Domanda sull’opportunità 02

di | 9 de Dicembre, 2022

Con la disoccupazione del marito, la mia amica Agnès si è trovata nella necessità di riprendere la professione ereditata dal padre di restauratrice di pezzi e oggetti in legno; Mi ha chiesto di aiutarlo a pubblicizzarlo, cosa che ho fatto volentieri, il che mi ha portato a contattare un amico che aveva parti che voleva vedere salvate; con un veloce scambio di messaggi via whatsapp si è risolto tutto ed è toccato a me raccogliere i cocci e portarli ad Agnès, che abitava poco distante da casa mia; già in possesso di tali pezzi, andai a casa sua, mi accolse con un sorriso radioso, vestita con pantaloncini molto attillati e molto scavati con una camicetta con spalline, il cui ondeggiamento denunciava che i seni pieni della mia amica erano liberi e sciolti.

Agnès era una donna corpulenta di mezza età, dalle curve generose e dal viso dotato di occhi intriganti e di un sorriso insinuante che suscitava sempre in me una lussuria folle, ma che cercavo di contenere perché, oltre ad essere sposata, sembrava altrettanto fiorente in ogni modo; ciò che era strano quel giorno era la sensazione che questa realizzazione fosse diventata incompleta o disfatta. Dopo aver scaricato i pezzi, mi ha invitato a prendere un caffè con la possibilità di recuperare. A un certo punto, mi è venuta voglia di affrontare l’argomento, volendo sapere com’era la sua vita coniugale dopo che suo marito aveva perso il lavoro.

Trattenendo le lacrime, Agnès mi ha confidato che non andava niente bene, perché suo marito, trovandosi disoccupato, è precipitato nell’alcolismo, oltre a mettersi con un’altra donna, anch’essa sposata, essendo costretto a rifugiarsi all’interno dello stato per farlo non subire possibili attacchi di rappresaglia da parte del maschio sacro. Alla fine, la vita di Agnes è stata sconvolta e il suo matrimonio si è trasformato in un incubo. Mentre cercavo di consolarla, mi disse anche che dopo questa crisi era stata avvolta da una dolorosa solitudine dalla quale era riuscita a uscire solo tornando alla sua professione e trovando una strada per la sua vita.

-Sì amica…, sono sola – mi ha risposto quando le ho chiesto se c’era qualcuno con cui condivideva la vita – Ho passato un po’ di tempo a ricostruire la mia vita senza mio marito che niente aveva senso… nel bene o nel bene peggio. Nel male, nel male, sono una donna sposata.

Senza il coraggio di fare una proposta sessuale, decisi di salutarlo, dicendogli che se aveva bisogno di qualcosa poteva contare su di me; Agnes mi ha abbracciato e baciato sulla guancia, una mossa che ha causato subito più di un trambusto dentro i miei pantaloni! Nei giorni successivi abbiamo iniziato a scambiarci regolarmente messaggi, a volte inviandogli video divertenti, pensieri con immagini e altre allegorie più leggere, cercando di alleggerire il momento in cui si trovava.

Un giorno ho rischiato la fortuna mandandogli un video di troia con una coppia che si concedeva scopate omeriche senza limiti; non ha rilasciato dichiarazioni e ho temuto di aver perso la sua fiducia; Nonostante tutto, ho insistito e ne ho mandato un altro con due femmine impegnate in una battaglia di lingue e dita; Come il precedente, anche questo video non ha ricevuto alcun commento. Rassegnato, sono tornato ai saggi video anche se non ho ricevuto risposta o commento. Stava per rinunciare alla sua intenzione di sedurre Agnes quando accadde qualcosa di incredibile.

Un pomeriggio ho ricevuto un suo video con la didascalia “basta guardarlo quando sei solo”; Ho aspettato l’occasione migliore e ho iniziato a guardare il video; in esso, la stessa Agnes appariva nuda sul letto colpendo una siririca con enorme voracità; Venne più volte, cambiando sempre posizione per potersi mostrare da tutte le angolazioni; ad ogni nuova scena impazziva, arrivando al punto di iniziare una violenta sega; Ho finito per venire quando il video stava per finire. In risposta, le ho inviato una foto del mio cazzo che versava sperma mentre lei raggiungeva l’orgasmo senza scrivere una parola.

– Sei davvero un cane cattivo! – Mi ha detto con tono malizioso, ho risposto a malapena alla sua chiamata il giorno dopo – Hai visto quanto mi hanno fatto impazzire i tuoi video?

-Certo che l’ho visto – risposi enfaticamente – Ed è vero il contrario! Ma non volevo offenderla… solo ravvivare un po’ la vita!

-Guarda, ecco il punto- continuò con tono più serio- io sono una donna sposata e tu sei un uomo sposato… non voglio altri problemi di quelli che già mi assillano la vita… . ma vorrei tanto che potessimo giocare un po’… Ho detto gioca, sai?

Senza timore di rallegrarmi, accettai la proposta, promettendo di rispettare i limiti che essa imponeva; Agnès mi ha chiesto di incontrarla a casa sua il venerdì mattina successivo, invito che ho accettato senza esitazione. Ci siamo salutati con me, facendo in modo che fosse un’occasione da non perdere. E fu così che la mattina del giorno concordato, parcheggiai l’auto davanti a casa sua e suonai il campanello nello stesso momento in cui il mio cellulare vibrava indicando l’arrivo di un messaggio. “Entra, la porta è aperta”, diceva il messaggio di Agnès.

Ho attraversato velocemente la casa e già nel soggiorno ho sentito la sua voce che mi chiamava nella sua camera da letto; appena entrato la vidi nuda sul letto che si toccava la figa con una mano mentre con l’altra si stringeva alternativamente i seni pieni; Fui così preso alla sprovvista dalla vista che un improvviso letargo mi prese, facendomi zoppicare solo godendomi la scena piena di emozione. “Non stare lì a guardarmi! Togliti i vestiti e vieni a sdraiarti qui accanto a me!”, mi chiese con tono esasperato. Io non esitai a togliermi i vestiti e corsi a sdraiarmi accanto suo.

-Guarda le mie tette! Sono deliziosi, eh! “Continua!” chiese senza fiato Succhia i miei gustosissimi capezzoli, succhia!

Caddi con la bocca sui duri capezzoli di Agnese, leccandoli e succhiandoli avidamente, eccitandola ancora di più tra singhiozzi e gemiti; Con movimenti delicati le tolsi la mano dalla vulva e cominciai ad accarezzarla, sentendone il calore e l’umidità fino a toccarla con forza, provocando un susseguirsi di orgasmi che scuotevano il suo corpo, che urlava e gemeva come un matto. Sentendo di essermi impossessato della sua fiducia, ho cambiato posizione con la testa tra le sue gambe, la lingua, la vagina che piangeva provocando altro sperma, provocando un enorme clamore da parte della femmina, che non aveva più il controllo delle sue reazioni.

Agnese provava un tale piacere che era impazzita tenendomi la testa tra le gambe e chiedendo sempre di più; Dopo tanto tempo le sono salito sopra con l’intenzione di scopare quella figa insaziabile; dapprima esitò, ma io la guardai negli occhi e le feci capire che era inevitabile; Agnes finì per annuire, allargando di più le gambe e aspettando di ricevere il mio cazzo nella sua caverna; Bastarono due forti spinte del mio bacino per penetrarla profondamente e farla urlare e gemere senza fine. Ho continuato a battere sempre più forte e sono rimasto stupito dagli orgasmi delirantemente abbondanti che ne sono seguiti.

Sudavamo copiosamente e il nostro respiro già affannoso indicava che presto saremmo stati sopraffatti dall’inesorabile; e prima che potessi fare qualsiasi cosa, il mio orgasmo fu preceduto da contrazioni muscolari involontarie e spasmi fino a che il tutto culminò in una massiccia eiaculazione che riempì la femmina di un carico di sperma facendola vivere un’ultima volta così veemente che quasi svenne. . Rimasi sopra di lei per un po’ e quando ne ebbi la forza mi sdraiai accanto a lei e ci godemmo un meritato riposo. Agnes appoggiò la testa sul mio petto accarezzandomi i capezzoli e russando piano.

Alla fine ci siamo fatti una doccia insieme dove mi hanno fatto un delizioso pompino in cui lei ha insistito per provocarle un’erezione dentro la bocca, deliziandosi nel sentirla crescere e pulsare mentre Agnes succhiava avidamente fino a che non riusciva a strappare un nuovo orgasmo che ha messo a punto deglutire e poi sorridere. Da quel giorno, ogni volta che prendevo nuovi ordini di lavoro, venivo pagato per un pasto o una polvere, che diventava conveniente per entrambi. Di tanto in tanto mi raccontava che suo marito le mandava dei messaggi dicendo che presto sarebbe tornato a casa, il che la scoraggiava perché non aveva interesse ad averlo di nuovo al suo fianco. Ho fatto la mia parte agendo come una sorta di consulente matrimoniale, convincendola che sarebbe stato meglio riportarlo indietro e vedere se era davvero cambiato. Per mia sfortuna, accettò il mio suggerimento e in poco tempo tornarono alle cose buone; Confesso che non mi sono pentito del mio atteggiamento, perché la mia occasione era già passata e ne ero felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *