frammenti di adolescenza

di | 9 de Dicembre, 2022

Dal finestrino dell’aereo guardavo l’orizzonte cercando qualcosa che non c’era e che non era neanche da nessuna parte. La mia memoria, dolce traditrice, evocava immagini di un tempo in cui ero molto felice e non lo sapevo; di un tempo in cui le uniche preoccupazioni erano le nuove scoperte, gli esami di fine anno e soprattutto il mio rapporto con Marla, la bella immigrata portoghese che si rifugiò nel mio paese quando l’Angola cessò di essere una colonia del Portogallo. Dalla prima volta che l’ho vista, sono stato attratto da quei bellissimi occhi verdi e dal suo sorriso affascinante.

All’inizio era sempre timida del mio approccio, finché a una festa a giugno i nostri compagni di classe hanno inscenato una situazione in cui eravamo faccia a faccia nella cabina dei baci con me che sventolavo il biglietto che mi permetteva di godermi le sue labbra; dovevamo solo iniziare un flirt che presto si trasformò in qualcosa di più serio. E nonostante la resistenza dei suoi genitori, puritani e riluttanti a mettersi in gioco con noi, la gente del posto, ho insistito finché non sono riuscito a convincerli formalizzando la nostra relazione.

Ogni momento che stavamo insieme era caldo e intenso; Marla era una donna la cui sensualità era coperta da un velo di discrezione che lei stessa ha alzato per me, permettendoci di trascorrere momenti indimenticabili. Una volta, durante la pausa tra le lezioni, mi ha chiamato per andare nello spogliatoio sportivo, che era vuoto; appena siamo entrati mi ha spinto dentro e ci siamo baciati a lungo; quando ho assaporato il sapore della sua saliva mescolato al mio, ho fatto una mossa audace e ho toccato i suoi seni sopra la camicetta per paura del rifiuto.

Con mia sorpresa, Marla mise la sua mano sulla mia, premendola ancora di più contro i suoi seni; In preda alla naturale incongruenza degli adolescenti, interruppi il bacio, guardai il suo visetto e cominciai ad aprirle la camicetta, scoprendo un gonfio reggiseno imbottito; L’ho sollevato, rilasciando queste due delizie dai capezzoli duri e leggermente appuntiti che sono state presto assaporate dalla mia bocca avida. Marla mi accarezzò i capelli, gemendo sommessamente e godendosi il tocco. Sfortunatamente, siamo stati costretti a interrompere il nostro idillio quando abbiamo sentito il suono di qualcuno che girava la maniglia della porta; siamo corsi in bagno e abbiamo aspettato finché non eravamo sicuri che fosse sicuro uscire.

Dopo la lezione ho portato Marla a casa e poco prima del nostro arrivo mi ha dato un abbraccio e un lungo bacio. “Ascolta, oggi è stato un giorno molto speciale per me! Ti amo davvero! E voglio anche essere tuo… mi amerai ancora? chiese con tono imbarazzato dopo il bacio. Le ho tenuto il mento guardando il suo bel viso e dopo un sorriso le ho dato la mia risposta.

-Anche per me è stato speciale, amore mio! “E so che ti amerò per sempre!”

Marla ha sorriso e ci siamo baciati ancora una volta prima di lasciarla sulla soglia, mentre io tornavo alla mia vita felice, felice! Da quel giorno il nostro rapporto divenne più intimo e ogni volta che potevamo cercavamo un nascondiglio per approfondire ulteriormente quell’intimità. E quel clima di complicità cominciò a prendere una forma incontrollabile, tanto che avevamo sempre bisogno di stare insieme scambiandoci baci e carezze e cercando qualcosa di più. Nella mia impazienza giovanile, decisi che dovevo restare solo con Marla ancora un po’ per sfogare la nostra libido ribollente.

Un sabato pomeriggio, dopo aver convinto mio padre a prestargli la macchina e aver anche negoziato con il padre di Marla per andare al cinema, ho finalmente raggiunto il mio obiettivo di stare da solo. Siamo andati al cinema a vedere “La febbre del sabato sera”, poi siamo andati in uno snack bar dove ci siamo gustati un milkshake accompagnato da baci e abbracci. Sulla via del ritorno ho fatto una deviazione in un luogo che conoscevo bene e che dopo un po’ è diventato desertissimo.

Siamo saltati sul sedile posteriore e le coccole sono diventate più provocatorie e piene di vapore; Marla, abbandonando ogni pudore e apprensione, si tolse il top di maglia e poi il reggiseno, offrendomi i suoi deliziosi seni che presi tra le mani mentre leccavo e succhiavo i capezzoli gonfi, provocando un tale impatto che non solo gemette, ma pianse anche in modo isterico. Dopo un po’ mi ha spinto via e ha cominciato a sbottonarmi i pantaloni finché non ha potuto vedere il mio palo rigido e pulsante che sporgeva.

– Le ragazze… mi hanno detto che faceva caldo! – mi sussurrò all’orecchio, masturbando lentamente il mio arnese – Me lo permetti? …, lasciamelo succhiare?

Non appena ho annuito, Marla si è chinata su di me finché il mio cazzo non è stato a portata della sua bocca, iniziando un incredibile pompino; Non è stato il mio primo pasto, lo ammetto, ma è stato sicuramente il migliore che abbia mai mangiato e non ha mai lasciato la mia memoria. “Oh! Hmm… è così buono! Voglio farlo anche a te! annunciai con voce strozzata. Marla smise di succhiare e mi guardò in attesa; Con un sorriso, sollevò la gonna e si tolse delicatamente le mutandine, rivelando la sua vulva ricoperta da un bel letto di capelli setosi.

“Vieni amore mio! Fai a me quello che ho fatto a te! ” disse Marla mentre si stendeva sulla panca, aprendo ancora le gambe un po’ esitante. da leccarlo e succhiarlo fino a godere di una breve serie di orgasmi che si sono interrotti solo perché lei ha ritenuto opportuno fermarci lì nel nostro idillio sessuale.Insoddisfatta ma rassegnata, ho acconsentito alla sua richiesta.Siamo rimasti insieme scambiandoci baci e abbracci per un po’ più a lungo finché non abbiamo deciso di tornare a casa.

– Solo perché tu lo sappia… sei il mio primo uomo! – Commentò con tono affettuoso dopo un bacio e prima di scendere dall’auto – Questo non mi lascerà mai!

Ho passato la notte a pensare a questa frase che mi ha commosso profondamente. La settimana successiva, pensavo che tra noi stesse andando tutto più che alla perfezione finché non ci cadde in testa la prima bomba quando suo padre annunciò di aver accettato un’offerta di lavoro in una cittadina rurale; Il tumulto si formò in famiglia e sebbene Marla nascondesse la sua vera intenzione di non allontanarsi da me, rimase ferma dicendo che non poteva abbandonare l’ultimo anno di liceo ancora in corso.

Interruzioni a parte, la decisione finale è stata che suo padre e suo fratello sarebbero andati in campagna mentre lei e sua madre sarebbero rimaste qui fino alla fine del trimestre. A quel punto abbiamo iniziato con i balli e io mi ero occupata della logistica per procurarsi bevande e cibo mentre Marla si occupava di altre commissioni con le sue amiche. Quello che non sapevo era che aveva in serbo per me una sorpresa che era stata escogitata con l’aiuto di amici che avevano giurato di mantenere il segreto fino al momento opportuno. Durante il penultimo evento che si svolgeva sempre nella grande casa di un nostro collega, a un certo punto Marla scomparve dalla sala da ballo senza che me ne accorgessi. L’ho cercato con una certa angoscia senza successo.

-Fai attenzione! …avvisò un comune amico, avvicinandosi a me con discrezione “Marla ti ha chiesto di salire le scale e poi prendere il corridoio a sinistra…, da lì… segui gli indizi!

Non capendo cosa stesse succedendo e sorpreso dal suggerimento della mia amica, ho esitato un po’ prima di obbedire al suo consiglio; tutto era avvolto nella penombra finché non sono arrivato nel corridoio e presto ho notato che l’illuminazione era diventata un po’ più focalizzata e sul pavimento ho visto un paio di sandali…, e poi un paio di jeans…, poi una camicetta di maglia…, poi un reggiseno… e, infine, un paio di mutandine che erano fuori dalla porta della stanza degli ospiti della casa del mio amico.

Un’emozione indescrivibile mi ha invaso e ho dovuto fare un respiro profondo prima di aprire la porta; Appena entrato ho avuto una visione del paradiso in terra; Marla giaceva nuda sul letto, lanciandomi uno sguardo pieno di desiderio e di ansia; Era così stordito che non sapeva cosa fare, preso da una momentanea paralisi, che Marla se ne accorse e sorrise divertita. “Vieni, amore mio… spogliati e vieni da me, perché ti aspetto con impazienza! chiese con tono esasperato, tendendo le braccia.

Dopo aver tastato per un attimo i miei vestiti sotto lo sguardo divertito di Marla, corsi al letto e mi sdraiai accanto a lei; Mi si avvicinò e dopo un intenso scambio di sguardi, premette le sue labbra contro le mie, terminando con un lungo bacio; le nostre mani avide correvano sui nostri corpi ed io deliravo per la morbidezza calda e vellutata della pelle nuda di Marla che gemeva e sospirava ad ogni tocco e carezza che sentivo; la mia pelle formicolava nel momento preciso in cui sfregava il suo pube contro il mio membro, che si indurì ancora di più, mi offrì i suoi capezzoli da assaporare con veemenza attraverso la mia bocca assetata.

Mi dissetai sui seni di Marla e lei si sdraiò tirandomi sopra di sé. «Vieni!… Vieni, sii il mio uomo e fammi tua moglie!», chiese con tono di ansiosa supplica; a quelle parole, un sentimento di L’orgoglio unito alla paura delle conseguenze di ciò che stavamo ottenendo mi annebbiava la mente, ma ero sicuro che fosse quello che entrambi volevano più di ogni altra cosa! Marla allargò le gambe, prendendomi in mezzo a loro, sentendo già la testa del mio membro sfregare contro l’esterno della sua vulva. Durante un bacio ho mosso il mio bacino proiettando la mia verga a colpire contro la sua vagina.

E al secondo colpo ho sentito che il glande era lacerato dalla resistenza dell’orifizio che sporgeva dall’interno. Marla emise un grido acuto che mi fece fermare il corso della mia penetrazione, temendo che le stavo causando più dolore che piacere. “Uhhh! No! Non fermarti!… Per favore, amore mio! Vai avanti! ” sussurrò, ancora in tono ansioso, avvolgendo le gambe intorno a me e avvolgendo il braccio intorno al mio collo, mirai al suo viso turbato per lussuria. e ho fatto un passo avanti fino a quando ho capito che il mio cazzo era completamente dentro Marla.

Così ho iniziato movimenti pelvici lenti e ritmici con la mia amata chiedendo baci; e fu in questa atmosfera di intenso piacere che assaporò il suo primo orgasmo, gemendo e soffocando la voglia di urlare di piacere. Alterniamo baci e sorrisi con Marla che sperimenta altri orgasmi altrettanto intensi del primo. La frenesia ci ha sopraffatto e abbiamo visto il nostro desiderio realizzarsi nella sua pienezza e ho pensato che anche se non fosse venuto mi sarei sentita piena di felicità. Tuttavia, ho inavvertitamente visto il mio climax arrivare prima che potessi avvertire Marla e uno spasmo nervoso ha posto fine al nostro interludio con il mio corpo e la mia mente intorpiditi dal flusso a scatti di sperma che inondava il corpo di Marla… non avevamo tempo per nient’altro, quando hanno bussato la porta. porta ci ha avvertito che dovevamo porre fine a quella che era stata la più grande avventura e conquista della nostra vita adolescenziale.

Dopo quella notte, Marla e io ci siamo sentiti quasi come una coppia, con le nostre giovani menti che credevano che la vita riguardasse la congiunzione carnale; Sfortunatamente, non ci è voluto molto perché la realtà ci colpisse dolorosamente. Alla fine del corso e dopo la laurea, abbiamo iniziato a preoccuparci per l’esame di ammissione; Non so ancora come, ma Marla è riuscita a convincere sua madre a stare lontana dal padre per un altro anno per poter seguire un corso di preparazione. Ed eccoci lì a studiare insieme nel corso di preparazione. A causa di problemi familiari, sono stato costretto a passare al turno di notte mentre lavoravo con mio padre nella sua officina. È stata una sfortuna, perché ci ha allontanato molto ei nostri incontri sono diventati scandalosamente rari, fino a culminare nella notte degli addii.

Dopo gli esami di ammissione, Marla è venuta a casa mia con la sua famiglia e con gli occhi pieni di lacrime mi ha detto che era stata approvata in un’università il cui campus era coperto, cosa che l’ha spinta a trasferirsi dai suoi genitori; È stato un addio in lacrime con cuori infranti e menti turbate… ed è stata l’ultima notte in cui io e Marla ci siamo viste. E la vita ha fatto il suo corso… Sono stato portato fuori dalle mie fantasticherie dall’annuncio che eravamo atterrati permettendo lo sbarco. Ho preso il mio bagaglio a mano e mi sono diretto in un bar sperando in una dose di caffeina tanto necessaria.

– Non hai perso l’abitudine di fumare, vero, amore mio? – Che cosa ? disse una voce dolce e tenera accendendosi una sigaretta.

-Marla? Sei? chiesi con tono esasperato quando vidi davanti a me la mia prima ragazza. Come sei ancora più bella!

Marla sorrise timidamente e mi offrì un altro giro di espresso; quando ho voluto saperne di più su di lei, mi ha detto che era laureata e attualmente stava facendo il dottorato di ricerca e che i suoi genitori vivevano ancora in campagna e che era appena tornata da un piccolo scambio universitario in Europa. Même si je l’écoutais attentoment, mon regard était fixé sur son visage, évoquant les doux et inoubliables souvenirs de notre relation, jusqu’au moment où elle m’a annoncé qu’elle était mariée…, ce fut le plus grand choc de la mia vita. vita, anche se sapeva che era un fatto inevitabile della vita.

– Mio marito è un professore universitario, ma ci siamo conosciuti quando era ancora alla magistrale – continuò con tono triste – purtroppo qualche anno fa ha avuto un incidente e oggi è su una sedia a rotelle…

Un silenzio inquietante scese tra noi e non sapevo cosa fare per impedirgli di durare. “Allora sei felice?” chiesi, rompendo il nostro silenzio senza motivo. Marla sorrise goffamente ei suoi occhi si riempirono di lacrime alla risposta che non aveva bisogno di essere detta. Le proposi di pranzare finché aveva tempo, invito che accettò subito. Siamo andati in un ristorante dove abbiamo assaporato una deliziosa pasta innaffiata da un buon vino mentre ci crogiolavamo in divertenti ricordi della nostra adolescenza. “No! Non posso!… sono una donna sposata!”, ha risposto quando le ho chiesto se voleva dormire con me ancora una volta.

-So che sei una donna sposata! – risposi con enfasi – Ma sento che non sei una donna felice! … sono sicura che, almeno per una notte, ti ho reso felice! …Siamo qui, ora, per volontà del destino… e se non lo faremo, sono sicuro che lo rimpiangeremo per l’amaro resto della nostra vita!

– Eri e sarai sempre il mio amore! Il mio uomo! “Devo resistere… ma… non posso!” … Non posso !

Poco più di mezz’ora dopo eravamo in una stanza d’albergo, spogliandoci all’impazzata e baciandoci con un desiderio irrefrenabile; i baci erano intensi e prolungati con carezze audaci, mostrando che la nostra reciproca sollecitudine gridava di essere soddisfatta. Ci siamo sdraiati e l’ho coperta con il mio corpo; Tale era la nostra preoccupazione che fu Marla a prendere l’iniziativa di trattenere il mio membro duro, tirandolo verso la sua tana fino a sentirselo scoppiare dentro. È stata una sensazione travolgente dato che Marla aveva un cazzo stretto che avvolgeva perfettamente il mio attrezzo che mi ha portato a immaginare che saremmo tornati a casa del nostro amico quella notte godendoci la nostra prima volta.

Era una copulazione veemente, i suoi movimenti portati a una cadenza vigorosa e profonda, mandando Marla in una frenesia orgasmica mentre gemeva e urlava a ogni nuovo orgasmo che eruttava dai suoi lombi. “Oh! Oh! Ahhh! Il mio uomo! Dopo di te, mai più! … non ho mai più provato un piacere simile! Ahhh! balbettava tra urla e gemiti di piacere per il piacere e anche per il mio affondo incantevole per entrambi. Ho assaporato quei seni che erano ancora i più succulenti che ho goduto in tutta la mia vita.

Continuammo nella nostra congiunzione cospirata dal destino e io feci il possibile per dare a Marla tutto il piacere che la vita ci aveva privato e che lei meritava come devoto omaggio al primo uomo della sua vita, così come C. Fui io ad averla prima moglie in esso. “Andiamo amore mio! Entra in tua moglie e rendimi ancora più felice! mi sussurrò all’orecchio quando annunciai che il mio orgasmo stava arrivando; Preso da contrazioni muscolari involontarie che culminarono in un forte spasmo, raggiunsi il mio culmine orgasmico, eiaculai fluidamente e le bagnai le viscere con il mio sperma caldo e viscoso.

Sudati ed esausti, ci separammo per un meritato riposo che durò un po’ con Marla che appoggiava la testa sul mio petto, accarezzandomi teneramente la pancia mentre io ricambiavo il favore accarezzandole i capelli. Non ci volle molto perché la mia virilità risorgesse dalle ceneri in un ossessionante invito al mio compagno, che mi guardò in faccia e sorrise. Questa volta Marla si avvicinò a me e tra baci ed altre carezze si incaricò di accogliere il suo corpo per ricevere di nuovo dentro di sé il mio membro; Poi c’è stata una passeggiata spettacolare con lei che si muoveva su e giù per il mio corpo, mettendomi le mani sul petto, finché non si è chinata abbastanza da offrire i suoi seni per il mio piacere visivo.

Dopo un’altra serie di orgasmi, Marla sussultò e mi chiese di entrare in lei ancora una volta. “Uhhh! Questo è l’unico modo in cui posso tenerti dentro di me per sempre! ” sussurrò mentre intensificava i suoi movimenti fino a quando il mio sperma esplose in maniera massiccia dentro di lei. Eravamo di nuovo esausti ma felici. Ad un certo punto, ha preso l’orologio, mi ha guardato un attimo, mi ha guardato con un’espressione triste prima di annunciare che ci saremmo separati, prima di uscire dalla stanza, ha preso una foto dalla sua borsa e l’ha consegnata a io, ho visto che era un giovane adolescente il cui sorriso aveva lo stesso fascino di quello di Marla.

-Ho bisogno che tu sappia che è nostro figlio – disse avvolgendomi le mani tra le sue – Qualunque cosa accada… anche se non ci rivedremo mai più, assicurati che sarai sempre al sicuro. …, è il frutto dell’amore che abbiamo goduto e che ha segnato per sempre la nostra vita! Non posso più avere figli… ma questo… questo mi basta! Sei tu in me!

Non riuscivo a trattenere le lacrime che mi rigavano il viso; siamo usciti dall’albergo e lei ha chiamato un taxi; Prima di entrare mi ha baciato e mi ha dato la foto da tenere. Quando me ne sono andato, ho portato il frammento con lei! più sublime della mia vita! La donna della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *