il mio primo tradimento

di | 8 de Dicembre, 2022

Anni Domini 1992-1993.

Nel 1992 sono andato a lavorare fuori dal Portogallo. Ormai sposato, vi ho lasciato temporaneamente mia moglie e mio figlio appena nato, che mi hanno raggiunto in seguito. Sono arrivato, mi sono sistemato e mi sono messo al lavoro. Ho vissuto da solo per quasi un anno e mezzo. Quanto alle compagne, la maggioranza erano donne, molte delle quali sposate, altre divorziate e alcune nubili. Naturalmente, da nuova collega, ho suscitato la curiosità femminile.

Questa curiosità era semplice nella maggior parte dei casi, ma intelligente in alcuni casi. In questi volevano sapere se era sposato o celibe, se aveva figli, ecc. C’era, in quel momento, una collega, anche lei sposata con un figlio – ma il cui marito era rimasto nel suo paese e non aveva alcuna intenzione di raggiungerla – che sembrava interessata a me. All’inizio non avevo una macchina. Poi dopo qualche mese, già nel 1993, iniziò ad offrirmi aiuto per la spesa. Il venerdì o il sabato mi portava al supermercato (tutti facevano la spesa) e poi mi riportava a casa.

Mi ha aiutato a portare le valigie dall’auto all’appartamento e abbiamo parlato per un po’. Era molto allegra, simpatica, sorridente, birichina, spensierata, oltre che carina e donna (e un po’ più alta di me), e ho sempre avuto la sensazione che in privato sarebbe stata meravigliosa e deliziosa, il tipo di donna per che tutto sarebbe stato tra quattro mura purché entrambi fossero d’accordo. Purtroppo lo dico oggi ed è così che mi sono sentito nel tempo, non è mai successo niente tra loro (sono sicuro che sarebbe stato carino e molto apprezzato). Non perché non lo volessi e non ci pensassi, e anche – penso, perché lei non lo voleva, ma semplicemente perché, come si suol dire, non doveva succedere, eppure, perché nel frattempo, ho finito per essere coinvolto con un altro collega.

Inoltre non sono mai stato, e non sono ancora, uno di quelli che cercano avventure (accetto solo, se mi interessano, le avventure che bussano alla mia porta). In privato, e per rispetto verso gli altri, non esorto mai una donna sposata o fidanzata a togliersi di torno (a meno che, ovviamente, non dichiari chiaramente un desiderio simile). Se c’è una manifestazione di interesse per me, e se sono interessato, allora sì, farò il necessario lavoro di gambe. Anche se mi sembrava che mostrasse interesse, non c’era mai un “Ahhh, lei vuole qualcosa”. Quindi non sono mai andato avanti. Forse ha sbagliato e lei non lo voleva, o forse ha sbagliato e non ha fatto ciò che era necessario. Comunque, quello era anche uno dei motivi per cui non era successo niente tra loro. L’altra collega con cui mi sono messa in contatto, anche lei sposata e madre di due figli, ma il cui marito l’ha raggiunta solo in seguito, ha sempre avuto nei miei confronti un atteggiamento di sfida, sguardi furtivi, ammiccamenti, sorrisi giocosi, comportamenti evidenti che a volte nonostante fossi sposato, mi ha fatto andare avanti Questa è la nostra storia e la prima qui.

Questa collega, Ana, arrivata sette mesi dopo di me, aveva una sorella maggiore che era mia collega (era già lì quando sono arrivato), e non essendo sposata viveva con suo padre e i suoi due figli. Non ho mai sentito alcun interesse per questo, ma lo ha fatto per me. Tanto che, sapendo di essere solo, cominciò a invitarmi a cena a casa sua o ad andarci a pranzo la domenica pomeriggio, e due anni dopo, un giorno in cui entrambi prendevamo il caffè al bar al lavoro. , mi ha detto in faccia che sua sorella era dove avrebbe voluto essere (a quel punto ho risposto “Perché no?”, ma ha rifiutato il mio invito sotto mentite spoglie. Il socio possedeva un ristorante e lavorava sempre fino a tarda notte. notte. Abbiamo parlato molto e piacevolmente. Avevo una domestica che veniva tutti i giorni, si occupava dei bambini e non usciva che dopo cena. Se avessi voluto, sarebbe sicuramente successo, perché tra i bambini che andare a letto e addormentarsi, e la collega che arriva dal lavoro, c’era tanto tempo, ma lei non ha mai fatto un passo netto in questa direzione, cioè una notte, quando era a casa, e sapeva già che sua sorella sarebbe arrivata tra pochi mesi e che avrebbe dovuto cercare un appartamento, e inoltre, poiché stavo per trasferirmi, ha chiamato sua sorella e, al telefono, mi ha presentato e mi ha fatto parlare con lei per descrivere l’appartamento che stavo per darle, con l’idea che sua sorella potesse essere interessata. , e in tal caso, consiglio al proprietario di non rendere pubblico affitto, perché ci sarebbe già qualcuno interessato ad affittarlo.

Quella notte, e da allora (perché le nostre conversazioni telefoniche, sempre da casa di sua sorella, sono continuate), e senza vederla più (ho conosciuto Ana di persona solo quando è arrivata -non aveva mai il cellulare come oggi con le videochiamate rsrsrsrsrsrsrs ), qualcosa in questa donna cominciò a darmi fastidio. All’inizio non sapevo cosa fosse. Sapevo solo che lui provava qualcosa di diverso e che mi piaceva molto e mi piaceva parlare con lui (non solo gli ho descritto più volte questo appartamento, ma siamo finiti a parlare di tante altre cose, ma mai di sesso, perché niente era andando così, ma anche perché, se lo era, la sorella era sempre al mio fianco). Col passare del tempo e le telefonate e le conversazioni si sono accumulate, ho capito cosa mi stava succedendo. Era la sua voce. Era una voce un po’ roca, pacata, sensuale, morbida, ma forte e incisiva. Il rapporto che abbiamo instaurato in seguito è iniziato, secondo me, in quelle telefonate, perché lei probabilmente provava per la mia voce le stesse cose che io provavo per la sua. Così, appena arrivato, ha iniziato con me un gioco di sguardi, sorrisi e sfide che ho accettato e partecipato con grande piacere.

Altre storie erotiche  L'ho fatto venire delizioso - Storie erotiche

Stranamente, non l’ho mai immaginata nella mia mente, come sarebbe stata, se fosse stata carina, se no, se avesse i capelli lunghi, medi o corti, se fosse alta, bassa, di statura media, formosa o meno. Come sarebbe il corpo? Niente, non immaginavo. Provavo solo una forte attrazione per lei, anche se non la conoscevo personalmente e, immagino, lei per me. Fondamentalmente, sono le voci che ci hanno uniti e uniti. Non ho idea, e non l’ho mai fatto, se sua sorella le abbia mai parlato di me e di com’ero, o se Ana mi abbia mai immaginato. So solo che dopo il suo arrivo il gioco di sguardi e sorrisi è durato circa un mese. Ci siamo dati il ​​primo bacio in discoteca, verso le 3:30 del mattino, e quella sera, nella mia macchina, che avevo comprato usata da un collega, ci siamo baciati e baciati molto piacevolmente. Quella notte, l’unico motivo per cui non abbiamo fatto sesso in macchina era perché eravamo sulla porta del suo palazzo, al piano terra (che non era quello che mi ha detto. Stava lì quando mi sono trasferita lol), e da lui i suoi genitori erano a casa con i loro nipoti, e lei aveva paura che finissimo per tradirci con i gemiti e le eventuali grida di piacere e gioia che si sarebbero sicuramente verificate se lo avessimo fatto, e che il padre potesse svegliarsi per trovarla scomparsa (i genitori sapevano dov’era andata, ma verso le 5 del mattino erano preoccupati) e uscire per vedere cosa fosse successo (a parte il fatto che nessun altro poteva trovarci, voglio dire, lo so) poteva darci un’erezione in più, ma io solo rispettato la sua decisione e non forzato). Abbiamo fatto sesso vero per la prima volta solo 15 giorni dopo, un venerdì pomeriggio, nel mio appartamento.

Il primo bacio e il primo bacio con la lingua che abbiamo dato a questa discoteca. Sua sorella e il suo compagno hanno deciso di legalizzare la loro situazione sposandosi ufficialmente. Questo sabato sera ho avuto la possibilità di scegliere tra due eventi. Una era una cena in un ristorante, con una sessione di fado, dove ci sarebbero stati più colleghi. L’altro era il suo addio al nubilato. All’epoca ho optato per l’addio al nubilato rsrsrsrsrsrsrs. Poi è stata organizzata una cena con le due sorelle, io e altri colleghi, seguita da una serata fuori. Per ragioni che non ricordo, è arrivato solo uno degli altri compagni di classe, quindi eravamo solo in quattro a cena, io, le due sorelle e questa compagna di classe, la sorella di Ana che sembra piuttosto stitica. Di conseguenza, dopo cena, solo tre di noi – Ana, questo collega e io – siamo andati in discoteca. Questo collega era divorziato e aveva un figlio, e con il tempo mi sono reso conto che, nonostante l’aspetto saggio, era anche un po’ burlone, se capisci cosa intendo ehehe. Non c’è mai stato niente tra me e lei, ma poi, durante la storia d’amore che ho avuto con Ana, e siccome lei aveva già avuto altre esperienze (che poi racconterò), abbiamo anche pensato di fare un rapporto a tre con questa collega, ma purtroppo. , non è mai successo.

Non so se qui era diverso, ma a quel tempo, in Portogallo, le discoteche suonavano una lunga serie di canzoni per muovere bene e molto il corpo, seguite da una serie più breve di canzoni lente (tipo intervallo, per ballare vicino insieme). tra loro) e si è conclusa con un’altra lunga serie di canzoni per muovere molto il corpo. Amo la musica in generale, dalla classica al “rock” pesante e praticamente ogni altro genere (con poche eccezioni). Da adolescente ho sempre amato ballare e andare in discoteca. Tuttavia, nel tempo I vieni a divertirti di più ascoltando la musica, qualunque essa sia, che ballando. Quindi, dato che quella sera c’era solo buona musica e niente musica lenta, Ana e l’altro partner hanno ballato e ballato molto sul pavimento, e io mi sono sempre seduto lì, godendomi il suono e bevendo vodka con succo d’arancia. A volte Ana e l’altra compagna di classe venivano a sfidarmi ad andare a ballare anche loro, ma io rifiutavo sempre. In una delle ultime volte che sono venuti a sfidarmi a ballare, ho risposto che se il DJ suonava canzoni lente, sì, avrei ballato con loro, ma, a prima vista, non avrei mai pensato che sarebbe successo ahahah. La verità è che verso le 4 del mattino, quando la discoteca chiudeva, il dj si metteva a suonare brani lenti. Ho subito avuto Ana al mio fianco che mi ha detto che era quello che stavo aspettando e mi ha invitato a ballare. Logicamente, non potevo negarlo ahahah, e siamo andati in pista insieme, mentre l’altro collega finalmente si è seduto. Quando siamo arrivati ​​alla pista da ballo, Ana mi ha afferrato per ballare e si è subito chinata su di me. Ovviamente il mio cazzo ha risposto ed è cresciuto dentro i miei pantaloni. Suonavano solo due brani lenti, che non ho mai dimenticato (“I have nothing” e “I will always love you”, entrambi dalla colonna sonora del film “The Bodyguard” e di Whitney Houston).

Altre storie erotiche  la visita, 8

Durante la premiere, i nostri corpi si sono uniti e ci siamo baciati. Già durante il secondo i corpi si strofinavano intensamente, il basso ventre e il mio petto sui suoi seni, e ci baciavamo con grande desiderio, eccitati e pronti, stringendoci l’un l’altra e le nostre mani che si muovevano sulla schiena dell’altra, e le mie che affondavano in lei ass Solo avevamo bisogno di mettere le mani dentro i vestiti, io nella sua camicetta e lei nei miei pantaloni. Eravamo in fiamme. Ad un certo punto, ho guardato dove era seduta l’altra collega e ho capito che ci stava fissando, godendosi il “panorama”. In quel momento ero così eccitato che mi è venuta in mente la possibilità di seguirci tutti e tre a casa mia (solo che avevo la macchina) e, magari, finire la notte insieme nel mio letto uuuummmmm. Sarebbe stato fantastico, meraviglioso e delizioso, e la realizzazione di una delle mie fantasie (immagino che ogni uomo normale fantastica di fare sesso con due donne contemporaneamente e vederle insieme). Tuttavia, non è quello che è successo. Oggi penso che se avessi lanciato l’idea di andare a casa mia in macchina, forse la loro reazione sarebbe stata positiva, Ana per essere stata davvero tutta con me e l’altra per averci tenuto d’occhio e avere, diciamo , ho assorbito la scena in discoteca e mi sono sentita emozionata, e forse attratta dall’idea di fondo di andare a casa mia, e dalla situazione (non so se ci avevo già provato, ma Ana sì, ho trovato fuori più tardi).

Terminate le due canzoni io e Ana, tutte rosse, siamo andate a sederci accanto al nostro compagno e, subito dopo, si sono accese le luci e ci hanno chiesto di andarcene tutti. La discoteca stava chiudendo. Ci siamo alzati, abbiamo preso i nostri cappotti e siamo partiti. Quando siamo arrivati ​​in strada, siamo andati a parlare con il luogo dove si trovava la mia macchina. Siamo entrati, ci siamo seduti e io me ne sono andato. Come ho detto, oggi vorrei aver provato l’idea di andare a casa mia per concludere la serata con una chiacchierata e un drink, dove io e Ana ci saremmo sicuramente abbracciati e baciati, qua e là, probabilmente abbiamo iniziato a baciarci, e, chissà, l’altro avrebbe finito per partecipare, o semplicemente guardare, o anche chiamare un taxi e andarsene hehehe. Non era così. Ho dovuto portarli a casa. Vivevano vicini l’uno all’altro. Così, già anticipando quello che sarebbe successo, ma solo in parte, ho lasciato per primo il mio collega. Andando a casa di Ana, e già con le mani che si agitavano l’una sull’altra e sulle gambe dell’altra, le chiesi se voleva venire a casa mia, ma, per l’ora tarda e per quello che era già successo, lei Come ho detto prima, ha preferito che la portassi a casa, cosa che ho fatto. Fu allora che, già in piedi davanti a casa sua, saltammo l’uno sull’altro. Ci abbracciamo, ci baciamo intensamente, le nostre lingue che turbinano nelle nostre bocche, le nostre mani che corrono su e giù per il nostro corpo, sì, mettendo entrambe le mani dentro i nostri vestiti, le mie sui suoi seni. una di quelle che riempie solo la tua mano huuuummmmmmmmm) e la sua sul mio petto, sul mio cazzo già eretto e sulle mie palle.

Ci siamo dati fuoco di nuovo, quindi mi sono fermato all’improvviso e ho detto: “Ana, andiamo sul sedile posteriore”, ma lei non l’ha fatto. Mi ha detto “Ahhhh tesoro, il mio desiderio, il mio desiderio e la mia volontà sono grandi, intensi e forti come i tuoi, ma non qui. Se fossi a casa tua sarei già nudo per te, ma non qui. Aspettiamo questo momento speciale un’altra volta, e credimi che d’ora in poi non mancheranno le opportunità, perché voglio che tutti voi siate miei e so che mi amate lo stesso”. Continuiamo ad abbracciarci, baciarci, accarezzarci, con le nostre mani in continuo movimento, solo i suoi seni scoperti e il mio cazzo che mi esce dai pantaloni. Mentre ci baciavamo, le accarezzavo e le stringevo i seni affettuosamente, e affamata, le baciavo, leccavo e succhiavo i suoi capezzoli, e lei con il mio cazzo caldo e duro in mano, massaggiandolo o sbottonandosi lentamente i pantaloni, allargava le gambe e mi prendeva la mano tra le sue cosce, figa calda e completamente bagnata, dove ho fatto scivolare le mie dita tra le sue labbra e ho spinto il piccolo grezinho, tirandolo fuori. Le diede dei gemiti, che lei cercò di trattenere. Ho provato a chinarmi per baciarla, leccarle e succhiarle la figa e farla venire nella mia bocca, ma lei non me lo ha permesso. Così ho finito per farla venire, sì, ma solo con le dita. È stato un piacere deliziosamente delizioso sentirla gemere, vederla dimenarsi e sentirla venire tra le mie dita, mentre la sua mano teneva il mio cazzo mentre continuava a massaggiarlo. Quando si è ripreso dalla sborra, continuando a massaggiarmi il cazzo, gli ho chiesto di succhiarmelo, ma lui ha detto “Ahhh, ne ho voglia, eccome, credimi, ma oggi mi dovrai venire in mano, come me”. , mi è piaciuto il tuo.” Finì chinandosi e dandomi qualche bacio sulla testa del cazzo e un paio di pompini, “per tirarti su di morale e farti arrapare di più”, mi disse, ma poi si alzò e mi ha baciato duro e lento, impegnando la sua lingua nella mia, leccandomi le labbra, succhiando la mia bocca e la mia lingua e strofinando i suoi seni contro il mio petto, ha massaggiato il mio cazzo finché non sono venuto nella sua mano.

Altre storie erotiche  Esperienze - Racconti erotici

Un po’ del mio sperma schizzò sul volante, ma il resto uscì come lava da un vulcano, scorrendo lungo il suo cazzo e bagnandogli la mano. Ho finito di sborrare e sono rimasto lì a sentire la sua mano sul mio cazzo ei suoi baci morbidi. Poi ho sentito la sua mano muoversi lentamente verso il mio pene e ho guardato. Tirò fuori del latte, si portò la mano alla bocca e lo leccò, bevendo il latte, e subito mi abbracciò e condivise con me quel delizioso latte uuuuuummmmmmm. Alla fine si è abbassata di nuovo e ha preso il mio cazzo in bocca, leccandolo e succhiandolo, lasciandolo pulito e lucido e quasi pronto per un’altra uuuummmmmmmmm battaglia. Mi ha sistemato amorevolmente il cazzo dentro le mutandine e mi ha abbottonato i pantaloni. Poi si è abbottonato i pantaloni e la camicetta, e io mi sono abbottonato la camicia, e siamo rimasti lì per qualche istante pensierosi senza dire una parola. Sarebbe durato pochi secondi, forse un minuto. Ci siamo guardati e ci siamo dati un abbraccio molto forte e profondo, niente di sessuale, solo un grande abbraccio, e abbiamo parlato. Ci siamo detti l’un l’altro quanto fosse buono, buonissimo, buonissimo, cos’era appena successo e come lo stavamo aspettando da così tanto tempo, da quando abbiamo iniziato a parlare al telefono, e ancora, “entrambi volevamo continuare così così male e che entrambi pensavamo che stessimo andando alla grande l’uno per l’altro. Ha detto che quel bacio bagnato con la sborra sulla sua bocca è stato un test per me per vedere se ero pazzo come lei e ha superato il test e questo l’ha resa molto felice. “Andremo molto d’accordo. So che lo siamo”, ha detto, a cui sono totalmente d’accordo.

Già ripresa da meravigliosi piaceri, guardò l’orologio e vide le 5 del mattino. “Bene, devo andare”, mi disse. Le abbiamo dato un altro grande abbraccio e alcuni baci molto bagnati e lei è scesa dalla macchina ed è tornata a casa. Rimasi lì per un po’, analizzando tutto. Sono andato ed ero felice. Ho pensato che forse avevo trovato quella che chiamavamo la nostra altra metà. Ho pensato a mia moglie ea mio figlio, ma non ho provato rimorso. Devo dire che il sesso con mia moglie non era mai stato qualcosa di speciale, anzi. Dicevo che quando siamo ben curati in casa, uomini o donne, non guardiamo fuori né accettiamo ciò che ci viene offerto dall’esterno, o almeno non lo accettiamo con leggerezza. In questi casi venire dall’esterno, solo se fa bene alla coppia, per incoraggiare e rafforzare il rapporto. Dopo circa 15 minuti, ho acceso il motore e, con il pieno, sono partito per la notte, all’alba, senza meta, sentendo solo felicità e benessere. Sono tornato a casa erano già le 8 del mattino di domenica. Mi sono sdraiato e ho dormito. Mi sono svegliato a metà pomeriggio con il telefono che squillava. Era Ana rsrsrsrsrsrsrs.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *