Ho scopato la mia matrigna in macchina!

di | 8 de Dicembre, 2022

Buon giorno! Mi chiamo Heitor e ho deciso di iniziare a condividere con i lettori di questo sito le tante puttane calde che ho vissuto finora.

È successo quando avevo 20 anni. Il mio uomo di 45 anni usciva con una ragazza di 29 anni di nome Luana, molto calda, stile stravagante. Bruna, capelli castani lisci, gran bel culo, gambe toniche, saradinha e seni di silicone. I due erano una coppia da circa un anno e mezzo, fino al giorno in cui mi sono fermato a casa di mio padre, ho visto la sua macchina parcheggiata fuori con lei dentro e sono andato a salutarlo.

Ma quando mi sono avvicinato, ho capito che stava piangendo. Quando ha aperto la finestra per parlarmi, ha cercato di nasconderlo, ma io, che immaginavo già cosa potesse essere, ho insistito per sapere se andava tutto bene. Sono salito in macchina, ho insistito ancora un po’ e lei ha finito per rivelare tutto: il mio vecchio l’aveva tradita, come immaginavo. La verità è che l’ha sempre tradita e lei l’ha scoperto solo ora. Ho finito per aprirmi con lei, e lei ha iniziato a piangere ancora di più, e ho cercato di confortarla.

A poco a poco si è calmato e ha detto che se ne andava, che non sarebbe più tornato e che non avrebbe mai guardato in faccia mio padre. Riconobbi che sarebbe stato meglio per lei, che lui era comunque inutile, e lei accettò. Poi mi ha ringraziato per la mia attenzione e la mia sincerità e siamo andati a dargli un ultimo abbraccio di saluto.

Fu un abbraccio lungo e stretto. Ho sentito i suoi seni contro di me, il suo calore, il suo profumo, e mi ha subito eccitato. Il mio cazzo si è indurito nei miei pantaloni e apparentemente anche lei ha sentito qualcosa. In quei momenti, con i nervi colpiti, è molto facile che la cornea si presenti come una valvola di sfogo. Questo è quello che è successo a me e lei. Quando l’ho saputo, mi stava guardando negli occhi, le nostre bocche molto vicine, e ci siamo baciati.

Altre storie erotiche  Janaína - ricadute (parte 2)

Fu un bacio lungo, intenso e molto umido. Molta volontà e molto linguaggio da entrambe le parti. Ben presto il bacio divenne qualcosa di più. Abbiamo iniziato a baciarci intensamente. Mani su tutto il corpo… Sulla schiena, sul collo, sulle gambe… Poi ho tentato la fortuna sui glutei e sul petto. Stava entrando e uscendo dal gioco, ho sentito la sua mano sul mio cazzo sopra i pantaloni, poi dentro… Quindi ho tolto tutto per renderle le cose più facili hahaha. Non appena ho finito, era già chinata per prendere il mio cazzo in bocca. Ho reclinato il sedile e le ho lasciato fare il suo lavoro come avrebbe dovuto.

Che pompino delizioso gli ha fatto! Ha succhiato molto gustoso mentre mi masturbavo. A volte scendeva nelle palle, leccava e succhiava di nuovo il cazzo. Ho delirato nella sua bocca, sciogliendomi tutto, sospirando, dimenandomi sulla panchina, ma non ci sono arrivato. Per me è molto difficile godermi il sesso orale e ben presto ha cominciato a stancarsi, anche a causa della cattiva posizione che l’ha costretta ad avere il seggiolino. Quando ho notato che il gatto stava perdendo slancio, l’ho tirato verso di me e ho cominciato a baciarlo. Ho persino assaggiato la mia stessa pelle nella sua bocca, leggermente salata. Erano baci lussuriosi come quelli all’inizio, ma questa volta non ci vollero molto. Le ho detto che toccava a me uscire dalla sua bocca, ma lei ha detto di no. “Voglio che mi fotti!” rispose lei, togliendosi le mutandine sotto il vestito e sedendosi sopra di me, una gamba per lato, la figa che già toccava il cazzo che teneva con entrambe le mani per facilitare la penetrazione. .

Quando Luana ha cominciato a scendere e il mio cazzo le ha invaso la figa, siamo andate fuori di testa entrambe. Emise un gemito lungo e prolungato, il viso contorto dal piacere, e io avrei dovuto avere la stessa reazione. Non appena è entrato tutto il cazzo, ha cominciato a muoversi su e giù, forte, la sua pelle scoppiettava contro la mia, i suoi gemiti si mescolavano ai miei. Il finestrino dell’auto si stava appannando e probabilmente si poteva vedere l’auto che si muoveva al nostro ritmo, se qualcuno osservava attentamente dall’esterno. Il mio vecchio era dentro casa: guardava fuori dalla finestra? Questa possibilità mi eccitava ancora di più; come se avessi bisogno di ancora più eccitazione che scopare questa mora super sexy, con il corpo di una musa di Instagram.

Luana rimbalza deliziosamente sul mio cazzo. Le sue mani si posano sul mio petto e affondano nelle sue unghie. Più di una volta il mascalzone mi ha messo una mano sulla faccia, mi ha chiamato puttana, mascalzone e mi ha chiesto se andava bene mangiare la sua matrigna. Disse che il mio cazzo era molto più caldo di quello di mio padre e che ci aveva già fantasticato. Anch’io, ovviamente, avevo fantasticato mille volte di mangiarlo, ma non dissi niente. Alzai invece il mio corpo per baciarla, senza allontanarmi da lei e lasciando che continuasse il movimento. Ho iniziato a succhiarle quelle grosse tette, a baciarle il collo, a stringerle il culo, noi due seduti avvinghiati, il seggiolino dell’auto sdraiato. Presto ho cominciato ad accarezzargli anche il culo, inserendo la punta delle dita e poi ancora, ma non l’avrei fottuto… Non quel giorno.

Altre storie erotiche  Uno sconosciuto - Storie erotiche

Poi è stato il mio turno di essere in cima. La feci sdraiare sulla panca e le scivolai tra le gambe. Ho iniziato a scoparla forte, succhiandole la bocca, il collo, l’orecchio. Lu rotolò sotto di me, gemette forte, mi afferrò, artigliata. Il ritmo aumentava mentre i suoi gemiti si intensificavano e lei chiedeva sempre di più. L’aria era già appesantita dall’erezione e dal sudore. Ho cercato di obbedire, ho cercato di aumentare ancora di più l’intensità, di mangiarla ancora più forte, e lei è andata sempre più in alto, sempre più in alto ansimando, e l’ho raggiunta. Quando ho sentito il mio sperma uscire è iniziato con “non fermarti!”, “non fermarti!”, sempre più forte, sempre più teso, pazzo, espresso. E continuo, obbedisco, mi do anche, sapendo che il mio godimento è inevitabile in ogni momento.

È allora che lei stessa raggiunge l’orgasmo, e io lo sono immediatamente. Ci siamo incontrati lì in questo vagone sauna. Vengo nella figa calda della mia matrigna (solo allora mi rendo conto che non usiamo il preservativo, ma sarebbe un problema per un’altra volta… niente che una piccola pillola non possa risolvere). A poco a poco i miei movimenti svaniscono e rimaniamo lì ancora un po’, avvinghiati, a scambiarci baci. Il mio sperma inizia a colare lungo la sua gamba e forma una macchia sulla panca.

Non passò molto tempo prima che il mio cazzo, che non aveva ancora perso del tutto l’erezione, cominciasse a dare segni di volere di più, ma Luana richiamò l’attenzione sul rischio che stavamo correndo. Ho detto che dovevo andare e ci siamo vestiti in fretta. Prima di scendere dall’auto gli do ancora un ultimo bacio, seguito dallo scambio di sorrisi maliziosi, senza tante parole.

Altre storie erotiche  pagina non trovata

Dopo che se n’è andato, sono entrata in casa e ho visto mio padre che guardava la TV, completamente ignaro del fatto che era appena entrato nella fica della sua ragazza fuori casa. Salii in camera mia senza dire una parola.

Contrariamente a quanto sembrava, la loro relazione non è finita qui. Sono durati “insieme” altri due anni, ma lei ha cominciato a seguire le stesse “regole”, anche se lui non lo sapeva. Ho continuato a mangiarlo con una certa frequenza, ma Luana ha cominciato a darlo anche ad altri, mentre si godeva i soldi che la corona babbana le dava sentendosi una sugar daddy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *