Ho dormito con il figlio ma il padre ha visto tutto

di | 10 de Dicembre, 2022

Dato che è da un po’ che non posto niente qui, ho deciso di venire a scriverti e mi manchi anche tu. Sono successe molte cose, nuove storie, nuove persone nella mia vita, quindi potrò postare molto per te. Per chi ancora non mi conosce, mi chiamo Bianca, ho 24 anni, lavoro come personal trainer in una palestra. Se vuoi sapere qualcosa in più su di me, dai un’occhiata alle altre storie, ok?

Un martedì mentre lavoro in palestra, nel bel mezzo della lezione con uno studente sento una mano sulla mia spalla e quando mi guardo indietro mi stupisco che sia Pedro, un ragazzo con cui sto da un po’ e è passato molto tempo dall’ultima volta che sono apparso all’accademia. Sono rimasto sorpreso dalla sua presenza lì. Non potevamo parlare molto in quel momento, ma gli ho detto che non appena questo corso fosse finito, sarei andato a trovarlo. Ed è quello che ho fatto, ho finito il corso in circa 20 minuti e sono andato a trovare Pedro mentre faceva un esercizio. Dato che non aveva lezione, abbiamo parlato a lungo dopo, mi ha raccontato com’era la sua vita e io ho aggiornato la mia e, naturalmente, nel bel mezzo della conversazione ho capito quanto fosse più sexy di prima, e più bella. Aveva 2 anni meno di me, ma era comunque delizioso. L’età è una cosa che non mi preoccupa affatto, l’importante è essere gentili e rispettosi verso entrambe le parti.

Insomma, quello che ho avuto con Pedro non è stato un rapporto, ma un paio di rapporti da molto tempo, diciamo con un po’ di esclusività, senza quella cosa con tanto sentimento, solo piacere piacevole e affetto enorme l’uno per l’altro. con buona amicizia.

Naturalmente, durante la conversazione, è diventato chiaro quanta chimica esistesse ancora tra di noi. Continuava a guardare la mia bocca, io la sua, ma ovviamente non poteva succedere niente. Abbiamo deciso di incontrarci non appena avessi lasciato l’accademia per parlare, ed è quello che è successo. Gli ho dato il mio orario di partenza e Pedro era lì davanti alla sua macchina. Sono salito in macchina per tornare a casa e, inutile dirlo, siamo finiti seduti in macchina, giusto? Un bacio caldo, pieno di linguaggio come piace a me e una buona dose di nostalgia. Ho notato che il suo pene era duro sotto i pantaloni, ma ho fatto finta di non vederlo. Ci siamo baciati a lungo e lui ha detto che non riusciva ancora a superarlo, quindi mi ha invitato a cena a casa sua e abbiamo potuto guardare qualcosa.

Sono entrata in casa, non mi ci è voluto molto per prepararmi, ho messo una gonna, un top più ampio con spalline e sopra una giacca, con i tacchi e una coda di cavallo alta con la frangia che pendeva morbida sul davanti, ho ho fatto del mio meglio con il solito profumo e sono tornato a casa. Quando siamo arrivati ​​abbiamo iniziato a bere, mangiare qualcosa e sederci sul divano a guardare qualcosa e inutile dire che presto abbiamo iniziato a pomiciare, giusto? Il desiderio e il desiderio hanno parlato più forte. Sa main a glissé le long de ma jambe sous la jupe jusqu’à ce qu’elle atteigne ma cuisse, il a tourné mon visage vers lui et tandis que sa langue glissait à travers ma lèvre inférieure, il a serré ma cuisse volontiers sous la gonna. Il bacio si è fatto sempre più caldo, gli ho tolto la maglietta lasciando solo un paio di jeans, la sua mano è andata sempre più in alto e con quella la mia gonna è salita insieme fino a raggiungere la mia figa, ha continuato a far scivolare la mano sulle mie mutandine e a stringere tutto nelle nostre lingue intrecciate con un’enorme erezione. Mi sono seduta sulle sue ginocchia di fronte a lui, ho messo da parte il suo bicchiere, mi sono tolto la maglietta che indossavo, il mio reggiseno mi ha tirato i seni molto vicino alla sua bocca. Gli ho sollevato la testa e l’ho costretto ad afferrarmi le tette, mentre buttavo indietro la testa e rotolavo sul suo cazzo nei pantaloni. Le mie mutandine erano inzuppate dalla sensazione di quel grosso cazzo che scivolava nella mia figa.

Dopo che le mie tette erano già inzuppate e anche un po’ rosse, si è fermato e mi ha chiesto di accompagnarlo in camera sua, perché voleva spegnere la voglia di scoparmi sopra il suo letto dove ero già venuta diverse volte. Mentre morivo dalla voglia di sentirlo fottermi con questo nuovo respiro, non ci ho pensato due volte e mi sono alzato, mi ha preso per mano e mi ha trascinato su per le scale, ma quello che mi ha colto di sorpresa è stato che ci siamo fermati a metà. Ha lasciato andare la mia mano, è salito due gradini davanti a me, si è abbassato i pantaloni, ha tirato forte il cazzo davanti a me e ha detto: “Mamma… come solo questa piccola bocca sa fare”. Gli ho fatto questo sorriso sfacciato e mi sono inginocchiato davanti a lui sulle scale, ho fatto scivolare la lingua molto lentamente fino alla sua testa e ho iniziato a succhiare forte. Quando ho capito che era seduto sul gradino e io ero a quattro zampe davanti a lui con la gonna alzata e il suo cazzo che mi sbavava in bocca. Sono stato fortunato che nessuno ce l’ha fatta perché altrimenti sarebbero inciampati nel mio sedere appollaiato sulle scale. Dopo un po’ ci fermammo e andammo nella sua stanza.

Si è buttato supino sul letto, ho finito di togliermi la gonna e le mutandine e gli sono salita sopra per fargli ancora qualche pompaggio… dato che mi piaceva farlo impazzire con la mia bocca… Dopo per un po’ mi ha messo un cuscino sotto, lasciandomi a faccia in giù e con il culo più in alto con le gambe aperte, e ha cominciato a fottermi freneticamente e forte, potevo solo sentire le sue palle scricchiolare dentro di me molto forte, e i miei gemiti dentro una voce bassa. Mi ha tirato la coda di cavallo e ha continuato a martellare deliziosamente mentre diceva che mi mancava e ora avrebbe scopato la sua cagna più volte. Dopo essersi fermato fuori posizione, si è sdraiato sul letto e ci siamo baciati ancora. Ben presto si aggrappò al suo cazzo e si alzò subito a sedere emettendo un forte gemito. Je suis appuyé sur sa poitrine et j’ai started à rouler avec beaucoup de volonté, le laissant haletant, alternante entre les rebonds et les manèges jusqu’à ce qu’au bout d’un moment nous nous rejoignions alors que j’étais about lui. Ci siamo sdraiati uno sopra l’altro a parlare, ci siamo baciati ancora un po’, mi sono leccato la figa e lui ha avuto una sborrata in bocca lol

Più tardi, quando sono tornato a casa, ho ricevuto il messaggio che mi ha sorpreso:

“Ciao Bianca! Come stai?

Non voglio farti spaventare dal seguente messaggio, ma era impossibile tornare a casa e non sentire te e mio figlio nella sua stanza, e mentre mi avvicinavo ho visto che finivi per lasciare la porta un po’ aperta.

Ricordo che ci siamo scambiati degli sguardi quando eri qui a casa e mio figlio è molto fortunato ad averti al suo fianco. Vorrei vederti più spesso a casa. Spero tu non ti sia offeso ma era impossibile non arrabbiarsi per la situazione e per la scena che ti ho visto sopra di lui…

Come sempre una dea…

Perdonami se ho sbagliato a mandare questo messaggio, ma la volontà è stata maggiore. Spero che non rimarrai deluso.

Tanti baci per te!!”

Non devo nemmeno dire che sono impallidito quando ho visto il post, giusto? Non sapevo dove mettere la faccia, morivo dalla vergogna, ho letto più volte quello che avevo davanti. Ho messo da parte il cellulare e sono andato a farmi una doccia, mangiare qualcosa e prima di andare a letto, ho finito per rispondere al messaggio…

Purtroppo ho disattivato il mio Instagram per vari motivi. Quindi puoi trovarmi tramite questa email:

[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *