Il gaucho ninfomane

di | 9 de Dicembre, 2022

L’incontro con Andrezza (immaginario) è stato molto bello, abbiamo avuto una buona conversazione, una buona intesa, abbiamo parlato di tutto ciò che era interessante per me e per lei, compresi i nostri matrimoni, la condivisione di esperienze e confidenze.

Ma le cose si sono fatte più serie, la chimica è cresciuta, abbiamo iniziato ad apprezzare ciò che piaceva all’altro, abbiamo iniziato ad innamorarci, le nostre conversazioni si sono trasformate in nudi e video che abbiamo fatto e scambiato e il desiderio l’uno per l’altro è cresciuto, viviamo lontani da lui. ma non c’era altro modo per andare nella città accanto alla sua, avevamo bisogno di incontrarci, di uccidere questo desiderio che avevamo.

Lei ha dato la sua scusa, io ho dato la mia giustificazione e l’incontro si è tenuto.

Abbiamo prenotato in un centro commerciale in una grande città del Rio Grande do Sul. Lei è bianca, 34 anni, capelli scuri, occhi chiari, petto medio, natiche grosse, indossava un vestito nero che mi piaceva, l’avevo vista in foto con questo vestito un paio di volte, mi ha ricordato la cantante Amy Lee. Qualche drink per lei e qualche birra per me e ci siamo diretti in albergo, abbiamo fatto il check-in insieme, abbiamo scelto una camera doppia qualsiasi, avevamo fretta.

In camera da letto ci ricordavamo appena di chiudere la porta, ci stavamo già attaccando a vicenda di baci, un fuoco ardente che ci possedeva, pensavamo che ci saremmo divorati, lo appoggio al muro, gli tiro la mano, lo afferro lui. In alto, stringendole la coscia e le natiche, la sua mano passa sul mio cazzo, che cercava di strapparle le mutande, quando con la mano ha raggiunto la sua figa, ho capito che era fradicia.

Ansimando da tutti e due, non volevamo lasciarci la bocca l’uno dell’altro, con uno sforzo mi avvicino al suo collo, la bacio, il suo orecchio, le tremano le gambe, le tolgo la parte alta del vestito, lasciandola petto lo dimostri, vengo qualche secondo, prima che lui mi tiri di nuovo, mi avvicino alle sue tette, lo afferro con la bocca, spalancandolo il più possibile, voglio ingoiare quel capezzolo rosa, lo succhio, lo mordo, Muovo la lingua, il dito già imbrattato di miele dal suo cono.

Scendo le scale, mi metto sotto il suo vestito, le sollevo la gamba, le sue mutandine vanno di lato, mi diletto nella sua figa, la mia bocca si scioglie con il suo miele, lei mi tira i capelli, il suo respiro è intervallato da sottili gemiti acuti . Viene veloce, strofina la sua figa nella mia bocca, mi tira, corre verso il letto e si mette a quattro zampe, si toglie le mutandine e mi chiama.

Scopami, voglio quel cazzo dentro di me, fooooodeeeee me.

Mi sono appena sbottonato i pantaloni, il mio cazzo salta fuori dalle mie mutande, quando entra dalla porta principale della figa, si lancia su di me, il mio cazzo scivola facilmente, la sento correre, lei urla, fa un passo avanti e viene di nuovo forte, il mio cazzo sembra che stia per spezzarsi per la tensione del mio clitoride.

La afferro per la vita e faccio i movimenti che vuole, veloci… Forti… Profondi.

Gli tengo i capelli neri, li separo in due, li avvolgo con le mani e li tiro forte.

Lei urla, chiedendo di più, e io continuo a scoparle la figa, addomesticando questa cavalla affamata di sesso.

Sento le sue ginocchia e quando provo a metterlo dentro non me lo permette, vuole sentire tutto, mi piace vedere il suo culo, anche il suo culo è rosa, è così bianco, ho provato a tirare fuori il mio cazzo. e succhiarle il culo, ma poi di nuovo lei non glielo avrebbe permesso.

Le tocco il culo che diventa rosso, lei lo adora, sorride, le metto un dito nel culo, lei geme piano e si dimena.

Sei pazzo a fottermi il culo, vero?

Non era una bugia, lo era davvero, visto che ho visto una foto del suo sedere.

Lei urla, avvertendo che sta tornando, ho già tre dita nel culo, una doppia penetrazione di base con le dita, non ce la faccio più, gli schizzi stanno invadendo l’interno di questa cagna, si è mossa e mi ha preso a succhiare il mio cazzo, ha spalmato il suo sperma con il suo sperma, lasciando il mio cazzo pulito.

Ci facciamo una bella doccia, sotto la doccia mi succhia il cazzo, succhiandolo in ginocchio, tutta bagnata, guardandomi negli occhi, masturbandosi e cercando di metterselo tutto in gola.

Si alza, si sdraia sulla schiena e apre il culo, si fa inculare, ci proviamo, ma l’acqua le toglie tutto il lubrificante dalla figa.

Quando penso di mollare mi spinge contro il muro forzando il culo contro di me, si china aprendo di più il culo, io forzo ancora, la testa del cazzo è stretta, il suo culo non gira, vuole un poca scioltezza, e lui si spinge gemendo, devo controllarmi, non entrare subito e farmi male.

Mi dice di smettere di farlo, è il suo culo, sa esattamente cosa vuole, ma è inutile, non c’è lubrificazione.

Mojada mi trascina a letto, mi lancia e va alla sua borsa, prende il lubrificante, se lo passa su per il culo, mi succhia il cazzo e lubrifica anche quello, poi viene a sedersi.

Non avevo controllo, ora stava facendo quello che voleva, e il suo culo ora si stava aprendo con la lubrificazione, quando la testa è entrata, ha forzato ancora di più, facendo ingoiare il mio cazzo tutto il culo.

Lei si accovaccia dandomi le spalle, senza pietà il suo cazzo che ondeggia su e giù, le sue chiappe colpiscono il mio fianco, ho una visione del suo culo che ingoia mio padre ed esce, è uno spettacolo magnifico, lei geme molto, le urla si mescolano con un sussulto. Respiro e l’oscillazione continua, il mio cazzo va al massimo e io vengo, lei non si ferma, mi masturba, continua a incularla col mio cazzo.

Le fanno male le gambe, si siede e continua a cavalcarmi il cazzo mezzo pompato, scende e si mette a quattro zampe sul pavimento, si impenna, si masturba la figa, il culo aperto, gli occhi chiusi, dice.

Quanto volevo che un cazzo ora mi fottesse il culo in quel modo, come una cagna.

Non sopporto di sentirla parlare, mi allungo e le infilo il cazzo nel culo, lei continua a masturbarsi gemendo, presto sono di nuovo completamente duro, so che il suo culo è piatto, la cavalco, tenendole le braccia dietro suo. , faccia a terra, chiede di più… Più forte… Più profondo… Alza il culo.

Chi è il tuo maschio? ” Chiedo.

Sei tu, sei sempre stato tu, sarai sempre tu.

E sono rimasto lì a lungo, scusa per il suo buco del culo, fottendola senza sosta, infilando il mio grosso cazzo fino alla verga, lei chiede di venirle in bocca, glielo tolgo dal culo e le salgo sopra , ma io non andrei a venire facilmente, quindi ci pensa lei, mi masturba, quando vede che non ho alcuna reazione allo sperma, mi riporta sotto la doccia, mi lava il cazzo e glielo cade in bocca .

Mi siedo sul water mentre lei mi succhia, non si accontenta facilmente e mi succhia tanto, fino a che le vengo in bocca, altra lunga doccia, dormiamo un po’, mi sveglia succhiandomi il cazzo.

Vuoi di più?

Solo mentre arriva il cibo.

Era insaziabile, dopo aver mangiato dice che sta mangiando il dolce e si sdraia con le gambe divaricate sul letto.

Le succhio la figa a lungo, fino a quando la mia lingua non si attacca, lei gode molto, ma ne vuole sempre di più.

Quando è stata l’ultima volta che hai fatto sesso? ” Chiedo.

Ieri sera, prima di venire a trovarti, ero molto eccitata, pensavo a cosa sarebbe potuto succedere e ho costretto mio marito a scoparmi.

Sei davvero una stronza, gli dico.

Puttana amore mio, puttana.

Abbiamo passato la notte a scopare, il mio cazzo sembrava in fiamme, lei era così rossa, la sua figa rosa e il suo culo erano già rossi come la lava di un vulcano.

Prima di partire, abbiamo dato l’ultimo, abbiamo provato a farlo con affetto, vedendo lo stato in cui eravamo, ma due bambini non sono soddisfatti, e abbiamo finito di filmare tutto, abbiamo ripreso la nostra vita normale, immaginando quando saremmo andati a avere un altro conoscendo quello. Era delizioso e lo vogliamo ancora.

Cane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *