, decisi di sedurlo. Andai alla credenza, presi un bicchiere e mi versai dell’acqua. Di nascosto, voltandogli le spalle, allentai la cinghia del cappotto. Quando io Mi voltai di nuovo verso di lui, andai al bancone, alzai il bicchiere e bevvi un lungo sorso. In quel momento, il cappotto è stato aperto, il mio corpo esposto. Trasalii per la sorpresa, voltandomi le spalle, fingendo di allacciarmi la cerniera del vestito, ma armeggiando con il vetro. L’acqua si schianta contro di me, rovesciandosi sul pavimento.

Proprio quando mi aspettavo, l’ho sentito avvolgermi tra le braccia da dietro, le sue braccia forti, baciarmi il collo. Ho provato a liberarmi, ma senza forzare, solo per fare il duro. Ho sentito il suo cazzo duro toccare il centro del mio culo.

Fernando ha iniziato a sussurrarmi all’orecchio che ero “molto caldo”, ha detto, “se devo passare la notte qui, solo noi due, sarebbe un piacere avere anche te”. Mi sono voltata verso di lui e gli ho detto: “Fernando, da quando siamo entrati in cucina, è proprio quello che ho pensato…” Le sue mani sono salite sul mio seno, mi ha baciato e io gli ho risposto. Ho inalato il suo profumo, la sua lingua è entrata nella mia bocca, ho cominciato ad avvolgere la mia attorno alla sua, assorbendo la sua saliva.

In quel momento Fernando finì di togliersi il cappotto che indossavo, cadde a terra. I miei seni erano già duri con i capezzoli eccitati. Baciato, succhiato deliziosamente. Ho detto che lo volevo dentro di me. Gli ho tolto i vestiti da Babbo Natale, l’ho fatto sedere, gli ho tolto gli stivali, quando si è alzato, gli ho abbassato i pantaloni, godendomi il grande volume della sua erezione. Aveva cosce grosse e abbronzate. Li ho tenuti, palpando, levigando, raggiungendo lo Slip, da dove il cazzo sporgeva già a metà altezza, l’ho abbassato.

Quando mi trovai faccia a faccia con il suo enorme cazzo, il sacco gonfio gli cadde dalla bocca, da una parte all’altra. Rimasi a lungo in ginocchio a succhiargli il pene. Ma non voleva venire così. Ha detto che voleva mangiarmi dove glieli davo. L’ho preso per mano e siamo andati nella suite.

Accanto al letto, mi baciò di nuovo, abbassò la bocca, succhiandomi e mordendomi i seni. Le mie gambe iniziarono a tremare, lui lo vide e mi abbracciò, facendomi sdraiare sul letto. Mi ha fatto sdraiare sul bordo. Sospirai e mi misi a cavalcioni sulle mie gambe, mostrando la mia figa bagnata e già spalancata, aspettandolo.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento - Il vicino sposato

Fernando mi ha fatto un bagno di lingua, ha succhiato le labbra della sua figa, senza fretta. In quel momento avrei voluto la sua bocca sul mio culo, per penetrarmi con la sua lingua, ma non avevo fretta, per niente. Mi sentivo così eccitato, quando dopo un po’ di tempo a giocare con la mia fica è venuto sul mio bocciolo, leccandolo e succhiandolo, ho detto che non ce la facevo. Gli afferrai saldamente la testa, così che la sua lingua penetrò in profondità nella mia vagina. Aveva solo la mia figa che si scioglieva in bocca, facendomi urlare di piacere.

Mi sono seduto sul letto, lui è venuto al mio fianco, mi ha preso tra le sue braccia, baciandomi, ho adorato il suo odore maschile, mi sono ripresa in fretta, ho ricominciato a desiderare di essere posseduta, penetrata da lui. L’ho spinto sul letto e mi sono arrampicato su di lui. Sono andato a strofinarmi su di lui, ha massaggiato la mia vagina aperta e lussuriosa nella diffusione del suo delizioso cazzo.

Fernando, gemendo di piacere, mi succhiava i seni, pizzicando di tanto in tanto i capezzoli, leggermente, per renderli ancora più duri. Capezzoli sporgenti, ha succhiato e morso, facendomi gemere. In quel momento ho alzato un po’ i fianchi, ci ho messo la mano sotto, le ho massaggiato la borsa, forte. Ho allungato la mano e ho afferrato il suo grosso cazzo, portandolo alla mia vagina. Delizioso. Alzandomi lentamente, ero un po’ senza fiato con il sesso che mi allargava la figa, mi invadeva, mi stirava.

Cominciai a cavalcare su e giù il suo cazzo, tirandolo fuori di tanto in tanto da me, solo per strofinare la sua testa sul mio cuscinetto, e poi lasciarlo scivolare di nuovo dentro. Quando sono riuscito a farlo entrare completamente dentro di me, ho cominciato a strofinare la mia vagina contro l’asta, sentendo le sue palle contro il mio sedere. Fernando mi ha detto di mettermi a quattro zampe sul bordo del letto, per poter sporgere il culo. Si fermò dietro di me, un piede sul letto e l’altro sul pavimento, entrando lentamente dentro di me. Sentendolo entrare nella mia vagina, mi è piaciuto molto quando mi ha detto con voce rauca: “Sei molto sexy piccola, stretta, è molto calda, deliziosa”.

Fernando mi mette in mezzo al letto e ricomincia a penetrarmi la figa. Ha cominciato a picchiare forte, mi ha anche tolto tutto, mi ha tenuto per la vita, il cazzo già entrava e usciva dappertutto, sentivo i rigonfiamenti della borsa nel sedere. È stato allora che ho iniziato a urlargli contro: “Mettimi, spingimi forte, ficcami nella figa, fottimi come se fottessi le tue puttane, dai, sono quasi venuto così, duro come un cazzo…” Fernando ed io abbiamo iniziato a conoscerci. Mi ha versato tutto il latte addosso. Siamo caduti uno accanto all’altro sul letto. Sento il tuo seme che scorre, delizioso.

Dopo questa meravigliosa scopata che è finita verso le tre del mattino, ci siamo fatti una doccia insieme. Sotto la doccia ne ho approfittato e gli ho fatto un bel pompino. Quando è entrato nella mia bocca, mi sono assicurato che lo vedesse, lo assaggiasse, lo bevesse tutto. Dormiamo insieme, ma nel suo letto. Non era difficile sentirsi felici con la testa sulla spalla, un braccio forte intorno a me. Il giorno dopo abbiamo fatto colazione insieme. Fernando, già vestito, mi bacia e mi saluta. Ha detto che un giorno avremmo ricominciato. Mi manchi già.

Vorrei concludere questa piccola storia augurando a tutti voi un Buon Natale, con tanta felicità e amore! Vuoi sapere? Spero sinceramente che tu possa goderti ciò che la vita ha da offrire. Baci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *