E nessun culo è scappato intatto

di | 8 de Dicembre, 2022

Sinceramente mi considero una persona il cui lato razionale è molto più evidente di quello passionale. Prima era esattamente il contrario, ma finisci per maturare e la bilancia finisce per ribaltarsi dall’altra parte, per fortuna. Ad ogni modo, essere emotivamente influenzato non è facile per me, ma ero estremamente ansioso per un test che stavo per sostenere.

Durante la settimana, ho avuto notti insonni consecutive, voglie di dolci, nervosismo e un’erezione incontrollabile. Non saprei dirti quante volte mi sono masturbato in quei giorni, ma anche allora non mi sono rilassato o la voglia è passata. Sono persino andata in un sexy shop per comprare nuovi giocattoli per cercare di distrarmi, ma nonostante fossi molto brava, ero ancora troppo ansiosa.

Il giorno prima dell’evento ero così pazzo che mi sono ritrovato totalmente impulsivo. Sono entrato in Tinder e dopo aver chattato con questo ragazzo per un po’, mi ha dato il mio telefono, e poco dopo l’ubicazione della mia casa. So che questo è comune per molte persone, ma non per me. Mi impegno sempre a parlarne e vedere se ho empatia per la persona, pensare a organizzare un incontro e, se c’era chimica, pensare a litigare più tardi.

Ma quel giorno, non avevo la testa per parlare, avevo bisogno di scopare come un matto e dimenticare questa tempesta. Poco dopo suona il citofono e poco dopo mi ritrovo a parlare con lui sul divano del soggiorno. Era un po’ nervosa, timida (sì, sono timida, almeno all’inizio) e credo se ne sia accorta. Come un ragazzo esperto, ha guidato la conversazione per rilassarmi e poi mi ha dato un bel bacio.

Mentre mi stavo ancora riprendendo da quel lungo bacio, l’ho visto riprendersi e mettersi di fronte a me. Prima che potessi iniziare a immaginare cosa stesse per succedere, mi allargò le gambe, mi spinse da parte le mutandine e iniziò a succhiarmi. Puzza deliziosamente, ma non è l’unica cosa che mi ha mandato sulla luna. La presa salda, che sentii in una frazione di secondo mentre mi tirava le gambe, mi inzuppò all’istante.

Mi afferrò vigorosamente le cosce, facendo oscillare le sue leccate tra il mio culo e la mia figa, e si strofinò leggermente anche la sua barba tagliata. Non saprei dire per quanto tempo siamo stati lì, ma le sono venuto due volte in bocca. Poi l’ho tirato a me, gli ho baciato le labbra, deliziandomi con il sapore del mio seme, mentre sentivo il suo cazzo duro sfiorare l’ingresso della mia figa.

Altre storie erotiche  Mi sono mangiato il culo ma non ho visto la faccia della donna sposata

Strofinai la testa di quel grosso cazzo duro, lasciandolo anche un po’ dentro di me. Dopo averlo reso molto soffice, l’ho tirato fuori e mi è caduto in bocca. Ammetto che dal momento in cui ho posato gli occhi su questo meraviglioso cazzo, mi è venuta l’acquolina in bocca. Ho cominciato a masturbarmi lentamente, alla stessa velocità con cui leccavo e succhiavo. Il compito di ingoiare tutto può sembrare scoraggiante, ma è stata una sfida di puro piacere. Ho morso, godendomi ogni centimetro che ho inghiottito, senza fretta. Lo sentivo insultarmi, dicendo che era tanto tempo che non faceva un pompino così, tra gemiti e rantoli. Mi ha solo eccitato di più e ho deglutito sempre di più finché non l’ho sentito in gola.

Mi ha preso in braccio e mi ha adagiato sul divano e ha sistemato tutto allo stesso tempo. Sono sicuro che il gemito che emisi riecheggiò nel corridoio dell’edificio. Impossibile controllarmi sentendo un cazzo così penetrarmi così. Le spinte erano dure e profonde, proprio come piacciono a me, e lui sembrava avere tanto fuoco quanto me. Nessuno ha gettato la spugna. Mi sono goduto gli orrori su questo divano, dal quale mi sono alzato su gambe tremanti.

Mentre salivo le scale verso la mia stanza, mi ha chiesto se avevo mai scopato lì e io ho annuito con sicurezza, guardandolo con una faccia maliziosa. Ben presto mi fece inginocchiare su uno scalino e appoggiare la faccia su un altro, lasciandomi a quattro zampe. Lì, ho sentito il cazzo entrare completamente dentro di me, e… basti dire che ci sono stati molti gemiti e imprecazioni, questa volta da parte mia. Quando vide che stavo per venire, si fermò e mi condusse su per le scale.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Mio marito l'ha scoperto e non si è lasciato andare 2.

Si è sdraiato sul mio letto e ovviamente vedendolo così non ho resistito e sono caduta a faccia in giù. Ma questa volta sono stato in grado di esplorare il suo corpo in un modo diverso. Gli ho succhiato il cazzo, gli ho leccato le palle e sono sceso ancora un po’. Notando che non mostrava alcuna reazione negativa, sono diventato più audace, leccandogli il culo mentre lo masturbavo.

Mi sono ritrovato invaso dall’arrapato quando ho capito quanto gli dava piacere. L’ho sentito dimenarsi, contrarsi leggermente, per non parlare dei gemiti e delle parole. Gli succhiai di nuovo il cazzo e cominciai a fargli girare la punta del dito intorno al sedere. Ancora una volta, il suo linguaggio del corpo non mi ha dato alcun segno di rifiuto e ho rapidamente mosso lentamente il dito.

Mi piaceva vederlo darsi completamente a me, senza tabù, lasciandosi solo provare il piacere che potevo dargli. Poi ho capito che era ora di cambiare. Mi ha chiesto il mio vibratore e ha iniziato a strofinarmelo sulla figa. Lo inserì lentamente, mentre mi apriva il culo con un dito.

Ho sentito il dildo completamente dentro di me in un rapido impulso mentre metteva due dita nel mio sedere. La sensazione che ho provato è impossibile da descrivere. È stato così divertente venire in così tanti modi che non riuscivo a capire, solo a sentire. E no, non si è fermato qui. Ha tolto il vibratore dalla mia figa, me lo ha messo nel culo e ha cominciato a penetrarmi. Anche se era molto gustoso, ci ho messo un po’ a venire e lui ne è rimasto deliziato. Spinse più forte e più a fondo e cambiò le frequenze del vibratore. Quando finalmente mi sono arreso a queste sensazioni, ho raggiunto l’apice dell’estasi.

Si sdraiò e io gli salii sopra, anche se le mie gambe tremavano e non mi ero ancora ripreso dall’orgasmo. Cominciai a cavalcare lentamente, facendo scorrere l’unghia sul suo petto, sentendolo battere dentro di me. Ho aumentato il mio ritmo e lui mi ha afferrato forte i fianchi, rendendo la mia sessione ancora più intensa. Quando l’ho visto tornare, l’ho schiaffeggiato in faccia, poi ho inarcato il mio corpo all’indietro, agitando il suo cazzo e giocando con la mia clitoride.

Altre storie erotiche  Il Signore conosciuto. - Storie erotiche

Ancora non soddisfatto, mi accovacciai e cominciai ad avventarmi su quel cazzo assassino. Mi sono alzato finché non ho sentito la testolina saltare e abbassare il mio peso tutto in una volta, ancora e ancora e sempre più veloce. Ed è così che non ho sentito gemiti, ma ruggiti di piacere mentre ci avvicinavamo.

Mi sono sdraiato accanto a lui e abbiamo chiacchierato mentre ci componevamo. Mi ha guardato ridendo e mi ha detto che ero molto cattivo per aver giocato con il suo culo durante la prima scopata. Ho riso e ho detto che non sono mai atterrato con nessuno, non a causa della mia obiezione, ma a causa dei miei partner. Mi piace dare piacere ed esplorare il corpo dell’altro, provare piacere, ma è necessario che la persona lo permetta.

Sono stato sorpreso di avere una conversazione con un militare su come il maschilismo influenzi la vita sessuale maschile. Essere macho da uomini e donne. Ho amici che dicono che gli uomini a cui piace il sesso anale sono “gay nascosti”, forse quelli a cui piacciono i baci greci o le punizioni. Allo stesso modo in cui vedo i miei amici parlare del culo come di qualcosa di immacolato, che apparentemente è il grande custode della loro mascolinità. Mi è molto chiaro che l’omosessualità è essere attratti da persone dello stesso sesso, non provare piacere in certi modi, anche perché il punto erogeno c’è sia che la persona ne faccia uso o meno. E se fosse un segno di bisessualità, allora cosa?

Mi è sempre piaciuto quando le persone dicevano che sono molto liberale e libertino a letto, puoi immaginare come sarà ora che ho trovato un ragazzo che la pensa allo stesso modo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *