Ero di proprietà di mio nonno.

di | 12 de Dicembre, 2022

Mi stupisce ancora solo ricordare che è stato circa cinque anni fa quando ho iniziato il college. Anche perché era con lui: la differenza di età, il rapporto, l’intensità dell’atto. È stato sensazionale! C’è chi non ci crede, ma è stata la verità più pura, l’incontro perfetto, l’armonia ideale, l’unione di due anime piene d’amore. È stato il mio incontro con il piacere carnale, è stato trasformativo.

Non che fossi vergine, ma era come se quel giorno fossi diventata sua moglie. Ho fatto rivivere a Osvaldo la sua prima notte di nozze, giusto? Dubito che sia intenso come il nostro appuntamento. Mi ritrovo ancora a sognare le tue dita, le tue labbra. Lo sguardo di un uomo assetato di piacere. È stato gratificante.

È stato alla casa al mare di Jangadeiros, non ci sono più tornato, bellissimo: la sabbia bianca e fine, le maestose palme da cocco sfiorate dalla brezza, il mare verde-azzurro, l’odore del pesce condito con olio di palma, il sapore speziato del acaraje . La cornice ideale per un meeting come il nostro. Peccato che la nostra audacia non si sia consumata sulla spiaggia, nelle sabbie del Pontal. Sarebbe stato un sogno, ma in realtà era nella sua stanza. Nella casa che affittiamo per le vacanze in famiglia.

Io, mio ​​fratello, i miei genitori, un paio di zii e lui. Eravamo sette in questa casa, quasi sul bordo della spiaggia. Non c’era molto spazio per un atto così folle, ma non lo so, le stelle si sono unite a favore del nostro incontro. Tutto si è unito affinché il fuoco ci consumi senza lasciare traccia.

Ma era vicino, un po’ più vicino, e l’oscena verità sarebbe stata svelata alla famiglia. Tutto stava per diventare un incubo. Finché è durato, è stato sublime, intenso, volgare come dovrebbe essere.

Entrai in camera da letto con un succinto bikini arancione brillante, i fianchi abbronzati quasi completamente scoperti e il seno nascosto in piccoli triangoli. I miei seni traboccavano come volevo.

Quel giorno sono stata provocatoria, ma non indossavo il nuovo bikini per lui. Volevo infatti prendere in giro i vicini di casa, i turisti come noi, i giovani con gli occhi per me. Sai come sono le ragazze di vent’anni.

– Cravatta per me? Per favore.

– Buon giorno.

– Buon giorno!

Si alzò dal letto indossando pantaloncini blu e una canottiera bianca. Si avvicinò a me, io davanti allo specchio nell’armadio.

– Puoi spremere?

– Può. Di più di più. Est. Bene.

Mentre sistemavo gli ultimi dettagli sul bikini, lui mi ha guardato nel riflesso dello specchio, è stato solo un attimo, ha iniziato con un gesto di disapprovazione, ma lo sguardo del vecchio è cambiato, trasformato, si è fatto intenso. , diverso. Mi ha guardato stupito di vederlo, non l’ho mai pensato come un uomo, era solo un altro parente, ma quel giorno non era così. Era molto di più. Sembrava addirittura che non stesse guardando me. È come vedere un’altra persona riflessa nello specchio, e in un certo senso lo era.

– Stai chiamando qualcun altro. Sei come lei.

– Lo so, hanno detto che gli somigliavo molto. Non c’è da stupirsi che abbiamo lo stesso nome.

– La stessa faccia, lo stesso aspetto, gli stessi attributi.

– Sei serio? Oh va bene?

Non so dove abbia preso un pezzo di mango e l’abbia morso. Ho ammirato la scena allo specchio, lui era più alto, i capelli quasi bianchi, un corpo ancora ben definito nonostante l’età.

– Ne vuoi un pezzo?

– Quello che hai in mano.

Altre storie erotiche  Prendi la moglie di un amico.

Ho morso, masticato e mangiato. Ha minacciato di ritirare la mano, e io l’ho presa e l’ho leccata. Ho succhiato il succo di mango sulle sue dita. Così buono, il gusto, l’aroma del mango mescolato con le dita del vecchio, le unghie curate. Quando l’ho incontrata, gli stava succhiando le dita con gli occhi chiusi.

Ho dato fuoco all’uomo. Entrò audacemente nella mia bocca con le dita, salivando e sbavando. È diventato più forte quando mi ha afferrato il collo con l’altra mano. Ci siamo guardati nel riflesso, ho aperto la bocca e le dita mi hanno invaso la gola. gemo, spaventata. Era più che affetto tra genitori.

– Non puoi uscire così Nádia. Non possono vederti così. Ti ricordi come eri in questo stato?

Dita lucenti sulla mia faccia.

– Vorresti farlo? Che cosa!?

– Sei molto sexy. Devi estinguere questa donna focosa.

– Come lo sai?

– Conosco Nádia, sai che ti conosco.

– ME!

Mi ha guardato nel riflesso ma non mi ha parlato. Quello sguardo da macho, quello sguardo da proprietario. Mi è piaciuto quello che ho visto negli occhi di quest’uomo dai capelli bianchi. Una strana sensazione, una sensazione di ‘déjà vu’.

Sorrido, felice, curioso. Insolito, esotico, tutto qui. Mi ha trasformato in un’altra persona, ho smesso di essere quello che ero. E ho adorato questo strano gioco.

– Cosa dovrebbe fare Osvaldo?

La mano sul mio collo si abbassò per afferrarmi il fianco. L’altro mi accarezzò il petto, scoprì un seno. Le dita lubrificarono il mio capezzolo, facendolo venire l’orgasmo. Qualcosa di così intimo ancora di più tra i genitori. Mi mordo il labbro e trattengo il pianto. Il grido di infamia, di disprezzo, si tramutò in ringhio, in gemito di piacere.

– C’è qualcuno in casa?

– Solo io e te.

Rise allo specchio e la sua mano lentigginosa affondò tra le mie cosce, facendola scivolare nelle mie mutandine arancioni. Ho esplorato i miei segreti. Mi rannicchiai contro il suo corpo invadentemente reattivo. Fu allora che sentii la sua virilità contro il mio sedere. Una virilità calda e dura, che gioca contro la mia pelle.

– Aaaaannnn… Osvaldoooo!!

Il lungo dito aprì la fessura, forò la piccola bocca. Sono entrata nel mio mondo, accarezzandomi dentro, facendo quello che sapevo fare. Chi avrebbe mai pensato che un uomo potesse sapere così tanto di una donna. È stata una deliziosa sorpresa sentire che qualcuno potesse amarmi così, più come un membro della famiglia, più come lui.

– Nádia morsi, morso molto gustoso. Succhia quel dito con la tua piccola figa. Mangia come hai sempre mangiato. Bagnato.

Peggio ancora, ciò che mi ha fatto perdere la concentrazione è stata la voce rauca accanto al mio orecchio. Il sussurro, l’orecchio morde. Il vecchio sapeva come farmi tremare tutto. Mi ha fatto ridere essere la donna che vedeva allo specchio.

– Uuuuuunnn… Mi piace in due, stai più funnndo!!

– Goloso, hai sempre fame. Non ti accontenti di poco, vero? Muoviti donna, mordimi le dita ragazza, come questa Nádia.

La mia vagina pulsava, il succo cominciò a stillare, un dolce sciroppo scorreva tra le mie labbra, bagnando le dita del vecchio impertinente che mi faceva bruciare con le sue carezze. Mi sono mosso come un pazzo, la pelle bagnata del mio sedere contro l’asta dura dell’uomo. Il suo pollice mi colse di sorpresa, il ragazzo ora stava giocando con la mia rapa. Che peccato delizioso. L’uomo mi ha spaventato, mi ha fatto venire voglia di una scopata favolosa.

– Aaaiii Osvaldo, non fare così, non lo sopporto!

Altre storie erotiche  Punhetei 3 Irmãos - Racconti erotici

– E il bacio, quello che hai sempre amato? Quello che ti ha fatto impazzire.

Sospettai cosa volesse, lo sguardo intenso del vecchio che mi stava masturbando mi fece capire che il gioco poteva essere più interessante.

– Quella? Quale?

– Ce l’hai fatta. Ha dimenticato?

Lo sguardo allo specchio non era più il mio, era un’altra Nadia che parlava con la mia voce.

– Amo Osvaldo, voglio tutto, fai come hai sempre fatto.

Rise e mi morse il collo, mi baciò la spalla. È andato. È sceso dopo di me. L’entusiasmo, la paura e la vergogna si registravano nei miei pensieri, ma non avevo tempo. Mi è bastato lisciare i fianchi, baciare le natiche, togliermi le mutandine arancioni, per mutare i lineamenti della giovane donna che mi si specchiava davanti.

Mi sono tolta il reggiseno e mi sono mostrata completamente nel riflesso, bella, bella e spudorata. Io o l’altro, non importa. Ma pronto per una scopata folle. Mi strinsi il seno e sorrisi a me stessa. Ho mostrato i miei capezzoli duri.

Arrivò il bacio gratuito di un uomo. Bacio proibito e peccaminoso di un padre indecente. Gemetti a Nadia nello specchio, amando tutti i gemiti. Allargai le gambe come meglio potevo e lui seppellì il viso nella mia carne. Ho leccato la mia vergogna, ho bevuto il mio miele. Sentii il suo naso sulle mie labbra, il bacio perverso, il bacio spudorato che mi accarezzava, facendomi tremare.

La lingua malconcia mi leccò le labbra, fino a farmi bruciare le gemme. Il vecchio sapeva come far impazzire una donna. Stavo tremando pronto per l’uccisione. Affascinato dall’idea di essere invaso da un vecchio affamato. Un pervertito che beve il mio succo mordendomi il labbro.

Gemo per gli spasmi. Pazzo e lascivo, a modo suo. Ipnotizzato dallo sguardo della donna allo specchio. Lei ed io come una sola persona, entrambi come sua moglie. Mi alzai in punta di piedi, mi chinai lentamente, mi chinai, sostenendomi sulle ginocchia. La lingua feroce divenne più cattiva, le mani mi afferrarono i fianchi, salì per lavorare i genitali finché non trovò il anno.

Chiusi gli occhi immaginando l’atto impensabile, il mio cuore che batteva forte e la mia lingua che turbinava, ricoprendo il buco di saliva.

– Aaaaannnnn Osvaldo, oooooohhhh!!! Quella !

La lingua appuntita premette contro l’ingresso, uscì il primo sputo, un getto duro nell’orifizio. Mi ha colto di sorpresa. Poi il dito, per eccitare il condotto. Il vecchio lascivo mi spinse con la punta del dito, invase il buco e mi riconobbe dentro. Così forte, così strano, così nuovo.

Gemo in adorazione. L’altra Nadia rideva con fierezza, alterigia e vivacità. Il riflesso di qualcuno che si gode la scena.

– Ora fanculo la figa, mangia il suo miele.

La voce sarcastica, lo sguardo altero di una donna lussuriosa, non sono stato io a parlare. Era Nadia, la moglie del vecchio riflesso. Si è fermato e ho sentito la sua saliva, ho sentito la pressione e mi ha rotto di nuovo, erano due dita che mi perforavano il sedere. Un segreto così bello sapermi posseduto dagli anziani. L’espansione delle mie viscere, l’apertura di un nuovo, diverso mistero. Dita unite, dentro e fuori. Il piercing e l’apertura mi insegnano ad essere più malvagio. Una nuova scopata.

– Non oggi Osvaldo, fermati. Andiamo ragazza. Prova la fica, vedi se è come la mia.

Entrambi abbiamo riso mordendoci le labbra. Complice il desiderio proibito di farmi finalmente scopare dall’uomo accovacciato tra le mie gambe. Osvaldo mi prese per i fianchi. Ha mostrato chi era responsabile. Mi ha messo la verga nel culo, ha mostrato il suo amore bagnandomi i fianchi nel suo caldo e vivo piacere.

Altre storie erotiche  Il figlio del vicino ha riso di me

I nostri occhi fissi sullo specchio. Due donne assetate di sesso. Un occhiolino e l’asta calda dell’uomo mi ha aperto le labbra, aperto la mia mente, mi ha divorato affamato, duro.

– AAAaaaahhhh!! Aaaa!! Uuuummmmm!

Arrivarono forti colpi, mi afferrò per l’anca e la spalla.

– Rilassati ragazza, rilassati. Questo è quello di cui hai bisogno. Come hai sempre amato.

– Morde il cazzo di Nádia, sbava, lascia il pene appiccicoso del ragazzo.

Nadia ha parlato attraverso la mia bocca, ha acceso il nostro pazzo cazzo. La tensione stava diventando eccitante. Le spinte erano profonde, dure, calde. Il calore mi stava bruciando dentro e lui mi stava trafiggendo con l’enorme bastone. Ho fatto quello che l’altro mi ha chiesto, ho bagnato il bastone del vecchio per facilitargli il gol. Mio nonno mi ha mangiato profondamente, mi ha mangiato dappertutto.

– Oh oh oh oh oh!

– Che figa meravigliosa, che vagina meravigliosa Nádia!

La voce rauca di un pervertito. Il fascino di un uomo passionale. Mi sono dato alla puttana. Mi alzai lentamente, con le gambe divaricate e le mani che cercavano i miei seni, stirandone le punte. Emetto un grido acuto accompagnato dal primo orgasmo, bellissimo, intenso e caldo che fa vibrare tutto il mio corpo. Senza paura, vergogna o senso di colpa. Ho afferrato il collo dell’uomo e ho ricevuto il bacio sfacciato. Da un lato, raggomitolato.

Lingue che leccano e bevono, bocche incollate come meglio possono. Il secondo orgasmo fu con lui che mi succhiava la lingua e mi stringeva i seni. Mi piaceva soffrire, come sottomessa ai suoi sogni. Il sudore stava gocciolando e non volevo lasciare andare quest’uomo straordinario.

Sapevo che sarebbe arrivato, era una questione di tempo. Osvaldo gemeva nella mia bocca, gemeva di dolore, e il denso seme mi riempì l’utero, macchiandomi dentro. È bello quando un uomo viene a baciarti, specialmente uno come mio nonno. Un vero maschio ti inonda con il suo seme.

È stato incredibile… incredibile! Non sai quanto fosse speciale. Peccato che non sia durato a lungo, non poteva durare di più, era vicino…

– Papà, papà, ci sei?

Bussa alla porta della camera da letto.

– Mi sto cambiando i vestiti, aspetta.

– Conosci Nadia?

– Non ho visto mia figlia.

– Dov’è andata quella ragazza scomparsa!?

– Forse è uscito con gli amici?

– È uscita con i ragazzi della porta accanto? Questa ragazza è molto audace. Hai bisogno di pelle.

Ho dovuto trattenere le risate, coprendomi la bocca con la mano, finché non l’ho sentito andarsene, chiudendo la porta del soggiorno.

– Non lo sapevi di essere così sfacciato, Osvaldo?

– E non lo sono, ma le circostanze…

– Malizioso.

Ci siamo ammirati nel riflesso dello specchio, lui ancora in me e una goccia bianca che scendeva dall’albero maestro.

– È morbido?

Ho raccolto la crema con la punta delle dita. Ho provato a mostrarglielo.

– Non meglio dei tuoi gusti.

– No! Come mai?

– Sei dolce come un mango. Dolce come Nadia.

– Ma io sono Nadia.

I suoi occhi tremolarono, e fu allora che capì chi ero. Cosa avevamo fatto. Era imbarazzato e me ne sono andato imbarazzato. Non abbiamo mai più parlato di quello che è successo. Ma anche oggi mi ritrovo a sognarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *