Ho realizzato la fantasia di un amico 2

di | 9 de Dicembre, 2022

Una volta mi è stato detto che per rendere sopportabile la realtà, tutti noi dobbiamo coltivare dentro di noi una certa follia. Sono sempre stato un moralista, un difensore dei buoni costumi e ho sempre cercato di rispettare il più possibile il mio matrimonio. Ma conoscere Malbec mi ha aiutato a capire la verità di questo folle detto. L’intimità con lui si era sviluppata in modo piacevole e folle per un uomo normale come me. E la vista di questa dea d’ebano ha cominciato a intorpidire i miei sensi e ha raggiunto il limite del mio ingegno rimanente.

La mattina presto ho ricevuto delle scuse per il video hot che mi hai inviato. Era nuovo per me, provocava un certo stupore, certo, ma mi affascinava anche e mostrava un piacere quasi sessuale da parte sua nel parlarmi. Come ti ho detto, questo legame mi aveva già inebriato nel profondo.

Lo guardai e mi chiesi cosa rispondere. La verità è che durante la notte in cui ero un po’ assonnato, non riuscivo a smettere di pensare alla moglie del ragazzo. Era già più coinvolta nelle sue fantasie di quanto pensasse. Ho chiuso con i guai di Malbec. Gli ho mandato un saluto raggiante e gli ho detto che non c’era niente da rimpiangere, dopotutto siamo amici e tutto quello che è successo è stato mutuo permesso.

Io: Quello che devo dirti, Malbec, è che sono tanto affascinato quanto temo tutto questo. Non avevo mai provato nulla di simile prima. E devo ammettere che quella notte non ho dormito bene.

Malbec: hehehe, davvero amico?

Io: Fratello, a dire il vero, l’immagine di Rejane non riesce a togliersi dalla testa…

Malbec: Come ti senti ora fratello?

Io: Volendo fargli un bel tributo…

Malbec: E come ti immagini mia moglie, amico?

Io: Con questo vestito giallo, senza niente sotto… E avanzando sul mio corpo senza alcuna vergogna, baciandomi voracemente…

Malbec: Wow amico… sei emozionato? – E mi ha mandato una foto di lei quasi completamente nuda, sdraiata su un fianco, con solo la parte inferiore della sua lingerie e il suo culo che praticamente gli sfiora l’inguine, urlando per un cazzo…

Io: Merda amico, dovrò suonarne uno qui che meraviglia questa donna è porca merda…

Malbec sembrava trarre piacere sessuale dalla mia eccitazione, ma in quel momento non mi importava. Non erano nemmeno le 8 del mattino e stavo già facendo fatica a pensare alla moglie del ragazzo. Ho reso i miei più sinceri rispetti alla signora Rejane e ho iniziato il mio lavoro quotidiano, dopotutto, chiunque faccia soldi stando sdraiato è una bomba, kkkkkkkkkk.

Era un giovedì. Venerdì mia moglie ha deciso di andare di nuovo a trovare sua sorella. Nei tempi che stavamo attraversando, tutto il denaro che entrava in casa era aiuto. Rejane lavorava a casa di sua sorella, pulendo la casa ogni due settimane e vendendo gioielli. E io, nutraceutica, profumeria, cosmesi, makeup nella società di Network Marketing in cui ero entrata. Malbec aveva un’enorme banca di ore da perdere, quindi lavorava secondo i suoi orari e spesso non si presentava nemmeno al lavoro. Lavoro da casa. Con questo programma a disposizione, non è stato difficile per noi provare a sistemare qualcosa a casa sua.

E questo venerdì era il momento giusto per mangiare il frutto del serpente. Réjane Malbec è tornata a casa presto dal lavoro ed è andata con sua madre, che viveva nelle vicinanze, per prendersi cura di lei rapidamente. La mia amica voyeur ha preparato l’ambiente, ha lasciato tutta la casa in ordine perché la donna non si lamenti di niente. E suo figlio? Hahaha, mandato a casa di uno dei 3 fratelli. La casa era gratis per noi. Dato che sono un consulente molto diligente, mi sono vestito con personalità, con un blazer nero, jeans e scarpe Mister Cat, è così che mi sono presentato durante le demo dei prodotti, ed è così che ho rafforzato la mia immagine, ho cercato di essere super professionale. E ho messo il miglior profumo della mia borsa, Apollon, e ho portato un Uber al mio amico. Mi hanno accolto come un vecchio amico di famiglia. Mi ha baciato due volte sulla guancia dopo un grande abbraccio e mi ha portato nel suo appartamento. Non appena ho scambiato circa cinque parole con la conduttrice, la padrona di casa si è cambiata indossando un abito giallo con una scollatura a ballata molto sexy e tacchi che la rendevano alta quasi quanto me, alla mia altezza di 1,93 m. I suoi capelli ricci erano tirati di lato, intrecciati e non molto lunghi, che le arrivavano al mento. Sembrava che stessimo andando a cena fuori. Ma sarebbe nel suo appartamento. La sua presenza era imponente. Ha riempito l’atmosfera. Una donna di colore sulla quarantina si toglieva il cappello e tutto il suo abbigliamento ovunque andasse. Non era riservata come mia moglie, non si limitava a una semplice stretta di mano. Si avvicinò per abbracciarmi, scambiandosi tre baci relativamente vicino alle mie labbra, e potevo sentire il profumo provocatorio della crema idratante al profumo di frutto della passione sulla sua pelle. E il mio profumo non è passato inosservato.

Altre storie erotiche  cibo fatto in casa

Rejane: Piacere di conoscerti, Chronos… il tuo amico ha parlato di te qui a casa. Ma non mi ha detto che eri così alto lol. E fragrante, wow…

Io: Grazie, tesoro. Sono onorato di poter incontrare l’adorabile moglie del mio amico. Non riesce a smettere di parlare di te. Hanno una bella famiglia. E anche se può sembrare indelicato, non posso fare a meno di dire che nelle foto non sei radiosa come ti vedo oggi. Ho adorato il tuo sorriso.

Rejane: E ho adorato il tuo look. E profondo e affascinante come la foto che mi hai mostrato. – Sotto il tuo vestito non c’era il reggiseno. Il gonfiore dei suoi seni era evidente. C’era una chimica tra di noi che stava crescendo in quel momento. Stavamo già finendo gli argomenti di cui parlare, quando il nostro capogruppo ne ha approfittato per cenare, dove avevano preparato una deliziosa lasagna accompagnata da un Prosecco Valdo. Non ho idea di quanto costi. Per me, se avessi una bibita, sarebbe sufficiente. Ma, per non disturbare la bella coppia, li ho accompagnati mentre assaporavano il dono della notte. Non avevo mai bevuto vino prima. Non ho bevuto. Ed ero troppo sobrio per non rovinare la serata, perché la festa non era ancora cominciata.

La nostra conversazione era molto rilassata e la compagnia era già un potente afrodisiaco. Questa donna trasudava sensualità. Malbec non disse quasi nulla, preferendo lasciarmi libero, rafforzando il legame tra me e l’esuberante Réjane. In effetti, le parole hanno perso la loro forza e il loro valore in questo momento. Sebbene noi tre fossimo alla stessa distanza, l’atmosfera era lì: sapevo perché ero lì e il Malbec non ha mosso un dito per dirigere qualcosa. Réjane mi ha offerto una mousse al frutto della passione per dessert, quindi non ho resistito e ho detto:

Io: quale?

Réjane: Cosa intendi lol? Ho appena fatto una mousse, in refrattario, per noi tre!

Io: sto parlando della mousse ricoperta di cioccolato… Hahaha!

Réjane vide che l’intenzione era chiara. Non lo lascio per meno:

Réjane: beh, volevo inumidire la tua bella pentola con una delle mie ricette per addolcire questa sera, ma siccome il ragazzo che ha fretta vuole tuffarsi nella portata principale… – non ha nemmeno finito di parlare, modifica il suo discorso con un bacio carnoso che si approfondiva man mano che le nostre lingue si rincorrevano…

Altre storie erotiche  Sesso sull'autobus - Storie erotiche

Rejane: wow… che bocca dolce…

Io: è perché non hai ancora provato il resto!

Rejane: Sfacciato, hehehe… Mi piace! Con quella faccia birichina che ha, si è anche comportato bene: lo interruppe in un bacio più gratuito. Malbec venne dietro e mi tirò giù la giacca, Rejane si alzò e si sedette sul mio membro duro con il mio corpo tra le sue gambe sulla sedia.

Malbec: (vicino al mio orecchio) Divertiti, la notte è tua adesso.

Mi tolse la giacca dagli occhi mentre Réjane mi sbottonava lentamente la camicia bianca. Ci siamo alternati a baciarci ea morderci il collo. Ogni volta che i miei denti toccavano la sua pelle, rabbrividiva tutta. I suoi gemiti iniziarono ad aumentare e la mia bocca scese lungo il suo collo fino a quelle montagne nere mature.

Réjane: Aiiiinnn, figlio di puttana! Mi fa impazzire… mi succhia i capezzoli, sì! Accidenti, che bocca calda e deliziosa! – lo dissi mentre mi rotolavo sul membro, ancora chiuso nei pantaloni. La mia mano destra è scivolata lungo la sua gamba liscia e idratata fino al suo inguine, un minuscolo paio di mutandine, non riuscivo a vederle, forse lingerie, dato che erano di pizzo. Rejane si tolse la maglietta e si spostò sui miei capezzoli, mordicchiandoli e succhiandoli spingendo la mia potenza al massimo. Mi sono strappato la cintura e contemporaneamente mi sono tolto i pantaloni e le mutande. Si è inginocchiata tra le mie gambe e senza tante cerimonie ha fatto scomparire il mio cazzo tra le labbra carnose della sua bocca. Disse che era meraviglioso perché anche se non era grande come il Malbec, era delizioso e potevo inghiottirlo intero.

Io: Wow Rejane, questo è il miglior pompino che abbia mai fatto! – Disse mentre ingoiava tutto il mio membro, e la sua mano massaggiava il mio perineo il più vicino possibile. possibile dal mio culo.

Réjane era impertinente. Sapeva cosa fare per compiacere un uomo a letto, a differenza di mia moglie.

Rejane: Questo sarà il mio dessert, vedi, micio?! Goditi senza paura che ti trucco in un batter d’occhio!

Quindi non volevo venire. Ma il suo ordine era così incisivo che cominciai a metterlo in bocca alla cagna senza pietà. Réjane si è tolta il vestito, si è tolta le mutandine e ha cominciato a masturbarsi. I suoi gemiti sul mio cazzo mi hanno fatto alzare dalla sedia e prendere il controllo di questo momento delizioso. Réjane si sottomise alla mia volontà e ricevette violenti colpi in fondo alla gola. Il divertimento si stava avvicinando rapidamente. Ho pensato di togliergli il cazzo dalla bocca per non soffocarlo, ma… Dannazione! L’erezione era così forte che mi ha fatto desiderare ancora di più. Ho finito per avere un orgasmo. Ma mai nella mia vita ero venuto in bocca a una donna (la mia non aveva mai accettato un’eiaculazione nel suo seno, figuriamoci nella sua bocca)!

Regina: Wow! Che latte caldo! Tesoro, diventerò dipendente da questo regalino che mi hai fatto! Vieni in camera da letto, vieni! A quanto pare non avrò bisogno di rianimare il tuo giocattolino, sei di buon umore.

E andò. Prima che il mio cazzo iniziasse ad ammorbidirsi, mi ha buttato sul letto e ha fatto 4 in un voluttuoso 69. Che donna intensa e animalesca! Il mio cazzo è diventato così duro che non mi sentivo nemmeno come se avessi perso il potere! E ancora: mi sono ritrovato in questa dolce figa! Ero fresco del pompino che mi aveva fatto prima, ero molto fradicio.

Altre storie erotiche  1a volta sull'altalena

Da quel momento in poi, è stata lei a comandare. Ovvio. Malbec era già sulla sedia in camera da letto con il cazzo in fuori, che faceva smorfie e bocche, mentre la donna lo succhiava e lo guardava desiderarle entrambe contemporaneamente. Lo ha toccato con le dita e ha cavalcato il mio cazzo, iniziando una cavalcata molto selvaggia e succhiando suo marito che ora era in ginocchio davanti a lei.

Malbec: Ehi amico, cosa ne pensi?

Io: cazzo fratello, non posso portare Rejane a casa, vero? LOL

Réjane: ummm… Ti prenderai cura di me, eh, micio? Mô, ho giocato in questo nero!

Io: Scuotilo, cane mio, scuotilo… Figlio di puttana, caldo.

Réjane: Mi piace essere insultato, figlio di puttana! DAGLI QUEL PICK, MERDA! CAZZO VOGLIO DORMIRE OGGI! AAAAA, MERDA, STO ARRIVANDO… STO ARRIVANDO… AAAAAAAAAH!

Quel figlio di puttana è oltraggioso, dannazione! Malbec le bagnò tutto il viso di sperma ei due continuarono comunque a baciarsi. Réjane mi ha messo giù e io e Malbec abbiamo cambiato posizione: lui si è sdraiato e io sono rimasto dietro di lei. La diva nera si sdraiò sopra il marito e io, da dietro, le infilai il membro nel buchetto del culo. Per la prima volta nella mia vita ho partecipato a una DP. Rejane era incantata da due uomini che possedevano il suo corpo. Mi ha fatto impazzire ragazzi, ho investito tutto quello che avevo per far rotolare il culo alla mia amante e farla urlare di dolore e piacere allo stesso tempo. Rejane voleva più cattivo, più cattivo, e ha detto che anche se ero più giovane, ero molto bravo a scopare.

Questo ovviamente ha riempito il mio ego. Le afferrai i fianchi e le riempii il culo con uno schiaffo completo. Mi ha insultato e mi ha sorriso nel modo più sodomizzante possibile. Si stava avvicinando un nuovo orgasmo. Ho accelerato i colpi e schiaffeggiato di più le natiche di Réjane, che ha reagito chiudendo il suo cazzo, stringendo il mio membro in un modo molto delizioso.

La serata non poteva andare meglio. Réjane è finita in cima, ricevendo una doppia sborrata sul viso e sulle tette da me e Malbec.

Malbec: Amico, approfitta del fatto che sarai a casa da solo, non tornare oggi! dormi con noi È troppo tardi !

Io: sarà un piacere per me…

Réjane: La festa è tua, angelo mio! Non so se te l’ha detto, ma quando ho visto la tua foto per la prima volta, ho capito che aveva scelto lui il regalo per me. Mi sono innamorato, sei molto delizioso. Dobbiamo ripetere.

Malbec: Se uno di questi giorni vuoi uscire con lei, dì solo una parola! Grazie per questo piacere che mi hai dato!

Io: Mai nella mia vita avrei pensato di sentirlo dire da un altro uomo. Prego fratello!

E la mousse al frutto della passione? Aaaaaakkkkkkkkk! Non ho dimenticato, no. Giocai con il bicchiere di schiuma stendendolo sul suo corpo e prendendolo con la bocca. Réjane è impazzito.

È l’inizio di una vita da puttana con questa coppia di amici pazzi. Tuttavia, Malbec mi ha sempre invitato ad avventure più folli di quella notte. Forse un giorno te lo dirò!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *