Il giorno in cui ho scopato la nonna del mio amico

di | 12 de Dicembre, 2022

Ciao, userò nomi fittizi per preservare la mia identità e quella delle persone citate in questa storia.

Mi chiamo Iago, ho 20 anni.

Tutti abbiamo dei sogni, alcuni possibili e altri impossibili, io ho sognato di mangiare la nonna del mio amico Marlon, pensavo fosse impossibile e mi sbagliavo.

Angelina era una donna matura e sognante, aveva i capelli ricci biondi, il seno perfetto, un bel culo, un corpo snello, nonostante i suoi 55 anni, aveva un fisico di 40 o meno, era arrapata.

L’avevo sempre in attesa, ma non avevo la possibilità di mangiare, dopotutto, avevo sempre vicino mio nipote e mio figlio, tra l’altro, ogni volta che andavo da Marlon, i miei amici Nicácio, José e Guto erano sempre anche lì, che si trattasse di giocare ai videogiochi o di chattare all’aperto.

Un pomeriggio ho deciso di andare da Marlon, ma mi ha risposto la signora Angelina, mi ha detto che era da Guto e mi ha invitato a prendere il tè, io non bevo il tè ma cavolo l’occasione di mangiarmi gli occhi con lei è bastata .

Quando ero in camera da letto, mi ha fermato.

-Iago so che mi vuoi bene, voglio capire un ragazzo così giovane dopo i cinquant’anni?

Ero nervoso, dopotutto, potevo fare cazzate, mangiare nessuno e rovinare la mia amicizia, ma ho pensato che se non l’avessi presa ora, non avrei più avuto una possibilità.

-Doña Angelina, sei la mia stupida, ho perso il conto di quante seghe ti ho fatto, so di essere un amico di tuo nipote, ma sogno di scoparti.

-Iago, sono confuso, non posso dire che non voglio e non voglio dormire con te, Marlon è a casa di Guto e suo padre va a lavorare, siamo solo io e te qui a il tempo e ora.

Altre storie erotiche  La moglie puttana gioca con due uomini e il cornuto osserva

Il mio cazzo non è mai stato così duro, Doña Angelina indossava una maglietta nera scollata, pantaloncini bianchi, ho sognato di leccare quella figa, leccare quel culo, fare uno spagnolo, pensando che stavo arrivando, pensando che quello che pensavamo fosse sta per diventare realtà.

– Allora andiamo ora.

Le ho tolto i vestiti e le ho succhiato i seni, mentre lei mi masturbava, l’ho baciata, sembrava un sogno, un racconto erotico, ma era la realtà.

L’ho messa sul divano e ho cominciato a giocare con la sua figa, inserendo un dito e l’altro, fino a quando mi ha chiesto di succhiargliela, le ho fatto un pompino sul divano fino a venire.

Poi mi sono seduto sul divano, lei ha detto che ora mi avrebbe ricambiato e ha cominciato a farmi un pompino meraviglioso. Quasi vengo.

10 minuti a succhiarmelo, subito dopo ho fatto un fantastico spagnolo.

Fino a quando non l’ho rimessa sul divano e ho iniziato a scoparmela, che figa calda, la verità è che le vecchie pentole fanno del buon cibo.

Poi ci cavalca sopra, facendomi delirare, dopo essermi sdraiato sul divano.

Finché non siamo arrivati ​​a letto, l’ho messa a quattro zampe, e il cazzo, spingendo più veloce della velocità della luce.

Et elle criait juste mon nom, me suedait de lui donner une fessée, me tirait les cheveux, nous avions déjà changé de position à nouveau, elle en haut m’embrassant et chevauchant ma bite, c’est là che j’ai voulu démontrer la mia forza.

L’ho afferrata, mi sono alzato, mi ha afferrato il collo, l’ho abbracciata e ho cominciato a darle da mangiare, che piacere.

Altre storie erotiche  Io e mia cognata ci concediamo il proibito!

Stavo per venire finché non ha parlato.

– Iago mi spinge da parte e mi viene dentro.

Merda, il mio sogno si è avverato.

L’ho indossato più e più volte finché non sono arrivato e sono entrato.

Accidenti, la corona mi ha stancato.

Ma lei voleva di più, che le bevessi il culo, quindi non c’era altro modo per metterle 4 solo nel culo, perché un sogno migliore diventasse realtà, non bastava venire nella sua figa per leccare quel bel culo.

Stavo mettendo tutto a posto con lei in 4, su, giù, di lato, wow quello è stato il miglior pomeriggio della mia vita.

finché non ci riuniamo

Dopo che siamo andati a fare il bagno, non potevo credere di aver mangiato la nonna della mia amica, le sono entrato nella figa e le ho mangiato il culo.

-Iago mio nipote non lo saprà mai, sai, è il nostro segreto.

Ho accettato di non parlare, ha detto che voleva vedermi domani, ero soffocato da un senso di stupore per tutto questo sul pasto appena iniziato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *