# Diario03 – Era minorenne

di | 9 de Dicembre, 2022

Il tempo passava e la mia vita professionale iniziava a decollare, ma in compenso il mio rapporto con Diana era già esploso e lei si era già trasferita in Irlanda per studiare inglese. E nel frattempo approfittavo delle opportunità che la vita mi dava, specialmente quelle che riguardavano il sesso occasionale.

Ed è allora che entra Giovana, una giovane donna deliziosamente pericolosa, che ha solo 15 anni. Per finire, era la cugina di una mia grande amica, appunto, un’amica che conosceva la sua età, ma non commentava mai niente perché mangiava sempre la sua amica anche lei minorenne.

Il problema è che Giovana e la sua amica erano sempre alle feste migliori, grazie a documenti falsi come le tessere dello studente.

Un giorno io e questa amica eravamo in una discoteca a bere whisky quando lei e la sua amica sono entrate, si sono sedute ai nostri lati e sono rimaste lì. In meno di due minuti Fernando si è quasi mangiato l’amica di Giovana e io ero lì, con la faccia impassibile, perché non sapevo se la ragazza volesse o no qualcosa con me.

Abbiamo scambiato qualche parola e sebbene fosse adorabile, non ho mai notato alcun interesse per lei.

Dopo esserci divertiti e aver bevuto molto, abbiamo deciso di andare a casa di un mio amico, che viveva da solo. Quando siamo arrivati, lui e l’amico di Giovana stavano già entrando di soppiatto nella stanza mentre io ero sdraiato sul divano del soggiorno a pensare a cosa dire o fare.

Ma per mia fortuna, Giovana ha preso l’iniziativa e si è sdraiata accanto a me e con la faccia più grande mi ha chiesto se saremmo rimasti lì ad ascoltare i gemiti della coppia nella stanza accanto.

Vedendo le possibilità, ho allungato la mano e lei mi ha preso la mano ed è venuta verso di me serpeggiando come un serpente pronto a colpire. E che nave. Questa ninfetta, nonostante la sua giovane età, sapeva bene cosa voleva e come sarebbe successo.

Le nostre labbra si toccarono e senza alcuna vergogna Giovana stava già stringendo il mio cazzo, ancora protetto dai jeans.

Invece, le mie mani sono scivolate lungo il suo corpo, sollevandole lentamente il vestito ed esponendo il suo delizioso sedere. Giovana assomiglia a quelle ragazze che conoscono il loro potere di seduzione. Pelle bianca, occhi neri come una jabuticaba, capelli lunghi e lisci, seno medio, culo rotondo, cosce grosse e una faccia maliziosa che pochi hanno.

La ragazza che non aveva niente sul suo caschetto ha continuato la sua festa di seduzione. Solo nelle sue mutande, mutande succinte, è atterrato con la bocca sul mio cazzo e ha cercato di succhiare come un vitello affamato di latte. La ragazza giocava con il mio cazzo come se fosse un gelato, scendeva nel sacco, succhiava, mordeva, leccava. Dal nulla, si è girata e mi ha messo la figa in faccia, e poi abbiamo iniziato un delizioso sessantanove senza fine.

Se me lo chiedi, non posso rispondere per quanto tempo ci siamo succhiati a vicenda in quella posizione. Mi sono concentrato solo sul succhiare quella nuova figa mentre ascoltavo il mio amico che scopava forte l’altra ragazza nella stanza accanto.

Dopo questa festa dei pompini, Giovana ha coperto il mio cazzo con il preservativo e si è seduta senza pietà. Tutto quello che ho sentito è stato il suo gemito di piacere, poi il suono dei nostri corpi che si schiantavano l’uno contro l’altro. La ragazza non stava cavalcando, stava rimbalzando sul mio cazzo. Ha rimbalzato così forte che il preservativo si è rotto e non si è nemmeno arrapata, è rimasta seduta lì finché non è venuta sul mio cazzo. Poi si è girata, mi ha chiesto di scoparla forte. Con questa delizia di quattro, è stato facile. Mi sono messo dietro di lei, l’ho afferrata per i capelli e ho iniziato a fotterla, colpendola e prendendola a calci fino alla fine. C’è stato un momento in cui mi sono fatta trascinare dalla forza e lei ha sentito dolore, ha chiesto un po’ di tempo e mentre si stava riprendendo le ho leccato la figa.

Siamo tornati, si è seduto di nuovo e sopra di me ha controllato i movimenti. Ho detto che volevo il culo e lei ha sorriso. Afferrando il mio bastone imbevuto di miele e puntandolo verso la porticina, rotolò giù per le scale come se fosse in una danza funk. Quando il mio cazzo si è depositato, ha iniziato a rimbalzare, spruzzandomi di sperma incredibile.

Abbiamo passato tutta la notte e il sabato a scopare. Poi è scomparsa e vent’anni dopo ci siamo rivisti, ma te lo dirò al momento giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *