giro indimenticabile

di | 8 de Dicembre, 2022

Stavo uscendo dal lavoro vestita con pantaloncini cortissimi e camicetta attillata, quando un amico di mio marito si è offerto di accompagnarmi a casa, ovviamente ho accettato, sono salita in macchina e avevamo iniziato a parlare di lavoro, lui stava parlando e io potevo non distogliere lo sguardo dalle sue labbra.

– Che uomo sexy hahaha.

Poi ha iniziato a guardarmi in modo diverso dall’alto verso il basso in modo seducente, me ne sono reso conto e dopo poco ho distolto lo sguardo, è stato allora che ha iniziato a passarmi la mano tra le gambe e fino alla mia vagina.

-Avevo paura ovviamente, non me l’aspettavo! Allora ha lasciato la strada e ha detto che avrebbe preso una scorciatoia più veloce, ho accettato ma avevo paura, quindi siamo arrivati ​​in un complesso residenziale “deserto”, ha detto di aver sentito un rumore in macchina e è sceso per vedere cosa fosse successo, ha deviato la macchina, è andato alla mia porta e mi ha portato fuori dalla macchina dandogli le spalle, in quel momento gli ho chiesto cosa stesse facendo così mi ha detto guarda cosa hai fatto a io ora devo sistemare questo” – ho visto e sentito il suo volume dentro di me.

Poi ha messo la sua mano dentro i miei pantaloncini e ho sentito che ero già bagnato quando ha messo le dita dentro il mio ppk ho gemuto e gli ho chiesto di fermarsi lì lui ha detto “è meglio che tu faccia come dico o dico a tuo marito cosa sei una troia” poi ha tolto le dita dalla mia figa e se le è messe in bocca, annusando il mio sapore e ha detto “sembra che qualcuno si stia divertendo” ha unito le dita e me le ha messe in bocca mi ha tolto completamente i pantaloncini, mi sono tolto la maglietta e poi mi ha chiesto di girarmi verso di lui così sono tornato indietro e lui mi ha afferrato il petto e se l’è messo in bocca da solo, a quel punto l’ho spinto, si è arrabbiato e mi ha schiaffeggiato e ha detto “ancora gentilezza”, mi ha messo in ginocchio sull’asfalto, mi ha chiesto di aprire la bocca e di mettermi in bocca con forza il suo cazzo e ha cominciato a colpirmi forte in bocca, stringendomi la testa provocandomi diversi soffocamenti.

Altre storie erotiche  Dandolo al caldo uber

Mi ha accarezzato il viso, ha aperto la portiera della macchina e mi ha sistemato sul sedile con le gambe spalancate per lui, poi mi ha penetrato forte facendomi urlare di dolore e piacere, mi ha tirato indietro i capelli per farmi male colpendomi il sedere e continua a fottimi, si china su di me mettendomi le dita in bocca dicendomi di succhiarmele tutte, io immergo le dita così mi dice “che stronza eh ok goditi stronza” mentre mi lecca la fica, mi penetra alcune dita nel culo facendo io gemo gustoso, poi mi toglie il cazzo dalla figa e me lo mette nel culo mangiandomi gustoso e mi chiede di aprirgli il culo, e io accidentalmente emetto un gemito di piacere hahaha

Poi mi scopa più forte, mi trattengo così non si accorge che mi sto divertendo e gli dice di smetterla.

Poi dice: “Non mi fermerò finché non ti sentirò venire dentro di me”.

Mi ha messo sul cofano della macchina davanti a lui e mi ha scopato di nuovo la figa, prendendomi per la vita e con la mano sul mio collo, chiamandomi “la mia cagna” è allora che gli ho detto che gli venivo sul cazzo , quindi dice “sei stata una brava ragazza, puoi scegliere dove vuoi farmi venire”

Allora comincio a succhiarglielo con grande piacere e gli dico che voglio la sborra in bocca, facendo scorrere la mia lingua sulla sua testolina, gola profonda, finché non mi viene in bocca e lui mi dice “se ne versi una sola goccia, lo farai essere punito”. “. “o “così l’ho ingoiato tutto senza sprecarlo, ci siamo vestiti e lui mi ha accolto e io gli ho ancora succhiato il cazzo sulla via del ritorno, sono sceso e l’ho ringraziato per il passaggio!”

Altre storie erotiche  non mi arrenderò, 4

La fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *