il primo tradimento

di | 8 de Dicembre, 2022

(gli eventi che verranno riportati di seguito sono avvenuti prima della pandemia di Covid19)

Ciao, mi chiamo Luciana Costa, sono un’insegnante di matematica nella rete della scuola pubblica. Sposata da 15 anni e madre di una bambina di 12 anni. Ho 36 anni, capelli biondi (tinti), lunghezza media e ricci, alto 1,70 m, fianchi larghi, culo grosso, petto medio, cosce spesse, pelle marrone e modestia a parte, attiro l’attenzione ovunque io vada – io; So di essere sexy, ma ho sempre cercato di rispettare tutti, non ho mai tradito mio marito, ma sono stata tradita da lui; Ho scoperto, ho perdonato e non ho tenuto la vendetta nel mio cuore, però, sebbene la ferita esista ancora, e sospetto che ancora mi tradisca, sono rimasta fedele, dico spesso, perché questa storia che vi racconterò … ha causato un cambiamento radicale… E irreversibile nel mio modo di vedere il sesso… E soprattutto, la qualità del sesso, ed è da questa storia, da qui il dettaglio cruciale che mi ha fatto adottare l’atteggiamento che ho adottato, anche nei confronti di mio marito, ha cambiato radicalmente il mio modo di vedere gli uomini. Cari lettori, venite a conoscere la mia storia sessuale, e non è fatta di avventure banali, plastiche e fantasiose. Tutto quello che saprai della mia intimità… È successo, in modo surreale e incredibile, ma è successo.

Un giorno di marzo 2018. Alla fine della giornata, sono uscito da scuola stressato, perché la vita di un insegnante è stressante, viviamo quotidianamente con un gruppo di studenti disinteressati, indifferenti ai loro giorni a venire, futili e irrispettosi. Alcuni sono banditi, altri frequentano banditi, quindi devo procedere con cautela e tollerare alcune cose intollerabili, ma comunque… questo è solo un assaggio della mia routine, della mia quotidianità professionale. Sono una persona a cui piace dettagliare ciò che vedo e ciò che sento, e questo darà più profondità alle mie storie, quindi… Andiamo.

Primo pomeriggio soleggiato. Stranamente, ho passato la giornata a pensare al sesso, forse se necessario, perché il mio sesso con mio marito non era più tutto questo; Mi piaceva molto, ma il fantasma del suo tradimento mi ha sempre perseguitato. Davanti ai cancelli della scuola, una signora mi si è avvicinata. Più bassa di me, bruna scura, capelli grigi lisci tirati indietro, vestita con un abito semplice, sembrava avesse 50 anni. Per non includere una conversazione banale che rovina il senso della storia, riassumo: voleva che dessi lezioni private a suo figlio Ismael, che quell’anno stava facendo ENEM. Oops, i soldi sono buoni e ho accettato subito, perché lo stipendio di un insegnante non è così alto; Non è un peccato perché ad alcuni piace dire che sto andando bene e ho ancora molto, ma l’extra è sempre il benvenuto e ho anche del tempo libero nel pomeriggio per poter insegnare senza problemi. Uniamo valori, giorni, orari e luogo (sarebbe casa sua, visto che era vicino a casa mia, nella strada secondaria).

Dopo aver informato mio marito delle lezioni private, nel giorno e all’ora previsti, sono arrivata a casa di Ismael e ho bussato alla porta. Sono stato prontamente assistito dall’uomo stesso; Ragazzo nero, 18 anni, tarchiato, poco più alto di me, snello, stesso viso biondo, orecchie medie, naso piuttosto largo, capelli tipo militare, labbra carnose e occhi penetranti, corpo definito e sembrava un bambino ben educato i suoi genitori, non aveva i tratti del ladro e in futuro potrebbe anche uscire con mia figlia. Vedendomi, mi lanciò uno sguardo divorante, perverso, come un maschio pazzo di sgozzare la sua femmina, che mi lasciò perplesso e un po’ timoroso.

-Buon pomeriggio! Sono Luciana, la tua tutor! Salutai e mi presentai.

-Ciao Professoressa Luciana! Sono Ismaele, piacere! Rispose il ragazzo, tendendomi la mano per stringermi. Un gesto cortese che ho apprezzato e ricambiato. – Puoi venire come insegnante, non esitare! Ishmael terminò, aprendomi la strada. Ho annuito ed sono entrato, e quando sono entrato ho notato che il ragazzo mi stava pulendo il corpo e non indosso abiti corti e provocanti; Ho indossato una maglietta verde scuro con un orsacchiotto e pantaloncini di jeans neri, con dettagli grigi, ma molto attillati, senza alcuna intenzione di sedurre.

-Ishmael, dov’è tua madre? Mi chiedevo, gli mancava. Il ragazzo non mi staccava gli occhi di dosso, sembrava volesse venire sul mio corpo e fottermi fino a quando non fosse soddisfatto.

– Mia madre ha lasciato la maestra, ma ha lasciato i soldi qui, e… penso che possiamo iniziare la scuola! Rispose il ragazzo, un po’ timido, ma guardandomi in modo seducente, i suoi occhi coprivano ogni centimetro quadrato ricurvo del mio corpo, mai un uomo adulto mi aveva guardato così. Ero vigile… E un po’ timoroso, così ho detto:

– Va bene, cominciamo! Mi sono seduto al tavolo accanto a Ishmael, sempre accompagnato dal suo sguardo; Mi innervosiva, perché ero sola con un ragazzo che mi guardava pervertito e so che gli adolescenti hanno un’eccitazione quasi infinita, ancora di più quando vedono una ragazza sexy come me, ma ho cercato di fare il mio lavoro con discrezione, oh, pace della mente spirito. A volte mettevo la mia coscia su quella di Ishmael mentre gli insegnavo, aveva sempre gli occhi fissi su di me, vuoi per la spiegazione vuoi per il mio corpo, mi eccitava tantissimo, nemmeno mio marito quando voleva fare sesso. mi ha guardato così

Dopo un po’ Ishmael si alzò per bere qualcosa; quando questo ragazzo si è alzato ho notato un grosso volume nei suoi pantaloncini, qualcosa di molto gonfio, e ammetto che ero spaventato e curioso allo stesso tempo (il mio più grande difetto), sarebbe stato tutto il suo pene? Questo ragazzo aveva un cazzo più grande di un adulto, compreso mio marito?

Vuole qualcosa da bere, professore? Acqua, succo, caffè? si offrì il ragazzo, lisciando velocemente quella mole enorme sopra i pantaloncini, senza staccare gli occhi dal mio corpo; Ho guardato questo pacchetto e il mio nervosismo è aumentato, perché eravamo solo in due, ma allo stesso tempo ha risvegliato in me sentimenti inspiegabili… E deliziosi. Risposi un po’ balbettando:

-S-sì, vado a prendere un bicchiere di succo, Ishmael! Volevo scappare da lì, sinceramente avevo paura che questo ragazzo avrebbe cercato di violentarmi; come poteva un ragazzo essere così sprovveduto e vizioso in quel modo, ma man mano che si avvicinava, quel grosso volume disegnato all’interno dei pantaloncini piuttosto attillati, sommato al suo aspetto vizioso, mi lasciava un po’ impotente, forse, era davvero emozione e curiosità. Ishmael si avvicinò, con quella montagna dentro i pantaloncini, e sebbene cercassi di far finta che non stesse succedendo nulla, non potei fare a meno di guardare quello che sembrava essere il suo cazzo, e sentire uno strano calore attraverso il mio corpo, il calore. di lussuria… ma… ero sposato, non ho mai tradito… e non ho mai voluto tradire…

Il giovane mi ha dato il succo, l’ho bevuto lentamente mentre lui mi guardava seducente e io lo guardavo negli occhi e davanti a questo volume Ishmael lo nascondeva, ma non sembrava impacciato mostrando la sua emozione. Rotolò su un fianco e il rigonfiamento abissale di ciò che era incredibilmente indicativo dei suoi genitali divenne più evidente. Preso dalla curiosità e dall’incredulità, ho fatto l’innocente e ho chiesto, perché stavo già annegando:

– Ragazzo, cosa hai in questi pantaloncini? Sei armato per caso? Ishmael ha risposto ridendo nel modo più cinico e picaresco possibile, appianando piano piano quel grosso pacco e inventandosi una giustificazione molto superficiale, ma lasciandomi allibito dalla risposta:

-Ah maestra, non sono armato, è il mio cazzo, non indosso mutande perché non credo sia della taglia giusta. La risposta mi ha colpito molto, non so spiegare perché, ma ha acceso la mia libido, il ragazzo ha iniziato a tirarsi giù i pantaloncini, ha aperto il velcro, i miei occhi si sono spalancati, sono rimasto senza parole, ma un rumore al porta e ancora la sua apertura, seguita dall’ingresso di una persona ha rovinato l’atmosfera – o in quel momento, mi ha salvato dal perdere la testa, facendo correre il giovane e sedersi subito accanto a me, visibilmente spaventato e senza fiato.. . Come me. Ho sentito dei passi trascinare una scarpa, e ho riordinato i miei pensieri, era la madre di Ismael, che è venuta e ha sorriso gentilmente quando mi ha visto lì.

-Ciao Professoressa Luciana! Com’è la classe? Ismaele impara? Salutò e interrogò la madre del ragazzo, cordiale e raggiante. Riuscii a calmarmi e risposi:

-Sì, sta bene, lui… lavora sodo e accetta spiegazioni in fretta! La signora acconsentì.

-Che meraviglia, è un bravo studente; Grazie al cielo non ha mai fallito o era in fase di recupero, ma è sempre stato stupido in matematica! disse la donna, prendendo in giro il figlio.

-Non c’è un idiota, ma qualcuno che impara con difficoltà! L’ho detto scherzando, e lei ha riso di cuore, così Ishmael, per adattarsi, ha commentato:

-Voglio essere un avvocato! Penso che sia fantastico e faccia un sacco di soldi! sedersi sorridendo

Dopo la lezione privata, sono tornata a casa cercando di rimettermi in sesto, profondamente scossa da questa situazione che per un soffio ha evitato di trasformarsi in un bizzarro adulterio. il bambino era ossessionato da me e mostrandomi il suo pene, e io, per qualsiasi motivo, probabilmente mi sarei arreso, ma ciò che mi ha lasciato totalmente scioccato e incredulo è stata la possibilità di tutto ciò sotto i suoi pantaloncini … Essere davvero la sua ragazza. . Era alto e sollevava il tessuto in modo impressionante…

Non riuscivo quasi a dormire a causa di questo evento, quindi sorprendentemente ho avuto un’erezione assurda e sono andata a letto con mio marito, ma pensando a queste dimensioni del cazzo del mio studente, anche senza vederlo. La mia mente si rifiutava semplicemente di credere che un marmocchio come quello potesse avere un cazzo così grande, molto più grosso di mio marito…

Concordai con la madre di Ismael che il suo sostegno sarebbe stato tre volte alla settimana, così il giorno dopo la pausa prevista, un venerdì, andai a fare lezione nella mia classe, indossando quasi gli stessi vestiti, cambiando solo la maglietta, che copriva di più la mia grossa culo Giuro che non ho pensato a colpi bassi, ma quando Ishmael mi ha rivisto, il mio corpo è crollato, mi ha fissato, ma mi ha accolto educatamente e gentilmente.

Quel giorno sua madre era a casa, e ovviamente era timido, ma di tanto in tanto notavo che il ragazzo eccitato mi guardava eccitato e vedevo il suo assurdo entusiasmo gonfiare i suoi pantaloncini. Si muoveva silenziosamente, e ad un certo punto ho perso il conto quando ho notato come questa possibile crescita del pene fosse visibile sotto il tessuto. Non potevo ignorarlo, davvero non potevo…

“La prossima volta che vieni, la mamma non sarà a casa, quindi ti mostrerò il mio pene!” disse Ishmael, sussurrando vicino a me. Il bastardo si era reso conto della mia follia.

– Sei pazzo? Rispettami! Ho risposto, nello stesso sussurro, veramente indignato per tali oltraggiose molestie, ma era per legittima difesa, in base ai miei valori morali. Non ho mai ceduto al flirt… Soprattutto… Per quanto sia troia…

– Uh… Volevi vedere quel giorno! Ishmael ribatté, sussurrando di nuovo.

-Non volevo vedere niente bambino; e lascia perdere, o mio marito verrà qui e ti picchierà! sbottai, guardandolo serio, di nuovo sulla difensiva, ma dentro…

– Uno spuntino per te, professore! La madre di Ishmael disse, e “sorrise”…

Lunedi.

Dopo un fine settimana teso, e pieno di ansia, perché anche a malincuore l’immagine di questo tendone da circo allestito, la cui incredulità per la sua reale possibilità non faceva che aumentare la mia curiosità, sono andato ad adempiere al mio “contratto” di tutor, anche a rischio di più bullismo. Il ragazzo ha detto che sarebbe stato solo, ed è stato allora che il mio intero essere si è congelato. Ho pensato di annullare la lezione, ma la madre di Ismael mi aveva chiamato per confermarlo; ed io, avendo effettivamente potuto annullare l’incontro inventando una scusa… ho ratificato l’impegno. Durante il mio turno a scuola, la mia mente mi ha giocato uno scherzo: ha ripetuto in un loop infinito il ricordo del giorno in cui ho scoperto il tradimento di mio marito, avvenuto qualche tempo fa. Ho provato molto risentimento… E una terribile sete di vendetta…

-Ciao Maestro! Fra! disse Ishmael quando mi vide. Indossava una maglietta grigia con uno strano personaggio stampato sopra e pantaloncini larghi e di media lunghezza che mostravano il suo cazzo anche a riposo, e non era piccolo. Indossava un vestito a fiori, con maniche corte e svasate, che le arrivavano quasi alle ginocchia. Non volevo entrare in abiti attillati, per non dare un indizio, ma mi ha guardato lo stesso.

“S-tua madre… è lei?” chiesi, sperando (mentendo) che sarebbe tornata a casa.

– Nessun insegnante, se n’è andato! rispose il ragazzo, un po’ imbarazzato, ma questo mi secca…

Iniziamo la lezione. Io, seduto a gambe incrociate e mostrando la coscia, ho inavvertitamente fatto perdere la concentrazione al ragazzo, e mi sono accorto che il suo petto stava per esplodere sotto i pantaloncini. Sembrava davvero una tenda, e mi sono fermato a guardare, stordito e sentendo il mio cuore battere forte. Se ne accorse e spostò il volume, io sentii un brivido, e piena di curiosità chiesi:

– Ragazzo… Quella tenda eretta laggiù… è davvero il tuo cazzo? È così grande? La risposta non è arrivata con un sì o un no, è stato con Ismael che si è alzato per capriccio e si è tolto i pantaloncini…

I miei occhi non credono. Non credevano alla situazione, non credevano a quello che stavo chiedendo, non credevano a quello che stava facendo il giovane, e non credevano di aver visto un fallo cerato di 21 centimetri (l’ho misurato dopo ), ricurvo verso il basso, con una vena sporgente uscente dalla base laterale sinistra e curvata al centro, con un prepuzio che copriva parzialmente un glande rosa e alquanto lungo, proporzionato al resto, che era grosso e con palle medie, a differenza di questo ragazzo magro.

-Hai mai visto un insegnante di queste dimensioni? Non hai visto niente, hai la faccia più spaventosa di sempre! Ishmael chiese e commentò vedendo la mia reazione stupefatta. Il ragazzo ha massaggiato questo grosso membro enorme. Il cazzo di mio marito era un bastone accanto a questo clamore, quindi ho risposto cercando di mantenere il mio equilibrio e prendere il controllo della situazione e della mia vita:

-Salva il ragazzo, sei pazzo? Sono sposato, devi rispettarmi! Ishmael sembrava non ascoltare e si è avvicinato a me accarezzando quel cazzo enorme.

-Uh, ma la signora ha chiesto se era il mio cazzo, e gliel’ho mostrato! Ishmael fece un passo indietro, dandomi un controllo della realtà. Sì, sono stata io, ho iniziato tutto io, ma poteva anche finire, semplicemente rifiutando e offendendomi, minacciandolo con mio marito… Ma no, il tremito nella mia figa mi ha risuonato dentro, una voce che mi ha suggerito che sono cominciando a riscoprire la mia sessualità… ea far sentire a mio marito nella sua pelle… com’era essere traditi.

Inazione, stordito, non pensando chiaramente, spaventato ed eccitato allo stesso tempo. Un’insalata di sensazioni. Il lato cattivo che pensavo non esistesse in me è entrato in travaglio, il ragazzo non si è vergognato, ha mostrato quel cazzo come se fossimo intimi, come se sapesse che in fondo lo volevo, quindi mi ha dato il coraggio che necessario. …

– Portalo via! Ishmael ha detto, prendendo la mia mano e avvicinandola a questo palo d’asino, non so perché, ho obbedito senza esitazione e automaticamente ho cominciato a massaggiargli dolcemente il cazzo, stringendolo lentamente e osservando come la mia mano viaggiava su tutto questo palo; i miei ex fidanzati (solo due, ho sposato il terzo) non avevano il pene più lungo nemmeno del 50%, anche le pornostar dubitavano che pensassi fossero cose. Non ho potuto fare a meno di guardare come si accarezzava leggermente il cazzo, Ismael mi accarezzava i capelli con una mano e mi toccava il petto con l’altra, e vedendo che ero totalmente passivo – e ricettivo a tutto, il ragazzo mi diede un bacio, cosa che non ho negato. , Ho lasciato rotolare quel giovane cazzo vigoroso, poi ho iniziato a masturbare quei 21 cm di carne dura più forte.

-Mio Dio… Che cazzo grosso… è vero! commentai, ancora stordito. Ishmael sorrise e cominciò a stringermi la mano, poi chiese, in tono autoritario:

-Succhia maestra, voglio sentire quella bocca calda sul mio cazzo, succhiamelo tutto! Mi sono accovacciato senza staccare la mano e gli occhi da quel cazzo, come se fossi ipnotizzato da quel grosso cazzo, e la cosa cattiva dentro di me è venuta al mondo, quindi ho iniziato a succhiare quel cazzo, un po’ nervoso, non molto bene, ma con volevo, leccando lentamente dalla base alla testa, poi mordendo e succhiando lentamente, Ishmael mi ha messo il suo cazzo in bocca, come se fosse una figa, ho cercato di accogliere tutto questo, ma è stato difficile, non ci riesco Non la penso così. Non riuscivo nemmeno a mettere metà di quel cazzo, mi sono quasi soffocato, ma era delizioso, qualcosa di indescrivibile, ho cercato invano di ingoiare quel cazzo e sono soffocato, e con la mia figa inzuppata di lussuria, mi sono alzato, mi sono tirato su il vestito , mi ha tirato giù le mutandine e ha ordinato:

– Ora sei tu a succhiare questa figa, dai, voglio sentire questa lingua! Ismael obbedì e sorridendo, iniziò a succhiarmi la figa con incredibile abilità, succhiò deliziosamente finché non venni. Ishmael si alzò accarezzando quel grosso cazzo e disse:

-Ti scoperò molto gustoso insegnante, ora ti sentirai un vero cazzone! Ero spaventato in quel momento, una cosa era succhiare un grosso cazzo, un’altra era sentirlo.

L’arrapato ha vinto la paura, la modestia ei miei valori, quindi mi sono messo a quattro zampe sulla sedia e ho detto a Ismael di indossarla con cura. Il ragazzo lo stava mettendo lentamente, ho sentito la mia piccola figa essere allungata da quel cazzo enorme, ho sentito le mie gambe tremare, stavo gemendo bene e il ragazzo stava aumentando le pompe, spingendomi forte, ma quando si è lasciato trasportare e ha deciso più forte, fa molto male, un po’. un po’, anzi, faceva molto male… vedevo le stelle, e ovviamente protestavo:

-IL! Calmati amico, il tuo pene è troppo grande! Andare lentamente!

– Mi dispiace, professore, ma… è solo che… Lei è molto sexy! Era giustificato.

-Lo so, ma calmati! risposi e gemetti maliziosamente. Ishmael mi obbedì e cominciò a pompare dolcemente, senza mettersi tutto addosso. Le cose stavano migliorando, che sensazione meravigliosa, un cazzo enorme e grosso mi ha riempito, Mi abbandonai al piacere e mi deliziai sempre di più con questo giovane cazzo. Dopo circa 30 minuti di scopate, e ragionevolmente adeguate per il suo calibro, Ishmael ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa leggermente calda ma arrapata e ha iniziato a scivolare ea infilare il suo mignolo nel mio culo. Poi la protesta è stata più grande…

-Whoa… Oh no, ragazzino! Non nel culo, nella figa è stato difficile da prendere, questo grosso cazzo nel mio culo mi ucciderà! È davvero grande e spesso!

– Ah maestra, con un culo così e non poter scopare è uno scherzo, se il più bravo di te è quel culo, prometto che me la prendo con calma! Il giovane ha rifiutato, cercando di convincermi, lisciandomi e accarezzandomi il sedere. In fondo volevo, volevo sentire quel cazzone enorme nel culo, ero curiosa di riuscire a maneggiare quell’attaccapanni che mi strappava le pieghe, ma la paura era più grande, mi irrigidii, così risposi, irriducibile:

-Ho detto no! Sono già abbastanza sciocca da tradire mio marito e dare la mia fica a un marmocchio come te, quindi goditela prima che me ne penti. Dai, continua a mettermelo nella figa! È troppo presto per volermi leccare il culo con un cazzo così grosso!

-No, non pentirtene, va bene, va bene! disse Ishmael, un po’ disperato, e dovetti trattenere una risata. -Uh… Andiamo lì sul divano? Potrebbe essere? È più comodo! Pronto Ishmael, proponimi la proposta, e stare davvero a quattro zampe su questa sedia mi faceva male alle gambe, perché non c’era rivestimento, era di puro legno, quindi ce ne siamo andati.

Mi sono tolto il vestito e mi sono sdraiato sul suo grande divano, per essere penetrato nella classica posizione “mamma e papà”, Ismael ha infilato il suo grosso rotolo nella mia figa lussuriosa e ha continuato a fottermi con moderazione, disposto a farmi piacere comunque, e no Il ragazzo non se n’è andato? Stava bene e ondeggiava deliziosamente, e non mi ci è voluto molto per sentire tutti i suoi assurdi 21 centimetri piegarmi, rubando gemiti che confessavano il mio desiderio e piacere per questo sesso senza precedenti nella mia vita: sesso con un uomo dotato. Mi tremavano le gambe e stavo cercando di contenere lo squilibrio respiratorio di questo membro in crescita che mi stava fottendo.

– Questo ragazzo… Soca yum, fottimi bastardo! dissi, delirante mentre versava il suo sudore sul mio corpo altrettanto sudato, stabilendosi in un ritmo delizioso.

Onestamente non mi riconoscevo, e potrebbe sembrare una giustificazione debole, ma non potevo credere a quello che stavo facendo, e non potevo credere che fosse così caldo, faceva caldo.

Dopo un po’ ho fatto sedere il maschietto sul divano e l’ho montato, ho inserito il pirocono marrone nella mia vagina e mi sono seduto, ancora cauto e timoroso di farmi male al petto e all’utero per tutta quella lunghezza. Riuscivo anche a controllarlo, ed è quello che ho fatto, ho rotolato lentamente, sentendo aumentare i tremori vaginali, Ishmael mi ha tenuto e aperto le natiche e ha seguito i miei movimenti, dimostrando di saper entrare nonostante la sua giovane età.

Mi sono seduto più in profondità, ho rotolato selvaggiamente e il ragazzo ha continuato a pompare forte, conoscendo il momento giusto per costruire. Sono rimbalzato gemendo e mi è venuta la pelle d’oca, poi mi è venuta una strana mancanza di respiro, un brivido, e poi la mia figa ha tremato come non si era mai agitata prima, ero spaventata e non ho potuto trattenere un urlo… L’urlo dell’orgasmo . Un ragazzo di 18 anni mi ha fatto venire. Ed è stato un piacere delizioso, intenso e diverso, come non avevo mai provato in vita mia; qualcosa di terrificante e delizioso, una sensazione… che mio marito… in dieci anni e mezzo con me… non si è nemmeno avvicinato a provocarmi. Tremavo in tutto il corpo mentre saltavo su quel giovane cazzo, gemendo selvaggiamente, e lui continuava a martellare, respirando affannosamente, finché lentamente mi fermai, sudato, ansimante… e confuso da quello che avevo appena fatto…

– Lasciami… ti vengo in bocca, professore! chiese Ishmael, e i miei occhi si spalancarono.

-Com’è? In bocca? Oh che schifo! Dimenticare! Ho parlato, sempre guidato dall’istinto di autodifesa morale, poi ho pensato, e ho visto che non era una cattiva idea, ma non aveva già detto…

-Nel culo, può essere nel culo? chiese il giovane.

-No, lo voglio sul mio seno! Ho risposto. Era più facile e veloce da pulire, pensai. Lui ha acconsetito.

Il cameriere ha agitato bene il suo panino, l’ha agitato come se stesse preparando lo champagne e mi è venuto abbondantemente sul petto. Mi è piaciuto più di mio marito. Era una specie di sperma denso, e un po’ mi colpì il mento, vicino alla bocca, quindi ne bevvi un po’ e aveva un sapore strano, ma incredibilmente buono e per niente disgustoso. Puttana sana e giovane.

-Merda… Che insegnante adorabile! La signora è troppo calda! disse Ishmael, estasiato.

-Svelto, devo pulire, pianificare qualcosa! Ho parlato, sentendo già che il mio essere si normalizzava, e sono scivolati lampi di shock e possibile rimpianto. Cosa ho fatto?

Ishmael ha portato un asciugamano per il viso e io ho asciugato tutto quello sperma, che è colato giù ed è quasi finito nella mia figa. Non ero sul controllo delle nascite; Certo, avevo solo mio marito come partner, ma questo sesso, questo tradimento ha cambiato tutto, tutto…

-Non vuole fare la doccia, professore? suggerì Ismaele.

– Che bagno, me ne vado! A casa faccio il bagno! risposi, un po’ aspramente. Ero stordito e ho indossato velocemente il vestito, agitato, confuso, tremante per quello che avevo appena fatto. Il disorientamento nel mio giudizio era così evidente che mi sono messo le mutandine al contrario (me ne sono accorto dopo). Avevo appena tradito mio marito… e gli stavo scrivendo.

-D-Non ti piaceva l’insegnante? chiese Ishmael, anche lui confuso. Pover’uomo, mi è dispiaciuto per lui.

– Parliamo più tardi, arrivederci! Ho risposto, e sono uscito di casa, in fretta, senza fiato, con sentimenti contrastanti, dal senso di colpa… alla gioia… FINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *