Il brutto pedone!

di | 8 de Dicembre, 2022

Grazie a tutti! Per capire meglio cosa succede in questa storia, sarebbe interessante leggere il precedente ok! Spero che abbiate tutti orgasmi deliziosi mentre immaginate le mie avventure! Baci

Quando mi sono svegliato la mattina, ho sentito dolore in tutto il corpo. Mi voltai lentamente pensando a tutte le volte che ero stato lì la sera prima. Un sorriso malizioso germogliò sulle mie labbra, ma mi vennero in mente le parole di zio André… Sei mio! Ho davvero bisogno di uscire di qui perché stavo guardando il maiale torcere la coda in un attimo. Dopotutto, mia zia Ana è dolce, ma non c’era niente di stupido in lei.

Pur sapendo che nessuno dei ragazzi era in casa, aveva paura di scendere le scale. Tuttavia, quando non ce la facevo più, mi sono alzato, mi sono fatto una doccia e sono andato a prendere del cibo.

Arrivo in cucina, trovo mia zia Ana al lavello.

– Guarda chi ha deciso di svegliarsi!

– Mi dispiace zia, non mi sento molto bene. Mi ha guardato un po’ sospettosa, ma non ha detto niente.

– Zia, qualcuno può portarmi alla stazione degli autobus? Volevo davvero tornare a casa.

– Lascia perdere figlia mia, chiederò a uno dei passanti di accompagnarti a casa. Vai di sopra e prepara tutto prima di pranzo. Peccato che Augusto non sia in casa, ho dovuto chiedergli di cercare da mangiare in paese.

– Sospirai di sollievo e corsi a fare le valigie. Ho scritto una nota a ciascuno dei ragazzi e ho organizzato tutto. Ho indossato il mio vestito giallo che adoro, un paio di scarpe da tennis e sono scesa a pranzo. Dopo aver aiutato zia Ana a lavare i piatti, saluto tutti. Quando salgo sul camion, mi rendo conto che il pedone che sta per portarmi è sulla strada sbagliata. Alto, moro, sudato e dall’aria da delinquente! Come possono le persone non essere cattive se queste persone non collaborano!

È salito sul camion e abbiamo continuato per la nostra strada. Più volte ho provato a fare domande al peone (il cui nome poi ho saputo era Daniel) ma lui rispondeva sempre a monosillabi. mi ha infastidito Mentre stavo sveglio tutta la notte, mi sono adattato sdraiandomi su un fianco e allungando una gamba sulla panca mentre mi addormentavo.

Ad un certo punto ho cominciato a sentire una mano ruvida che mi correva lungo le cosce, all’inizio pensavo di sognare ma quando ho sentito un dito grosso passare attraverso l’elastico delle mie mutandine ho capito che non era un sogno. Ho tenuto gli occhi chiusi aspettando che continuasse le sue buffonate. Quando il suo dito si avvicinò alle labbra della mia vagina, crollai e sospirai. Si è spaventato ed è andato via in fretta. Dopo un po’ mi sono “svegliato” e mi sono comportato come se niente fosse niente.

– Ti dispiace fermarti? Devo andare in bagno.

– Signora, qui ci sono solo cespugli. Il prossimo articolo è lontano da qui.

– Nessun problema, mentre ti costringo a guardarmi, dissi strizzando l’occhio.

Più tardi, ha fermato il camion. È sceso velocemente perché era molto impegnato. Non mi importava nemmeno di lui, mi stava seguendo. Non appena ho trovato un posto, mi sono abbassato i pantaloni e mi sono rilassato. Stavo finendo di sistemarmi le mutandine quando ho alzato lo sguardo e ho visto che anche Daniel stava urinando, ma a differenza di me, che stavo diventando tutta femminile sulla schiena, lui mi stava guardando con il suo cazzo nudo. E che cazzo! Non era grande come quello di zio André, ma era grosso, striato. In quel momento, la mia figa tremolava e la mia bocca salivava. Non vedevo l’ora di uscire e prendere freddo a quel cazzo.

Rendendosi conto che non stavo rispondendo, Daniel si è avvicinato a me, il suo cazzo ancora fuori. Ero veramente eccitato. Lui con lo sguardo di chi ha trovato la preda giusta, e io con lo sguardo di un pervertito pazzo di succhiare quel grosso cazzo. Daniel non ha dovuto dire niente, mi sono avvicinato e ho iniziato a succhiarlo. Senza pietà o pietà, questo peone sudato ha iniziato a darmi un pugno in fondo alla gola. Gemevo e sbavavo cercando di non ammalarmi mentre Daniel sembrava un toro arrabbiato. La mia figa era fradicia, con una mano pompavo il cazzo di Daniel e con l’altra mi lisciavo la figa. Non mi ci è voluto molto per sentire il primo getto caldo di sperma in fondo alla mia gola, allo stesso tempo era gustoso.

Stavo per alzarmi quando due mani forti mi afferrarono per le braccia. Daniel mi ha tenuto tra lui e il camion mentre mi baciava sulla bocca. Non avevo tempo per niente, solo per tenere il passo con il ritmo impaziente di quelle labbra carnose. Quella mano ruvida spingeva giù le spalline del mio vestito, mentre la bocca calda mi succhiava la pelle. Quando ha preso i miei piccoli seni, mi ha morso il becco con desiderio. Gemetti e le afferrai forte i capelli.

– Che puledra capricciosa! Voglio domarti da quando ti ho visto! Hai incasinato la testa a tutti, demone.

Ho ascoltato e non ho elaborato nulla. Ho appena gemuto… ho sentito quelle mani spesse e forti su di me e quel grosso cazzo che si sfregava contro il mio stomaco.

Indifferente, Daniel mi ha fatto voltare e mi ha appoggiato sul tetto del camion. Ho sollevato il vestito, mi sono strappato le mutandine e ho iniziato a leccarmi la figa. Pensavo che i ragazzi e lo zio Andre sapessero succhiare, ma niente era paragonabile alla lingua di quel marinaio. Non mi importava nemmeno se passava gente, volevo solo che mi cavalcasse, mi mangiasse volentieri e mi facesse venire. Come se avesse sentito i miei pensieri, ho sentito Daniel bagnarmi il culetto. A quel tempo, ammetto che ero preoccupato, ma non ho avuto il tempo di pensare troppo.

Il pedone tremava e respirava rapidamente. Senza alcuna cerimonia, ha messo il suo cazzo all’ingresso del mio culo e ha cominciato a forzarlo. Faceva un male da morire… Ho quasi pensato di arrendermi… Ma la voglia di venire era più grande del dolore.

– Rilassati, lascia che il mio cazzo affondi in quel culo stretto! Questa puledra, prendi il tuo dollaro… Tenendomi i capelli stretti, parlandomi all’orecchio e toccando il mio pulsante sensibile, si è avvicinato. Eravamo sudati e gemevamo senza sosta. Quando ha seppellito completamente il suo cazzo, ho singhiozzato di dolore e piacere. La mia pedina malvagia si è letteralmente messa a cavalcioni su di me, chinandosi su di me e colpendo con il naso, gemendo e ruggendo come un toro arrabbiato, mentre lo salutavo.

Ero quasi arrivato quando vidi in lontananza un ragazzo con gli occhi fissi su quello che stavamo facendo. Spaventato, ho provato ad alzarmi ma Daniel mi ha abbracciato ancora più forte.

– Divertiti puledra, fammi vedere come gemi per il tuo maschio…. Fammi vedere come sei una puttana combattente…. Quando mi tiro i capelli, la mia spina dorsale si solleva leggermente e il mio seno è scoperto. Chiusi gli occhi e mi lasciai trasportare dal momento.

– Ora, puledra, prendiamo in giro il bambino. Non ce la facevo, quando ho sentito la spinta profonda, e il contatto contro il mio clitoride e la sequenza di schiaffi sul mio sedere, ho lasciato andare. Gemendo forte, mi avvicinai sentendo il cazzo caldo nel mio culo e allo stesso tempo guardando il ragazzo entrare nella sua sega.

Daniel mi ha baciato lentamente il collo, la schiena mentre ci riprendevamo. Quando ho alzato lo sguardo, non ho più visto il bambino. Dopo circa 5 minuti ci siamo preparati e siamo tornati al camion.

– Hai rotto il pedone delle mie mutandine!!!! Il bastardo rise come se non avessimo fatto niente.

– Non prendermi in giro puledra. Devo accompagnarti a casa!

– Ruvido! E che schifo hahaha

Mentre ci avvicinavamo a casa mia, Daniel fermò la macchina. L’ho guardato con aria assente e lui mi ha attirato in un caldo bacio pieno di promesse.

– Aspetta puledra! E aspettami, perché presto apparirò qui. Ho sorriso pensando ai volti dei miei genitori quando ho visto quest’uomo fermo sulla porta di casa loro… Ancor di più alla mia età.

“Oh, e la prossima volta avremo compagnia”, urlò mentre il camion si avviava.

Compagnia Ara… Che compagnia mio amato padre.

Sono entrato in casa e l’ho trovato vuoto. Ho ringraziato Dio così sono riuscito a correre nella mia stanza e sembrare presentabile. Mio Dio, dopo aver scoperto che la figa non è fatta solo per fare pipì, diventa molto difficile resistere alle tentazioni!

Cosa significava questa pedina per compagnia? ? Beh, sto aspettando di scoprirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *