Ho capito. È sempre così…

di | 12 de Dicembre, 2022

So che a volte sono possessiva, confusa, impertinente. Sandra lo dice sempre di me, so che sono così. Ma questo non significa che merito di essere trattato così, Márcio! Non merito l’uomo!

Dicono che Rita Hayworth abbia detto che tutti sono andati a letto con Gilda e si sono svegliati con Rita. E io, Marzio? Non ti sei nemmeno svegliato con me, non sai nemmeno chi sono comunque. Mi prendeva in giro in pubblico, mi palpava sulla spiaggia. E poi c’era tutto questo al motel. Noi due, servi, soggetti al tuo… Taras.

E qui ho pensato che tu volessi qualcosa di più da me, solo da me. Da quanto tempo ci conosciamo, Marcio? Venti, venticinque anni. Pensa se Maura si fosse immaginata cosa abbiamo fatto quella notte. Proprio come la fiduciosa Maura, se solo sapessi quello che so io di te, quello che ha già detto.

Sono stupido, molto stupido, ingenuo, vedresti se potessi? Sono caduto sulle sue labbra e ho persino portato Sandra con lei. Ne ho mangiati due al prezzo di uno, giusto?

In effetti, ancora più economico, cos’era? Qualche bottiglia di vino, cena da pagare la suruba. Poco, pochissimo per tutto quello che abbiamo passato. Mi considerava suo amico, ancor più di quello di Maura.

Non sono lesbica Márcio, piace anche a Sandrinha, ma non lo sono mai stata. L’ho fatto solo perché me l’hai chiesto tu, ho implorato come un cucciolo randagio. Idiota! Cadi nella tua storia, vero? ??

Maura mi ha lasciato, Maura mi ha lasciato!

Lo so… Cattivo, cane!

E ti ho ancora succhiato le palle, baciato il tuo cazzo, bevuto…

Tutto perché Marcinho non si deprima. Disgustato!

E sei ancora venuto nella mia bocca amico, nella bocca del tuo amico. Sai com’è per una donna ingoiare lo sperma di un uomo? E ho ingoiato la tua faccia, la tua.

Ricordi le foto? Li guardo adesso. Vedo questo, questo. Wow, facciamo di tutto quando ci innamoriamo. Hmm!! Immagina se lo facesse con Merval, specialmente Merval. Gesù! È servito solo a darmi i ragazzi. Inutile.

Maura ti riconoscerebbe nella foto? Il suo profilo lungo, scuro, spesso, la nappa come un cappello. Dubito che Maura riconoscerebbe il tuo pisello. Scommetto che se lo mando, lo sciocco chiederà se ho scopato qualcun altro. Ridicola tua moglie, ridicole entrambe!

Altre storie erotiche  Dipendente dal sesso anale - Racconti erotici

Merda, sono passati così tanti anni nella siccità e sei sbucato fuori dal nulla. Così bisognoso, così eccitato, ubriaco, che mi chiede queste cose. Lo provo ancora. Il volume… Nella mia bocca. Ho succhiato solo per farti piacere, non mi piace nemmeno il sapore del cazzo, il sapore dello sperma, anche se tu…

Ti ricordi quella goccia di sperma, ti ricordi? Lo vedo ora sul mio mento, nella foto. È stato l’inizio di tutto, di tutta questa follia, lo stupro con Sandra.

E guarda, mi hai già derubato alla festa, ti sei spogliato nudo sulla spiaggia… Chi avrebbe mai pensato che me lo avresti chiesto, amico? Era solo una goccia che scendeva dal mio becco.

Succhialo Sandra, succhialo e ti faccio una foto. Canaglia! Stavo pensando, vero? Era solo per dare fuoco a Sandrinha per sempre. Vai all’inferno! E il pervertito mi è caduto sul petto con la bocca. Anche Sandra mi paga, non si fa fregare.

Certo, Sandra lo voleva. Non era per il tuo sperma, era per il mio petto. Ero in vena, l’ho vista, so com’è in quei momenti. Sapevo che gli piaceva strofinare i ragni, ma non aveva mai fatto quella fottuta cosa!

Vedo la foto adesso, la sua lingua sul mio capezzolo, la goccia del suo seme sulla punta…

Non avrei mai pensato di fare una cosa del genere a un amico, soprattutto con te che filmi tutto. Era solo per succhiare la goccia.

Ha questo aspetto strano. Sandra sembrava diversa, era ovvio che voleva essere presa in giro, essere scopata, proprio come me. Quello sguardo che ho visto solo su uomini che volevano scoparmi. Non mi ha nemmeno dato il tempo. Arrivò questo bacio intenso, sento ancora la sua lingua leccarmi la bocca, succhiare lo sperma che non avevo inghiottito.

E l’hai filmato, la cosa peggiore è che tu, cane, ci hai filmato mentre ci baciavamo a letto. Hai filmato tutto, vero? Ha filmato le nostre crepe, l’intimità di due donne nude che si baciano, i suoi amici Márcio!! Non aveva il minimo rispetto!

E sempre vivace. Avevo le vertigini, ma ricordo, ricordo il calore della sua figa, l’acqua calda che scorreva lungo le gambe di Sandrinha. Era chiaro che Sandra era già venuta, l’ho visto, è stato allora che le abbiamo succhiato le palle. Gemette e tremò per un’ora. Nessuna meraviglia che fosse già così bagnata, con le cosce bagnate.

Altre storie erotiche  Racconto di incesto erotico: catturare il nipote nerd nell'atto

Gratta senza pietà la sua fronte dura che sbava sulla mia… E io sono esposto lì, quindi sbavi come un idiota. E filmando sempre in primo piano le nostre puttane.

Ti è piaciuto quello che hai visto? Hai visto noi due, amici, baciarci come puttane! Le nostre cosce incrociate, i nostri seni impastati, le mie unghie sulla sua schiena. Hmm, eh? Il trucco ti stava bene? Sandra che mi abbraccia, un momento così unico per noi. E poi hai fatto un casino, amico! Tutto!! Ha fatto perdere per sempre la sanità mentale alla ragazza, l’hai mangiata?

Ho scopato Sadrinha davanti a me. Ci ha mangiati entrambi allo stesso tempo, come se fossimo uno. Due fighe per la stessa scopata. E hai ancora filmato, filmato ogni scena, giusto? So che hai filmato. Hai già sbucciato quanto controllando le persone che hanno consegnato i loro difetti, eh, bastardo?

Ricordo che quando hai colto di sorpresa Sandra, lei non se l’aspettava. Ha urlato e si è fermata con gli occhi chiusi, ricordo che i suoi seni tremavano davanti al mio viso.

Io entro? Entra, disse. La figa di Sandra era deliziosa, eh? Faceva caldo, tesoro?

Anche adesso lo ascolto parlare e sento che lo invadi. Rendeva la ragazza ancora più depravata, sapeva che a Sandrinha piaceva, ma… Quello? Non avrei mai pensato che ti saresti tradito così. Come quelle prostitute.

Mi ha sputato in faccia, in bocca e mi ha succhiato la lingua, mordendo.

Trasformato in un pervertito, mi scorticava ancora di più con la sua fronte pelosa. Lo so, mi hanno detto che fare sesso con un’altra donna è qualcosa di un altro mondo, ma… Anche adesso sento la fronte eccitata di Sandra. E so che è venuta, l’ho sentito. La sua fica era in fiamme, costantemente vibrante, tremante, tra le mie braccia. Impossibile sopportare Sandra, così bella, così bi… ho resistito come potevo…

Maledetta puttana! Sandrinha, cattiva!

Mi hai fatto venire, davanti a te, MERDA! Questo è ciò che mi fa incazzare ancora di più! Sono venuto, con lei, per lei e davanti a lei, Márcio. Chi ha detto che dovevi filmare?

Altre storie erotiche  Mangiare la corona cattiva sull'autobus

Non l’ho mai fatto. È questo il jet di cui parlano gli americani? Era la mia prima volta. Non ci crederai, lo so.

Ma neanche tu potresti sopportarlo, vero? Mettimi il cazzo dentro. Dopo aver scopato Sandra, mi ha spalmato le viscere con il suo brodo. Guarda come il cattivo mangia il mio migliore amico davanti a me… E ha ancora il coraggio di imbrattarmi con il suo sperma. Dalla sua figa. Dubito che lo faresti a Maura, ne dubito!

Non ho nemmeno chiesto se lo volevo. Sono appena andato lì e ho messo quel cazzo sporco nella mia figa. E se non volessi, eh? Hai rovinato tutto, quel momento magico in cui voi due, abbracciati, soddisfatti. Non hai idea di cosa sia. Cos’era per me?

E poi il ladro mi ha accoltellato con il suo cazzo, ha preso tutto, giusto? Ho tutto in me Mi ha anche fatto male, sai? Non era nemmeno complicato. Potrei almeno… non lo so. Dannazione!

E alla fine si è comunque divertito! È tornato da me. In bocca poi nella figa. Due volte in una notte, e solo io. Accidenti, mi ha inzuppato.

Così tanto incasinato, solo per me, solo per me. Pensavo fosse amore. Firma che c’eri dentro. Che diavolo… Sciocco che sono, era solo il difetto di un uomo cattivo. Siete tutti uguali, divertitevi e basta.

Non ha nemmeno aspettato l’alba, li ha lasciati entrambi nudi nel motel ed è sparito!! Scappa come un adolescente. E dovevamo ancora chiamare un Uber.

Sei molto prepotente Márcio!

Dovrei dirlo a Maura, dovrei.

Chissà, mando questo audio e la foto, della goccia nel mio becco, hummm? A Mau piacerà, non ti toglierà la pelle!

fottimi! Mandami questo breve video, lo voglio. E vedi se hai la decenza di cancellare le immagini in seguito.

Ouuuu allora figlio mio, prendine le conseguenze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *