Il culo di Cristina

di | 9 de Dicembre, 2022

È stata dura questa settimana. Dura in ogni modo. Dopo aver massaggiato “l’ego” della mia donna delle pulizie, abbiamo passato la settimana senza parlarci, vale a dire che domenica ho mandato uno zap con una gif di “ciao”. Immaginavo di iniziare la settimana con un gesto da lì, ma a quanto pare il cinquantenne ha agito duramente per realizzarlo. Non so nemmeno quando ha visto il messaggio, sono passate ore prima che mi inviasse un commento.

“Stai davvero scrivendo di me?

“Fammi leggere una delle tue storie.

Avevo già immaginato di inviare una foto del mio cazzo, un link a una brava troia. Non volevo inviare una piccola storia in modo che non mi trovasse su Internet, sapendo chi affermava di essere. Ma su richiesta ho deciso di inviare due racconti più soft: “Flor e Velas” e ho inviato anche “Cris the Seductive Cleaner”. Ho pensato di inviare uno dei più letti, ma a causa del titolo, ho deciso di aspettare la reazione ai primi due.

Era martedì mattina quando è arrivato il messaggio: una faccina emoji, poi un breve sms.

“Mi è piaciuto essere il fiore”

Mi sono fatto coraggio e più tardi gli ho mandato “Il culo della donna delle pulizie”. Sono ancora preoccupato, ma con questo testo ho voluto chiarire le mie intenzioni per venerdì prossimo.

Non mi ha risposto fino a giovedì, un’altra breve risposta.

“Più pazzo di quanto pensassi.”

“Sognandoti tutta la notte. – reddito.

Gli emoji sono arrivati ​​due baci, due, non ci credevo. Ma ehi, forse non è niente.

Mentre queste conversazioni continuavano, mi torturavo masturbandomi, ricordando la folle scopata in mezzo alla cucina. Non sapevo se qualcuno dei vicini ci avesse visto in azione. Erano ore e ore di erezione a sognare la tenera carne della governante, Cris sembrava ancora più birichina e bella in questi momenti di orge solitarie. Ho pensato di mandargli una sborrata, ma poi ho pensato che fosse la cosa più ridicola da fare: un uomo, per non parlare del suo capo, con una macchia bianca e un cazzo sgonfio sui suoi voti.

Per fortuna no, per fortuna è arrivato venerdì.

Sono passate nove ore e niente. Erano quasi le dieci e cominciavo a preoccuparmi, ecco che la porta si è spalancata, è stata lei ad entrare come se niente fosse, come se non fosse in ritardo. Sorrise ampiamente, salutò con la mano e andò in bagno a cambiarsi.

Quando tornò, aveva già la scopa e la pala per iniziare a spazzare. Era vestito con abiti da lavoro, a piedi nudi. Ma i capelli erano proprio come piacevano a me, capelli neri, corti e ricci, anche meglio curati. Anche così, ho dimostrato di non apprezzarlo.

– Cosa sta succedendo?

– Non ti avevo detto di stare senza niente in casa?

Afferrò la scopa con entrambe le mani, gli occhi che brillavano di soddisfazione e un sorriso che si trasformò in una smorfia. Si girò su un fianco e se ne andò, chiudendo le tende dell’appartamento. Tornò indietro camminando solo in punta di piedi, mi guardò con orgoglio e iniziò uno spogliarello piuttosto lento, togliendosi prima il top arancione. Poi si sbottonò le mutandine verdi e le lasciò cadere a terra.

– E il resto?

– Tutto Ed?

– Tutto.

Si sdraiò sulla schiena e si slacciò il reggiseno nero, si girò, nascondendo i seni con le mani, che gradualmente si abbassarono finché apparvero i suoi seni paffuti, i suoi capezzoli neri e la sporgenza del capezzolo si indurì. Si chinò un po’ e tirò giù un paio di mutandine di pizzo rosso, gettandole da parte e guardandomi in faccia. Tornando a coprirle i seni con il braccio mentre la sua mano le copriva il sesso.

– E tu, quando sarà?

– Prima spazza la casa, fai il tuo lavoro perché voglio guardarti.

E siccome Cristina era più carina, si capiva che si era presa cura di sé. Quando riprese in mano la scopa e si mise al lavoro, vide che i peli sulla sua vagina erano ormai minimi, un triangolo ben curato. Indossava un rossetto ocra, il viso truccato. Cris ha riso quando mi ha visto a bocca aperta ammirando le sue capacità. Uscì a spazzare la casa canticchiando sottovoce una canzone.

Non ho sentito un bip per quasi mezz’ora. Lasciarla nuda oltre a far bene agli occhi ha anche fatto perdere la parola a Cris. Mi distesi sul divano con in mano il tablet, il mio cazzo si indurì mentre la ascoltavo spazzare le stanze. La mia immaginazione si è scatenata, ho visto e visto il corpo del mio servitore, preparandomi a quello che sarebbe successo quando fossi arrivato in camera da letto.

È solo che è arrivata molto prima del previsto.

– Oh, Edu, non farmi questo. Io nuda qui e tu là con un cazzo duro ancora in mutande.

– E quello?

– Vuoi torturarmi?

Lasciò che la scopa si schiantasse a terra e si avvicinò a me. Si fermò davanti a me, il triangolo peloso di un gatto con il braccio teso.

– È stato difficile in questi giorni, wow! È difficile per me accettarlo e ora mi tratti come se fossi solo da ammirare, tutto qui!

Parlava con voce di ragazza, la manina della mora cominciò ad accarezzare la sua stessa coscia, poi il suo inguine, il pollice sul pube e le altre dita scomparvero tra le sue cosce. Apparentemente a Cris piaceva essere ammirato mentre si masturbava.

Non sapevo pensassi tutto questo di me. Esponendomi così agli altri, Edu?

– Lui ha amato?

– Aaaaaaa! Oh mio Dio Ed!

La mano non era più liscia, prudeva e scoppiava. Era profondo tra le labbra umide. Il forte profumo di Tara prese il sopravvento nello stesso momento in cui un leggero sudore cominciò a scorrere tra le dita. Il mio cazzo ha iniziato a pulsare.

– Mi hai reso una puttana. Una puttana per migliaia di uomini.

– Potresti riempire una piscina di sperma. Merda in suo onore Cris.

Si morse forte il labbro, il suo sguardo teso, e la sua mano affondò più a fondo nella caverna. Cris mi stava toccando proprio davanti al mio viso, mordendosi il labbro e muovendo agilmente le sue piccole dita. Poteva sentire il suono delizioso della sua figa eccitata.

– È stato così per tutta la settimana?

– Hmmmm hmmm… Ogni notte, ogni volta. Soprattutto dopo le storie.

Sorrisi, appoggiando il tablet sullo schienale del divano e allungando la mano fino a toccare la sua coscia. Salii lentamente fino a sfiorarle le dita, sentii il calore, l’umidità che saliva dal centro. Cris allargò un po’ le gambe, ritirò la mano bagnata e mi lasciò accarezzare l’ingresso. Le labbra scure e curve, il pube pulito sulla fronte pelosa. E io ero lì ad annaffiare la mia deliziosa fanciulla.

Sono diventato più audace, aprendo le sue labbra, giocando con la sua culla. Chris mi guardò senza parlare. Ho affondato le dita nella sua fessura e lei è diventata più calda e succosa. Ho messo un lungo dito nel mezzo del piccolo foro, il pollice ha iniziato a giocare con la griglia. Cris respirava ansioso, eccitato, lo sciroppo si addensa, il calore mi bruciava le dita.

– Almeno dammi un bacio. Un bacio per placare il mio desiderio.

– Perché non mi hai risposto. Doveva torturarmi, giusto?

– Perché pensavo che mi avresti scopato alla porta. E’ fatta eh…

– Un pazzo pervertito, un animale affamato.

– E se fosse quello che volevo? Dai, baciami presto. Leccami… Edu.

Mi rannicchiai sul divano e lei si sedette sul mio petto, con le ginocchia di lato. Cris mise le mani sul muro, lo sollevò e si fermò sopra la mia testa. La lacrima bagnata e appiccicosa sul mio viso, le labbra scure e increspate, il forte odore di figa calda.

Che figa meravigliosa ha la mia governante, il sudore che esce dal centro, l’odore di una donna in calore. Pazzo per essere risucchiato, risucchiato. Tirai fuori la lingua e leccai delicatamente la pelle rugosa. Lei tremò ansiosa, le misi le mani sulla vita e la sua bocca piena si spalancò desiderando un abbraccio. Ho trovato la tua griglia. Il bacio gratuito è venuto, succhiato succhiato, bevendo il succo caldo della figa appetitosa.

– Aaaaanhhhhh!!! Eduu!!!

Ha mosso la sua vita verso il mio viso, si è masturbato sul mio viso, poi dito contro dito. Ho leccato i boccioli e lei si è infilata il dito nell’ano. Cris tremava ansiosamente mentre mi sentivo bere il succo caldo. Il calore della figa mi scalda le guance, lei geme e si scopa il culo. Respirando velocemente, fu allora che parlò un po’ rauco.

– Cosa ottieni di più da me, eh? Non sono così depravato!

Ho messo tutta la mia lingua dentro la caverna, mi ha afferrato con forza per i capelli. Potevo sentire i suoi occhi tremolare, le gambe di Cris tremavano e gemette un grido più forte mentre si pizzicava il capezzolo.

– AAAaaaahhhhh!!! AAAaaaannnnn!!!

Poteva vedere quanto fosse davvero bisognosa. Cris si sedette sulla mia faccia, lo sguardo fisso sul soffitto e la vibrazione breve. Questo fino a quando non mi ha visto accarezzarmi i capelli, ridere, mordermi la lingua.

– Non lo so come puoi sopportare di avere un’erezione guardandomi diventare così

Si allontanò e si sedette all’altro capo del divano. Un po’ imbarazzata, aggiustandosi i capelli, la vidi sentire le sue dita. Non mi ha nemmeno guardato, ma è tornato.

– Allora, cos’altro hai fatto con me nelle tue storie?

Ero già seduto accanto a lui, il mio pene eretto pulsava. Mi sono sbarazzato dei pantaloncini, ho lasciato che la mazza ondeggiasse davanti a lei, non mi importava più. Pelle tesa, la goccia che scorre dalla parte superiore del pene. Chris ridacchiò. E ho ingoiato il dolce sapore della tua figa. Il gusto di una donna quando decide di dichiararsi puttana.

Presi il tablet e mostrai la storia “Fabiola e Teo – Incesto e caldo”.

– Chiamo Fabiola adesso?

– No, lavori per una coppia lì. Basta leggere l’inizio, vedere se ti piace.

Era la sua storia con suo figlio, la scopata pazzesca, l’incesto scaturito dalla lussuria più pura del ragazzo.

– Nostro!! Pensi che lo farei? Come Andrea? Non mi è mai passato per la mente. Mi fa anche star male!

Non ho detto niente, ci siamo guardati un attimo. L’espressione sul suo viso cambiò lentamente. Dalla censura al leggero dubbio.

– Anche se… Nella sua adolescenza ho notato certi sguardi di André. Hmmmm… pensavo di essermi sbagliato, mi sbagliavo. Non è successo niente!

– Ti va? Quando hai avuto la tua prima ragazza?

Mi guardò chiedendosi cosa dire.

– Era geloso. Ogni madre è gelosa delle sue prime amiche.

Si stava sentendo a disagio, per divagare, ha afferrato il mio cazzo duro e mi ha guardato in faccia. Ha iniziato una debole sega.

– E non hai mai pensato di scoparti tua madre?

– Non con lei, ma ho sempre avuto un’erezione con mia zia. Bet.

– E hai scritto anche di lei?

– Ogni storia più perversa dell’altra.

– Sei malato Edu, stufo del sesso. Ma non so come fai a stare qui con me senza scopare, senza venire.

– È perché voglio farti piacere che ho pensato tutta la settimana.

– Una caramella, quale caramella?

– Ti mangerò il culo. Mangiati il ​​culo qui in salotto.

Stavo parlando e lei mi guardava. Mano che mi stringe il cazzo come se stesse mungendo una tettarella. Le passai il dito indice sul labbro, un sorriso cinico sul viso e lei sembrò arrabbiata.

– E’ per umiliarmi, vero? Umiliarmi di fronte ai tuoi lettori.

– Ma voglio delle tue foto in questa storia. Alcune foto… Nudo.

– Malizioso. Sei un mascalzone Edu!

– Vai a prepararti, fammi sbavare bene così posso fotterti senza dolore.

– Cucciolo!!

Ho riso e lei si è chinata lentamente sul mio corpo. Bocca appollaiata sulla punta, Cris mi ha dato un bacio tenero, ha sentito il mio calore pulsare nella sua testa sul suo cazzo. Aprì la bocca e mi inghiottì con entusiasmo. Poi veniva la forte suzione, accompagnata da agitate leccate. Si passò la verga sulla faccia, schiaffeggiandola finché non mi diede un lungo sputo appena sopra il mio cazzo. Il fango cadde, bagnando il bastone e le dita del pulitore. Questo ha reso più facile lo strappo, ora mi stavo masturbando forte, spargendo la sostanza appiccicosa traslucida su tutto il mio albero. Cris mi ha afferrato per le palle, mi ha accarezzato e mi ha mostrato il suo bel sorriso.

– Ti sei rasato anche per me?

È venuto a succhiare la palla. Un caldo pompino da una donna perversa, una donna esperta nel trattare con i cazzi. Ho allungato la mano e ho iniziato ad accarezzarle il culetto, affondando le dita fino a raggiungere il buchetto, ho sentito il suo sedere bagnato e ho sentito il buco come se fosse una piccola bocca.

– Aaaaahhh!!

L’ho colpito con la punta, ho sentito la morbidezza dentro. Moltiplicava le leccate sul petto, gli sputi sul glande. I gemiti si allungano.

– Ti mangerò il culo, Cris. Ti monterò proprio nel mezzo della stanza.

– E lo dirai a tutti, mi fotterai davanti a tutti?

– Stai per dire che non ti piace? Cosa non vuoi?

– Mi giuri che non farà male?

– Rimani a quattro zampe al centro, sopra il tappeto.

– Allora baciami prima. Preparami, mi piace sempre quando mi preparo a farmi scopare il culo.

Ci fu un bacio aperto, forte e umido, io le mordevo la lingua e lei mi mordeva il labbro. Cris si inginocchiò.

– Nelle storie che ti piacciono quando lo faccio così Cris.

Ride mostrando i denti.

– Anche André mi ha fottuto il culo. E gli è piaciuto?

Abbiamo riso. Si allontanò da lui, andò al centro e si chinò, appoggiando il viso sul tappeto del soggiorno. Piccole natiche appollaiate, piedi incrociati. Pronto per essere fucilato.

– Allora preparati. Preparami a riceverti Edu.

Le ho accarezzato il sedere, l’ho accarezzata, lei ha emesso due piccoli gridolini. Gli aprii i fianchi e ammirai il suo cazzo prominente. Era chiaro che altri ne avevano già approfittato. Le ho districato i piedi, le ho fatto un rapido massaggio, lisciandole la pianta dei piedi, lei ha attorcigliato le sue piccole dita. Allargai le gambe e ammirai lo spettacolo indecente.

figa marrone bagnata e culo imbronciato

– Una visione di un altro mondo Cris.

– Furfante! Sei molto depravato. Tu e i tuoi lettori malvagi. Dai, dammi almeno un bacio, un bacio con la lingua sul mio culo.

– E noi siamo i depravati? Quanti ti hanno già mangiato il culo?

– Non sono affari tuoi. O accetti solo culi vergini?

Le morsi il fianco e lei emise un lieve gemito. Aprii di nuovo il mio culetto e lasciai uscire un lungo sputo, spargendolo sull’ingresso. Ho visto la boccuccia ingoiare un po’ di saliva. Ho lisciato il bottoncino attorno ad esso, nello stesso momento in cui con l’altra mano ho iniziato a massaggiare la figa. Il caldo umido si ravviva, Cris geme gustoso.

– Ooooooooounnnnnffffff!!! Aaaaannhhhhh!!

Ho iniziato a leccarle le labbra scure e allo stesso tempo ho allungato la mano e le ho baciato il culo. Ho sentito il sapore delizioso del culo di Cristina. Strinse le dita sempre più strette sul tappeto e miagolò come un gatto.

– Aaaaiiiiii Eduuuuuu!!!

Le ho messo due dita nella fica, le ho grattato di nuovo il centro nevralgico. Cris sbocciò, il cielo si aprì, chiedendo, supplicando. Ho infilato il dito indice nel foro appetitoso.

– Amoreeee!! Aaaaannhhhhh!!

Le sputo di nuovo direttamente nel culo, ci infilo due dita e la lascio iniziare a muovere le labbra nere e zuppe della sua figa. Cris faceva vibrare il suo pene come se fosse una scossa elettrica. Mignoli dita aperte, piedi leggermente sollevati da terra.

– Metti Edu, mettigli amore!!

Ho fatto quello che mi ha chiesto. Puntando e facendo scorrere l’estremità dell’asta, ho spianato l’apertura dell’anello. Spingo e spingo, lasciando scivolare la sua testa sul mio sedere. Chris sospirò ansioso. Scesi lentamente, ero “a cavalcioni” della gustosa donna delle pulizie. Il club ha allargato il suo bellissimo tunnel.

– AAAaaaiiiiiiinnn EDUUuuuuuu!!

Sono andato fino in fondo. Ho iniziato a cavalcare Cristina come se fosse il personaggio delle mie storie. L’ho afferrata per la vita e ho piantato forte la verga, dentro e fuori, dentro e fuori e Cris gemeva e piangeva come una cagna. Piranha bollente come solo Cris sa essere.

– AAAaahhh!! Meuuuu Deussss Eduuuu!! Delizioso !!

Il sudore mi scorreva sul viso e ho mangiato la cameriera come un uomo affamato. Prova il bel culo imbottito di Cris. L’ho tirato fuori e gli ho dato un’ultima scossa decisa. Mi ha guardato di sottecchi ridendo, ho rimesso tutto il bastoncino dentro. Gli ho dato quel sedere sul culo della ragazza. Non ci volle molto, iniziò la corrida, il lungo sputo della panna purissima.

Stavo tremando e lei stava scuotendo il rap. È stato allora che ho finito e da lei è uscito uno zampillo e un grido di sollievo.

– Eduu!! AAAiiiinnn!! Questo è pazzesco!!

Mi sono seduto sul suo corpo sudato per un po’. Sono uscito e mi sono alzato. Cris si sedette sul tappeto e mi guardò dritto negli occhi.

– Ucciso il testamento? È questo che volevano i tuoi lettori?

– Divino.

Rise del complimento e ne tenne l’estremità, accarezzandola.

– Allora vieni qui. Fammi pulire. O non lo farai questa volta?

Non ho nemmeno risposto, ha aperto la bocca e mi ha ingoiato tutto come venerdì scorso. Deglutì e succhiò il sapore della fragrante sborra sul culo. Ha leccato gli occhi chiusi, lisciandomi le palle.

Mi ha fatto un ultimo sorriso e mi ha baciato in cima… aspettandosi di pisciarmi in faccia.

– Oh Ed! È così caldo!!

– Malizioso!!

Continuazione della storia – Cris e il succo di figa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *