Ho mangiato tapioca zia

di | 12 de Dicembre, 2022

Il mio nome è il nome fittizio di Marcos ma i miei contatti sono tutti reali.

Passo sempre davanti a un carretto dove c’è una signora, piccola, forte e calda, che vende tapioca e più volte ho mangiato tapioca lì per prenderla in giro ed è stato difficile ma lei ha indicato con il suo corpo che le piacevano i miei attacchi.

Un giorno sono passato e c’era una ragazza con cui avevo una relazione ed era sua figlia e non sapevo che abbiamo parlato e lei ha detto che la ragazza tapioca era sua madre nel tempo è passato e la nostra amicizia è diventata di nuovo più forte .

Non so come sua madre abbia scoperto il mio numero e mi abbia attaccato.

Sono sposato e mia moglie sogna che io sia una vera prostituta, mi ha salutato e io l’ho salutato velocemente e ho riconosciuto la foto.

Mi ha chiesto se potevo aiutarla, dato che lavoro in una farmacia, aveva bisogno di una semplice medicina ma le farmacie al momento erano chiuse.

Ho detto che l’ho preso e come potevo farglielo prendere?

Mi ha chiesto se poteva prenderlo perché aveva molti mal di testa “quella era una bugia”.

Così ho preso le medicine e quando ha aperto la porta ero in trance ipnotica. Indossava un top di Topolino senza reggiseno ed era grande e sensuale. Mi ha invitato ad entrare ed è quello che ho fatto. Mi ha servito un caffè per bere e parlare. Vieni, mi ha chiesto di sua figlia, ha detto che sentiva una bella atmosfera tra noi e che aveva detto che avevo dormito con lei prima, ha parlato di come ero a letto e ne aveva voglia.

Altre storie erotiche  Mio cugino bisognoso - Storie erotiche

Ero anche molto interessato a fare sesso bollente con questa ragazza e le ho detto di fare il test 9.

Ero in cucina seduto sulla sedia così lei mi è salita sopra, e ha cominciato a baciarmi, che delizia di baci, mi ha fatto girare, ma io ero in jeans perché da lì andavo a lavorare mi ha messo brutta cosa sul mio pene e ha parlato.

Wow, è il tuo cazzo?

Ho detto di togliermi i pantaloni così puoi vedere.

Mi ha chiesto di alzarmi e si è inginocchiata davanti a me, mentre ha iniziato a tirarmi giù i pantaloni con le mutande allo stesso tempo, la mia pantofola è saltata e lei si è spaventata perché faceva male. faccia, mi guardò con una faccia birichina e voleva che sbavassi e iniziò a succhiare, il suo becco aveva così tanta acqua o bava che si sentiva il rumore.

Puzza bene, quindi l’ho presa in braccio, l’ho messa in 4 sulla sedia e sono andata dritta al suo culo e le è diventata dura, le piace gemere non troppo forte perché vive in un edificio, quindi le hanno detto di andare nella mia stanza, è l’ultima.

Così sono andato e ho iniziato a sentire una porta dell’armadio aprirsi e chiudersi.

È entrato in camera con una crema che fa lui con la Nutella tapioca e me l’ha spalmata sul corpo, l’ho annusata perché l’ho usata solo io, quel giorno avevo il Malbec Suprema, l’ho usato solo nelle occasioni speciali.

Lei mi ha succhiato e anche io l’ho succhiata dalla testa ai piedi, davanti e dietro, ma quando sono arrivata all’inguine avevo il mio modo di succhiare.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - Wow! Lo zio Beto mi ha mangiato bene

Le ho morso sessualmente l’inguine, ho rotolato e le ho toccato la fica, e ho cominciato a succhiare, lei gemeva e si dimenava e mi spalmava il miele dalla fica nella bocca.

Mentre la succhiavo ho fatto una cosa fuori dall’ordinario, le ho messo l’indice nella figa per darle una siririca e le ho messo il dito medio nel culo, lei ha urlato di piacere e si è morsa il cuscino per non urlare di piacere , wow si è contorta nella mia bica è stata molto brava.

Poi l’hanno rimessa a posto e io sono entrato nella posizione del pollo arrosto, ma per il resto le ho sollevato le piume e ho appoggiato la pianta del suo piede sul mio petto. Così ho spinto il mio cazzo su di lei e automaticamente la sua gamba è andata più indietro, aprendo più spazio per il mio cazzo per andare più in profondità.

Era già venuto con il preservativo ma il mio cazzo era ancora duro, e io continuavo a spingere forte, il tempo passava e finimmo il nostro sesso.

Mi sono fatto la doccia, mi sono cambiato, mi sono messo lo zaino sulla schiena e sono andato alla porta, lei si è semplicemente messa la camicetta e ha detto che avrebbe fatto la doccia più tardi, e quando sono arrivato alla porta, ha detto:

tira fuori il tuo cazzo

L’ho indossato e lei ha iniziato a masturbarmi finché non sono tornato, ma questa volta è stato in faccia che mi ha leccato un po’ il cazzo che aveva la sborra sopra e l’ha ingoiato così me ne sono andato.

Ero dentro l’autobus, ha inviato una copia della sua conversazione con sua figlia, ha inviato una foto della sua faccia con il mio seme e sua figlia è impazzita e ha detto che suo padre, il marito della ragazza, non poteva saperlo, lo sono complici tra loro e lei ha detto che voleva di più ma ora deve essere madre e figlia.

Altre storie erotiche  Io, Sabrina e Vanessa a Serra Gaucha

È sesso caldo vecchio stile con la figlia e sesso caldo con la madre allo stesso tempo.

Sto aspettando entrambi.

Pubblicherò altre storie qui presto.

Commenta, lascia note e se vuoi contattarmi, chiamami. Vengo dall’est di San Paolo, amico e confidenziale.

E alla fine mi ha inviato un video di 30 secondi colpendo una siririca gemendo e chiamando il mio nome.

Delizioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *