Doveva essere solo una birra.

di | 9 de Dicembre, 2022

Doveva essere solo una tranquilla birra con mio marito Rodrigo. Dopo aver fatto alcune cose stupide ultimamente, ora sono più rilassata e attaccata a mio marito. È come se il diavoletto mi stesse inseguendo, le tentazioni appaiono ovunque, è impressionante ahahah.

È stata una bellissima domenica! Faceva molto caldo. Rodrigo ci propone di andare a bere una birra al bar di Valtinho, un nostro amico. Ho pensato che l’idea fosse ottima, mi sono messa dei vestiti perché stavo tutto il giorno in mutande a casa e siamo andate a piedi al bar che è vicino casa. Ho indossato uno dei miei abiti corti stampati fluidi e sandali piatti.

Il bar di Valtinho era molto semplice ma famoso per servire torte divine! Appena arrivati ​​al bar, abbiamo anche visto che dentro c’era posto, ma faceva così caldo che abbiamo deciso di prendere un tavolo fuori. Siamo stati serviti dallo stesso Valtinho, che ha continuato come sempre, molto cordiale ma anche sfacciato. Il bastardo ha preso la nostra ordinazione senza vergogna, non mascherato tra le mie gambe incrociate. Dovresti riuscire a vedere le mie mutandine bianche, il mio perizoma.

Con l’ordine effettuato e già completato, ho scattato un selfie con Rodrigo e l’ho subito caricato su Instagram con tanti cuoricini, sono stata super contenta. È stata una gita di coppia che non facevamo da molto tempo.

Valtinho non ha impiegato molto a portare il piatto di snack che abbiamo ordinato e alcune birre artigianali che ha consigliato e ha detto che voleva la nostra opinione. Valtinho ha preso una sedia e l’ha messa accanto a me, poi, seduto a gambe aperte davanti a noi, ha spiegato quale snack andava meglio con quale birra, ecc.

Mentre parlava, una cinghia del mio vestito finalmente è scivolata, ho visto i suoi occhi seguirla lentamente. Avvolta tra le braccia di Rodrigo, guardavo Valtinho fingendo di essere attenta alla sua spiegazione, infatti mi divertivo a notare le sue reazioni ogni volta che mi guardava.

Quel giorno il mio Timão giocava contro il povero Santos do Rodrigo, la partita veniva trasmessa su un piccolo televisore all’interno del bar. Abbiamo iniziato a bere e mangiare questi snack ed era tutto buonissimo! Ecco, in un attimo ho sentito la mano di Valtinho aprirsi sulla mia coscia e lui già ci stava salendo e mi guardava con quella faccia spudorata.

Ho annuito dicendo “No”, Rodrigo che stava guardando la partita non se n’è accorto, ma è stato ancora più audace e approfittando della distrazione di Rodrigo nel gioco, mi ha calpestato il collo e mi ha rubato un bacio malizioso. me. E sai come queste situazioni mi infastidiscono sempre, vero? E quel giorno non era diverso. Sebbene avessi molta paura che Rodrigo ci prendesse, ho baciato Valtinho con la lingua accanto a mio marito.

Sfuggendo al suo bacio, tolsi la sua mano dalla mia coscia e raccontai a Rodrigo dei panini. Ad ogni modo, puoi vedere come non sono la troia che continui a disegnare nei commenti. Stava cercando di sfuggire all’attacco del bastardo.

Senti, lo so che Valtinho è sempre stato un bastardo, ma quel giorno è stato troppo. Paffuta, si avvicinò a me, lasciandomi tra le sue gambe. Chiunque avesse visto la scena avrebbe pensato che la coppia fossimo noi. Ed è molto, molto intelligente, ha finto di guardare la partita e commentare la partita solo per distrarre Rodrigo. Avvicinandosi un po’, mi annusò e un attimo dopo stava già baciando di nuovo la sua bocca.

All’interno del bar, Lucas, l’assistente di Valtinho, vedendo il suo capo fare del male, ha anche aiutato distraendo Rodrigo con discorsi sul gioco e collaborando così a questa sporca mossa.

– Sembri molto sexy con i tuoi vestitini – mi disse piano Valtinho all’orecchio mentre la sua mano mi scioglieva le gambe. Io non ho detto niente, ma le sue avances mi hanno eccitato, l’ho baciato più maliziosamente sentendo la sua mano muoversi tra le mie cosce fino a sfiorarmi la fica sulle mie mutandine, massaggiandomi, può sicuramente sentire la mia umidità, la mia eccitazione o.

Altre storie erotiche  Racconto erotico BDSM - Ho trovato la felicità nella sottomissione 2

– Togliti le mutandine… – mi sussurrò Valter all’orecchio e per poco non venni quando lo sentii fare questa richiesta vicino al mio orecchio. Lo guardai sorridendo e dopo qualche secondo mi alzai per andare in bagno e soddisfare la sua richiesta. Ma lui mi ha fermato afferrandomi per il braccio e mi ha detto – No, voglio che tu lo porti fuori qui.

Aff, sono qui a scrivere questa storia, devo anche ricordare questo momento! E per chi mi conosce, sa quanto divento pazzo con queste cose. Valtinho chiese a Lucas di portare un’altra birra. Lucas lo portò velocemente, lo aprì e lo posò sul tavolo. Mi guardò con la stessa faccia maliziosa del capo. Ho ricambiato il favore con un sorriso e ho riportato la mia attenzione su Rodrigo con una carezza sul braccio seguita da un bacio – Sarà 2-0 per il mio Timão – ho scherzato ancora con lui.

In quel momento ho visto Rodrigo che mi guardava le gambe, poi ho capito che per colpa di Valtinho mostravo troppo le cosce. Solo che Rodrigo mi ha sorpreso con un bacio così delizioso che scommetto che anche Valtinho stava morendo di gelosia.

Dopo che Rodrigo si è nuovamente distratto in partita con Valtinho e Lucas. Ne ho approfittato e mi sono alzato abbastanza in alto da togliermi le mutandine e le ho tolte finché non le ho indossate ai piedi. Ridendo, l’ho passato a Valtinho, il bastardo l’ha mostrato anche a Lucas e forse a tutti quelli che in quel momento passavano per strada e ci hanno visto. Gli ho dato una pacca sul braccio come per dire “Ehi! Vestiti… Rodrigo si vede!”, e con quella faccia slavata, si è infilato in tasca le mie mutandine.

Dopo la prima parte, Lucas e Valtinho in quel momento ci hanno lasciati soli. E per un breve momento, mi sono chiesta cosa stessero dicendo di me all’interno del bar. Rodrigo ed io siamo rimasti lì, scambiandoci l’affetto gentile e scarso di mio marito, lui non aveva idea che quella puttana di moglie avesse offerto le sue mutandine a un altro uomo.

Ma all’improvviso il gioco prese una piega, le carezze cominciarono ad essere più audaci e, afferrandomi forte i capelli, Rodrigo mi baciò appassionatamente. Ed è diventato così caldo che gli ho sbottonato i pantaloni e gli ho tirato fuori il cazzo, iniziando a masturbarlo. E un attimo dopo era sdraiato in grembo a succhiare il suo cazzo molto gustoso. Per fortuna la strada in cui si trovava il bar non era molto trafficata, non credo che nessuno l’abbia visto.

E ho succhiato e succhiato molto gustoso, non avevo mai visto Rodrigo in questo stato, prepararsi in un luogo pubblico aperto. Improvvisamente, uno di loro si è affacciato alla porta del bar e sicuramente, vedendo la scena, ha deciso di fare marcia indietro. Non sapevamo chi fosse, ci siamo limitati a ridere della situazione, ma senza giudicare ho preso la mano di Rodrigo e l’ho presa tra le mie gambe, facendogli sentire che la sua mogliettina era lì senza mutande e molto bagnata.

– Oh, puttanella… è venuta senza mutandine! – mi disse Rodrigo all’orecchio, sorprendendomi e facendomi impazzire. Era piuttosto cattivo. Ho appena sorriso e lui ha detto – Sai che mi piace vederti camminare a piedi nudi nei tuoi vestitini? Che ne dici di toglierti i sandali e andare al bancone a prenderci una birra?

Altre storie erotiche  Storia di gruppo erotica - Spotify Party

Nessuna domanda, l’ho fatto, all’epoca non volevo capire il feticcio di mio marito. Mi sono alzato e mi sono diretto verso il bancone dove c’era Valtinho e lui non sembrava più molto contento – Valtinho, posso avere un’altra birra? Ma adesso non ne voglio una di quelle fatte a mano… voglio una Skol – dissi appoggiandomi al bancone, in piedi leggermente eretta e sollevando un piede indietro, mostrando mio marito.

Quando meno me lo aspettavo, ho sentito quelle mani sulla mia vita e quel sedere caldo che mi sollevava il vestito – Ora il mio Santos metterà il mio caffè con il latte in quegli opossum – disse Rodrigo, abbracciandomi da dietro e palpandomi.

E Rodrigo aveva un’impronta molto calda, più maliziosa, perversa non so! Lol, so solo che l’ho adorato e mentre guardavo Valtinho, ho strofinato molto male il volume di mio marito e ho risposto: Oh, ma non è proprio giusto … se il Corinthians perde, farò un pompino a Valtinho. Ho scherzato solo per vedere dove sarebbe stato. Andiamo.

“Qualunque cosa, qualunque cosa, non c’è scommessa”, ha detto Rodrigo. E nonostante il volo da Scommetto sono stato contento che l’abbia presa bene.

Oh Rodrigo vai avanti, è solo un pompino…

No, niente di tutto questo, qui è solo mio… – disse Rodrigo, e il suo discorso mi commosse molto.

Quindi, non so se Rodrigo l’ha fatto per sbaglio o forse la sua erezione ha raggiunto un livello tale da fargliela perdere. So solo che ha continuato a stuzzicarmi proprio davanti a Valtinho e le sue mani mi hanno sollevato un po’ il vestito, permettendo a Valter di godersi per qualche secondo la mia morbida figa bagnata.

Valtinho non disse nulla, ma guardò. Dovrei essere eccitato ma sono sicuro molto arrabbiato perché ci si aspettava che mi mangiassi da solo. Prendendo la mano di Rodrigo, ho detto – Vieni qui, amore mio… – e ho guardato Valtinho con una risata ironica, portando con me il mio amore. Entrai in bagno sentendo subito la mano di Rodrigo da dietro che mi accarezzava il sedere.

Abbiamo chiuso la porta e in questo bagno, che non era abbastanza piccolo, non era molto pulito, mi sono appoggiato al lavandino e mi sono seduto a guardarlo, una vera puttana. Rodrigo abbassò lo sguardo sui miei piedi, vedendomi in fondo a loro – Non hai idea di come mi ecciti così… – Mi sollevò lentamente il vestito, godendosi il mio corpo come se fosse la prima volta che era lì dentro davanti. del.

Allargai ancora di più le gambe quando lo vidi accovacciato dietro di me – Wow amore mio, ma sei in ritardo… – Non riuscivo nemmeno a finire il discorso, persi completamente la testa appena sentii le loro labbra toccarsi. la mia figa e succhiami forte. Empinadinha geme molto sporco, godendosi che il mio marito pervertito mi succhia gustosamente nel bagno di questo bar.

E proprio così, mi ha fatto venire in bocca!

Alzandosi, mi guardò attraverso lo specchio, mi vide ansimare e disse – Le tue guance ti tradiscono, sai? – Mi sussurrò all’orecchio e poi mi entrò forte. In effetti, le mie guance diventano molto rosse quando sono eccitato ed è per questo che mille e una cosa mi passano per la testa in quel momento. Sapeva tutto? No, non è possibile.

Cominciò a speronare freneticamente il suo cazzo nella mia piccola fica. Gli porto una mano sul viso, accarezzandogli la barba con la punta delle dita e gemendo tra le sue labbra. Entrando ancora, abbassò le spalline sottili del mio vestito e ben presto i miei seni furono nelle sue mani, che iniziarono a massaggiarli. E poi sono tornato!

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: il primo lapsus di una donna sposata.

Rodrigo sembrava insaziabile.

– Voglio fotterti il ​​culo – mi disse all’orecchio. Oh mio!! Sono quasi venuto per la terza volta a sentirlo. Wow, che tipo di uomo ho a casa, gente! Si chinò e aprendomi il culo mi infilò la lingua nel culo succhiandolo senza alcuna vergogna. Delizioso!

Non appena Rodrigo ha sistemato il suo cazzo nel mio piccolo e molto cattivo buco, sono saltato a ricevere il suo gustoso cazzo. Rodrigo ha cominciato a spingere e mentre mi leccava il culo mi ha chiamato puttana, troia… come non aveva mai fatto prima! E allo stesso tempo ha stimolato il mio clitoride, senza smettere di lasciarlo.

E ragazzi, sono venuto per la terza volta!!! E in quel momento venne anche Rodrigo a riempirmi il culo di sperma. Wow, che cazzo di caldo! Siamo usciti dal bagno e il punteggio della partita è stato di 2-0 per i miei Corinthians! Sono saltato sul posto, festeggiando, guardandolo con amore. Valtinho ha anche scherzato: Merda, mi è mancata la pipa di Taiane.

So solo che in quel momento le mie gambe erano così deboli che volevo solo sedermi.

Tesoro, mi siedo – dissi tornando al nostro tavolo, ma Rodrigo mi prese la mano e mi rispose – Siediti qui, tesoro… ora si parte – e mi indicò un’alta panca di legno.

Lì, sarebbe stato un po’ troppo esposto, ma mi è piaciuto, a quanto pare era ancora colpa di mio marito. Con il suo aiuto, mi sono seduto sulla panchina e ho incrociato le gambe. Rodrigo mi ha guardato, wow, nemmeno il nostro primo sesso quando uscivamo insieme è stato così bello e nemmeno lui mi ha guardato con quello sguardo perverso. Prima era solo percepibile che gli piacevo, ma questa parte di un desiderio più insolito, non l’avevo mai provata con lui.

Siamo rimasti a discutere con Valtinho e Lucas per un po’ dopo la fine della partita, che ovviamente si è conclusa con la vittoria della mia squadra! Si sono presentati anche altri clienti, sempre uomini, le donne non si vedevano quasi mai in questo bar ed è stato notevole che fossero sorpresi di vedermi lì.

Prima di partire, Rodrigo mi ha scattato una foto seduto su questa panchina, è stato magnifico! Poi ha baciato il mio piedino. Valtinho, Lucas e anche io, hahaha, abbiamo assistito alla scena con stupore. Rodrigo pagò il conto, ci salutammo e tornammo a casa. E pensi che fosse così? No, a casa scopiamo sotto la doccia, a letto e anche in cucina! Wow, sono stato arrostito! Ahahah che giornata! Ascolta, ma ora mi sento come se non conoscessi mio marito, penso di vivere con uno sconosciuto lol. Bene, finché questo sconosciuto mi mangia così ogni giorno, sto bene!

Spero infatti di scoprire gradualmente i feticci di mio marito, è molto difficile che dica queste cose. Ma ora so che gli piace vedermi andare in giro a piedi nudi e con i miei vestitini ahahah

Cosa ne pensi? Sembra che la situazione sia cambiata, giusto?

Hai mai pensato se un giorno Rodrigo accetterà di mangiarmi con un altro? O due… tre ahahah mi piacerebbe! Ma c’è stato già un giorno in cui sono andato a dargli un suggerimento e lui mi ha risposto così: “Un altro uomo che si scopa mia moglie??!! Chi accetta una cosa del genere!!”.

Bene, cosa fare, giusto? LOL

taianefantasia@gmail. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *