Il nerd e il popolare.

di | 10 de Dicembre, 2022

Ciao, mi chiamo Alicia e ho 23 anni! Al momento dell’incidente, aveva appena compiuto 18 anni ed era al terzo anno di liceo.

Bene, mi descrivo così puoi usare meglio la tua immaginazione: sono bianca, con occhi color miele e capelli con mèches color miele, corpo medio e molto calda!

Quando ero a scuola, ero molto popolare socialmente poiché sono piuttosto ricca e carina. Avevo molti amici e andavo in queste scuole dove la retta era molto costosa, l’uniforme era quello che volevano tutte le ragazze e la scuola sembrava americana.

Un giorno in classe, l’insegnante ci diede un lavoro da fare in coppia, in cui dovevamo metterci insieme per farlo e lui scelse le coppie (purtroppo, pensai allora). finché non dice:

– Alice e Giulio.

In quel momento Jade (la mia migliore amica di allora, una mora molto carina) inizia a prendersi gioco anche di me e del mio gruppetto e sai qual è la peggiore? è solo che avevano ragione. Júlio era il nerd della classe, era bianco, aveva i capelli scuri, anche gli occhi, portava gli occhiali e aveva un fisico da palestra. Era ovviamente molto intelligente e aveva i voti migliori della classe! E ha reso facile per le persone usarlo per i voti ed è stato vittima di bullismo di tanto in tanto da alcuni ragazzi famosi (ma niente di troppo duro dato che la scuola aveva regole rigide al riguardo) ma era comunque lo zimbello di me e della mia cerchia di amici

Quindi, visto che purtroppo l’insegnante non mi aveva permesso di cambiare compagno, l’abbiamo programmato a casa mia nel pomeriggio. Ero ancora sotto la doccia quando ho sentito suonare il campanello e ho detto alla governante di incontrarlo e chiedergli di aspettare nella mia stanza. È stato fatto così, sono uscito dal bagno, sono andato direttamente in camera e ho notato lo sguardo felice di Júlio di trovarsi in una casa enorme come la mia, che è stato presto sostituito da uno sguardo allucinato quando mi ha visto in un asciugamano, con i capelli bagnati e annusare davanti a lui, in modo molto intimo, ma non mi importava.

– Salve, signorina Alice! – disse balbettando.

– Ciao, inutile! È arrivato troppo presto… – risposi.

– Scusami… – disse guardandomi cambiarmi dietro il paravento che separava il mio armadio dal mio letto.

Potrei dire che era un po’ eccitato e ho pensato che fosse divertente, quindi ho indossato una gonna molto corta, un top corto che mi faceva quasi sporgere le tette e non avevo biancheria intima per stuzzicarlo, ma quella era la mia intenzione fin dall’inizio. Sono passata da dietro lo schermo allo specchio, mi sono pettinata e mi sono accorta che quasi mi stava guardando. Abbiamo organizzato i nostri documenti sulla mia scrivania e acceso il macbook.

– Allora, mettiamoci al lavoro, nerd! C’è solo una sedia qui, quindi mi siederò sulle tue ginocchia. – Non l’ho nemmeno lasciato esitare ed era già seduto.

Stavamo facendo il lavoro e ho sentito il suo cazzo diventare sempre più duro, il che ha fatto bagnare anche me. Finché non lo guardo e dico:

– Mio Dio, che cazzone hai, nerd! Sei vergine?

Immediatamente mi guardò sorpreso e balbettò:

– Cosa cosa ?

– Non essere ridicolo, stronzo! So che il tuo cazzo è molto duro, lo sento.

Finché non prendo un righello e mi inginocchio e dico:

– Che ne dici di misurarlo, eh? Quanti centimetri è il nerd?

– Si fermi, per favore!! ha risposto con riluttanza.

– Guarda che, 19 centimetri!!! Che cazzo grosso!!!

– Per il tuo…

– E tu? – risposi scherzosamente – sei gay per caso? Dev’essere, non ho mai mangiato nessuno, giusto? Awnn, povero Julinho Nerd.

Fino a quando non si è arrabbiato molto, mi ha tirato i capelli, mi ha afferrato il collo e mi ha sbattuto contro il muro, non l’ho mai visto così arrabbiato.

– Sono stufo dei tuoi brutti scherzi, Alice! Ora tu sarai la mia cagna e io ti scoperò come non ho mai scopato nessuno in vita mia!!

Mi ha buttato sul letto, ha trovato le manette che avevo addosso, mi ha legato su tutti i lati e ha chiuso a chiave la porta, nascondendo la chiave da qualche parte che non riuscivo a trovare. Si è tolto i vestiti e anche se ero spaventato ho realizzato per la prima volta quanto fosse sexy quest’uomo… Il suo corpo era fantastico e aveva un cazzo enorme! Mi fece sedere sul letto e senza pietà mi strappò di dosso i vestiti, lasciandomi completamente nuda.

– Guarda com’è sexy questa puttana!! Ho sempre voluto fotterti stronza!! La tua deliziosa figa rosa, quei seni meravigliosi…

– Per favore no!!! – risposi a malincuore – Sto per urlare!!!

– Non ti servirà a niente urlare, dannazione! Hai dimenticato che siamo soli? Inoltre, il preppy ha pareti insonorizzate, a quanto pare! In modo che nessuno ti aiuti, accetta che ora la cosa migliore da fare è obbedirmi.

– Per favore, Ju… mi dispiace!!! Giuro che smetterò di disturbarti, chiederò ai ragazzi di darti tregua.

– Prima di tutto, adesso mi appartieni, puttanella! Secondo, non aiuta più, assolutamente niente di quello che fai lo cambierà! Quindi mi obbedirai, mi capisci, puttana? – disse afferrandomi forte il collo e io annuii velocemente.

Poi ha tirato fuori questo cazzo gigante e me lo ha messo in bocca, me lo ha fatto succhiare e ogni volta che mi rifiutavo mi schiaffeggiava molto forte in faccia. Lo ha fatto finché non è venuto e prima che gli chiedessi di non venirmi in bocca, mi veniva già dentro e mi costringeva a ingoiare tutto e le gocce che cadevano, ero costretta a pulirle tutte con la mia lingua e il suo cazzo! ! Dopo aver pulito ma ancora molto forte, mi butta sul letto come una cagna e inizia a baciarmi il collo, scende sui miei seni e mentre li lecca mi massaggia la figa e il clitoride molto gustosi, facendomi rapidamente più bagnata di prima. Ero. Lui scende nella mia figa e mi succhia dappertutto, con tanti movimenti diversi: infilandoci dentro la lingua, infilandoci dentro le dita, leccandomi il clitoride molto velocemente e per molto tempo e wow, era davvero bravo… io era completamente pazzo corno.

L’ho pregato di smetterla e gli ho detto che non volevo finché non ha preso uno straccio e se lo è messo in bocca e ha detto:

– Se la cagna non vuole, perché è così bagnata? Ora sarai calmo.

Improvvisamente si alza e trova il mio cassetto di vibratori e lubrificanti di diverse marche, e mi dice:

– Sei davvero un cattivo… Qual è il tuo preferito?

Ho solo annuito, finché non mi ha schiaffeggiato la figa e mi ha chiesto di nuovo:

– Dai, quale ti piace di più?

Ho guardato il dildo rosso e ho ricevuto il messaggio.

L’ho preso, l’ho acceso a tutta velocità e l’ho posizionato direttamente sul mio clitoride. Mi dimenavo molto ma non riuscivo a muovermi bene perché ero tutto legato e gli ho lanciato uno sguardo pieno di odio e lui ha detto:

– Sì, il cane non sarà calmo? Aspettare!

L’ho guardato con una faccia spaventata ma eccitata, perché il vibratore era acceso e stavo quasi per venire! Si è slacciato i pantaloni, mi ha fatto girare sulla schiena (con il vibratore ancora a tutta velocità) e mi ha dato più di 20 strap-on con tutte le sue forze, finché non sono arrivato. E così è stato, ho squirtato (cosa mai accaduta prima). finché non dice:

– Bravo, puttana, sei arrivata! Ma ora è tempo che il suo proprietario torni! E ti toglierò questo straccio dalla bocca perché voglio sentirti gemere e renderlo molto dolce.

Julius mi toglie la sciarpa dalla bocca, mi mette a quattro zampe e cerca di affondare il suo membro dentro di me, ma comincio a urlare ea contorcermi.

– Cagna, ti ho detto di obbedirmi!!! Ora pescherai di più!!! – disse prendendosi la cintura e colpendomi molto forte, questa volta ancora più forte di prima e più di 50 volte. Ho provato a combattere, ma è stato inutile perché ero già sfregiato e debole, inoltre Julius era molto più grande di me e anche più forte. Fino a quando non mi sono arreso e ho lasciato che mi fottesse, ha spinto tutto il suo cazzo dentro di me senza pietà o pietà, ha spinto molto velocemente e molto forte. mentre lo pregava di smettere. Finché non mi afferrò per il collo quasi informandomi e disse:

– Puttana, voglio che tu stia zitta! Chi ti appartiene? – Non ho risposto e lui mi ha colpito forte al petto – CHI È IL TUO PROPRIETARIO??

– Sono io, il mio padrone, perdonami! – risposi completamente dominato da lui.

– Sì, cagna! La prossima volta che mi disobbedirai sarà peggio, sai? – Ho detto di sì e ho lasciato che mi fottesse.

Mi ha fottuto tanto forte quanto mi ha schiaffeggiato innumerevoli volte, finché all’improvviso si è fermato e ho sentito qualcosa all’ingresso del mio culo.

– No!!! Ju… Mio padrone di casa, no, per favore!!! Per favore, ti prego, nel mio culo no, no!!! Si rese conto che non glielo aveva mai dato prima perché era troppo stretto e disse:

– Guarda un po’, sembra che la puttana sia vergine di culo… È il momento giusto per perderlo verginità, non credi? – Disse coprendomi la bocca e spingendo tutto forte senza pietà, senza nemmeno curarsi di come mi sentivo.

– Non hai idea di quanto ti ho colpito e quanto l’ho sognato, ma non pensavo di meritarmelo. Oggi sei il mio cane!

Ha passato molto tempo a diventare molto veloce e duro nel mio culo, finché non ho sentito che stava per venire, ha rapidamente tolto il suo cazzo dal mio culo e me lo ha messo nella figa. E mi dispero e dico supplicando:

– Nerd!!! Per favore!!! Non nella mia figa, non siamo protetti!!! Per favore, ti supplico, no, no… – Finalmente viene e sento quell’enorme quantità di sperma penetrare in profondità nella mia figa. E la parte peggiore era che mi sentivo così bene, quel cazzo palpitante e lo sperma caldo che scorreva sulla mia figa… Amavo la sensazione. E sai qual è il peggiore? Mi sentivo così eccitato che mi ha umiliato così…

Quando Júlio finì di sborrare, mi colpì di nuovo le tette, le natiche e la figa. Mi ha slegato (ma ero troppo debole per avere una reazione) e mi ha fotografato mentre scopavo, in varie posizioni e mi ha anche fatto sorridere per la macchina fotografica. Si è vestito e ha detto nel modo più naturale:

– Allora, Ali, visto che tu e il tuo gruppetto di amici mi avete già fatto passare diverse volte, finirete tutto il lavoro da soli e dovrete mettere il mio nome, altrimenti devo farvi delle foto che possono essere facili spiegare. Se lo dici a qualcuno, troverò facilmente un modo per farlo di nuovo, e inoltre, chi crederà a una puttana come te, giusto? E che tu sappia che d’ora in poi mi appartieni ed è per questo che ogni volta che mi fai incazzare o vuoi divertirti, ti fotto. Siamo d’accordo? – Ho annuito con la testa e con una faccia povera – Oh, e penso che faresti meglio a comprare una pillola del giorno dopo!! Addio. – disse uscendo dalla mia stanza e ridendo a crepapelle.

Dopodiché, era imbarazzato e spaventato ogni volta che lo vedeva a scuola e questo fece sì che i ragazzi smettessero di prendersela con lui per un po’. Mi ha interpretato ancora qualche altra volta e in un modo anche peggiore, ma questa è un’altra storia. Nel tempo abbiamo perso i contatti, ma anche oggi mi emoziona ricordarlo e ho giocato diverse siririca immaginandolo anche io.

~ Baci da Alice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *