Edi – ha rivelato l’opinionista di Teca

di | 10 de Dicembre, 2022

da Cesare

Edi lavorava per me da un anno e con il suo modo di essere mi ha fatto scoprire nuove forme di piacere. Il suo lato autoritario mi rendeva passivo di fronte ai suoi desideri. Dovendo partecipare ad un evento dovevo stare via una settimana, così ho chiesto a Teca di restare qui a casa. Quando sono tornata, la mia ragazza mi stava aspettando e, con mia piacevole sorpresa, indossava un babydoll di pizzo rosso la cui trasparenza lasciava intravedere un pelo pubico deliziosamente curato. Mi abbraccia, mi bacia dolcemente le labbra, ma sento una leggera preoccupazione sul suo volto:

– Stai bene amore mio?

Mi chiede di andare a farmi una doccia e poi possiamo parlare. Torno in mutande di seta, come una canzone di samba. Con due bicchieri di whisky versati, me ne porge uno, alza il suo e brinda:

– Possa la fine essere la migliore per entrambi.

Avevo paura, stava rompendo con me? Hai sentito cosa sta succedendo qui a casa con Edi? Perso in questi pensieri, vedo i suoi occhi leggermente lacrimanti, la mia preoccupazione cresce:

– Perdio Teca, cosa c’è che non va?

– Hai qualche dubbio che ti amo?

– Non ho motivo di dubitarne, proprio come amo te.

– Per questo non posso nasconderti niente, perché Edi mi ha incoraggiato a raccontarti tutto, dicendomi che avresti capito.

– Cosa c’entra Edi?

– Con tutto il mio affetto, quindi quando finiremo questa conversazione, sono pronto ad accettare la tua decisione, qualunque essa sia.

Ha sospirato profondamente e ha cominciato a raccontare che martedì ha avuto un incontro difficile con un cliente, per il quale si è chiusa nel mio ufficio e ha chiesto di non essere interrotta. Dopo due lunghe ore, esce esausta, con il collo dolorante, le spalle tese, aveva bisogno di qualcosa per alleviare il dolore, ha chiesto a Edi:

– Edi, per favore prendi un antidolorifico.

Ho sentito quello che ha detto:

– Ma lei ha detto di no, perché aveva qualcosa di meglio.

– Beh, cosa c’è di meglio di un antidolorifico in questo momento?

– Ecco, amore mio, disse, mi comprimeva le tempie e mi massaggiava le spalle.

– E l’ha fatto?

– Mi ha portato a letto, mi ha chiesto di sdraiarmi, mi ha bendato, ha lasciato la stanza buia, si è inginocchiato al mio fianco e dopo un po’ premendomi sulle regioni del viso, il mal di testa è miracolosamente scomparso.

– Cazzo, ogni giorno questo Edi mi sorprende di più – dico sorridendo.

– È vero, ma quando gli ho detto che ero migliorata, mi ha chiesto di togliermi la maglietta e di sdraiarmi a pancia in giù.

In quel momento mi sono ricordato di quanto fossi bravo con le mie mani, avrei sicuramente sistemato le spalle della mia ragazza:

– Niente di più giusto, amore mio, non ti spogli nella tua massaggiatrice?

– Certo che lo sono, ma sono intimo con lei.

C’è privacy, mi sono ricordato di Edi: aveva già attaccato il velcro con la massaggiatrice, ma le ho detto:

– Edi è molto discreta, non dirà quello che non dovrebbe dire.

– Sono sicuro, ho annuito e presto ho sentito qualcosa gocciolarmi lungo la schiena.

Altre storie erotiche  Una calda ragazza bianca lo dà ad un uomo sposato

– Una specie di olio.

– È vero, ho sentito le sue mani scivolare con forza sulle mie spalle rigide.

“Ha buone mani,” dissi accidentalmente.

– Il reggiseno si è intromesso così se lo è tolto da sola, pensavo di lamentarmi ma era così bello.

– La tua tensione muscolare era già migliorata?

– Incredibile amore, molto meglio, ma ha detto che aveva anche bisogno di allungare la spina dorsale.

Mi chiedevo dove sarebbe andata a finire questa storia, ma non volevo speculare:

– Ti ha anche massaggiato la colonna vertebrale?

– E come l’amore, in ogni ossicino ha applicato una deliziosa pressione e il dolore si è dissipato magicamente, è fantastico.

– Non puoi immaginare quanti.

– Che cosa?

– Niente, vai avanti.

– Sono rimasto sorpreso quando mi ha tirato giù i pantaloni, ma ha insistito sul fatto che questo faceva parte del massaggio.

– Cosa indossavi sotto?

– Un minuscolo perizoma, il mio sedere era esposto.

Adesso ero sicuro di quello che voleva dire Edi, tanto che avevo un’erezione e Teca sentiva l’erezione sollevata dal tessuto sottile delle mutande, ma non disse niente, ero io l’indiscreto:

– Si è bagnato?

– Sai che rimango sempre quando vado dalla massaggiatrice, eh, con Edi non era diverso, anzi di più…

Fece una lunga pausa, poi continuò:

– Ancora di più quando ha iniziato a massaggiarmi il sedere.

– La tua massaggiatrice non lo fa?

– Sempre e sai quanto amo quando qualcuno mi tocca lì, la cosa incredibile è stata sentire Edi seduta sulle mie gambe, era pelle contro pelle, si era spogliata.

Il mio cazzo pulsava sotto il tessuto delle mie mutande e ancora una volta la mia ragazza ha capito, è intelligente, sapeva che questa conversazione mi ha eccitato:

– Mi ha massaggiato e quando si è seduta su una delle mie gambe, ho sentito qualcosa di caldo e umido, ha iniziato a strofinare la sua figa sulla mia gamba.

– Io ti piaccio?

– Non lo nego, mi sono eccitato e mi sono eccitato ancora di più quando ha scostato il perizoma e ha infilato il dito nel mio, wow, ho delirato e gemuto, è stato incredibile.

Non riuscivo a pensare ad altro, il liquido che usciva dal mio cazzo fuoriusciva dalle mutande. Teca si passò il dito e poi lo leccò, guardandomi dritto negli occhi, sapeva quanto fosse eccitato e senza lamentarsi di nulla:

– L’amore più incredibile è stato sentirla aprirmi il culo e poi leccarmelo.

– Lo fa anche la tua massaggiatrice?

Rimase in silenzio, come se scegliesse le parole da dire:

– Dice che per un completo relax, nessuna parte del corpo può essere ignorata.

Non ha confessato apertamente, ma ha chiarito che anche la massaggiatrice stava giocando con il suo sedere:

– Edi è l’inferno dell’amore e quando gli ho massaggiato il culo ha infilato la sua lingua dura nel mio buchetto e poi mi sono sciolto per sempre.

Sapeva benissimo cosa aveva provato:

– Cos’altro ti ha fatto Edi?

– Dopo avermi leccato tanto così, mi schiaffeggia il culo, si alza dal letto e sento l’armadio che si apre.

Merda, ho pensato, è andato a cercare Chico:

Altre storie erotiche  Succhiare il cugino di mio padre

– Lei torna, mi chiede di infilarle il culo, sento succedere qualcosa di bello nel mio retto e poi un dito mi entra nel culo.

Ah Doña Edi, esattamente come fa con me quando mi scopa:

– In quel momento hai già immaginato cosa avrei fatto con te, vero?

– Non sono stupida, amore mio, ma pensavo che sarebbe stato solo con le mie dita, ma all’improvviso sento qualcosa di più grande che viene forzato contro le mie pieghe, aveva un dildo, non capisco proprio perché è andata a cercarlo . dall’armadio.

Mi sono bloccato, sicuro che alla fine della conversazione mi sarebbe rimasto qualcosa:

– Ma in quel momento, amore mio, ero così eccitata che non ho nemmeno pensato al motivo, mi sono solo tolta la benda e ho guardato indietro, aveva il dildo infilato in vita e mi ha detto che era Chico. .

Ora Teca mi raccontava cosa era successo e mi accarezzava il cazzo, che già voleva esplodere con tanta voglia:

– Cos’è questo amore Edi, Chico mi ha subito strofinato le pieghe e sai benissimo come mi sento quando succede, l’ho aperto e gli ho chiesto di indossarlo.

– Ti ha fottuto il culo?

– Tanto, poi, ci è abituata, lo dice meglio di un uomo e sai una cosa, mentre mi scopava diceva che tremavo come gli uomini che mangia lei, secondo te?

Ancora una volta mi sono bloccato, sapeva già qualcosa?

– Sai cos’altro, ha detto, non sono stata la prima donna della sua vita, c’è una vicina con cui ogni tanto si confrontano.

– Che rivelazioni amorevoli, questa editorialista è davvero una sorpresa.

– Sì, quando mi ha tolto Chico dal culo, è venuta a succhiarlo e io le sono venuto in bocca.

– Ti piaceva che una donna ti succhiasse?

– Sì, è sempre un sentimento diverso dall’uomo.

Ormai era un dato di fatto, la massaggiatrice aveva già fatto un pompino alla mia ragazza.

– E tu, hai succhiato la figa di Edi?

– Sì amore mio, abbiamo fatto un 69 e mi sono sciolto leccando questa figa bagnata e calda, un po’ diversa da come la conoscevo.

Wow, sicuramente ha lasciato senza fiato anche la massaggiatrice.

– Cos’altro hanno fatto?

– Non so se hai sentito il termine, ma lei ha insistito perché ci attaccassimo del velcro, ha appoggiato la sua figa contro la mia e ci siamo strofinati insieme, eravamo molto bagnati e quel caratteristico sfregamento mi ha fatto impazzire. Mi ha sollevato una gamba e si è strofinata come un serpente che gira intorno alla sua preda, le nostre fighe unite sembravano fondersi in una sola, che amore arrapato e quando ha iniziato a leccarmi il piede non ho resistito, ho urlato di piacere, con il suo richiamo io una puttana, una puttana Sporco, un lavoretto, tutto quello che puoi immaginare, ho finito per divertirmi.

– E tu, Teca, ti piaceva essere il puttana e ci metti il ​​velcro sopra?

– Sì amore mio, è normale che le donne abbiano questo tipo di relazione.

Ultimo punto, la mia ragazza ha fatto amicizia con la massaggiatrice, Edi aveva ragione.

– E ti dirò, lo sa fare molto bene, c’è un rap gustoso che continuava a suonare il mio e io ero in delirio.

Altre storie erotiche  Piccolo harem incestuoso, 25 anni.

– Tutto questo è successo martedì?

– Sì amore mio e anche oggi, è stata molto accattivante e abbiamo finito per fare sesso.

Ci fu un grande silenzio e alla fine chiesi:

– Perché Edi ha detto che avrebbe capito?

– Anch’io ho fatto questa domanda e lei mi ha semplicemente detto di non nascondere niente, assolutamente niente.

Ho sorriso e ho chiesto:

– Non è assolutamente niente per te ammettere che sei già andato a letto con la tua massaggiatrice?

– È vero amore mio, ho detto a Edi che non era la mia prima moglie e lei ha insistito perché te lo rivelassi.

Teca mi aveva tirato fuori il cazzo dalle mutande e lo stava accarezzando. Mi ha stretto leggermente il cazzo e ha chiesto:

– Ora che conosci tutta la verità, sta a te decidere se restare o meno con me.

Stavo per dirle che tra noi non sarebbe cambiato nulla, ma lei mi ha chiesto:

– Ho solo una domanda d’amore, perché Edi ha portato Chico nel suo armadio?

Dopo questa confessione aperta della mia ragazza, non ho pensato che fosse giusto nasconderle quello che stava succedendo con Edi, quindi ho aperto:

– Hai avuto il coraggio di raccontarmi tutto quello che è successo e ti spiegherò perché Edi ha detto che avrebbe capito, perché Edi mi sta mangiando il cazzo.

Gli occhi della mia ragazza si spalancarono come se non riuscisse a credere a quello che aveva appena sentito:

– Spiegalo meglio.

– Semplice Teca, sapresti resistere al fascino di Edi?

– No.

– Beh, nemmeno io.

Le raccontai dettagliatamente tutto quello che era successo con Edi, lei ascoltò in silenzio e solo dopo chiese:

– Sei davvero un figlio di puttana, quante volte ho voluto giocare nel tuo culo e non me l’hai permesso.

– Non ti nego il motivo, ma è successo tutto in modo così naturale, quando ho capito che mi stavo fottendo il culo.

– E ti piace?

– Non rinnegherò l’amore, mi diverto davvero.

Siamo rimasti in silenzio per qualche minuto ed è stata lei a romperlo:

– Sembra che entrambi avessimo segreti indescrivibili, che ora sono stati svelati, cosa faremo?

“Non cambia niente per me”, gli dissi.

– Neanche per me – disse Teca – ma a una condizione.

– E cos’è?

– D’ora in poi avrò anche voglia di mangiarti il ​​culo.

In quel momento abbiamo suggellato un nuovo stile di vita, quello liberale, di cui, volontariamente o involontariamente, Edi si era reso responsabile. Scopiamo fino all’alba, anche con Teca che spegne la sua voglia di incularmi. Sfinita, abbracciata e intrisa di tanto piacere, Teca mi bacia affettuosamente e mi chiede:

– Ora che sappiamo tutto e senza rancore, come faremo?

– Penso che la prima cosa sia raccontare tutto a Edi, cosa ne pensi?

– Penso che sia perfetto e facciamolo insieme, ok?

– Completamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *