Ho fondato la coppia a Curitiba

di | 8 de Dicembre, 2022

Era passato molto tempo dall’ultima volta che aveva pubblicato un’avventura, ma questa, il marito ha insistito perché la scrivesse in modo da poterla leggere con sua moglie.

Bene, sono di Curitiba e per un’altra storia ho incontrato Renan e Laura, entrambi di 24 anni.

Fu Renan a contattarmi, dicendomi che aveva un enorme desiderio di essere tradito, che sognava di vedere la sua principessa, così la chiamava Laura, di darla a qualcun altro, che fantasticavano a letto, dicendo sciocchezze, ma non avendo avuto il coraggio, è stato allora che ha deciso di mandarmi una mail, perché se c’è una cosa che garantisco a tutti è il segreto assoluto.

Ci siamo scambiati qualche email, ho dato a Renan dei consigli da usare con Laura per rilassarsi, mi ha mandato anche un’altra storia che mostrava che ero di Curitiba, garantendo il segreto per farla sentire più a suo agio.

Ho speso i miei watt, e Laura mi ha inviato un messaggio, pieno di domande e dubbi, mi sono preso la responsabilità di risponderle e lasciarla in pace. Laura mi ha detto che la fantasia di suo marito era che mentre era con un’altra persona, lo avrebbe chiamato per ascoltarla.

Beh, ho preso appuntamento per andare a prendere Laura e stavamo andando al Motel, quando è venuta a prendermi ho capito quanto fosse bella, castana chiara, 1,59 m, magra, capelli lunghi, culetto birichino e tette piccole. Laura indossava una gonna corta e una camicetta con un cappotto, sembrava una prostituta, poi ho scoperto che suo marito l’aveva mandata così.

Ero tutto imbarazzato, ho iniziato a farle i complimenti e fare battute divertenti. Arrivammo al motel, Laura era tutta timida, ancora in piedi, io le andai dietro e l’aiutai a togliersi il cappotto, e cominciai a baciarle il collo, le spalle, Laura tremava tutta, scesi e le baciai la schiena, io aprì la cerniera e la gonna e se la tolse baciandole il culo e le gambe. Sono salito, ora le ho tolto il top dove ho visto che era senza reggiseno, e ho visto un bel paio di seni piccoli, ma con punte arrapate. Ho girato intorno a Laura, che mi ha abbracciato e baciato forte, le ho accarezzato il corpo, il mio cazzo era già molto duro, ho adagiato Laura sul letto, sono sceso a baciarle tutto il corpo, ho morso, baciato, leccato i suoi piccoli seni . , i suoi capezzoli erano molto duri.

Altre storie erotiche  Mio cugino bisognoso - Storie erotiche

Ho fatto scivolare la mano dentro le sue mutandine, riempiendo la mia mano con il suo culo, le ho tolto le mutandine e ho visto una figa morbida e deliziosa, ho baciato di nuovo Laura, ora le sue cosce, inguine, clitoride sporgevano, nella prima lingua che ha avuto simpatico. difficile. Ci ho giocato, succhiato, leccato, succhiato, leccato freneticamente, succhiato, succhiato, per circa 20 minuti, quando Laura ha alzato la vita ed ha emesso un forte grido di sperma. La sua figa si contrasse. Laura si appoggiò di nuovo al letto e io continuai con morbide leccate. So che il suo clitoride era sensibile, ma la mia lingua sapeva cosa fare questa volta, ma no. Laura ha impiegato molto tempo per emettere un altro grido di sperma. .

Laura mi ha chiesto un bacio, volevo assaggiare la sua figa, mi ha baciato e mi ha tirato contro il suo corpo, ha mosso i fianchi alla ricerca del mio cazzo, non è stato difficile, ero così bagnato che il mio cazzo mi è scivolato addosso piedi. nella tua figa Laura mi ha baciato e ha detto, mangiami delizioso.

Ho cominciato a muovermi da una parte all’altra, a poco a poco ho aumentato i movimenti, colpendo forte, Laura mi ha stretto così forte che quasi mi ha graffiato, l’ho spinta forte, io e Laura gemevamo e le chiedevamo di più, quando lei ha iniziato a mordermi il cazzo, Laura gli ha dato quella sborra leggermente, ma sul punto di emettere un gemito carino.

Laura ha chiesto dell’acqua, l’ho tirata fuori velocemente dal frigo e gliel’ho data, che ha detto, ho finito, le mie gambe sono deboli per la corsa, ma voglio di nuovo il tuo cazzo.

Ho detto a Laura di mettersi a quattro zampe, le ho rimesso in mano il cellulare e le ho detto di chiamare suo marito, mentre entrava in watt, le ho infilato la testa del cazzo nella figa e l’ho lasciato scivolare, finché le mie palle non sono state appena uscito, e ho iniziato a scopare, a Laura non importava nemmeno, quel culo rotondo si è sollevato, l’ho tenuto stretto e spinto, spinto e spinto. Ho chiamato una tregua perché so che la fantasia della coppia era chiamare mentre lei dava.

Altre storie erotiche  La figlia del fiduciario: provocazioni di una ragazza arrapata

Ho detto a Laura di accendere la sua macchina fotografica in watt, quando Renan ha risposto mi ha salutato gemendo, perché io ero ancora nella sua figa e lei era a quattro zampe.

Stava guardando la sua amata moglie con un altro uomo dentro, ho preso in giro Laura, le ho detto di guardare suo marito e gemere e ho iniziato a calciare, le ho schiaffeggiato il culo e l’ho sentita dire, mangiami per il mio cornuto, vedi Mangiami su, suo marito dall’altra parte si è masturbato e io ho scopato quella deliziosa figa.

Laura mi ha chiesto di baciarla mentre suo marito la guardava e le ha detto che era già venuta sul mio cazzo. Renan mi ha chiesto di prendere in giro Laura che voleva vederlo, ho chiesto a Laura se era quello che voleva e lei ha detto di sì. Le ho stretto la vita e l’ho penetrata di nuovo, penetrata e penetrata forte, il mio cazzo è entrato nella totalità di Laura, lei gemeva forte e malediceva suo marito, quando ho annunciato il mio seme, riempiendo il suo grembo di sperma, ho preso il cellulare di Laura e le ho dato che ho mostrato il mio cazzo. uscendo dalla figa grondante di sperma di sua moglie.

Laura salutò Renan, disse che aveva visto troppo e che aveva bisogno di una doccia. Prima del bagno ho scattato diverse foto della sua figa grondante del mio latte, Laura ha voluto mostrarle a suo marito dopo.

Abbiamo fatto una doccia, siamo usciti e Laura è venuta a sedersi sulle mie ginocchia ringraziandomi che ero un tesoro e che si meritava un bel pompino prima di partire. Mi sono sdraiato sul letto e Laura ha cominciato a succhiarmi, leccare, succhiare, voler scopare, guardandomi con una faccia birichina, ho continuato ad accarezzare il suo corpo, Laura mi ha chiesto di venirle in bocca, se potessi vedere il suo angioletto viso, vero, non c’è modo di non goderselo, ti ho riempito la bocca di sperma. Laura mi ha masturbato fino all’ultima goccia, l’ha bevuta tutta, non ne è rimasta una goccia sulla testa del mio cazzo, mi ha guardato e ha detto che non era poi così male bere un po’ di merda, le ho chiesto se l’avesse fatto t. L’ho già fatto, ha detto che non ha mai lasciato che suo marito le venisse in bocca ma me lo meritavo e ora avrebbe assaggiato la bocca di suo marito.

Altre storie erotiche  Naughty Nun - Parte 2: Vanessa

Laura era una vigliacca, diceva che la figa le faceva male per i tanti colpi che le dava, che non sopportava di darla a suo marito, che probabilmente avrebbe dovuto fargli di nuovo un pompino.

Siamo usciti insieme e abbiamo creato una buona amicizia, ho ricevuto le mutandine come regalo e come souvenir da una ragazza calda e bella. Quella notte Renan mi ha scritto per ringraziarlo, dicendo che Laura era un’altra donna, che era felice e innamorata di lui, dicendo che non sopportava di darglielo, ma che glielo stava succhiando e bevendo anche merda , qualcosa che non aveva mai fatto, lui Non sa chi ha bevuto prima il mio latte, hahaha.

Mi ha chiesto di mangiarlo sempre, di aggiustarlo, perché gli piaceva il modo in cui mi prendevo cura di Laura, diceva che era un bravo ragazzo e che valeva la pena aggiustarlo.

Per mariti che vogliono essere cornuti, sposati e single che hanno fantasie e vogliono realizzarle, con segretezza, sicurezza, descrizione ed educazione, contattare [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *