Ho dato tutto quello che potevo in 24 ore

di | 9 de Dicembre, 2022

Quante volte sogniamo di poter rivivere momenti significativi della nostra vita? In passato ho avuto modo di farlo, ovviamente non nella sua interezza, ma è stata un’esperienza interessante. Dans la nouvelle “Il m’a bien compris et j’ai rompu”, j’ai raconté comment Victorlionheart et moi nous sommes rencontrés (Après que tant de gens soient venus mi ha fatto causa, c’était plus pratique d’écrire une nouvelle, LOL). È stato durante un viaggio di lavoro che ho fatto a San Paolo e abbiamo finito per conoscerci.

Avevo bisogno di tornare in questa città caotica e meravigliosa per continuare il lavoro iniziato lo scorso agosto e ovviamente ho trovato il modo di prolungare il mio soggiorno e godermi la compagnia del mio adorabile amico e amante.

Ci siamo incontrati alla stazione della metropolitana dove ci eravamo conosciuti e al posto della timidezza e del nervosismo, io ero lì, ansioso e nostalgico. Tre lunghi mesi ho aspettato questo grande abbraccio. Questa volta ci siamo immediatamente baciati e ci siamo diretti allo stesso bar senza pretese che aveva ospitato il nostro primo incontro.

Tra conversazioni e abbracci, la serata è andata benissimo. A causa di problemi operativi che non possono essere spiegati qui, sapevamo di non poter uccidere il desiderio che avevamo l’uno per l’altro quella notte. Era una tortura psicologica averlo a portata delle mie mani, della mia bocca… e di tutto il mio corpo che lo desiderava così tanto e non poteva averlo. Ma quello che abbiamo non è solo sesso, non è mai stato solo quello, quindi stare con lui è stata una deliziosa tortura!

Il giorno dopo non ci siamo potuti vedere a causa del mio lavoro, il che ha solo aumentato il mio tormento. Finalmente è arrivato sabato e finalmente ci saremmo isolati dal mondo e ne avremmo approfittato al meglio. Dopo aver pranzato insieme, ci siamo diretti verso l’albergo dove alloggiavo, lo stesso dove ho soggiornato durante la mia prima visita. Mentre chiudevamo la porta della camera da letto, ci baciammo teneramente e disperatamente. Presto mi strappò la maglietta e mi baciò il collo e il seno mentre stringeva il duro rigonfiamento sotto i pantaloni.

Mi ha buttato sul letto, mi ha tirato su la gonna, mi ha spinto da parte le mutandine e ha iniziato a succhiarmi. Wow… come mi mancava quella lingua! Mi sono sentito come la prima volta che mi ha afferrato la figa, completamente abbandonato e fuori controllo con così tanta emozione. Mentre mi leccava la fessura, mi infilava un dito nella figa e mi muoveva il culo, gemendo in modo incontrollabile e affondando le unghie nel lenzuolo. Non ho resistito molto e mi sono divertito al palato.

Mi tremavano ancora le gambe quando mi tirò i capelli e mi fece inginocchiare davanti a lui. Gli ho sbottonato e slacciato i pantaloni e ho trovato il suo cazzo così duro che sembrava stesse per strappargli i boxer. L’ho messa a letto e ho iniziato un pompino. Chi ha letto le altre mie storie sa che amo succhiare, soprattutto la sua, solo a pensarci mi viene l’acquolina in bocca. La mia lingua cominciò a girare intorno alla testolina, molto lentamente, perché sapevo che era pazzo che io ingoiassi tutto e volevo provocarlo il più possibile. L’ho guardato negli occhi mentre sbatteva il cazzo contro la mia faccia e ho visto la sua espressione di piacere e la sua crescente fame. L’ora era suonata. Ho iniziato a deglutire mentre me lo mettevo in bocca. Potevo sentire l’intensità della sua eccitazione dalla tensione con cui mi teneva i capelli e questo mi ha solo motivato ad accelerare il ritmo e ingoiare tutto. Ero deliziato da ogni goccia di quel seme caldo che scorreva nella mia bocca.

Poi mi ha messo a quattro zampe a terra e dietro di me ha iniziato a prendermi a calci nel sedere, lasciandolo rosso e bianco caldo. Le sue grosse e spesse dita entrarono di nuovo in me e io gemetti, contorcendomi nella sua mano. Quando il suo cazzo fu di nuovo pronto per me, si sdraiò sul letto e mi chiese di sedermi.

– Vieni il tuo maschio, mia cagna! Ma ti amo con quella gonna, che so che mi hai comprato da indossare.

Detto fatto! Mi sono tolto le mutandine e gli sono salito sopra. Ho preso il suo cazzo e ho iniziato a massaggiarmi la testa con la figa, perché volevo che sentisse quanto ero bagnata quando mi è venuto in bocca. L’ho preso in giro così per un po’, finché il peso del mio corpo non si è liberato per sempre e lui mi ha riempito completamente. Gemevamo insieme con le mani giunte, tenendoci l’un l’altro. Ho iniziato a twerkare e l’erezione ha preso il sopravvento per me. Mi sono mosso così forte che la molla della scatola si è spostata, ma volevamo di più. Alimentato dalle molle del materasso, rimbalzai sempre più forte, sentendo il suo cazzo entrare e uscire all’infinito. Tra urla e parole sconnesse, si ritorna.

Lei era sdraiata accanto a lui, senza fiato e senza energia, ma a lui non importava. Ha ricominciato a toccarmi la figa come se volesse finirmi facendomi venire così forte. Spinse tre dita in profondità e con forza, facendomi impazzire. Mentre mi arrendevo a questa sensazione indescrivibile, leccammo lo sperma dalle sue dita e lo assaporammo in un bacio malizioso.

Rimanemmo a letto per un po’ a guardare la TV, a parlare senza pensare e non ci volle molto perché ci scambiassimo di nuovo sguardi maliziosi. Sdraiata accanto a lei, ho cominciato a passarmi la mano sul corpo, stringendomi i seni, scendendo lungo la pancia e raggiungendo la mia figa. Ho iniziato a masturbarmi guardandolo, poi ho passato le mie dita appiccicose sulle sue labbra. In poco tempo ho già visto il suo cazzo in aria e l’ho afferrato con l’altra mano. Mi strofinai la cervice nello stesso ritmo con cui lo masturbavo, e lo guardai mentre impazziva per il modo in cui i suoi occhi mi divoravano. In questo gioco caldo, ho finito per arrivare prima e subito dopo mi ha seguito.

In quel momento le nostre energie erano già esaurite e dovevamo solo dormire, perché il giorno dopo (oggi) ce ne sarebbero state sicuramente altre. Dormimmo poco, ma profondamente, e poco dopo il risveglio le sue mani mi stavano già prendendo con un’intensità che mi inzuppò subito. Dopo avermi palpato dappertutto, mi ha succhiato con la stessa sete del giorno prima, portando così il mio piccolo miele a colazione. L’unica differenza era che oltre a penetrarmi la figa con le dita, mi prendeva anche il culo. Lui, che era molto teso, si è dato da fare per cedere. Con il dito lubrificato dal mio miele, l’ho aperto lentamente, preparandomi a quello che sarebbe successo.

– Mettiti a quattro zampe per me, mia puttana!

Ancora una volta, ho risposto rapidamente. Alzai il culo e sentii il suo cazzo aprire lentamente il mio piccolo buco. Rotolai lentamente e la sentii cedere, e più si allargava, più il mio corpo veniva respinto. Finalmente quel cazzo era tutto dentro di me e gemetti forte chiedendogli di mangiarmi.

Cade tremante sul letto. Ci siamo fatti una doccia, ma siccome era ancora presto, siamo rimasti a letto. Era pieno, ma non potevo andarmene senza farmi scopare la figa da dietro dal mio uomo. Dato che non avevamo il controllo quando ci siamo avvicinati, un attimo dopo ci stavamo prendendo in giro ed è così che ho ottenuto quello che volevo: spingerlo forte e in profondità, sentire le sue palle colpirmi, mentre lui mi schiaffeggiava e

Ho maledetto questo cazzo intenso che ci ha portato al nostro ultimo orgasmo.

Siamo partiti e siamo andati a goderci la città. Abbiamo fatto un giro per Paulista, abbiamo riso molto insieme e ci siamo goduti la reciproca compagnia. Scrivo questa storia in aereo, con quel poco di energia che mi resta ei muscoli in fiamme. Sono appena arrivato e sto già pensando a quale sarà la prossima volta.

Io spero tu ti sia divertito,

baci, blu

Bambina blu. Conto@gmail. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *