Ho disobbedito al mio padrone e sono stato punito

di | 10 de Dicembre, 2022

Non dirò il mio nome, perché non è questo il soggetto della storia. Prima di tutto, la storia è di fantasia. Fai volare la tua immaginazione e divertiti!

Sento, sento, ma non vedo. Il mio Signore mi ha bendato, sento solo i suoi passi morbidi attraverso la stanza. Il pavimento mi fa male alle ginocchia, sono nella stessa posizione da un po’. In ginocchio e nudo. Le mie mani sono giunte davanti a me, la catena le collega alla collana intorno al mio collo. Oggi sarò punito. Il mio Signore mi ha ordinato di non parlare con un altro uomo in sua presenza. Non importava chi fosse o cosa dicessero. Dovevo inginocchiarmi ai tuoi piedi con la testa china e parlare solo con il tuo permesso. Ma sono stato cattivo e ho disobbedito. Mi ha guardato e fino ad ora non ha detto una parola. Eccomi nella tua stanza mentre tutti i tuoi amici e i loro schiavi si divertono fuori.

Mi toccò i capelli e tirò, appoggiando il mio corpo all’indietro. Sento il suo respiro calmo nel mio orecchio. Mi tocca delicatamente il petto e sente il mio cuore battere forte. La sua voce alta e aspra rompe il silenzio oscuro.

– Mettiti a quattro zampe! – Così ho fatto. Ho appoggiato la testa tra le mani. I suoi passi si fermarono. Ho sentito un armadio aprirsi. Ricordo… è l’armadio dove tiene le fruste. Deglutii e sentii la schiena raffreddarsi. Presto i suoi passi si avvicinarono.

La frusta mi ha graffiato la pelle. Mi è passato attraverso la figa e mi ha sollevato il culo. Mi morsi il labbro e aspettai nervosamente il primo calcio. Con mia grande paura, sento un forte crepitio nell’aria. Emisi un piccolo grido di orrore. Ha scelto il peggio di tutti. Lo schiocco della frusta squarciò l’aria.

Altre storie erotiche  Il marito fa sesso con il mio amico gay

– L’ordine è: ti colpirò il culo da ogni lato. Mi dirai quante volte ho colpito il lato destro e il lato sinistro? Ricorda che il numero su un lato sarà diverso dall’altro. Se ti sbagli, ricomincio dall’inizio. mi sono spiegato bene?

– Si signore! – risposi con voce tremante. Ho fatto un respiro profondo. Ha fatto il primo colpo. Ho trattenuto l’urlo. Ho stretto forte la mia mano. Ho contato mentalmente. Avevo bisogno di concentrarmi. Cinque… A sinistra. Sette… Esatto. No… sono le sei. Mi sono innervosito e mi sono perso.

– Quante volte ho chiamato? mi chiese tirandomi forte i capelli.

– Nove, esatto. Sette, a sinistra. risposi senza fiato.

Ancora uno… quattro… scatti. Non sono riuscito. Ed è diventato più forte. Il tempo è passato, non so quanti minuti. Ho sbagliato diverse volte e per finire mi ha infilato un dildo nella figa. Era stretto per entrare. La frusta e il vibratore mi hanno eccitato. Non so cosa sia successo, ma sono stato attento. Voglio essere una brava ragazza. Devo passare la punizione.

– Quante volte ho chiamato?

– Ne rimangono quindici. Dieci, va bene. La mia voce gemeva di dolore e piacere. Il mio signore ha aumentato la velocità del vibratore. Ero fradicio La mia figa era gonfia e volevo venire. Gemevo e volevo toccarmi o urlargli di scoparmi. Ma sono stato interrotto. Ha tirato fuori il vibratore e io non sono venuto.

Mi ha tolto la benda dagli occhi e la mia vista è diventata un po’ offuscata. Ma potevo vedere i suoi occhi che mi guardavano. Mi ordinò di inginocchiarmi e abbassare la testa.

Altre storie erotiche  perde l'idiota

– Verrai solo quando voglio. Proprio come parlerai solo quando voglio. Sei uno schiavo, il mio schiavo. Se mi disobbedisci di nuovo, avrai qualcosa di peggio. Hai capito?

– Si signore!

– Prega!

– Mi scusi signore. Ero una cattiva ragazza. Non lo farò.

Mi ha lasciato le mani libere. Indossavo un costume da bagno nero con scollo a “V”. Mi ha tirato il guinzaglio e siamo tornati alla festa. Tutti hanno visto i segni sul mio sedere. Con solo quello sguardo, sono stati in grado di vedere il potere del mio proprietario. Spero di essere sempre il tuo schiavo, perché ti amo. So di essere stato ribelle, ma il Signore è l’unico per me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *