Divulgazione: non sono lesbica, sono bisessuale

di | 9 de Dicembre, 2022

da Cesare

Dopo la mia deliziosa esperienza con Valéria (raccontata in – Alla scoperta di ciò che sono), quando dissi a mia madre che ero decisamente lesbica, lei mi avvertì:

– Rilassati ragazza, so come ti sei sentita con Val, lei è davvero meravigliosa, ma fino ad oggi hai scopato solo ragazzini, aspetta quando avrai un uomo vero, che sa come arraparsi, ti accorgerai che lo è anche lui. È davvero bello venire con un cazzo dentro di te.

Non avendo questa esperienza ho deciso di non regalarla più ai miei compagni di classe, perché sono diventata dipendente da Valéria, tanto che almeno una volta alla settimana andavo a casa sua, dove facevamo sesso pazzesco. , con lei che mi mostra il vero significato di cosa significa provare piacere. Applicato agli insegnamenti, ho imparato rapidamente i dettagli dell’essere con un’altra donna e anche darle innumerevoli orgasmi piacevoli. Una cosa che non ha mai nascosto e chiarito, non sarebbe stata una mia esclusiva perché aveva altre donne nella sua vita e non si sarebbe arresa con loro, inclusa mia madre.

Qualche mese dopo, durante una conversazione con mia madre, le ho ripetuto che mi consideravo davvero lesbica. Mi ha ascoltato pazientemente e ha fatto alcuni commenti, che in realtà erano delle linee guida. Che non alzo mai la bandiera di un’ideologia sessuale, che mi comporto in modo naturale, che dimostri agli altri che devo essere rispettato come essere umano e non semplicemente per aver trasgredito i cosiddetti comportamenti normali. Ma sappi che, anche così, questo o quel piccolo scherzo sui miei gusti sessuali sarà sempre inevitabile, ma non è motivo di shock, ma una base per me per rafforzare i miei principi e i miei desideri. Ha poi concluso dicendo:

– Soprattutto amore mio, saremo sempre lì per sostenerti.

Ho notato che ha messo più enfasi quando ha detto WE, ero curioso:

– Hai detto, noi, includerai papà in questa storia?

– Certamente figlia mia, tuo padre è una persona meravigliosa, di larghe vedute e, come me, ti rispetterà e ti sosterrà in ciò che decidi sia meglio per te.

Ho guardato pensierosa mia madre e mi sono ricordata che mi aveva chiesto di tenere segreta la sua relazione con Valeria, quindi le ho chiesto:

– Se mio padre è così aperto, perché mi ha chiesto di tenere segrete le sue avventure con Valeria?

Mia madre ci pensò un attimo e poi disse:

– A quel tempo non sapevo quale sarebbe stato il suo comportamento dopo essere stato con Val, ecco perché ho fatto una tale richiesta.

– Devo concludere che mio padre ci conosce con Val?

– Sì figlia mia, tuo padre sa tutto e approva.

Face à cette révélation, je me suis souvenir d’une chose que ma mère m’avait dit quan j’avais prétendu être lesbienne: calme-toi ma fille, tu n’as toujours passayé un vrai homme, juste ces garçons à l ‘Scuola. Un dettaglio curioso è successo quando le ho chiesto se avesse un vero uomo da denunciare, mi ha risposto con un sorriso malizioso: chissà, poi mia figlia. Ho deciso di scoprire quali altri segreti conserva mia madre:

– Quando ti ho chiesto se c’era un vero uomo a cui indirizzarmi, mi hai risposto che ogni cosa ha il suo tempo, credo che quel momento sia arrivato, mi indirizzerai a qualcuno, come hai fatto con Val?

Mia madre sospirò profondamente, come se stesse scegliendo quali parole dire e cosa non dire. Di fronte alla sua insicurezza, mi sono imposto:

– Vai signora Solange, apri il gioco per sempre.

All’inizio insicura di se stessa, alla fine ha confessato di avere almeno tre accenni di uomini che mi avrebbero sicuramente fatto venire duro come ha fatto con Val. Era una confessione aperta che anche lei aveva incontrato questi uomini, non aveva scelta:

– E mio padre, dov’è lui in tutta questa storia?

Mi prese le mani e mi rivelò con calma:

– È stato tuo padre a chiedermi di uscire con gli altri.

Ha raccontato che anni fa quando fece questa richiesta, il matrimonio arrivò all’inizio del divorzio, ma con molta pazienza e convinzione, finì per raddoppiare la sua resistenza e lei cedette al suo desiderio:

– Da quanto tempo mio padre è cornuto?

– Cinque anni Radice.

– E ti piace scopare fuori casa?

– Non solo fuori, ma dopo, quando faccio sesso con tuo padre, mi chiede di raccontargli i dettagli e sborriamo come due giovani adolescenti.

Merda, questa mia madre che direi, tutta santa, ma allo stesso tempo una vera puttana e con la connivenza di mio padre. La mia curiosità è nata:

– Ce n’erano molti?

– Non ce n’erano molti, dopotutto abbiamo scelto con molta attenzione con chi uscire.

– Significa che papà ti aiuta a scegliere gli amanti.

– Sempre, la nostra complicità in questo senso è totale.

– Capisco, quindi tra tutte le persone con cui sei uscito, ce ne sono tre che pensi possano farmi venire tanto quanto Val?

– È vero.

– Sono ancora i tuoi amanti?

– Sì.

– Allora pagherò per vedere.

Dopo qualche giorno mia madre dice di aver parlato con Arthur, che secondo lei è il migliore e lui, dopo qualche resistenza, ha acconsentito e hanno organizzato l’incontro a casa. Il giorno in cui, pur senza essere molto motivato, ho messo in piedi uno spettacolo simile a quello in cui sono andato per la prima volta a Val, la mia intenzione era quella di suscitare desiderio nel distinto “gentiluomo”, solo con lo sguardo audace. Quando arrivò, mia madre lo salutò sulla porta e con mia sorpresa, con un delizioso bacio sulla bocca, lo presentò:

– Arthur, questa è Raiza, mia figlia di cui ti ho parlato.

Mi porge una scatola di finissimi cioccolatini e in un caldo abbraccio mi dice:

– Piacere di conoscerti Raíza, tua madre parla di te con tenerezza.

Lo ringraziai un po’ imbarazzato, mentre mia madre diceva che doveva uscire, perché aveva delle cose da sistemare.

Arthur era un uomo di mezza età, con i capelli grigi e una barba ben curata che gli era tagliata vicino al viso. Vestita casualmente con jeans e polo, quella con il piccolo alligatore, e mentre mi abbracciava, ho sentito il profumo delizioso del profumo che indossava. Indubbiamente un uomo bello, affascinante e dall’aspetto ordinato. Non sono molto bravo con l’età, ma penso che debba essere sulla cinquantina. I suoi occhi mi divorarono, come si vedeva la carne del mio sedere e la punta dura dei miei seni attraverso la maglia sottile che indossavo. Gli ho offerto da bere e lui ha accettato. Gli ho servito un whisky e io una soda. Ero tesa, non sapevo come comportarmi, in fondo ero una ninfa inesperta in procinto di essere divorata dal ‘lupo cattivo’. Eravamo ancora svegli quando, dopo il primo sorso, prese i bicchieri e li posò sul tavolino.

Mi abbraccia teneramente e sente il mio corpo tremare. Baciami il viso e parlami affettuosamente:

– Non preoccuparti ninfetta mia, tua madre mi ha detto tutto e credimi, proverai un grande piacere.

La sua voce calma ha allentato la mia tensione, ancora di più quando ha portato le sue labbra sulle mie e ci siamo scambiati un bacio leggero. La sua gentilezza mi ha ricordato il modo in cui Val mi bacia. Mi sono arreso a questo maschio profumato e la mia irrequietezza era completamente scomparsa. A poco a poco la sua lingua invase la mia bocca e presto il bacio si fece più intenso. Le sue mani percorrono il mio corpo e raggiungono le mie natiche, che stringe dolcemente dicendo:

– Non sono mai stato con una ninfetta come te prima, ammetto che il mio cuore batte più forte.

Gli ho messo una mano sul petto ed era reale, potevo sentire il suo cuore che batteva. Mi prende tra le sue braccia, io abbraccio il suo corpo con le gambe e c’è un bacio più intenso, mentre le nostre bocche si divorano a vicenda con lussuria. Mi stupisce la sensazione di sentire la mia figa bagnarsi, come quando sono con Val. Lentamente mi alzai in piedi e gli tolsi la camicia. Apparve un petto villoso, totalmente diverso dai “ragazzi” con cui era andata a letto prima. Feci scivolare le mani in quella morbida pelliccia e una sensazione diversa mi invase, qualcosa di inebriante che non riuscivo a spiegare. Fui felicissimo di questa visione quando mi chiese:

– Dov’è la tua stanza?

Gli mostro la strada e partiamo con me ancora in ginocchio.

Mi fa sdraiare sul letto, mi toglie la camicia ei miei piccoli seni giovanili risaltano nella mia seminudezza. Senza distogliere lo sguardo dal mio corpo, mi sbottona i pantaloncini e me li fa scivolare lungo le gambe, lasciandomi solo con il micro perizoma. La parte anteriore copriva a malapena la mia piccola figa, che era parzialmente visibile attraverso il tessuto trasparente. Sul tessuto fine e sensuale delle mie mutandine, fa scivolare un dito nella mia fessura. Il mio corpo vibra a questo contatto, specialmente quando mette più pressione sulla mia regione della griglia. Ancora in piedi, si slaccia la cintura, apre i pantaloni e li getta di lato. Solo nella mia biancheria intima vedo un volume considerevole contenuto all’interno e Ho paura, riuscirò a sopportare tutto questo? Lisciandosi il cazzo, tira giù le mutandine fino a che appare il suo enorme cazzo, tutto duro, con le vene sporgenti e quella piccola bava che trasuda alla fine. Inaspettatamente provai un enorme desiderio di averlo in bocca, ma lui si sdraiò accanto a me e mi baciò di nuovo.

Il suo sesso che sfiorava la mia coscia mi diede una deliziosa esplosione di piacere. La sua bocca birichina iniziò a scivolare lungo il mio corpo, raggiungendo i miei seni e succhiandoli con piacere. Sui broncio ha morso leggermente il che mi ha reso ancora più eccitato, sono sensibile sui capezzoli. La sua bocca continua a divorarmi, la sua lingua scivola dal mio stomaco alle mie mutandine. Lecca abilmente la mia fessura ancora contenuta dal tessuto sottile delle mie mutandine, ma la sua lingua appuntita scava un po’ comunque. Le sue mani amorevoli scivolano sulle mie cosce e mentre mi apre le gambe mi chiede:

– Ti piace farti succhiare, puttanella?

– Amo appassionatamente.

Senza togliermi le mutandine, continua a leccarmi la fessura e l’inguine. Forzo lo stomaco contro la sua bocca, mostrando il desiderio di ricevere quella lingua direttamente nella mia figa, ma lui mi tortura e non lo fa. Con un gesto abile mi fa cadere sulla pancia e comincia a baciarmi il culo. Mi alzo e gli mordo la faccia, ma è impassibile nella sua arte di torturarmi. Con un dito toglie il filo che era nella mia piega e dice:

– Mi piace leccare un culo.

– Quindi succhialo Arthur, mi piace sentirmi arrapato nel culo.

Mi lecca le pieghe e poi infila la sua lingua dura nel mio buchetto, accarezzandomi la fessura. Gemendo gli dico che sto per venire, lui mi chiede:

– Goditi il ​​culo di puttana, come fa tua madre.

Sentire quello e sentire il suo dito nella mia figa è bastato a farmi esplodere in un orgasmo meraviglioso, paragonato a quello che provo con Val.

Poi mi abbraccia da dietro e sento il suo cazzo tra le mie cosce, così diverso da quei “vermetti” che hanno i ragazzi a scuola, è una vera scopata, per questo mia mamma e loro lo hanno come amante, è delizioso. Con lui che mi bacia e lecca il collo, mi viene di nuovo la pelle d’oca e mi arrapo, ma ora sono io che voglio sentire qualcosa nella mia bocca. Mi libero dal suo abbraccio, mi metto tra le sue gambe e ammiro il suo bel cazzo duro come un paletto. Un po’ ipnotizzato, rimango senza parole finché non dice:

– Prendilo, non mordere.

Rido e prendo questo strumento con entrambe le mani, lo accarezzo fino ai testicoli lisci e glabri. Tentato di succhiarlo, mi avvicino alla bocca e bacio la testa seducente, spingendo la punta della lingua in questo piccolo foro dove scorre il miele. Ho un sapore agrodolce, ma delizioso, quindi ingoio la testa e la succhio con piacere. Lo sento gemere di desiderio e chiedere:

– Quindi cagna, succhia il tuo cazzo deliziosamente.

In calore, ingoio più che posso di questo bastoncino, ma non mettermelo in bocca nemmeno metà perché presto mi colpisce la gola e soffoco, sbavando così tanto che mi scorre giù per la gola, sul suo cazzo, e sulle sue palle. . Gli lecco le palle rendendole ancora più bagnate. Ci provo e con un po’ di lavoro riesco a mettermeli entrambi in bocca e succhiarli con piacere. Mi tiene la testa con entrambe le mani e dice:

– Cazzo, visto che assomigli a tua madre, adora anche ingoiarmi le palle.

Ero letteralmente posseduta, la mia figa pulsava di tanta lussuria, volevo, avevo bisogno di essere penetrata, quindi smetto di succhiare quel cazzo delizioso, mi posiziono sopra il suo corpo e con una mano guido il suo cazzo all’ingresso del mio figa mi strofino la testa sulle labbra, al cancello e quando sento che lei è all’ingresso appoggio un po’ il mio corpo e lascio entrare la testa.

Quella dannata cosa è grossa, anche il dildo di Val non era della stessa proporzione, quindi mi sento come se mi stesse stirando. Procedo con la penetrazione finché mi sento a mio agio con l’invasione. Accarezzami e stringi i miei capezzoli dicendo:

– Quindi cagna, siediti sulla tua verga da macho, sulla verga che ha scopato tua madre così tante volte.

Sentirlo parlare di mia madre, non so perché, aumenta ancora di più la mia voglia e prima che me ne renda conto ero già completamente soddisfatta di questo delizioso bagel. Seduto su questo fallo rimango immobile per qualche istante, abituandomi alla sensazione di essere completamente soddisfatto. In quel momento mi sono venute in mente le parole di mia madre: ti renderai conto che è molto bello anche sborrare con il cazzo fino in fondo. Premo le mie mani sul suo petto peloso e comincio a rotolare e cavalcare il suo cazzo, in questo modo non ci ho messo molto a raggiungere un altro orgasmo:

– Sborro Arthur, oh va bene, dannazione.

Ha sbattuto forte il suo cazzo dentro di me, così forte che potevo sentirlo toccare il fondo della mia fica. Sentendo il mio corpo tremare per l’intenso piacere che stava provando, mi tira dentro, avvolgendo il mio corpo in un abbraccio stretto e tenendo il suo cazzo dentro di me. Restiamo così finché non riavrò la mia energia.

Sdraiato uno accanto all’altro e passando la mano sul suo petto peloso, chiedo:

– Non verrai?

– Certo, amo la mia bambola, ma oggi è la tua giornata e te la godrai tutte le volte che vorrai, perché non abbiamo detto niente e godersela nella tua figa può essere un problema.

– È vero, io non sono pronta e tu sei senza preservativo, ma voglio sentire il tuo seme dentro di me, così possiamo provare un’altra strada, ti piace?

– Dannazione Raíza, hai ereditato tutto da tua madre, anche a lei piace dare il culo, l’hai mai fatto?

– A quanto pare sai già tutto, quindi è inutile nasconderlo, Val mi lecca il culo con il suo dildo, ovviamente non grande come il tuo cazzo.

– Non preoccuparti, l’importante è che ti piaccia e se Val ti scopa così è perché ti piace.

Sconvolto, ma desideroso di essere infilzato da lui, mi sono messo a quattro zampe e ho chiesto:

– Poi arriva Arthur, mi lecca il culo e mi riempie di sperma.

Ancora una volta mi lecca le pieghe, mi tocca la figa e mi infila un dito nel culo. Abituato a farmi scopare da Val, ho imparato a rilassare lo sfintere, con quello il dito mi dava solo piacere. Rendendosi conto che mi sentivo a mio agio nel toccarlo, lo fece scivolare via in un secondo e aveva ancora un ottimo sapore. Raggiungendo e torcendo le dita nel culo, gemetti di piacere, dicendo quanto fosse bello, a cui sentii scivolare dentro un terzo dito. Ora il mio culo stava mordendo questo trio invadente, sapendo che qualcosa di più grande stava per prendere il suo posto. Notando che ho arricciato le mie dita calde, fa il cambio e inizia a strofinare il suo cazzo tra le mie pieghe. Il mio culo parzialmente dilatato tremò al pensiero di essere rotto.

Con grande affetto e pazienza mi costringe a metterci la testa, cosa che spezza la resistenza delle mie pieghe. gemo lamentandomi:

– Dannazione così grande, rilassati.

– Lascio il mio amore, vuoi che smetta?

Ho pensato velocemente: se mia madre può prenderlo, posso prenderlo anche io:

– Assolutamente no, non pensare nemmeno a toglierlo.

Forzo lo sfintere a liberare la penetrazione e poco a poco il sesso si apre. Con movimenti fluidi ma continui affonda e presto sento la sua pancia che mi tocca il sedere, ecco, il danno è fatto. Esperto, sta fermo, con solo il suo cazzo sepolto nel mio culo, per farmi sentire a mio agio con l’invasore. Quando la sensazione di dolore lascia il posto al piacere, comincio a contorcermi e chiedo:

– Adesso fottiti il ​​culo, rompi il culo alla tua biscata, fammi quello che vuoi. fare a mia madre

Mi prende per la vita e comincia a fottermi il culo, nello stesso tempo mi schiaffeggia dicendo:

– Questo è quello che ti piace, puttana, prendi un vero bastone nel culo, prendilo piccola puttana, goditi il ​​mio cazzo.

Me lo ha infilato nel culo e mi ha accarezzato la figa, che sensazione meravigliosa, molto meglio del conforto di Val, perché avevo un cazzo vero dentro di me, pieno di vene e pronto a riempirmi di sperma. Era insopportabile trattenermi e quando ho annunciato che stavo per venire ha accelerato i suoi movimenti e in un profondo affondo ha ruggito di piacere, facendomi sentire i getti di sperma nel profondo del mio retto, siamo più vicini.

Siamo stati fidanzati finché il cazzo di Arthur non si è ammorbidito e lui si è lentamente allontanato da me. Quando ci sdraiammo davanti alla porta, c’era mia madre che ci guardava con una mano tra le gambe. Lei sorride e dice:

– Sono entrato in casa, ho sentito il sesso ei tuoi gemiti, scusami, ma non ho potuto fare a meno di volerti vedere e ho finito per godermi la bellissima scena di mia figlia sul treno da scopare.

Non so perché, ma in un momento di pudore ho tirato il lenzuolo che copriva il mio corpo, Arthur è rimasto indifferente. Mia madre si siede accanto a me e mi chiede:

– E poi figlia mia, ti consideri ancora lesbica?

Ho guardato Arthur, ho baciato mia madre sulla guancia e ho detto:

– Sicuramente non mamma, il tuo amante è la cosa più deliziosa sei riuscito a regalarmelo, è stato meraviglioso e me lo ha fatto godere altrettanto se non di più di Val.

– Non ti avevo avvertito ragazza, ho solo scopato questi ragazzi a scuola, niente come stare con un vero maschio, ma non smettere di amare anche una figa, entrambe le cose sono buone se praticate con le persone giuste.

Mia madre fece l’occhiolino al suo amante e chiese:

– E poi amore mio, ti è piaciuto mangiare mia figlia?

– Se mi è piaciuta Solange, è come te, arrapata senza pregiudizi.

– E non ho visto come gli ho mangiato il culo?

– Beh, ha passato tutto e si dimena ancora come una cagna in calore.

– Cambiando un po’ discorso – continuò mia madre con il suo amante – Devi partire presto?

– Non proprio, mia moglie ha viaggiato e io ho molto tempo.

– Vuoi restare a cena da noi?

– Sarà un piacere.

– Allora fatti una doccia che ci preparo da bere, tra poco arriva mio marito e possiamo parlare in quattro.

Guardai mia madre con stupore, cercando di immaginare cosa le passasse per la testa. Vedendo la mia preoccupazione, mi rassicura:

– Non preoccuparti, figlia mia, tuo padre sa tutto e sicuramente vorrà conoscere i dettagli, dopotutto ora ha due puttanelle in casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *