Il miglior anale della mia vita

di | 9 de Dicembre, 2022

-Possiamo vederci oggi?, chiede lei, già desiderosa di non farsi una bella scopata da quasi un mese.

-DATO. Adesso.

Fece la doccia e se ne andò. Erano vicini. È arrivato rapidamente. Lui rispose mentre lei prendeva un altro tiro dalla sua sigaretta di paglia. Birichina, con reali intenzioni di scopare, indossava SOLO un tubino a fiori. senza reggiseno; niente mutandine

La mandò sul terrazzo, da dove si vede parte del quartiere e il cielo, ed entrò a prendere delle cose. Salì di sopra e preparò il tè che avrebbero usato. Ben presto salì sul sedile posteriore, con un materasso, che posò sul pavimento, un lenzuolo e un cuscino. Si sedette accanto a lei e il tè cominciò a inzupparsi. Quando iniziò a strofinare i piedi contro le sue gambe, lui le chiese se indossava le mutandine. Furono interrotti e lui dovette andarsene. Quando tornò, si diresse dritto verso il materasso, seguito da lei, preservativo e lubrificante in mano.

Si sdraiarono insieme e si baciarono, ma senza scambiarsi molto affetto. Voleva scopare più di lei. Ben presto fu con le dita dentro la sua figa, che come sempre era chiusa, stretta, ma molto bagnata. Ha preso il lubrificante, se lo è passato sulla fica, le ha fatto una sega veloce e l’ha fatta girare su un fianco. Si divertì per qualche minuto, ascoltando il suo gemito. Poi è entrato.

E lei ha delirato. Ha intrapreso un viaggio senza grandezza. Sentì che il cazzo la stava mangiando di gusto, non facendole male, ma con una pressione sul punto G, mentre sentiva la brezza che li raggiungeva sul terrazzo, vide accendersi le luci del quartiere e spuntare le prime stelle.

Ed è quello che hanno fatto, per molti minuti. È venuta innumerevoli volte e intensamente. Ho lasciato il suo cazzo grondante di miele e ho continuato a cavalcargli sopra, non volendo smettere di fare sesso. Dopo averla vista venire sul suo cazzo circa quattro volte, le ha chiesto se voleva venire. Ha detto di no e gli ha chiesto se voleva mangiare. Lui ha riso e ha detto di sì. Aveva già deciso di regalarlo, ma ha deciso di giocare. Dice “allora mangia lentamente”.

Ha dato le coordinate, come dovrebbe essere, ha passato altro lubrificante ed è entrato lentamente. Ancora nel mezzo della sua fantasia, si chiese se si stesse godendo quello che stava facendo, la stella che li guardava, i vicini e sentiva la brezza che cercava di spegnere il fuoco nei loro corpi.

Sentì il suo culo accettare gradualmente questo meraviglioso cazzo. Entrò, si fermò, si inserì, finché vide le pieghe cedere ed entrò ancora, così fino ad infilare tutto il suo cazzo in quel culo. E lo ha fatto. che anale Che bel cazzo. Che brezza, che caldo, che delizioso. Ha obbedito a tutto ciò che ha chiesto, perché era arrapata. Ha rotolato il culo su quel delizioso cazzo che è esploso dentro di lei. Ha perso il conto di quanti provenissero. Semplicemente provava quel piacere, e lo cercava, seduta e saltando, al ritmo dettato dall’uomo meraviglioso che la divorava.

E mi sono detto “non ho mai avuto una sodomia così bella”. E mai avuto. Mai come adesso era stata così volenterosa, affettuosa e gustosa, essendo le buone bevute puro piacere.

Ma all’improvviso si fermò. Niente sperma, di nuovo.

Se n’era andata, soddisfatta, ma aspettava il giorno in cui avrebbe potuto fargli riempire il corpo di sperma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *