Flavia… o Dani?

di | 8 de Dicembre, 2022

Quest’ultima parola di Flávia mi ha sopraffatto. Il tempo della lezione non sembrava passare e l’ultima lezione è stata una tortura per me finire, dovevo concentrarmi molto. In cosa mi ero cacciato? Accidenti, è sposata, e ora dal nulla sta tornando nella mia vita per ordinarmi di scegliere tra lei e la mia ragazza.

Le sue parole mi battevano in testa: “Sei responsabile di ciò che affascini. Sono tornato a casa, non volevo nemmeno mangiare, sono andato a letto, ma il sonno non è arrivato. Ho ricevuto una chiamata. era danny

“Ciao amore mio! Com’è andata la giornata oggi?”

“Ad essere completamente onesto: stavo morendo dalla voglia di tornare a casa.”

“Sento la tua voce stanca. Ma ero preoccupata, perché ogni volta che mi chiamavi per dirmi com’era la tua giornata, la trovavo strana.”

“Perdonami, piccola. Ma… Flávia è riapparsa nel corso.”

“Flavia? Non si era arresa?

“Dani, la storia è molto complicata, è venuto a dirmi che Erley ha impiegato molto tempo per fermare tutto, che non avrebbe mai imparato a suonare bene, e che tutto stava interferendo nelle loro vite, e perché ci vai tu.. .”

“Oh, quei due hanno sempre vissuto così. Lei vuole fare qualcosa, e lui la ferma, lei si sente frustrata. Non è una novità, Lê. Anzi, è molto più complicato di quanto tu possa immaginare.”

“Ora mi dirai tutto, perché non voglio finire nei guai. Voglio solo andare avanti con la mia vita. E se si presenta lì e si mette nei guai con me?”

“Non lo farà. Ma ti dirò tutto con calma, domani. Non è stata una mancanza di consigli. Erley è sempre stato un tipo molto autoritario e geloso. Ma ha sempre acconsentito a tutto pur di compiacere suo marito. Io Non so nemmeno perché l’ha sposato così in fretta. Non ha nemmeno finito gli studi, amore mio. Ha lasciato tutto per dedicarsi a se stessa e renderlo felice…”

“Per me questa storia è raccontata male. Ma è arrivata e si è iscritta ai corsi. Ha deciso di litigare con suo marito e ha detto che dopo che sono apparso nella sua vita, si è pentita di aver lasciato la classe, che non aveva ancora preso lezioni, si è allenata molto… Questa ragazza non si è sposata perché entrambi … non lo so, a loro non importava e così lei, innamorata, ha deciso di coprire l’intera storia.

“Sei sulla strada giusta. Ma c’è qualcosa di molto più serio. Non so se te lo dico adesso. Ehi, vai a dormire, va bene? Che fai sabato?”

“Ho molto da fare, sai? Vado a suonare al Village e… perché non vieni con me?”

“Hai già il tuo studio, sei fuori casa tutto il giorno, ora ci vediamo solo un giorno alla settimana e continui a esibirti in questi posti, cantando canzoni profane”.

“È quello che mi ha dato più soldi. Inoltre, non ho uno stipendio pieno per dedicarmi solo alla scuola e alla chiesa. Lo sai. Inoltre, voglio sposarti. Stiamo parlando di Flávia qui, ma noi “si stanno anche scaldando”.

“Sì, lo so. Ma non abbiamo più molto tempo da passare insieme. Pensavo addirittura che non fossi più così interessato a me.”

“Daniela, sai che è una bugia. Tutto quello che sto passando oggi è perché mi hai dato il tuo pieno sostegno. Sei stato tu a farmi conoscere Mestra de Canto, sei stato tu a incoraggiarmi a cantare, sei stato tu. che ha illuminato la mia strada e mi ha fatto uscire dal mio conservatorio, dove mi sono diplomata per creare il mio spazio. Tutto è iniziato con te. Se non fosse stato per questo, si sarebbe ancora nascosto nella stanza, non sapendo tutto quello che poteva fare. oltre Fine della canzone Guarda tutto quello che abbiamo passato insieme in così poco tempo! La sera suonavo con altri musicisti. Ora gioco da solo!

“Peccato che non possano ancora assumerti a tempo pieno in chiesa. Sarebbe bello se formassi dei professionisti lì.”

“Guarda, non ho niente contro la chiesa, sai. Ma sono molto limitato lì. Voglio produrre musica. Voglio formare musicisti, non voglio passare il mio tempo a suonare in una chiesa.”

“Sai benissimo che puoi fare entrambe le cose… allora perché ci vai?”

“Mi piace il posto. Mi piace essere dove sei.”

“Devi esserci per te stesso.”

“Te l’avevo già detto che a me non andava molto bene. Dovevo andare tutti i giorni con mia madre. Non ho coltivato l’abitudine, il gusto. Ehi, per ora lasciamo stare questo discorso.”

“Ne riparleremo ancora, vedi ragazzo?”

“Non oggi, perché ho molto da risolvere qui.”

Mi ha infastidito finché non mi ha convinto a venire a casa sua dopo il lavoro per uscire con me. Era ancora metà settimana. Ma se non ci andassi, mi stuzzicherebbe per convincermi a restare con lei. In effetti, mi ha dato il tempo di dimenticare Flávia, che prima di partire mi ha detto che avrebbe lasciato tutto per stare con me.

La giornata è passata anche in fretta. L’ultima lezione è finita alle 21, Paula era già uscita e io ho chiuso l’ufficio, con le spalle alle scale che mi portavano in strada. Sento una bocca ghiacciata toccarmi il collo. Avevo la pelle d’oca dappertutto. Mi voltai per vedere chi fosse. E Dani davvero non è venuto a cercarmi?

“Ciao mio hooooo!”

“Quando vuoi fermare il mio cuore, fallo più spesso, ok?”

“Wow, hahahahahaha! Abbiamo degli affari da sbrigare oggi.

“Se è quel discorso noioso, io…”

“Magina, sciocca. Perché non resti qui un po’ e ci ordini un panino?”

“Hmmmmm… ti vuoi preparare, vero?” »

“Certo, ultimamente hai solo scalfito la superficie, avendo cominciato a lavorare. Sono solo sabato e domenica. Mi trattieni, vero?”

“Certo che no, amore mio.”

“Non mi ami più?” disse, facendo il broncio.

“Lo sai meglio, amore mio! »

“Che cosa!!!”

“Tesoro, non è tutto. Dai, andiamo a casa tua, possiamo stare più comodi, sono al mio posto di lavoro, e…”

“Ma adesso la tua cameretta è pronta… e non riceverai più studenti, vero?”, iniziò ad insinuarsi. “Potrebbe esserci un posto migliore di questo, qui?”

“Solo in un piccolo motel, hehehehehehe!”

“Bastardo. Risparmia i soldi per dopo. Questa volta pago io il pranzo!”

Pieno di atteggiamento, mi ha persino sorpreso. Ho lasciato che il proprietario del gioco guidasse il suo gioco, giusto? Dopotutto, ero io che avevo torto. Un sacco di lavoro, preparare l’orario delle lezioni e diavolo… doveva essere suo.

Era l’ora del tè, abbiamo mangiato in ufficio, abbiamo parlato molto dei fatti della vita durante la settimana, è stato molto bello finché lei ha iniziato a buttare via il resto e mi ha preso per mano, mi ha portato nella stanza e si è seduta sul letto. .

“Resterai qui, calmati, e io ti preparerò qualcosa. Tieniti forte, eh, Hihihihi!

«Sei tu al comando, zia Rousse.

Colpii il lenzuolo, lo riposi, corsi in bagno a sciacquarmi la bocca, mi misi un po’ di profumo

hahahahahaha, mi sono tolto i vestiti ed ero solo in mutande, ad aspettare.

Ha bussato alla porta, mi ha detto di spegnere le luci. Quando l’ha aperto era già tutto spento, non si vedeva nemmeno com’era. Poi ha acceso una candela profumata, l’ha appoggiata accanto al letto sul comodino… e ho visto Dani indossare un bellissimo corsetto bianco, con pizzo, trasparente, molto caldo. Ha messo la musica di Alicia Kiss, ha iniziato a ballare per me in modo molto sensuale, prendendola pezzo per pezzo, senza fretta. Il mio cazzo si stava già alzando come un vulcano che esce dal mare, “Che bello!”, pensai. C’erano volte in cui rotolava con il sedere accanto a me, scendendo, poi si girava e portava una mano al seno e l’altra alla bocca. Alla fine mi tolse il fondo del corsetto, prese le mutandine già bagnate e me le lanciò in faccia, lasciandomi inebriata dall’odore del suo miele che prese il sopravvento su tutti i miei sensi.

Mi ha chiamato con un dito per prenderla tra le braccia, era praticamente nuda, solo con i collant. Mi ha abbracciato al collo e abbiamo iniziato a ballare lentamente e baciarci appassionatamente. I suoi riccioli erano molto profumati. L’ho sentito non appena le mie labbra hanno toccato il suo collo e l’ho morso dolcemente dal collo alla bocca. Presi uno dei suoi seni tra le mani e mi chinai su uno dei suoi capezzoli rosa e la baciai lentamente e con entusiasmo.

Dani inarcò la testa all’indietro, emettendo un leggero gemito mentre mi muovevo. di capezzoli, esplorando le carezze e succhiando il più possibile, lasciandole tremare i seni. La sua mano si posò sulla mia testa e mi spinse dolcemente verso il basso. Mi alzai lentamente in ginocchio, baciandole la pancia, la pancia… la sua figa morbida e asciutta. Ho abusato di succhiotti e schiaffi con le dita al suo ingresso. Chiedeva di più, contorcendosi nella mia bocca, gemendo senza motivo, strofinando i boccioli contro la mia lingua, che continuava a circondare la sua. Le sue gambe iniziarono a perdere forza, gemette più forte e disse: “Questo è delizioso, continua a succhiarmi, mmm! Mi manca quella bocca! Mmmmmmm!”

E i gemiti crebbero fino a quando il miele si spezzò violentemente, il suo respiro era irregolare e irregolare, e lei scoppiò in un delizioso orgasmo. Affogai la sua bocca in un bacio animalesco, puramente istintivo.

“Adoro i tuoi gusti! Vedi quanto sei delizioso dentro? »

“Impazzisco quando mi fai assaggiare quel bacio!” Per favore, fottimi! fottimi! Adesso !

Ci siamo messi a cucchiaio e io ho sollevato la sua gamba destra e mi sono sistemato lentamente su di essa. Con una mano sulle sue tette e l’altra a masturbarle la culla, ci arrapiamo lentamente ea lungo.

“Aaaah! Quanto ti amo, Le! Volevo sentire il tuo calore, il tuo odore virile! Indossa di più, indossa, colpisci forte quel cazzo!

Ho iniziato a spingere più forte. Dani si morse il labbro e chiese di più, di più, spingendo il culo contro il mio inguine. All’improvviso ho tolto il bastoncino appiccicoso e l’ho puntato in direzione dell’altro giocattolo hahahahahaha. Sorrise, mi chiamò bastardo e guidò la mia testa verso l’ingresso. Gemette dolorosamente mentre entrava, ma presto si abituò alla sagoma dell’albero. Ho iniziato lentamente, masturbandole contemporaneamente la figa con le carezze che le davo. Le ha chiesto di sedersi. Mi sono seduto sul letto e l’ho lasciata guidare, alla sua velocità. Allungò il collo, cercando le mie labbra. I baci aumentarono la voluttà e lei, sentendosi più calma, iniziò a crogiolarsi nel piacere. Accarezzandole il corpo con le mani, ora i seni, ora la pancia, ora la figa, e baciandole il collo, il mio orgasmo si avvicinava. Ho iniziato a colpire forte. Gemette di dolore e piacere allo stesso tempo.

“Vuoi che ti faccia venire l’acquolina in culo o te la metta tutta in bocca!?”

“Fottimi il culo, amore! Sì, anch’io…”

“Sì? Caldo!

“Sei la merda!”

“Bevi un po’ di latte, puttanella… aaaaaaaaaaaaah!

Ho riso del culo malconcio di Dani. Era proprio dietro di me.

“È stato meraviglioso, amore mio! Non vedo l’ora di prendere il nostro caffè, così posso prendermi cura di te. Ti amo!”

mi ha toccato Mi dice sempre quanto mi ama, ma la promessa di un amore calmo e disponibile ha rimesso in discussione tutto quello che ho vissuto con Flávia. Sarebbe saggio iniziare qualcosa distruggendo ciò che qualcun altro ha costruito? Ma sarebbe saggio lasciare qualcuno che ha creduto in me fin dall’inizio?

“Amore, come meriti di essere felice! Voglio davvero che valga la pena fare questo sforzo solo per regalarlo alla donna che amo!”

“Non allontanarti da me, Lê. So che è complicato. Che devi pagare molto. Voglio solo che tu sappia che i momenti più semplici della vita sono un conforto per l’anima. Inizierei da qualche parte senza niente, anche se era solo un letto, una stufa, un frigorifero, voglio solo che tu sappia che io… lo so…

“…Per… te… te!”

Da seguire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *